qui giace OneMoreBlog2.31
«I'm a picker, I'm a grinner, I'm a lover and I'm a sinner, play my music in the sun» (Steve Miller)
Oriana Fallaci
Premio Calderoli “… gli immigrati islamici urinano sui loro monumenti o smerdano i sagrati delle loro chiese…”. La denuncia che ha portato al sequestro del mein kampf fallaciano è online su Haramlink.
27.04.04 14:09 - sezione premio Calderoli
il 03 Maggio 2004 (quando OMB accettava i commenti)
sgt.Andy ha scritto:

Ci piacerebbe alla signora fallaccci farsi smerdare tutta e pisciare addosso da un islamico,anche se è in menopausa.Guarda un po'che scherzi fa l'invidia, ehehehehehehe....vecchia troia di una oriana

il 27 Maggio 2004 (quando OMB accettava i commenti)
ccc ha scritto:

Grande Oriana. I maiali islamici fuori dall'Europa. Wake up occidente!
Non facciamoci invadere da chi tratta le donne peggio degli animali, che ammazza le donne stuprate perché disonorate, da chi ci considera dei "cani infedeli" e butta nel cesso ogni forma di libertà individuale, che alla morte dei propri figli kamikaze esulta nel nome di allah.

il 27 Maggio 2004 (quando OMB accettava i commenti)
alberto ha scritto:

Questo "ccc" qui sopra (oh, ma ce ne fosse uno di questi incivili che scrive il suo nome) vuole anche lui il Premio Calderoli. Ma devi mangiarne di pastasciutta, dilettante!

:-)

il 01 Giugno 2004 (quando OMB accettava i commenti)
VitoBarese ha scritto:

Perchè crocifiggete la Fallaci? non vi rendete conto di quanto sia stato strumentalizzato il suo libro? di come sono sempre strumentalizzati i suoi libri? strumentalizzati e inondati del solito coro razzista razzista...
non credo che lei abbia detto cose per cui debba essere definita una pazza, e non credo nemmeno che abbia fatto delle scoperte sensazionali...
ha sostanzialmente detto delle verità che nessuno può negare, non è forse vero che una parte dei mussulmani che sono in Italia seguono più la loro religione che la legge italiana? basti vedere l'esempio eclatante del velo sulla foto del documento. non è forse ridicolo che sia stata fatta una bolla che in barba alla legge italiana,permetta ai mussulmani di fare la foto col velo? velo che poi copre parte del volto...
a cosa serve una carta di identità se non permette di riconoscere una persona?
questo è un esempio banale ma ce ne sarebbero molti altri...
il libro della fallaci non chiede agli italiani di espellere tutti i mussulmani dall'Italia, ma gli chiede di mantenere le proprie tradizioni, la propria cultura.
chiede agli italiani, all'occidente, di ospitare, perchè no, gli stranieri, purchè gli stranieri si adattino a noi, non il contrario.
se io vado a cena a casa di un amico, vedrò di adattarmi alle sue tradizioni e ai suoi orari, non pretenderò certo di imporgli i miei.
oriana denuncia invece il fatto che molti personaggi dello scacchiere occidentale moderno, si siano piegati alle troppe richieste fatte da alcuni gruppi islamici, dimenticando che alcune di esse discordano col benessere della maggioranza.
Io personalmente sono favorevole all'immigrazione, regolare, e sono favorevole nell'accogliere a braccia aperte chiunque viene nel nostro paese ospitandolo nel migliore dei modi, buddista, mussulmano, ebreo o ortodosso che sia. anche se nei loro paesi non sono ospitato a braccia aperte.
questo è il bello della democrazia.
ma non dimentichiamo che la democrazia vuol dire fare le leggi per il benessere di tutti, e se non è possibile, farle per il benessere della maggioranza.
altra strumentalizzazione fatta sulla fallaci è quella sulla guerra in iraq.
molti ne parlano come se fosse una guerrafondaia.
allora farebbero bene a non limitarsi a leggere solo i suoi due ultimi libri, forse si accorgerebbe come lei ha sempre ripudiato la guerra, pur definendola talvolta parte della vita (e forse non è così?).
della guerra in iraq ne ha parlato con disapprovazione chiedendosi se vale veramente la pena di portare la democrazia a uno stato che di democrazia non ne vuole sapere?
tuttavia ognuno ha voluto interpretarla a modo suo, vedendo, anzi leggendo solo quello che ha voluto, e parlandone poi in base al proprio schieramento politico.

VitoBarese

il 06 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
VALENTINA ha scritto:

ORIANA è STATA GRANDE NELLO SCRIVERE CIò CHE TUTTI PENSIAMO MA CHE NESUNO HA IL CORAGGIO DI AMMETTERE!! E GRANDE è ANCHE IL SUO LIBRO LA FORZA DELLA RAGIONE COME CREDO SIA L'ULTIMISSIMO LIBRO USCITO PROPRIO OGGI ORAIANA FALLACI INTERVISTA ORIANA FALLACI!!

il 06 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
alberto ha scritto:

Ma com'è che quelli "di là" SPESSO GRIDANO?

il 06 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Miky ha scritto:

Oriana Fallaci intervista Oriana Fallaci: Un capolavoro!Lo sputtanamento di tutte le ipocrisie del nostro mondo. Cose che tutti pensano ma che nessuno ha il coraggio di dire!

il 15 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
GOFFREDO DI BUGLIONE ha scritto:

CONTRO IL FONDAMENTALISMO,CONTRO L INVASIONE MUSULMANA.
ABBIAMO GIA SALVATO LA PATRIA UNA VOLTA ERAVAMO IN TRINCEA.
VINCEREMO ANCHE QUESTA BATTAGLIA -

il 15 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
alberto ha scritto:

Un altro coraggiosissimo che si firma "JHGJKGKJ@KJHKJ.JH". Se sono questi qyuelli che "vinceranno" possiamo dormire sonni tranquilli :-)

il 16 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
MaxL ha scritto:

Eeehh, il mondo è veramente ingiusto. Muore Terzani e la Fallaci è ancora li'....

il 16 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
MaxL ha scritto:

E ancora: perchè queste prodi e valorose TdC non prendono, partono e ci fanno vedere quanto sono bravi?

il 27 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
guendalina ha scritto:

Oggi hanno barbaramente ucciso Enzo Baldoni,i fatti parlano da soli,sono veramente scossa,quanta gente deve morire ancora ,prima che i nostri politici si sveglino?

il 27 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro ha scritto:

Viva Oriana Fallaci! Li avete letti voi i suoi libri? Lo sapete veramente che cosa c'è scritto o sapete solo fare commenti che dimostrano immaturità e stupidità come quelli alla Fuck You Fallaci... NO no la Fallaci ha detto cose intelligenti e sopratutto evidenti... non prendiamoci in giro: l'Islam è una teocrazia assoluta che prevede nei suoi dogmi la distruzione dell'Infedele. Da questo deriva chiaramente che l'islam prevede la nostra morte. Non c'è niente altro da dire. E poi la Fallaci non vuole distruggere l'Islam, pur sottolineando che esso sottopone migliaia di persone a terribili ingiustizie e violenze, ma semplicemente vuole salvare la nostra cultura dalla distruzione. Si oppone a chi vuole trasformare l'Italia in uno stato islamico. Al posto di fare i comunistelli finti pacifisti perchè va di moda o i fascistoni fanatici, impariamo ad amare ciò che fa di noi degli italiani, impariamo ad amare i classici,la storia, la nostra letteratura, il nostro inno, la nostra bandiera, ma sopratutto i tre ideali fondamentali che fanno di noi una societò che si possa dire civile: Librtà, Ugualianza, Amore per il prossimo.
E allora gli altri vedendoci così forti nella nostra cultura non tenteranno nemmeno di prevaricarci. Forse. La morte di Baldoni insinua in me il dubbio. E se il loro odio fosse così fanatico da riuscire a travolgerci comunque? Non credo. Facciamoci forti dell'esempio di Baldoni e andiamo avanti. Con la bandiera in mano.

il 27 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Arrigo ha scritto:

Ma è così terribilmente difficile scindere l' Islam inteso come religione e le teocrazie e/o fondamentalismi vari?

È un po' come andare in giro a dire che le più bieche sette fondamentaliste cattoliche e l' Italia sono la stessa cosa perchè la maggioranza degli italiani è di religione Cattolica.

il 28 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro ha scritto:

Le differenza fondamentali tra Bibbia e Corano, Arrigo, sono proprio incentrate su questo: prima di tutto la Bibbia non prevede la violenza nei confronti degli infedeli, ma esclusivamente incoraggia a cercare di convertire, l'Islam invece invita espressamente a distruggere chi non si converte. Il secondo è la risposta all'obiezione che probabilmente tu farai: anche il cristianesimo in determinati momenti della sua storia è diventato violento, ma poi si è civilizzato. E' vero, ma fortunatamente noi grazie alla filosofia siamo riusciti a superare questo momento, sopratutto perchè la Bibbia permette di essere discussa e condanna con forza la violenza. Il Corano invece non permette di essere discusso, nemmeno tradotto. Se l'Islam diventasse meno brutale, dovrebbe modificare il suo stesso testo sacro, cosa impossibile. E d'altr'onde è abbastanza evidente che gli islamici italiani non hanno molto interesse alla convivenza pacifica: minareti che nascono ovunque e spesso prevaricano le nostre chiese, ambigui personaggi come Adel Smith che in nome della laicità dello stato mi fanno togliere il crocifisso, ma poi desidererebbero che l'Italia diventasse islamica, cioè teocratica, sono chiari esempi. La storia del crocifisso è stata esemplare: io credo nella pluralità religiosa e per me il suddeto Smith avrebbe potuto tranquillamente porre il suo simbolo religioso sul muro affianco al mio, così che ognuno possa pregare il proprio dio. Purtroppo però il Corano dice che bisogna contrastare gli infedeli e quindi niente pluralità religiosa. Così viene tolto il crocifisso. Il tutto il barba alla Libertà di Religione.

il 28 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
alberto ha scritto:

Alessandro, mi pare che le tue osservazioni sulla religione islamica siano tratte da una conferenza di Calderoli. Prima di sparare simili sciocchezze, leggiti qualche cosa di sano. Per esempio Ben jelloun (http://www.taharbenjelloun.org/) ha scritto parecchie cose "entry level" per chi ha davvero voglia di comprendere (es: Il razzismo spiegato ai miei figli, L'islam spiegato ai bambini, eccetera).
Quanto al crocifisso, sono il più distante al mondo da islam, cattolicesimo e "dii" in generale, per me sono tutte comode panzane. Ma quel simbolo macabro appeso al muro, con tutto il rispetto per l'uomo Gesù, mi dà non poco fastidio.

il 28 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Arrigo ha scritto:

Ah, ecco, mi mancava la Bibbia pacifica. Ma è proprio questo il punto. La Bibbia potrà essere tanto pacifica eppure ci sono state le Crociate, non una sola, svariate. Si è ucciso spesso con la scusa della Bibbia nella Storia (quella con la maiuscola, non quella di Calderoli) ben oltre le Crociate.

Tutto ciò non fa altro che dimostrare che si può benissimo diventare folli fanatici partendo da un libro che non impone di ammazzare il prossimo.

Gli imbecilli sanno leggere quello che più comodo a loro fa in qualsiasi libro, anche "Peter and Jane", level 1, book 1, ed. Ladybird (vocabolario totale di parole 8: Peter, Jane, Pat, dog, this, is, the, and). Vuoi mettere un bel "Fronte per la Liberazione di `Pat, the dog'"?

Nel frattempo mi associo ad Alberto, una bella lettura di Ben Jelloun non ha mai fatto male a nessuno e lui di violenze islamiche ne ha sia patite sia condannate molte.

il 29 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro ha scritto:

Vado volentieri a leggere quelle pagine a cui vi riferite... mi sembre giusto.... ribadisco la Bibbia è pacifica, è stata utilizzata da persone in cerca di potere nei secoli passati, me Cristianesimo non vuol dire guerra all'Infedele... e poi tutti tirano sempre sulla storia delle Crociate me come la Fallaci fa notare non sono state altro che guerre per riprendersi quei territori che i musulmani avevano conquistato durante la grande espansione islamica, non è che sono andati a rompere le scatole a caa degli altri, si cercava di riprendersi il territorio perduto! Nel frattempo mi informo...sul fatto che ti dia fastidio il crocifisso sei tu che vai contro la libertà di reigione in questo caso, quello in fallo sei tu.
A risentirci....

il 29 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro ha scritto:

Mi sono fatto il giretto nel sito, ma non diceva molto... appena ho tempo cerco i libri... nel frattempo andatevi a leggere questa pagina http://debate.org.uk/gesu-corano/argomenti/donna1.htm su come sono considerate le donne in Islam; nello stesso sito sono reperibili informazioni sulla cosa pensano i musulmani degli infedeli...

il 30 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
mario ha scritto:

Alessandro, anche la Bibbia ha delle pagine contro la donna
"Infatti non l'uomo deriva dalla donna, ma la donna dall'uomo, ne' l'uomo fu creato per la donna, ma la dona per l'uomo" (Cor 11,8-9) in linea di massima basta aprire a caso S.Paolo; anche il libro dei Proverbi contiene qualche chicca come "Donna irrequieta e' follia, una sciocca che non sa nulla" oppure 30,21-23 anche 31,10-sgg.
Anche la Bibbia non accetta di essere "discussa"
anzi, ai tempi di mia nonna il popolo non poteva nemmeno leggerla!
La prescrizione di lapidare le adultere e' nella Bibbia!

Il problema non e' questo, e' che per cambiare, per non litigare bisogna dialogare, bisogna partire dalla tolleranza, dall'incontro, dal non- odio, per questo credo che la fallaci sia una creatura delle tenebre, perche' semina odio, paura, risentimento.
Ciao.
Un credente.

il 30 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro ha scritto:

Attenzione: queste cose che tu dici provengono dalla Bibbia, ma sono MODIFICATE dal Vangelo e i cristiani accettatono queste modifiche. Infatti Gesù , episodio ben noto, si oopone alla lapidazione e sottolinea che la durezza delle leggi di Mosè sono state date per la durezza dei loro cuori. S ul fatto di noon permettere di essere discussa non è assolutamente vero, la religione cattolica pone com suo fondamento la discussione delle Scritture dando origine alla teologia. La religione protestante invece prevede di l'accettazione completa delle Scritture senza interpretazione. Il fatto del tempo di tua nonna non è certo per colpa della Bibbia bensì per l'ignoranza della tua parente che non era in grado di leggerla e la stupidità del Clero che si faceva forte della propria cultura. Ma di certo non si può dire che perchè tua nonna non sapeva leggere la Bibbia allora la Bibbia prevede di non poter essere discussa. per quanto riguarda S.Paolo non ho mai trovato passi eccessivamente m maschilisti. Aspetto i vostri pareri...

il 30 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro ha scritto:

Rileggendo il mio ultimo post voglio fare 2 precisazioni:
1) Scusate per i mille erreri di battitura ma ero di fretta e non ho fatto molta attenzione
2) Quando mi riferisco all'ignoranza di tua nonna non voglio per nulla essere offensivo ( anche perchè tu non dicevi che tua nonna non sapeva leggere dicevi che il popolo non sapeva leggere...), ma semplicemente voglio dire che il fatto che il popolo non sapesse leggere la Bibbia non vuol dire che questa non debba essere discussa.
Precisazione chiusa. Spero di non aver offeso nessuno.

il 31 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
mario ha scritto:

visto che siamo in tema di precisazioni..
poi la smetto altrimenti diventa un dialogo a 2
ai tempi di mia nonna non era consentito ai fedeli leggere autonomamente le Scritture, mia nonna sapeva leggere (e appena ha potuto si e' letta TUTTA la Bibbia) ma non poteva consultarla perche' la chiesa non lo consentiva.
per q.to riguarda Vecchio e Nuovo Testamento, leggendo Paolo alla lettera dovrei farmi ateo, come dici tu, l'importante e' saper essere critici
e, credimi c'e' una grossa fetta di islam che vuole proprio farlo, basta non prenderli subito a cannonate

ciao
ps tranqui nn mi sono offeso

il 31 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro ha scritto:

Va bè, accetto il tuo parere e non sto a continuare con le mie argomentazioni...Ne converrai soltanto che la pratica di non far leggere a Bibbia è un'invenzione del clero e non è scritto da nessuna parte... Grazie della chiacchierata.

il 31 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
erika ha scritto:

Il problema secondo me non sta nel fatto di cosa sia meglio, se la Bibbia od il Corano, ma piuttosto nell'intelligenza di riuscire a scindere il credo con la coscienza. Mi spiego: il Corano giustifica le nefandezze della violenza, quindi un musulmano quando uccide lo fa in nome di allah, e mai si pentirebbe x il reato commesso semplicemente xkè sa che la sua religione, e quindi legge, glielo consente. A casa loro facciano come vogliano. Ma in Italia vi è qualcosa di più importante che un credo: la Legge. E questa deve essere rispettata da Tutti, bianchi, rossi, verdi che siano.
A me personalmente il libro della Fallaci è piaciuto, certo mi riservo di documentarmi ulteriormente leggendo libri della fazione opposta: non si può usare il pensiero degli altri, bisogna crearselo.
Ultima cosa che voglio dire ad alcuni maleducati che sono solo capaci di offendere senza argomentazioni: parlate di razzismo e intolleranza, ma i primi siete voi. E non si parla di intolleranza di colore, ma peggio, nell'intolleranza di pensiero.

il 31 Agosto 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro ha scritto:

Mi associo perfettamente al pensiero di Erika. Credo che completi quello che ho sostenuto nei giorni scorsi dando un senso a tutto! In effetti in questo modo si accetta l'Islam nella versione sottoposta alla Legge. Non vorrei solo che la Legge (religiosa) si opponesse alla Legge (costituzionale). Riconosco inoltre che nel suo ultimo commento sull'intolleranza di pensiero ci sia grande intelligenza. E non lo dico perchè la penso anche io così! Vi ringrazio a tutti per la piacevole conversazione, domani parto per una settimana, e spero di ritrovarvi ala mio ritorno per continuare a discutere. Se non rispondo è perchè non posso! Ho comunque aperto un blog nuovo in cui discutere un po' di tutto; lo ho creato perchè ho notato che nei blog in cui discuto in questo giorni stavo sforando dagli argomentime quindi mi sono trovato uno spazio in cui discutere di tutto(www.ilpensatore.blog.tiscali.it). Ciao ciao a tutti

il 09 Settembre 2004 (quando OMB accettava i commenti)
petra ha scritto:

riguardo al commento di Alessandro:
"è vero che il cristianesimo è stato violento... ma noi (noi chi?)... grazie alla filosofia ci siamo evoluti" ...dice più o meno così. Caro Alessandro, secondo te, la Filosofia cos'è e da dove ci è arrivata?

il 09 Settembre 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro ha scritto:

La Filosofia è l'arte del ragionare del pensare, Essa ci è arrivata dall'antichità dove ha cominciato ad perdere le connotazioni mistiche per diventare più rigorosa. Durante il Medioevo è crollata nel Cristianesimo e si è traformat in Teologia, oggi in Islam c'è questo una Filosifia Teologica che mette al primo poto la Fede e poi la Ragione. Il Rinascimento ha spostato l'asse del pensiero verso la Ragione e dopo le diverse evoluzioni ha raggiunto la situazione del XVII e XIX secolo.La grande Filosofia moderna che ha perfezionato sopratutto la morale ha utilizzato come piattaforma di lancio la Rivoluzione Francese per essere diffusa in modo che oggi è entrata profondamente nella nostra cultura. Io amo la Filofia perchè permette all'Uomo di essere giudice di se stesso, gli permette di decidere cosa è giusto è cosa è sbagliato. La Filosofia è cxiò che fa differenza tra una persona intelligente e di cultura rispetto ad un ignorante. Anche una persona che non sa leggere può essere unb Filosofo è quimndi è uhna persona di cultura, una persona che sa-tante-cose ma bigotta, chiusa, sprezzante verso gli altri è solo un'ignorante. Ecco ciò che intendo per Filosofia. Da dove viene la Filosofia? Dal tentar di usare il cervello.

il 09 Settembre 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro ha scritto:

www.ilpensatore.blog.tiscali.it

il 14 Settembre 2004 (quando OMB accettava i commenti)
lorenzo izzo ha scritto:

viva oriana
viva l'italia
viva l'occidente libero

il 14 Settembre 2004 (quando OMB accettava i commenti)
lorenzo izzo ha scritto:

viva oriana
viva l'italia
viva l'occidente libero

il 14 Settembre 2004 (quando OMB accettava i commenti)
alberto ha scritto:

"lorenzo izzo", com'è, non contento di postare cotanto frutto dell'ingegno, hai pensato bene di postarlo due volte?

il 16 Settembre 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro ha scritto:

Io, Lorenzo Izzo, all'interno della zona degli ideali della mia mente conservo quei tre concetti che tu hai espresso, ma non mi trovo per niente d'accordo con la tua azione. Quello che hai fatto non serve a niente se non a screditare l'immagine di quelli che la pensano come me, perchè è un esempio di fanatismo. Quando si afferma una tesi bisogna sostenerla, motivarla, mentre la tua è solo un'affermazione. Inoltre la tua ultima esclamazione contiene una parola "libero" che mi ricorda l'idiota in cravatta verde che dice "Padania Libera".... no, no, in questo modo si favoriscono gli scontri e non il dialogo. E non si cresce con gli scontri, ma , come dice Socrate, dialogando. Tutto qui. Il fanatismo è sempre stupido, che sia comunista, islamico o fallacino. Un ultima raccomandazione: per salvare la nostra cultura, non bisogna distruggere la loro,ma semplicemente rafforzare la nostra. E quindi non sia mai che il patriottismo diventi nazionalismo. Mai.

il 20 Settembre 2004 (quando OMB accettava i commenti)
alberto2 ha scritto:

Vorrei consigliare un libro uscito di recente:

ZERO KILL
di Yassir Benmiloud (autore anche di Allah Superstar)
in italia è edito da Mondadori

.....io mi sono divertito un mondo!!!

il 21 Settembre 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro ha scritto:

Di cosa parla questo libro?

il 05 Marzo 2005 (quando OMB accettava i commenti)
antonia ha scritto:

TOLLERANZA TOLLERANZA TOLLERANZA ragazzi l'unico valore trasversale deve essere la tolleranza senza la quale è impossibile far convivere le diversità! Percio'non è condivisibile l'atteggiamento di chi PSEUDO-PACIFISTA(i veri pacifisti sono altra cosa)uccide con le parole una persona che nella sua vita è sempre stata in prima fila PERSONALMENTE nella lotta alle ingiustizie :suo padre era partigiano il suo uomo è morto in nome della libertà e lei ha fatto della sua vita una bandiera all'indipendenza e alla LIBERTA'stessa

PS:Io non la penso come la Fallaci Pero' nutro un profondo rispetto per la coerenza,la dignita' e il coraggio di quella donna maltrattata e ghettizzata dai suoi stessi amici.e per fortuna credo che in occidente non esista il REATO DI PENSIERO (almeno per ora)

il 06 Marzo 2005 (quando OMB accettava i commenti)
uno che passava ha scritto:

ma andate affanculo voi, la tolleranza, l'occidente, il rispetto, l'italia e l'oriana fallaci.

il 06 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
teox ha scritto:

Ma vaffanculo tu, cretino ignorante e tutti quelli che criticano questa donna che ha le palle di dire le cose come stanno

il 10 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
monica ha scritto:

Io sono dalla parte di Oriana che è una grande, perchè dice la verità e la gente sinistroide per paura e per comodo le dà contro..perchè la verità fa male, vero? non è forse vero che gli islamici trattano le donne peggio degli animali?che le picchiano e le privano di ogni libertà personale?
Guardatevi il filmato "Submission" per il quale il regista Theo Van Gogh lo scorso novembre è stato ucciso a colpi di pistola e sgozzato da un marocchino naturalizzato olandese...poi ne riparliamo.
E non è forse vero che gli islamici che noi abbiamo accolto ora fanno i prepotenti, pretendendo che siano tolti i crocefissi dalle scuole (crocefisso=cadaverino, parola di Adel Smith), che siano inseriti menu appositi per loro che non possono mangiare maiale (e vi assicuro che invece lo mangiano e bevono pure alcolici, se no come fanno i vari maghrebini che si vedono in giro ad essere sempre ubriachi??), che molte donne italiane che hanno relazioni con extracomunitari si convertono all'islamismo?mai una volta che sia l'uomo a convertirsi al cattolicesimo, perchè?Perchè loro vogliono farci convertire tutti!!L'ha detto persino una neoconvertita di nazionalità italiana in un'intervista al TG5."Vogliamo CONQUISTARVI PACIFICAMENTE."Pacificamente??Tagliandoci la testa e minacciandoci con gli attentati..
Aprite gli occhi miei cari filoislamici, che se non si fa qualcosa finiamo molto male!
E cmq IO mi firmo: monica

il 10 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
tonii ha scritto:

e' bello vedere cosa produce l'ignoranza applicata a una cubista:

un gran dimenamento di idiozie spaziali.

adesso un giochino: nel post sopra riusciamo a trovare anche una sola frase che abbia senso? :-)

anni e anni di costanzo e maria defilippi e questi sono i risultati. ovviamente.

il 10 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
oppi ha scritto:

Monica, la gran parte dei tuoi sproloqui non merita attenzione, ma quel paio di cazzate che costituiscono il corpo del tuo commento e che sprizzano ignoranza fiera, stupiscono da parte di chi si fa portabandiera di cultura occidentale: per non cadere in errore nel futuro portando le tue argomentazioni altrove, ricorda solo che la conversione E' la missione prima dei cristiani; evidentemente, gli islamici l'adempiono meglio e con maggior forza e sicuramente convinzione, ma ciò non toglie che convertire gli infedeli sia il compito dei cristiani da secoli prima che Maometto nascesse. Per il resto...il nulla.
Ah, occhio a firmarti: il coraggio è ammirevole, ma i tagliatori di teste dominano anche il web, lo saprai sicuramente.


Questo thread fa il degno pari con quello degli skinhead: ogni tanto salta fuori un combattente (ma nell'altro almeno ogni tanto si ride)

il 10 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
corrado ori tanzi ha scritto:

La religione in sé è il primo male del mondo. E non c'è bisogno che si trasformi in teocrazia. basta la religione allo stato pur. ossia la regolamentazione dell'elevazione spirituale che è innata nell'essere umano. Non ho nessuna simpatia per l'islamismo. Spero venga sconfitto dagli stessi musulmani. Come non ho nessuna simpatia per il cattolicesimo o l'ebraismo ortodosso. Tutti la rogo? Mi piacerebbe che i roghi li lasciassimo sui libri di storia e aiutassimo a far crescere il movimento laico all'interno del mondo islamico e comunque stare in guardia da derive, anche ideali, che minano le nostre conquiste sociali.

il 10 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
monica ha scritto:

cari signorini toni e oppi, tanto per cominciare io non guardo nè costanzo nè la defilippi perchè entrambi mi danno l'orticaria, esattamente come voi.
Seconda questione: lo so bene che la conversione è la missione prima dei cristiani, ma quanti secoli fa???i cristiani avranno fatto i loro errori, non li sto giustificando, ma ora la NOSTRA religione passa attraverso canali quali il dialogo e la tolleranza, esattamente il contrario della loro, che parlano con la violenza e che si sottomettono totalmente all'arbitrio del loro dio, roba da medioevo.Lo sapete che i bambini di otto anni nei loro paesi hanno già il kalashnikov in mano?Che vengono addestrati e reclutati per diventare kamikaze?Forse non avete mai visto i documentari in tv perchè avete i paraocchi o vi fa comodo averli.Provate a vedere il filmato che vi ho consigliato se volete capire qualcosa prima di criticare i commenti degli altri senza peraltro aggiungere nulla di sensato.
cordialmente

il 10 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
tonii ha scritto:

la nostra religione non e' affatto nostra. sara' tua semmai.

io sono anticristiano militante, anticlericale e libero pensatore. e preferisco che nel mio paese ci siano molte religioni (e auspico pertanto un aumento di islamici) proprio per prevenire alle ridicole beghine al servizio delle forze dell'oscurantismo di dettar legge.

e io ho fatto casino contro i crocefissi nei luoghi pubblici molto prima di adel smith di cui tu hai tanta paura.

per il resto le tue affermazioni sono da cloaca.

il 10 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
monica ha scritto:

1- non ho nessuna paura
2- a me non danno nessun fastidio le tante religioni purchè stiano nel loro brodo e non rompano le scatole, infatti ci sono buddisti, ebrei, valdesi e chi più ne ha più ne metta, ma non fanno tanto casino quanto gli islamici
3- io non sono assolutamente una beghina, mi ritengo una cattolica non praticante e non seguo i dogmi della fede alla lettera, ho un mio pensiero e una mia etica che non corrispondono per forza a quelli della chiesa, ma non posso negare che le mie radici sono cristiane, cosi come le tue, altrimenti saresti nato in africa e magari saresti un animista.
4- se sei un libero pensatore come mai ti piacciono tanto gli islamici che non danno alcuno spazio alla libertà di pensiero?vedi le minacce a chi non la pensa come loro..
libertà di pensiero vuole dire anche rispettare le idee degli altri..ricordatelo

il 10 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
tonii ha scritto:

sono indeciso se consigliarti una bibliografia
o darti semplicemente l'indirizzo di un buon analista

il 10 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
monica ha scritto:

sai fare solo battute o hai anche qualche argomentazione ragionevole da esporre?

il 10 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
alberto ha scritto:

Monica e Toni, perché non ve la giocate davanti a uno spritz?

il 10 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
oppi ha scritto:

La seconda che hai detto...
Le librerie ci sono sempre state, la possibilità di informarsi invece di guardare "i documentari in tv", per cui.
Hai fatto caso, Monica, che la tv da cui tu ti "documenti" è di proprietà delle stesse personcine che stanno conducendo una guerra santa in un Paese del Medio Oriente, imbracciando, loro sì, "i kalashnikov"? E basta puttanate, su! Vogliti bene, asseconda la tua voglia di informazione altrove che non a studio aperto. Trattati meglio

il 10 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
tonii ha scritto:

sai com'e': difronte a un abisso di crassa ignoranza mi vengono solo battute.

prova a fare piu' sesso e poi a leggere qualche libro. magari anche tu puoi migliorare e diventare una persona civile. chissa'. oppure potresti assumere droghe. anche quello ti potrebbe aiutare. credimi.


il 10 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
tonii ha scritto:

alberto: la inviti tu per uno spritz sabato questo? :-) io ci sto!

il 10 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
monica ha scritto:

ciao alberto, scusa ma certi liberi pensatori dicono cose proprio assurde e non sono nemmeno in grado esporre chiaramente il loro libero pensiero

il 10 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
alberto ha scritto:

Mo', che fai, mi usi come interfaccia con Toni? dai, vieni a farti lo spritz a venezia sabato sera...

il 10 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
monica ha scritto:

Perchè voi dove vi documentate?avete una linea diretta con qualche fronte di liberazione?siete andati a tastare con mano sul posto?i libri li ho letti anche io, ma l'informazione fine a se stessa non serve a niente, guardatevi intorno.Senza bisogno della tv, le cose che ci circondano, le vicende che accadono parlano da sole del declino della nostra civiltà.

il 22 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Camel ha scritto:

Voglio pregare
con la stessa forza con cui voglio bestemmiare

Voglio punire
con la stessa forza con cui voglio perdonare

Voglio dare
con la stessa forza con cui lo volevo all'inizio

Voglio vincere
dato che non posso esser vinto.

Un Uomo

il 22 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Camel ha scritto:

Dimenticavo, per tonii con amore.
Tua per sempre,

Camel

il 22 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Camel ha scritto:

p.s.
aspetto con ansia la tua prossima invettiva. Non mancare!

il 22 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
alberto ha scritto:

Camilla, guarda che Toni stanotte non ci dorme ed esaurisce gli alcolici della città...

il 23 Giugno 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Camel ha scritto:

Frose almeno così riuscirà a dire qualcosa di sensato... ;) Ma basta parlare degli assenti, non sta bene.

il 24 Luglio 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Bubbidolo ha scritto:

Mpf!! Tonii: Anticristiano militante, anticlericale e (ahia!!) "libero" "pensatore" (virgolette alla Ann Coulter per intenderci).
Contraddizione in termini, mi spiace.
Un pò come dire Islam moderato: vero e proprio ossimoro.
Una piccola curiosità: che significa anticristiano militante? Vai in giro a fare pipì sulla porta delle canoniche o nelle acquasantiere? Picchi il parroco o brutalizzi i chierichetti? Mangi ostie cotte nel microonde?
O, più semplicemente, hai 13 anni e mezzo e frequenti cattive compagnie?
Un grazie a Monica che ha la pazienza e la volontà di sostenere la vostra boriosa sufficienza.
Ah! Per quanto riguarda la tua tanto vantata paternità dell'idea di abolire i crocefissi (e dagliela con la censura...fate veramente rimpiangere il minculpop, la gestapo e l'ochrana messi assieme...) occhio che se lo viene a sapere Adel ti fa causa e chiederà al solito giudice compiacente di far sequestrare anche te...

il 26 Luglio 2005 (quando OMB accettava i commenti)
monica ha scritto:

Mitico Bubbidolo!!Bravo, un pò di sostegno morale mi ci voleva proprio per ammortizzare le cazzate spaziali di quell' "anti-tutto" di Tonii!!!
Grazie 1000!!!e abbasso i filoislamici che ancora credono all'islam moderato...sono senza speranza
ciao!!

il 28 Luglio 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro Tremaroli ha scritto:

Ragazzi, mi sembrate tutti ottimi (o quasi tutti, scusate la generalizzazione) esempi di quanto l'odio fanatico ammorbi il mondo. A destra e a sinistra. Non so, ho letto tutti i vostri interventi e mi è venuta tristezza. Ho visto solo muri d'odio e molta ipocrisia. Possibile che in Italia non si possa parlare senza darsi dal comunista o del fascista? Del cretino o dell'ignorante in totale gratuità? Ma andiamo con ordine. Partiamo dal mio prediletto, Tonii. Quando ho letto le tue parole sul cristianesimo e l'ateismo ho provato rabbia, ma proprio tanta. Le tue analisi da tredicenne recluso alle Orsoline starebbero bene nel libretto di un cd di black-metal norvegese, ma in un intervento sulla comprensione e la tolleranza un po' meno. Poi ho pensato: "Ma chi se ne frega". Però successivamente ho pensato: "No, cazzo!". Tonii, io sono agnostico e mi piacerebbe tanto che la Costituzione italiana venisse applicata, ovvero niente crocifissi nei luoghi pubblici. Ma fare quello che ha fatto Smith, non ha giustificazione alcuna. Un conto è la giusta pretesa di far rispettare la legge, un'altra è quella di insultare ed applicare la violenza. Smith probabilmente ha una strana idea della sua religione, perché l'islàm ha profondo rispetto per la figura di Cristo e della Madonna. Ma questi, sono solo cazzi suoi. Il problema è che il signore ha anche una strana concezione delle regole della convivenza civile, perché per quanto io possa essere anti-clericale non mi sognerei mai di gettare un crocifisso da una finestra. Non per paura di essere fulminato all'istante da un entità superiore o di essere tradotto in prigione, ma perché il rispetto per i beni materiali e culturali altrui mi impone di lasciare certe piazzate agli ignoranti (nel senso meno innocente e più offensivo del termine). Veniamo a te. Mi pare che il tuo livello non si discosti troppo da quello di Smith (che dici di disprezzare). Da quanto dici sul cristianesimo mi pare che tu ti serva nella stessa libreria presso la quale Calderoli compri i trattati sull'islàm. La Chiesa non mi piace, ma da qui a bollarla come una confraternita di pedofili ce ne passa. Non so niente di te, non ti conosco. Magari hai subito bruttissime esperienze che non auguro a nessuno per colpa della Chiesa e se così fosse me ne dispiaccio. Ma non puoi fare di tutta l'erba un fascio. Ti assicuro che ci sono preti il cui unico scopo non è quello di indossare la papalina rossa, ma di aiutare il prossimo, magari rinunciando agli agi sicuri che la loro posizione potrebbero procurargli. Esistono persone così, stai tranquillo. Non dico che tutti quanti vadano in mezzo ai poveri di Calcutta o di Khartoum, o che aiutino i poveri o gli sbandati, ma ci sono anche sacerdoti che semplicemente ascoltando il prossimo riescono ad alleviare sensibilmente le sofferenze di persone sensibili che, in questo mondo che non sa ascoltare, non hanno nessuno. L'amore per il prossimo (religioso o politico che sia) si apllica anche nelle piccole cose, non necessariamente con gesti eroici. Una gentilezza ad uno sconosciuto fa più di mille proclami contro le ingiustizie. Probabilmente il mio buonismo vi farà schifo, ma almeno io non accolgo le persone (cristiani, musulmani, comunisti e fascisti, ecc.) con il mitra in mano, come fai tu. Secondariamente faresti un garbato favore alla mia ignoranza se tu mi segnalassi i testi da cui si può dedurre con infallibile certezza che Cristo fosse un falso profeta. Io non metterei assolutamente la mano sul fuoco per sostenere il fatto che Gesù fosse figlio di Dio, ma non la metterei nemmeno per sostenere il contrario. Tu come fai? Insulti chiunque creda, ma anche tu sei schiavo del tuo ateismo. Premetto che io non disprezzo assolutamente gli atei, ma chi insulta a sproposito i cristiani sì. E poi, che cazzo, piagnucoli se certi cristiani cercano di impostare la società secondo le loro credenze, ma contemporaneamente li insulti. Chi chiede rispetto, lo sappia dare. A tal proposito, uno solo perché è religioso non ha diritto a partecipare alla vita politica del Paese? Io non sono per niente contento di come il referendum sia andato, ma ciò non mi costringe di non accettare il volere della MAGGIORANZA (che poi qualcuno non sia andato alle urne per menefreghismo od ignoranza è conto, ma le regole del gioco DEMOCRATICO sono queste...) emerso dall'appuntamento elettorale. A mio giudizio la Chiesa (che a scanso di equivoci, ribadisco nuovamente, non sopporto) ha il diritto di dire la sua. Un prete è pur sempre un cittadino italiano, il cui diritto alla parola è sancito dalla Costituzione (per fortuna!!!!!). A titolo personale aggiungo che non ho gradito che la Chiesa abbia detto che cosa (non) fare agli elettori, ma tale sdegno lo estendo anche a chi diceva di andare a votare quattro sì. Ogni parte ha il diritto di esporre le proprie ragioni, ma non di dare ordini ai cittadini, i quali vengono sempre più visti come dei cretini da indottrinare e da governare (senza fare distinzioni di colore politico o confessionale). Ti invito inoltre a riflettere sul fatto che magari non tutti i cristiani vivano alla stessa maniera la loro fede ed il rapporto tra di essa e lo Stato. Inoltre come fai a schierarti ad occhi chiusi a favore dell'islàm, se massacri il cristianesimo? Guarda che i principi di base sono i medesimi, caro mio. Inoltre dici di volere tanti islamici in Italia per contrastare i cristiani (già che ci siamo perché non riattribuiamo al Colosseo la sua antica funzione??), denotando così (per l'ennesima volta) superficialità. Guarda che se esistesse la Democrazia Musulmana non esiterebbe ad allearsi con i partiti cristiani per tutelare embrioni, feti, sacralità del matrimonio e via dicendo. Pensaci. Allo stesso tempo specifico che non ti sto dicendo che allora bisogna cacciare via i musulmani perché atei ed agnostici hanno già da "lottare" contro i cristiani. Per me TUTTI debbono sostenere le proprie teorie, e poi che vinca il migliore. Non ti sto scrivendo questa "ramanzina" per cercare di "convertirti" o per dimostrarti la mia (supposta) superiorità intellettuale. Lo faccio perché in quanto agnostico e teorico dello Stato laico voglio che a tutti i cristiani in ascolto sia chiaro che Tonii parla a nome suo e di altri (spero pochi) ateo-agnostici e che non siamo tutti così. Francamente mi hai fatto proprio cadere le palle. Uno così parla di tolleranza e poi...Tutta la tolleranza che hai per l'islàm usala anche per il cristianesimo, per favore. E poi "tolleranza" che brutta parola, maledizione! La suocera rompi-cazzo si tollera, mica qualsiasi essere umano che la pensi diversamente da noi è da tollerare! Le parole "comprensione" ed "accettazione" (e qui parlo tanto ai vari "Tonii" quanto ai vari "Bubbidolo") vi sono così estranee? Ma lo sapete che "Occhio per occhio rende cieco il mondo" (come Ghandi insegna)? Infine, Tonii come inviti (mi pare di capire) a discernere tra il messaggio islàmico vero ed il terrorismo, ti invito a separare l'azione di Cristo da quella dei vogliosi preti ingordi di deretani di giovinetti. Grazie.
Faccio inoltre i complimenti a te e a chi come te riesce a spiegare con inoppugnabili prove e lessico stilnovista le ragioni della sinistra e degli agnostici. In particolare quando suggerisci a Monica di fare più sesso credo che tu sia riuscito perfettamente a capire ciò che pensi ed a convertirla istantaneamente al culto dell'islàm. Complimenti, sei magnifico. Perché le bassezze se le dicono i leghisti sono indice della loro inferiorità e se le dite "voi" sono testimonianza del vostro pensiero sopraffino? Con questa base e con i suoi dirigenti la Sinistra fa una gara mica male con la Destra.
Veniamo ora ai dinamico duo di teo-con (se non lo sei Monica scusa la generalizzazione, ma a noi agnostici non è concessa l'infallibilità papale...). Bubbidolo e Monica leggete pure la Fallaci, io di certo non ve ne faccio una colpa (io di suo non ho mai letto niente, ma questi sono solo fatti miei). Credo che chiunque possa dire qualche verità e qualche cazzata, quindi più voci si ascoltano meglio è. Però per giudicare una "cosa" tanto complessa come l'islàm questo è proprio un metodo sbagliato. Per carità, non vi sto dicendo di leggere libri inneggianti ad esso, perché allora sarebbe la stessa medesima cosa. Semplicemente vi invito a leggere testi (od il "Corano", meglio ancora, se possibilmente quello corato da Bausani e non quello di Piccardo) che spieghino esattamente in che cosa consista il messaggio musulmano. I testi di Sergio Noja sono ottimi, ve lo posso assicurare. Con questo non dico che sia tutto ora ciò che luccica, ovvero che l'islàm sia solo purezza e buoni sentimenti. Vi dico che però, per l'ennesima volta, fare di tutta l'erba un fascio non è la via giusta per capire le cose (o per provare a capire, non ho la pretesa di avere tutto chiaro nella mia testa). Ma a voi 2 in quanto cristiani, non girerebbero un po' le palle se il cristianesimo venisse solo identificato con l'I.R.A., i preti pedofili e Mel Gibson? Non so voi, ma a me che sono agnostico le palle girerebbero, eccome. Così come mi girano le palle a sentire signori di elevata cultura e pieni di amore per il prossimo come CCC dire "I maiali islamici fuori dall'Europa. Wake up occidente! Non facciamoci invadere da chi tratta le donne peggio degli animali...". Cocco, ma lo sai che in Egitto le donne vanno in giro in minigonna e se un uomo pretende cose assurde lo mandano a spigolare? Ma lo sai che persino nel "temibile" Iran le donne VOTANO!!!! Lo sai? Ma hai mai letto qualcosa di serio sull'islàm? Leggiti "Donne del profeta" di Fatima Mernissi. Un libro molto interessante che spiega come in realtà l'islàm tuteli la donna, ma siano gli uomini (come al solito) ad aver sottomesso le donne per secoli (esattamente come nei paesi cristiani o dell'est-asiatico, guarda un po' che strano! Ma non è che magari sono gli uomini un po' stronzi? A me il dubbio viene...). A Bubbidolo e Monica dico un'altra cosa. Non so che cosa voi pensiate dell'ebraismo e dello Stato d'Israele, ma di solito i vostri amichetti teo-con ne pensano bene (per l'ennesima volta, se vi sto attribuendo pensieri non vostri chiedo scusa e sentitevi esonerati dalle mie "accuse"). Premetto che non sono anti-giudaico né nazista, però guardate che secondo certe branche ("deviate" mi sento di dire) dell'ebraismo la donna è da trattare in maniera forse ancor peggiore che nell'islàm deviato. Qualcuno dice niente? Non mi pare. E questo è scorretto. Tra parentesi mi verrebbe da dire, se non erro (la mia conoscenza della "Bibbia" è superficiale, lo ammetto) che proprio nell'Antico Testamento siano presenti riferimenti non proprio gentili verso la donna. Ma se nel cristianesimo ciò è stato superato con l'accettazione del pensiero di Cristo (a proposito Bubbidolo, in un tuo intervento parlavi dell'esistenza di riferimenti a Dio come ad un guerriero in quel testo. Beh, è vero, però per il cristianesimo l'Antico Testamento è visto sì con rispetto, ma anche con un distacco dovuto al fatto che lo si reputi ormai sorpassato dal Nuovo Patto intrapreso con il Signore). Mi sembra un po' comodo vedere sempre i difetti dei nemici e mai i propri o quelli degli amici. Infine basta con questa storia dell'"islàm moderato" (che per Bubbidolo non esiste. Mah, Calderoli non è un buon maestro. Ad ogni modo fai come ti pare...)! Chi utilizza questa espressione ammette implicitamente che la norma siano i tagliatori di teste, i kamikaze (a proposito, nell'islàm il suicidio è condannato in quanto peccato, proprio come nel cristianesimo) e gli infibulatori (usanza dell'Arabia pre-islamica, molto combattuta e criticata da Mohammed), mentre quelli che seguono veramente l'islàm siano degli idioti che fanno eccezione. Ad usare questa espressione fate il gioco (a)culturale dei terroristi e dei Calderoli. Ad ogni modo il mio rispetto per l'islàm e la mia simpatia per gli immigrati che praticano tale religione non mi impedisce di affermare con altrettanta fermezza che le leggi italiane vanno rispettate da TUTTI (uomini, donne, italiani, extra-comunitari, cristiani, musulmani, atei, zoroastriani, calciatori, veline e così via).
Ultimo, e chiudo veramente, non è vero che il fine dell'islàm sia l'annientamento del cristianesimo e dell'ebraismo (ai quali successivamente si è aggiunto lo zoroastrismo). Una sura dice (cito più o meno a memoria, chiedo scusa per le inesattezze): "Dinanzi alla veste del cristiano e dell'ebreo, inchinati sempre". Un'altra (sempre a memoria) dice: "Non rivolgerti all'ebreo ed al cristiano, se non nella migliore maniera possibile". Un pericolo concreto, e sarei ipocrita a negarne l'esistenza o nel non evidenziarlo, esiste invece per atei, agnostici ed in generale per chi non pratica le tre (quattro?) grandi religioni monoteistiche. Infatti essi, sono poco più che merda. Ma confido nel fatto che, come siamo riusciti a farci accettare dai cristiani (dopo secoli...), riusciremo a farci accettare anche da loro.
Chiedo scusa per l'intrusione, ma vorrei chiarire che non ho scritto con l'intento di svelarvi la verità o di ergermi a vostra guida spirituale. Semplicemente ho voluto prendere le distanze da chi italiano come me (Monica, Bubbidolo, CCC ed altri) abbia insultato l'islàm e da chi non-cristiano come me (Tonii ed altri) abbia insultato il cristianesimo. Giusto per far sì che non si faccia di tutta l'erba un fascio da parte di chi legge.
Saluti

P.S.Ho scritto "cristianesimo", "ebraismo" ed "islàm" in minuscolo non per blasfemia, ma perché in italiano non vanno scritti in maiuscolo! Specifico giusto per non dare adito ad accuse gratuite da parte di nessuno...

il 28 Luglio 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro Tremaroli ha scritto:

Se il mio tono è stato troppo aspro me ne scuso, ma davanti alle offese gratuite ed ipocrite mi è difficile moderarmi.

il 29 Luglio 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Bubbidolo ha scritto:

Bellissimo intervento, Alessandro. Mi spinge a fare un (parziale perlomeno) "penitentiagite".
Riguardo alla legge 40 e annesso referendum mi preme puntualizzare quanto sia perfettamente plausibile che ogni "parte" tiri acqua al proprio mulino.
Le regole del gioco vengono falsate quando una parte pretende di zittire l'altra: noi astensionisti non ci siamo mai neppure sognati di censurare lo spettrale Capezzone (o chi per lui). Stessa cortesia non fu riservata a Papa, Sacerdoti, scienziati e ricercatori come Vescovi che non hanno sottoscritto il rinomato "Documento dei 100". Qui non si tratta di lanciare strali contro chi parla, ma di quadrellare chi vuole zittire (ingiustificatamente) la controparte. Questo in nuce si intuiva dal tuo discorso ma ho ritenuto opportuno specificarlo più appronditamente (spero la cosa non ti spiaccia).
Non mi sento di condividere l'accostamento che fai tra preti pedofili, l'I.R.A. e Mel Gibson.
Quest'ultimo è sempre stato un cineasta apprezzato (Braveheart ha esaltato e commosso sia il pubblico di destra che quello di sinistra...forse gli Inglesi gli hanno riservato una accoglienza comprensibilmente più "freddina"...) fino a "The Passion".
Ora non credo che un film (a mio giudizio tecnicamente e contenutisticamente molto bello, ma non sputo ovviamente in faccia a chi non ha condiviso la "scelta stilistica" di Gibson) basti per accostare ai peggio criminali che si aggirano furtivi attorno alle sagrestie (a questo proposito ti ricordo che da diversi anni l'IRA non ha più nulla a che vedere con il Cattolicesimo Irlandese ma che si richiama ad una matrice gauchista-trotzkista, assolutamente eversiva ed anticristiana).
Gibson non ha imposto nulla a nessuno, nè ha minacciato qualcuno perchè andasse a vedere il suo film, nè si è fatto finanziare dagli Hezbollah per distribuirlo in Libano come ha fatto Michael Moore per Fahrenheit 9/11.
Ha proposto una sua visione in chiave filmica della Passione di Cristo. Se nel mondo odierno basta questo per essere messi all'indice, non nego di sentirmi francamente preoccupato(Teo Van Gogh docet...).
Tutto quello che dici riguardo al Corano è vero, ma ciò non toglie che esso venga esaltato, citato (forse a sproposito, forse no), sbandierato dai tagliatori di gole e dai terroristi suicidi (smettiamola, vi prego, di chiamarli giornalisticamente "Kamikaze"!!).
Non voglio peccare di oniscodismo, ma non posso non ammettere che Cristiani che si fanno saltare in aria per uccidere gli "infedeli" nelle città del Medio Oriente ve ne siano pochini pochini.
Qui il problema si incentra sulla Realtà, non sulle Religioni o sulle Culture: di fronte ad una minaccia devo rispondere. Pragmaticamente.
Comprensione e accettazione mi stanno benissimo, ma se implicano il mio auto-annientamento ricado in un assurdo ontologico. La tolleranza non può spingersi fino al suicidio, sia esso culturale o "materiale". Non sarebbe più comprensione, non sarebbe più accettazione: sarebbe solo nichilismo autolesionista.
Io non alzerei mai la mano contro qualcuno per il semplice fatto che professa una religione diversa dalla mia: gradirei mi fosse serbata la medesima cortesia...

il 29 Luglio 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro Tremaroli ha scritto:

Ah, ma anche io non sono per l'auto-annullamento! Tornando all'esempio del referendum mi sento di dire che il fatto di aver tranquillamente accettato il verdetto delle urne non mi ha automaticamente trasformato nel pasdaran della legge 40. Assolutamente no. Allo stesso tempo come non voglio una cristianizzazione della Costituzione italiana, non vorrei nemmeno una islamizzazione. Ma non è corretta l'equazione leghista ed anche un po' fascista (che non ti sto attribuendo, sia chiaro) immigrato=perdita della propria identità. Storicamente ed umanamente parlando, tanto più ci si immerge (o anche solamente ci si confronta, con il diverso) tanto più si diventa auto-consapevoli di ciò che si è. Inoltre non necessariamente chi è latore di usanze diverse da noi (discorso da generalizzare al massimo: ciò vale per cultura, religione, opinione politica, ecc. e non solo in riferimento alla questione islàmica) non ha niente da insegnare: anzi. Si può rimanere sé stessi anche magari cambiando un qualcosa che non sentiamo più nostro con qualcos'altro che non fa parte del nostro retaggio culturale. Non sto parlando di massimi sistemi, ciò si può verificare nella vita di tutti i giorni. Magari conosci qualcuno appassionato di cinema francese e che riesce a fartelo apprezzare, mentre fino ad allora lo avevi snobbato. È una perdita questa? Uno snaturamento? A me non sembra... Con questo non sto dicendo che tutti gli italiani si debbano produrre in una conversione istantanea all'islàm, io non ci penso neanche. Però magari imparare qualche valore in esso presente (e vi assicuro che, se affrontato come si deve, ha molto da offrire proprio come il cristianesimo, Tonii) sarebbe positivo. Ciò non mi rende meno europeo o meno agnostico e "libero". Per rimarcare la mia estraneità al cattolicesimo (come se interessasse a qualcuno, tra l'altro) non sento il bisogno di scrivere insulti sulle Chiese (e mai lo farei! Sono tra i più grandi patrimoni artistici d'Europa, oltre che luoghi dove molte persone ripongono speranze) o di malmenare preti. Anzi. Vi assicuro che di preti che sanno VERAMENTE che cosa siano valori come la libertà e l'accettazione e la carità ve ne sono. Certo insultare e bandire tutti (e questo vale tanto per gli anti-islamici che per gli anti-cristiani) senza discernimento alcuno è più facile e più comodo: come sparare prima e chiedere "Chi va là?" dopo. Ma non credo che le società migliori si creino con la violenza (fosse anche solo verbale, fosse anche solo un'innocuo bicchiere di olio di ricino) e costruendo muri, ma con la lotta all'ignoranza (male trasversale, colpisce tutti) e al fanatismo (anch'esso trasversale, colpisce uomini, donne, destrorsi, sinistrorsi, lottatori di sumo, astemi, fumatori, casti e così via). Ciò non toglie che, come dici tu, ci si debba attenere alla realtà. Ci sono individui che portano morte, violenza ed ignoranza (non dimentichiamoci che anche questa fa i morti!) in nome dell'islàm (deviato, aggiungo io). E li si deve combattere. Ma allo stesso tempo non dobbiamo fare come gli USA durante la Seconda guerra mondiale con gli immigrati giapponesi. Solo perché gli statunitensi erano in guerra contro il loro Paese di origine, essi vennero bollati come spie e chiusi in campi di concentramento. No, questo non lo accetto. Va contro i valori ("laici" o "cristiani" che siano) che la cosiddetta "civiltà occidentale" pretende di avere in esclusiva. Molti giustificano questo dicendo che bisogna colpire prima per non essere colpiti. Ai cristiani rispondo ricordando "Porgi l'altra guancia" e che "chi vive nelle case dai tetti di vetro non dovrebbe lanciare pietre" (che, sappia l'anticristiano militante, è una citazione biblica, non mi sono fatto una bottiglia di vodka prima di scrivere) e di non limitarsi a guardare la paglia nell'occhio altrui ma di osservare anche la trave nei propri capelli (forse ho invertito i termini, ma il senso è chiaro). Ai sedicenti liberali, rispondo che la violenza è sempre violenza non importa da chi è perpetrata e che i nostri valori che tanto sembrano minacciati dagli immigrati presenti nell'Eurabia di fallaciana memoria vanno difesi anche da chi, tra i nostri, li voglia abolire. Cambiare le nostre usanze per "fronteggiare meglio il terrorismo" è la prima soddisfazione che si possa dare a chi ci odia (come mirabilmente ha detto Pisanu, magari cari compagni forse anche i "fascisti" possono avere qualcosa di intelligente da dire o siamo solo noi "rossi" i furbi?). Il fatto che i terroristi facciano delle grosse porcherie non rende giustificato ai miei occhi che le si faccia anche noi. Se siamo tanto superiori, dimostriamolo con il buon esempio, cazzo! Non dobbiamo fare il jihad (che tra prentesi, significa "sforzo" e non "guerra santa" come colpevolmente dicono i giornalisti) pure noi! E poi ricordiamoci che noi "occidentali" (quanto odio questa definizione così spersonalizzante e grossolana), di passato tanto comunista quanto capitalista (per non dimenticare i nazi-fascisti) non abbiamo le anime e le mani poi così pulite. Parliamo tanto delle nostre democrazie così civili e bla bla bla, ma ricordiamoci che salvo che nel Regno Unito, fino a 60 anni fa andavamo in giro per l'Europa ad ammazzare omosessuali, zingari, preti, borghesi, atei e a fare pogrom (ma magari qualcuno dirà che in fondo erano solo innocenti sagre paesane) e le donne erano trattate come merda (anche dai comunisti così "evoluti" nei costumi, anche dai fascisti così "amanti" della famiglia). E adesso pretendiamo che i paesi non democratici nel mondo cambino da un giorno all'altro, noi che abbiamo solo 60 anni di vantaggio. Onestamente, vi sembra che nel nostro libero Occidente la donna sia davvero trattata con dignità? Indubbiamente è vero che dal punto di vista legislativo vi sia la più totale parità tra uomo e donna, ma in pratica è così? Qualcuno mi spiega perché nel nostro civile Occidente a comandare siano sempre gli uomini? A parte Margaret Thatcher nel Regno Unito, Maria de Lourdes Pintasilgo in Portogallo e l'attuale Presidente finlandese amica di Berlusconi, non mi pare che le donne abbiano mai raggiunto chissà quali traguardi. Invece in quelle zone del mondo non toccate dalla "civiltà occidentale" non è infrequente trovare donne alla guida del Paese (penso all'attuale Presidente dello Sri Lanka, ad Indira Ghandi in India, a Megawati Sukarnoputri in Indonesia, a Benazir Bhutto nel musulmano Pakistan). Forse non siamo solo noi così "rispettosi" della donna? Comunque se fossi una donna del rispetto degli uomini occidentali ne farei a meno. Il ruolo della donna nella nostra società è relegato alle copertine dei giornali o ai quiz di prima sera, ovviamente (mezze) nude (e questo non solo sulle reti di Silvio, ma anche su quelle delle Rai ulivista, che forse l'immoralità non è solo patrimonio di Silvio ma anche della "sinistra"? Tra parentesi quando dicevo che in Egitto le ragazze hanno la minigonna non intedevo dire che è dal grado di nudità che si giudica la libertà, ma giusto che comunque certe cose è possibile farle anche nei paesi islàmici). E a proposito di usanze barbare, ci sono ancora (o perlomeno fino a qualche anno fa, che io sappia) posti in Sardegna dove alla prima notte di nozze la madre della sposa deve presenziare per verificare l'effettiva consumazione del matrimonio. Alla faccia dei "valori occidentali"! Tornando al ruolo della donna, con questo non dico che si debbano mettere a forza le donne in posti di potere. Deve andare avanti chi ha capacità e buone idee. Ma mi sembra quntomeno strano che in questa categoria ci rientrino sempre e solo gli uomini. Inoltre un altro problema del mondo non occidentale che lascia inorriditi i benpensanti (specie i radical-chic diessini come Livia Turco) è il lavoro minorile. Indubbiamente questa è una piaga che va combattuta, ma qualcuno vorrebbe spiegare ai nostri politici che non serve andare fino in Indocina per trovare minori che lavorano? È sufficiente andare al sud-Italia. Ma ovviamente è più facile guardare lontano, distrarre il popolo governato e dargli altro su cui pensare.
Il succo del mio ondivago discorso è che dobbiamo sì combattere il marcio che sta fuori da noi, ma anche quello che sta dentro di noi! Se non procederemo alla nostra purificazione (e qui caro Bubbidolo non pensare che mi riferisca a fucilare chiunque abbia la tessera di F.I.!!!!!), non potremmo mai essere pronti per lottare contro il "male". Perché se sarà dentro di noi, avrà già vinto.
Un piccolo appunto sul referendum. Ho difeso il diritto della CEI a dire la sua, difendo un po' meno quello del Papa. Per quanto debba ammettere che la presenza di Ratzinger in questo "duello" sia stata molto discreta e quindi il mio va inteso per lo più come discorso in linea teorica, devo dire che il Papa è un capo di Stato straniero e quindi dovrebbere non interferire (come abbiamo già detto) nelle scelte politiche di altri Stati (dovrebbe ricordarselo anche il Presidente del Senato Pera, invece di andare in Spagna ad insultare). A scanso di equivoci sottolineo che pur detestando Silvietto, mi sono più volte incazzato per le manifestazioni di antipatia imbastite dai francesi nel corso degli ultimi anni. Questo non per un improvviso amore per il mio adorato Presidente del Consiglio (ma quando mai!), né per amor di patria (concetto a me totalmente estraneo, sono apolide di formazione), ma perché come non mi va che Bush si intrometta negli affari iraqeni non mi va che i francesi si intromettano nei nostri (anche se per fortuna non hanno bombardato Palazzo Chigi!). Le regole non devono andare bene solo quando fanno comodo. Se la si accetta, la si deve accettare sempre. Anche quando così facendo si va a perdere. Lo richiedono l'onestà e l'onore. Questo dovrebbero capire gli italiani, autentico popolo di furbi (che votino o meno Berlusconi, la disonestà è un male terribilmente trasversale e pre-esistente a Berlusconi).
Su Gibson: le mie accuse non riguardavano il film (che non ho visionato e pertanto non giudico, ma dal poco che ho visto mi sembra tecnicamente molto accurato), ma l'uomo in sé. Da quanto ho letto e sentito non è propriamente un illuminato e posato latore della parola di Cristo. Per fare un esempio: ho sentito Sergio Rubini (presente nella pellicola nel ruolo di uno dei ladroni crocifissi) dire che sul set si officiava Messa sovente per rendere il tutto più sacrale. Va bene la fede, però un film è un film! Mi sembra alquanto esagerato tutto ciò. Ho letto anche di un'altro attore (nipote del Cardinale Siri, tra parentesi) che diceva che non appena giunto al cospetto di Gibson, egli abbia iniziato immediatamente a parlargli del Cardinale. Fin qui ci sta. Però Siri ha affermato che Gibson è un vero fissato. Capisco l'ardore religioso, però non puoi pretendere di parlare a tutti della tua fede. Non è detto che interessi necessariamente. Su Gibson non ho altro da dire (ah, sì "Braveheart" è un gran film di genere, nonostante piaccia ai padani) tranne che non lo stavo paragonando assolutamente ai kamikaze (uso questo termine nonostante tu dica di evitarlo. Non mi pare che dia loro una particolare dignità, mi sembra neutro. Ma ovviamente correggimi se sbaglio), né ai pedofili. Lo ho citato in quanto portatore di una cristinità diversa da quella italiana, non tanto per motivi confessionali (noi cattolici, egli no) ma di vita. Gibson (a quanto ne so, magari sbaglio) mi sembra propugnatore di un cristianesimo da battaglia integralista e fondamentalista cosa che per esempio non mi sembra garbi a Monica.
Sull'I.R.A.: non sapevo di questa svolta "sinistra" dell'I.R.A. Ad ogni modo è innegabile come sia stata portavoce del fanatismo cattolico irlandese (con questo non dico che tutti i cattolici irlandesi siano fanatici, nota bene) per almeno un certo periodo. Comunque pare che adesso questa anacronistica lotta armata sia passata alla storia.
In definitiva ho citato preti pedofili, Gibson ed I.R.A. perché sono esempi di un cristianesimo distorto (su Gibson sono pronto a mettere in "forse" la mia affermazione, sui preti pedofili e l'I.R.A. primigenia no) che agli occhi di chi propende a facili generalizzazioni potrebbero essere esempilificativi di tutto il fenomeno cristianesimo. Gradirei fare un altro esempio: nel nord della Nigeria convivono cristiani e musulmani. La maggior parte di entrambe le comunità vorrebbe vivere pacificamente, ma vi sono fanatici sobillatori (di proporzioni numeriche assai modeste) da entrambe le parti che hanno portato il Paese dull'orlo della guerra civile. È giusto secondo voi, che chi colpito dalla violenza di questi cristiani, tenda ad indentificare la parola di Cristo con loro? E soprattutto vi sembra ragionevole che si esporti questa situazione anche in "Occidente"? A me no e farò di tutto per impedirlo, a costo di essere odiato da cristiani, musulmani, atei, destrorsi e sinistrorsi. La mia libertà (quella vera, quella che non mi impedisce di vedere i miei difetti e i pregi del diverso) ha un prezzo troppo alto per svenderla così. Bianco e nero non esiste, se non nella mente di Calderoli e di Smith.
Saluti
P.S.Monica, quando dici che "noi filo-islàmici" siamo senza speranza hai proprio ragione. La speranza che tu, la Fallaci, Calderoli, Smith o Bin Laden possiate cambiare quello che ho dentro e provo è effettivamente nulla. Per fortuna.

il 30 Luglio 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Bubbidolo ha scritto:

Pragmaticamente parlando, non è l'immigrato (o più in generale, l'immigrazione) che mette in discussione la nostra identità e che comporta il pericolo di annullamento. Nulla di più sbagliato.
E su questo punto penso che concordiamo.
Diverso è il discorso per quel che riguarda il terrorismo di matrice religiosa/fondamentalista.
Non c'è un rapporto necessariamente di contiguità o bilateralità tra le due cose, è bene specificarlo questo.
Ma in preda a fregole radical-libertarie non posso ignorare che alcune Moschee e taluni "Centri Culturali Islamici" abbiano fornito e forniscano tutt'oggi carne da cannone per i macellai di Zarqawi.
Con questo non sono d'accordo con chi auspica la totale sospensione delle libertà civili per questi soggetti, nè per una soluzione "Giapponese" (mi riferisco al calzante, anche se forse eccessivo, paragone che hai citato in riferimento all'ultimo Conflitto Mondiale) del problema, ma non mi stupisco, così come non se ne stupisce la maggior parte della popolazione islamica residente in Italia, che Moschee, Internet Point, centri di telefonia internazionale e centri culturali, siano oggi tenuti d'occhio dall'autorità (senza che, a mia conoscenza, ciò sia sfociato in atti di intollerabile prevaricazione nei confroni di dette realtà): i presunti fondamentalisti li cerco dove penso si possano incistidare, non nelle sagrestie o tra i tesserati della Lega Nord (con questo, mai dire mai...).
E se l'autorità scopre che certuni soggetti sono colpevoli di gravi reati, è giusto che questi siano puniti in base alle vigenti leggi, senza fare oltraggiosi "distinguo" tra "Terroristi" e "Guerriglieri". Non aceetabile che la Legge si applichi nei confronti di taluni e si interpreti a favore di altri. Essere Musulmani non deve comportare discriminazioni di sorta, è verissimo e giustissimo. Non può neppure comportare ingiustificati privilegi a scapito della Pubblica Sicurezza.
Ed è appunto una questione di Pubblica Sicurezza (che non arriva neppure a sfiorare lo "stato di eccezione" di cui parla Schmitt), che nulla ha a che vedere con il conflitto tra culture, etiche, religioni.
Se questo contribuisce a difendere tutti i cittadini o residenti in Italia (islamici compresi, quindi) dalla minaccia delle stragi, non ci vedo nulla di negativo.
Una piccola precisazione sul perchè mi dà in culo sentire usare il termine "Kamikaze" in riferimento ai criminali mezzalunati: oltre a riferirsi ad un contesto storico e culturale che nulla ha a che vedere con l'attuale situazione, i Kamikaze hanno sempre operato contro obiettivi militari (navi, basi aeree), mai contro obiettivi civili. Nessuno li ha mai chiamati terroristi infatti...
Su Gibson forse ho capito male il senso del tuo "fra parentesi" (noi cattolici, egli no).
Guarda che lui è Cattolico netto (fa un pò di testa sua riguardo alle disposizioni del Concilio Vaticano II, non tenendolo in gran rispetto per motivi suoi. Ad esempio fa dire tutti giorni la messa in LAtino nella sua cappella personale), non è protestante, evangelista o che altro. Ma, come ti ho detto, forse ho male interpretato quanto dici.
Sulla multiculturalità e sulla possibilità di apprendere cose significative da chi è diverso da noi ti do ragione, naturalmente, ma mi preme sottolineare quanto sia fondamentale la SCELTA se apprendere o meno, senza che questo trasformi chi rifiuta in becero cinghiale retrogrado, nè chi la accetta in illuminato saggio e tollerante.
A me personalmente della multiculturalità non ne frega proprio nulla: apprezzo la società in cui vivo (ben lungi dal ritenerla perfetta, ovviamente) e poco o punto mi importa, se non a livello di mera curiosità, dei modelli di vità e di società di altri paesi (anche e in primo luogo occidentali), pur rispettandoli e non irridendoli per le loro differenti usanze (finchè restano nei limiti della Legge e di quello che io chiamo Diritto Naturale: l'infibulazione non è un usanza, ma è barbarie, alla stregua del sacrificio umano o dell'infanticidio rituale. Punto.)
Non credo al melting pot, che a mio giudizio è stato un esperimento fallimentare: una città come Londra non è multiculturale, ma è divisa in spicchi ove ogni minoranza ha il suo spazio, e l'unica cosa che accomuna questo mal concertato agrume sono i turisti che nel quartiere pakistano o cinese esclamano:"Uhhhhh!!! Ma quanto è pittoresco!!!" o, peggio "Ah, che aria multietnica si respira da queste parti". La società multietcnica non dovrebbe essere, a mio modesto parere, una Disneyland del buonismo apparente, nè una specie di Zoo dove vado a vedere i boscimani con l'anello al naso lanciandogli banane o noccioline. Questo per dirti che il mio rispetto per l'Uomo è pieno e assoluto, mentre rispetto meno costruzioni opinabili dell'umano agire come la forzosa società multiculturale tanto sbandierata da soggetti che ad ogni piè sospinto vorrebbero darci lezioni di Civiltà (e non mi riferisco ovviamente a te).
Sulla posizione della donna, ti dò in parte ragione (fermo restando che, a rischio di apparire poco coerente, vorrei che la Prestigiacomo si occupasse di fare calendari anzichè "ministrare", evitando così di aumentare il payload di cazzate che anche senza di lei il mio Governo è bravissimo a propalare...sigh!!).
Soprattutto nel mondo del lavoro, per quanto riguarda incarichi dirigenziali di alto profilo, la donna subisce vessazioni di non poco momento.
Questo perchè a parità di meriti l'apparato dirigista vede un serio problema in un soggetto che ha (sempre di meno, purtroppo) la spiacevole prerogativa di restare incinta e di mettersi in maternità. Addirittura ho amiche cui è stata rivolta, in fase di colloquio pre-assunzione, la fatidica domanda:"Signorina, lei vuole avere figli o far carriera?".
Terribile, niente da dire. Ma mi sorge spontaneo chiedere dove vada ricercato il problema: chi e che cosa ha contribuito a costruire una "filosofia aziendale" di questo tipo? Il capitalismo selvaggio in base al quale più produci più guadagni e affanculo le tue umane aspirazioni, o un relativismo antinaturale che è penetrato dentro alla realtà del mondo del lavoro? O forse una commistione dei due fattori (per limitarmi a quelli che ho citato, ma ce sono molti di più probabilmente).
E'anche vero che oggigiorno la donna spesso non se ne cale nulla di essere rispettata per il suo ruolo di genitrice, ma più si cura di essere affermata e rispettata nel suo ruolo di aziendalista sempre e comunque "come e meglio degli uomini".
Al di là, quindi, degli abusi conclamati che la donna subisce e che sarebbero da censurare e sanzionare in maniera esemplare, non possiamo dimenticare che una crisi di identità a livello di ruoli affligge oggi sia l'Uomo che la Donna.
La Donna è nata per essere (anche) Madre, l'Uomo per essere (anche) Padre. La parità e l'uguale possibilità di accesso al mondo del lavoro (fatte le debite eccezioni derivanti da limiti di natura fisica insuperabili: non penso che potrà mai esistere una squadra di nuoto sincronizzato maschile, nè che siano molte le donne che si occupano di termosaldature in ambiente saturo dentro alle fornaci...ma come ho detto prima, mai dire mai...) è un obiettivo da conseguire, lo snaturamento imposto (da se stessi, dalla realtà lavorativa, da mille e più condizionamenti ambientali) è solo inconcludente perversità. Ed è vero che la Politica dovrebbe tener conto delle reciproche differenze tra Uomo e Donna (abbastanza evidenti, direi) per armonizzare al meglio la paritaria (non scioccamente ed innaturalmente egalitaristica) contribuzione allo sviluppo della società, della famiglia, del Paese.

il 30 Luglio 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro Tremaroli ha scritto:

Sulla lotta al terrorismo credo di essermi spiegato male. Non intendevo dire che davanti agli attentati (riusciti o meno che siano) sul nostro territorio si debba amabilmente sorvolare facendo finta che niente sia successo. Assolutamente no. E ben vengano i controlli di cui tu parli. Questo non è violare i diritti di base dei cittadini. Se si hanno sospetti su qualcuno è più che giusto che si investighi! E a tal proposito mi sembra, da quel poco che ho sentito, che il Governo abbia reagito bene (seppure in ritardo grazie alla solita Lega) al pericolo che grava sul nostro Paese (anche se non digerisco l’inasprimento delle pene per chi indossa chador, uno ha il diritto di vestirsi come si vuole). Ci fosse un po’ meno garantismo in Italia forse si riuscirebbe a sgominare veramente la mafia! L’uso dell’esercito per azioni normalmente in mano alla polizia non è da me visto come un affronto alla mia libertà. E a tal proposito aggiungo che ai musulmani i controlli su chi è sospettato non danno assolutamente fastidio. Più volte mi è sembrato di scorgere in loro molto pragmatismo e buon senso circa le misure prese dallo Stato italiano per fronteggiare i loro “cugini deviati”. Verissimo che in molte “moschee” (uso il minuscolo perché tranne che Roma e a Milano in Italia non vi sono vere e proprie moschee in senso tecnico, ma bensì luoghi come garage o saloni in cui i fedeli pregano) si annidano fanatici da prendere a calci in culo e mandare fuori dal Paese. Mi auguro che in Italia non si vada a replicare un errore dei Governi del Regno Unito: in un, a mio avviso, eccesso di democrazia (e spero che nessuno fraintenda questa mia affermazione) ha tollerato per anni personaggi di sedicente fede islàmica che pubblicamente inneggiavano alla distruzione della società britannica. Beh, gente così in Italia non ci deve stare. Per la sicurezza del nostro Stato e per la sicurezza della comunità islàmica (i quali questo lo sanno molto bene). Un conto è il diritto democratico che ciascuno ha di esprimere la propria opinione, un altro è l’incitamento all’odio ed alla violenza (tra parentesi, ma se a questi l’Europa fa tanto schifo perché non se ne stanno a casa loro?). Allo stesso però esigo che il bastone venga usato (e pesantemente) solo per chi delinque e che non si facciano stupide generalizzazioni (né da una parte, né dall’altra chiaramente). Spero di avere reso più chiara la mia posizione in materia.
Sul fatto che il termine “kamikaze” sia usato in maniera decontestuallizata hai ragione (infatti tendenzialmente uso “terroristi”). Credo comunque che nel lessico corrente moderno ci siano “imprecisioni” forse ben più gravi (“jihad” reso come guerra santa, America per indicare i soli Stati Uniti a discapito dell’identità degli altri paesi americani) e che comunque tale termine non nobiliti in alcuna maniera iI terroristi (almeno nelle mie intenzioni, spero sia chiaro). Comunque hai sollevato un interessante spunto di riflessione.
Circa Gibson hai capito bene, ero io ad essere in errore. Ero convintissimo fosse aderente ad una delle innumerevoli varianti anglosassoni sul tema “cristianesimo”. Ma è proprio di rito “Cattolico Apostolico Romano”?
Anche sulla multiculturalità mi trovo d’accordo con te. La scelta è ovviamente un diritto fondamentale. E anche a tal proposito mi trovo costretto a fare un’altra precisazione. Non giustifico nel modo più assoluto l’infibulazione! Trovo che sia una barbarie senza” se” e senza “ma” e soprattutto che sia una di quelle usanze che per qualsiasi motivo su suolo italiano debbano essere vietate. Ma a proposito del discorso della libertà di scelta, vorrei toccare un altro argomento. Come tutti sappiamo l’Arabia Saudita è una monarchia in cui è professata una forma barbara d’islàm, assolutamente intollerante (uso il termine “tolleranza” perché da quel Governo pretendere “accettazione” e “comprensione” è totalmente utopistico) delle libertà personali e che discrimina fortemente (a volere usare eufemismi) chiunque volesse professare la fede cristiana (per non parlare quella di altre religioni). Io mi chiedo, ma perché questo Stato non rientra nell’asse del terrore? Perché questo Stato che in termini di illiberalità se la gioca con l’Iraq di Saddam Husseyn è un “nostro” amico (mio no di certo)? Non trovi che questo sia ipocrita? Capisco che magari Al Qaeda non sia finanziata dalla famiglia saudita (odiatissima da Bin Laden), ma è comunque uno Stato che ha dimostrato (e dimostra) di odiare il cristianesimo e l’“Occidente”. Perché questa ipocrisia? Perché questa gravissima duplicità? Ma come si può chiamare “amico” uno Stato che sbatte in galera i tuoi cittadini se osano pregare cristianamente nell’intimità delle loro case (pretendere delle chiese è troppo)? Il rigore lo si deve esigere da tutti. Capisco benissimo il rispetto delle leggi interne di uno Stato sovrano (come ho detto nel mio precedente intervento), ma non concepisco questo tipo di amicizia. Se questi sono i nostri amici, figuriamoci chi sono i nostri nemici allora! In nome di ciò in cui credo sono il primo a dire che l’islàm non è nemico dell’Europa, né del cristianesimo e nemmeno della democrazia (vedere Turchia), ma allo stesso tempo non posso non condannare fanatiche monarchia assolute che vessano i NOSTRI cittadini! Perché il difensore dell’Occidente, Bush, è sempre a braccetto con i sauditi ma bombarda l’Iraq nel quale il cristianesimo era riconosciuto? Io un’ideuzza la avrei, ma se qualche buon samaritano me lo volesse razionalmente e moralmente spiegare ne sarei lieto.
Sono d’accordo anche sul fatto che molto spesso non vi sia una reale amalgama tra immigrati ed indigeni e che trovo tutto ciò molto triste. Però se le comunità di stranieri rispettano la legge ad un certo punto va bene così (anche se lo trovo triste, lo ammetto in tutta serenità).
Ah, Ah, ah! Capisco la battutta sulla Prestigiacomo, non ti ho frainteso! Mi sembra che quanto dici vada a completare quanto non ho approfondito io. L’uomo sfrutta la donna, ma è altrettanto vero che in una maniera o nell’altra ella si lascia sfruttare. Ovviamente intendo “uomo” e “donna” in senso lato, intendano bene iI lettori che non sto accusando tutti i maschi di essere “ignoranti sfruttatori” e le femmine “meretrici compiacenti”. Il discorso è lungo ed andrebbe affrontato in sede più idonea. Mi soffermo solo sul fatto che la mentalità della gente non può essere cambiata in due secondi, ma che comunque la politica qualcosa potrebbe fare. Confermo l’agghiacciante aneddoto che riporti sul colloquio pre-assunzione. A dire il vero ho anche sentito di contratti tra le cui clausule vi era l’esplicito divieto di procreare nell’arco di un determinato periodo di tempo. Non dico di avere la soluzione in mano (anche perché se io la avessi non cambierebbe niente perché io sono l’ultimo degli ultimi, quindi…), però chi di dovere (il Parlamento) avrebbe tutti gli strumenti per operare in questo campo…Credo che l’Italia sia terribilmente in ritardo. Il vero problema non è secondo me il maschilismo (o solo il maschilismo) che è pur presente. Dobbiamo tenere presente che la società attuale viene da secoli di predominio totale del sesso maschile. Pertanto, a parte qualche nostro compagno di sesso più “illuminato”, sarà ben difficile che la doverosa parità effettiva possa provenire dalla casta sessuale dominante. Chi è disposto a cedere il potere così? Più donne (la maggior parte delle quali, secondo me, dorme e non lotta veramente per i loro doverosi diritti) entrano in gioco, meno posti di potere rimangono accessibili agli uomini.
Mi chiedi di chi sia la colpa? Mah, è molto complicato come discorso. Per darti un abbozzo di risposta credo che indubbiamente sia come dici tu (capitalismo selvaggio e relativismo antinaturale), ma che i fattori siano anche altri. C’è un preoccupante processo di spersonalizzazione materialistica in atto nel mondo odierno che trova le sue radici già nel secolo scorso. Un male subdolo e trasversale che ha saputo contagiare più settori della società, anche agli antipodi ideologici. Perché se da un lato abbiamo avuto un’ideologia aziendale volta a fare di tutti i lavoratori degli yuppie prestanti carichi di abnegazione per la ditta, dall’altro abbiamo avuto un “operaismo” materialistico che vedeva la dignità dell’uomo solo nel suo essere un lavoratore calato in una lotta di classe. Due visioni antitetiche sul piano sociale, ma pericolosamente simili dal punto di vista umano e spirituale. Lo stesso vale anche parlando da un punto di vista più propriamente politico: sarò pedante, sarò monocorde, ma l’imbarbarimento culturale ed umano c’è. Poche palle. Senza essere no-global e senza vedere complotti ovunque non posso non rilevare un progetto chiaro di diseducazione popolare messo in atto dalla classe politica (accusa bipartisan, faccio notare). La riforma Berlinguer è stata oggettivamente una merda. Lo dice uno che non ha assolutamente simpatie di destra e che ha avuto la sfortuna di beccarsela tanto al Liceo quanto all’Università. Si è resa la scuola italiana (già carente secondo i miei parametrici romantici ed utopistici) una pallida imitazione di quella statunitense, ove il nozionismo impera. Questo a mio avviso è un caso di spersonalizzazione della nostra (in questo caso italiana) civiltà. Si è reso l’esame di maturità una possibile zavorra per chi in cinque anni ha lavorato duramente ed una possibile mano vincente per chi in cinque anni non ha combinato niente. Nell’Università, in preda a complessi d’inferiorità nei confronti degli altri Paesi europei (magari giustificata, non lo metto in dubbio!!!) si è cercato di sopperire alla lentezza degli studenti con una riforma tipicamente all’italiana. “Il tuo corso dura 4 anni ma tu ti laurei in 7? Lo riduco di un anno, ci tolgo qualche esame, e così se sarai sempre fuori corso risalterà di meno!”. Ne ho parlato con qualche studente e qualche professore (tutti di sinistra, anche estrema, quindi non passibili di accuse ideologiche). Beh, la pensano tutti allo stesso modo. Discorso analogo per bienni post-laurea (parlo per la Facoltà di Storia): dopo la Laurea il nulla. Ma che cosa c’entra questo con il divieto di fare figli alle donne lavoratrici? Magari niente, ma secondo me i vari tasselli componenti la società (e, mi spingo oltre, la vita) non vanno analizzati per compartimenti stagni. Quello che voglio dire è che non mi stupisco che se si tende a dare un’educazione sempre più settoriale ed approsimativa, sempre meno “rinascimentale”, impoverendo così umanamente e spiritualmente un individuo, si vada poi a renderlo passibile di fenomeni come il “mobbing” et similia.
Non sono d’accordo sul fatto che la donna dovrebbe farsi rispettare per il suo ruolo di genitrice. La donna e l’uomo devono essere rispettati in quanto esseri umani. L’avere figli o meno, l’essere cristiani o atei, di destra o di sinistra sono sovrastrutture (perdona il termine hegelian-marxista) che non vanno ad inficiare o a valorizzare in senso assoluto l’oggettivo bisogno di rispetto. A prescindere dalle differenze evolutive che ci portano a scegliere o meno di sviluppare inclinazioni politiche, sociali, culturali, sessuali e culturali di un tipo piuttosto che di un altro, l’essere umano è un bene in quanto tale (insegnamento da memorizzare sia se mossi o meno da afflatto mistico) e da tutelare. Credo che il più grosso male del mondo attuale sia il non tenerlo presente (non sto dicendo essere il tuo caso, sia ben chiaro).
Per par condicio vorrei però sottilineare una discriminazione di cui invece è vittima l’uomo. Infatti è sempre molto difficile pensare a lui nel rapporto con i figli in maniera paritaria rispetto alla donna. L’uomo è un genitore di serie B. Ammettendo senza problemi che se la sia cercata, relegando per secoli la propria figura nella familia unicamente al ruolo di quello che porta i soldi a casa, vorrei far notare come il rapporto maschile con la paternità sia cambiato ultimamente. In giro si vedono dei padri meravigliosi (c’è un mio amico che è davvero adorabile). Perché non iniziamo, noi uomini, a far capire che anche noi sappiamo amare ed educare?
P.S.Ma questa è diventato una conversazione a due?

il 16 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

A parte che per leggere gli ultimi commenti di Alessandro e Bubbidolo ci voglia mezza giornata e certamente non si possa discutere la loro indubbia capacità di scrivere libri, volevo (ben più brevemente e semplicemente) dire la mia: trovo sbagliato criticare Calderoli e tantomeno la Fallaci, perchè mi sembrano tra i pochi italiani che abbiano le palle di dire veramente come stanno le cose (anche se Calderoli per i problemi interni prevede misure troppo drastiche, tipo la secessione) e di rivoltarsi al "buonismo" che sta dilagando sempre di più in Europa (io credo per paura di farsi riconoscere come nuovi fascisti). Volevo aggiungere che far diventare l'Italia una società multiculturale (cosa quasi riuscita) non è per niente la soluzione ai problemi del mondo in quanto se è vero che l'80 per cento della popolazione mondiale vive sotto la soglia di povertà (cioè 4 miliardi e ottocento milioni circa) è altrettanto vero che in Italia non c'è posto per tutti visto che stiamo già stretti in 60 milioni. Si parla di far più posto agli extracomunitari, di essere più tolleranti all'immigrazione clandestina, ma se questo non è per niente un modo per aiutare il mondo a migliorare allora è solo uno sfruttamento di risorse umane, che innegabilmente ci si stà riversando contro e probabilmente ci metterà in condizioni così critiche da non poter più aiutare neppure noi stessi, non il resto del mondo.
Accidenti mi sono allungato anch'io... he he ciao
Manara Marco

il 16 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Vi invito a leggere l'articolo alla seguente pagina web "http://www.tgcom.it/mondo/articoli/articolo270500.shtml".
Poi voglio vedere se avete ancora il coraggio di dire che l'Islam è una religione che ha le stesse caratteristiche del Cattolicesimo. Spero che riusciate a leggerlo tutti prima che qualche furbone di sinistra abbia la bella idea di censurarlo (in tal caso scrivetemi cliccando sul mio nome sopra che ve ne invierò una copia). E sono anche molto curioso di vedere come riuscirete a scusare tale evidente odio contro le altre religioni e culture. E, sempre dopo aver letto, dite ancora che non tutti gli Islamici sono uguali, dite ancora che sareste contenti che ci fossero in Italia più Islamici per contrastare i Cristiani se ne avete il coraggio. Parlate ancora di Islam moderato e che Al Qaida è solo un gruppo isolato di estremisti. Attendo risposte con impazienza. Manara Marco

il 17 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
claudio ha scritto:

Non si può andare avanti cosi, bisogna espellerli tutti e abbattere le moschee come hanno fatto loro con le nostre chiese a Costantinopoli (chiamata ora Istambul). Ci hanno dichiarato guerra apertamente e noi non li ascoltiamo e anzi, li aiutiamo. Il giorno che la Turchia, la Tunisia, l'Iraq, l'Iran, il Marocco e tutti gli stati Islamici avranno chiese cristiane almeno nelle loro città più importanti potremmo riparlare di dialogo convivenza, fino ad allora rispondiamo al fuoco... Guerra!!!

il 17 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
tonii ha scritto:

vedo che in italia i bifolchi cristianeggianti contiunuano a prosperare...
chissa' quali frustrazioni devono subire nella loro vita per vantarsi cosi' della loro ignoranza.

il 17 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
gerry ha scritto:

"Cristianeggianti" non Cristiani, bravo Tonii.
In realtà stanno mettendo Gesù Cristo un'altra volte in croce.
Loro magari ammettono persino candidamente di non essere cristiani ma sono convinti che i valori della nostra civiltà cristiana vanno difesi con la spada!!
Ridicoli, dicano chiaramente che vogliono difendere con le armi i valori dell'occidente liberale e democratico ma la smettano di tirare in ballo il cristianesimo, che con le armi, l'intolleranza e la xenofobia centra come i cavoli a merenda.

Il problema "terrorismo" evidentemente esiste e non va minimizzato. Al mondo ci sono, o ci sono sempre state, frange estreme e violente di diversa estrazione culturale e politica (non solo islamica) che vanno combattute sia sul piano repressivo, che su quello politico culturale.
E, dirò di più, mi sembra giusto non limitarsi ad arrestare chi prepara attentati ma anche chi pubblicamente esorta all'odio e alla violenza (si chiama apologia di reato). Però va fatto su entrambi i fronti.
Andrebbero cioè arrestati e condannati non solo quelli che esortano agli attentati in nome dell'islam, ma anche quelli che esortano ad atti di odio verso gli immigrati islamici (...).

Non bisogna comunque condannare in toto una cultura o una ideologia politico-culturale solo per l'esistenza di frange estreme (che spesso "deviano" o reinterpretano a modo loro gli insegnamenti o la dottrina alla quale dicono di ispirarsi).
Io non me la sento, per esempio, anche se le considero grandi vergogne, di condannare il Cristianesimo perchè ci sono state le crociate, i roghi della santa inquisizione, ecc. Il mio giudizio negativo lo posso dare su alcuni cristiani (o che si dichiarano tali) ma non lo darei mai sulla religione in se.

E poi smettiamola, per favore, di farci condizionare da questi mass-media, da questa manovra di drammatizzazione che porta inevitabilmente alla xenofobia ..... andrebbe anche visto il rapporto personale con la gente comune.
Con alcuni islamici possono esserci problemi perchè vengono da Paesi con una certa cultura, con altri invece il rapporto è più tranquillo e di reciproca comprensione. Il problema a ben vedere non è l'Islam in se ma, ripeto, alcuni atteggiamenti culturali, ignoranza, ecc. ecc.
[E qui si aprirebbe un discorso molto lungo sulle difficoltà di integrazione, sulle politiche opportune per favorire una civile convivenza, sull'opportunità o meno di limitare i flussi migratori, ecc. ecc.].
Ma questa gente che qui incita alla guerra santa contro l'Islam .... ha mai parlato con qualche immigrato musulmano??
Bo, io si, e ho notato che a molti non può fregar di meno di tutte queste nostre discussioni, son qui per la pagnotta, vogliono star tranquilli, mantenere la loro famiglia, comprarsi la macchina, farsi i cazzi loro (tra i quali pregare in Moschea) .... in questo sembrano proprio molto simili alla maggioranza dei nostri concittadini.
Poi ci sono anche criminali e sbandati di ogni genere ma quelli rientrano nel problema più generale di immigrazione, povertà, ecc. ecc. Non sono solo gli islamici per intenderci.

il 17 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Senti Tonii, bifolco laicizzante filoislamico, l'hai letto o no l'articolo che ho consigliato. Ivece di insultare perchè non provi a ribattere sul discorso e dimostri che la mia è veramente ignoranza e non realtà dei fatti? Io ho solo espresso la mia opinione, non vedo perchè devi insultare gratuitamente, senza poi avere uno straccetto di prova che quello che gli altri dicono sia solo una buffonata come te insinui. Posso capire che un ateo o anticlericale sia contro le regole morali Cristiane, ma se te preferisci vivere libero dai bifolchi cristianeggianti basta che emigri in qualche stato mussulmano; poi da li scrivici ancora parlandoci delle nostre frustrazioni e della tua nuova libertà acquistata!!! Io di certo preferisco uno stato di bifolchi cristianeggianti che di terroristi islamici. La prossima volta cerca di dire qualcosa di sensato. ciao

il 17 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Veramente le Crociate non sono state per niente un errore, ma se vi studiaste meglio la questione le crociate non sono state che una difesa contro l'offensiva Islamica. Ad esempio perchè si è dovuta fare una crociata in Spagna? che ci facevano li i pacifisti liberali e aggiungerei democratici che vogliono solo la pagnotta?
Poi guardate che nessuno a detto che bisogna andare in Afganistan a scatenare altre guerre, anzi se loro piace così tanto la loro situazione che se la tengano, ma io di certo no la voglio in casa mia. Comunque ho parlato ancora con Islamici, lavoro tutti i giorni con un albanese che come dici tè non gliene frega niente dei nostri discorsi e gli dò pure una casa dove stare gratis, ma fai attenzione che alcuni popoli dell'est europa sono stati Islamicizzati solo dopo le invasioni Islamiche del medioevo e quindi non hanno una forte cultura in questo senso, infatti la maggioranza neanche prega. La cosa più importante è che non capisco come fate a parlare di ignoranza, ditemi voi la realtà dei fatti allora...se sono su questo forum significa che mi informo sulla questione un pò ovunque, non solo sul sito della Lega (come qualcuno potrebbe pensare) e confermo che non stà parlando l'ignoranza, ma la realtà dei fatti e il coraggio di metterla in luce, cosa che non mi sembra voi abbiate.

il 17 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

volevo dire l'ultima cosa facendo un paragone: perchè con i Buddisti conviviamo tranquillamente? Perchè nonostante i campi di concentramento e quello che è successo col nazismo gli ebrei non ci minacciano con attentati? se vi prendeste la briga di leggere quest'articolo "http://www.tgcom.it/mondo/articoli/articolo270500.shtml", capireste che il Corano insegna che il mondo deve essere Islamicizzato, non esiste il dialogo. Non sto dicendo che bisogna ucciderli tutti come avrebbe fatto Hitler ma che bisogna prendere delle misure per difendersi da questa invasione oggi incontrollata, fare cioè qualcosa per difendere i valori dell'occidente democratico e liberale e pure quelli Cristiani che sono intrinsechi nella nostra cultura ed è giusto che non vengano dimenticati (poi io sono Cattolico praticante e non penso proprio di mettere Gesu in croce). ciao

il 17 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
gerry ha scritto:

Marco: "Perchè con i Buddisti conviviamo tranquillamente?"
.... vai a raccontarlo alle minoranze cattoliche dello Sri Lanka:
vedi qui:
http://www.fides.org/ita/approfondire/2004/srilanka_140204.html#s7
con titoli del tipo "Brucia la terza chiesa cattolica in pochi giorni: escalation del fanatismo buddista".
Guarda se vuoi incitare alla xenofobia, al sospetto e all'odio per chi è diverso da te troverai sempre qualcuno pronto a seguirti.
Il "fondamentalismo" purtroppo è il peggior male delle religioni, ne ha inquinato il vero messaggio e lo spirito di pace che le pervade.
Per "Fare qualcosa per difendere i valori dell'occidente democratico e liberale e pure quelli Cristiani" bisognerebbe come prima cosa andare a fondo di questi valori, che implicano tolleranza, amore per il prossimo (specialmente per i più deboli), regole di convivenza.
Se mi dici di dar forza a questi valori, allora andiamo d'accordo. Li ribadiamo e stoppiamo tutti i fanatici, di ogni segno religioso, imponiamo loro di adeguarsi, di rispettarli (e magari anche di limitare certe manifestazioni al privato, senza pretendere che la società si adegui alle loro idee, spesso un po' troppo repressive).
Se mi dici invece, come mi sembra fai tu e come fanno la Fallaci e altri, che dobbiamo far di tutta un'erba un fascio e che gli islamici sono il nuovo nemico da demonizzare, da scacciare, a cui impedire l'esercizio di propri riti e tradizioni (ove compatibili, ovvio, con le nostre leggi) ..... allora non andiamo più d'accordo.
Ripeto se si tratta di impedirgli di imporre certe loro idee retrograde, mi sta bene, come mi sta bene di impedirlo a qualunque altra religione, setta o movimento politico.
La mia è intesa comunque una battaglia politica contro idee, usi, abitudini, preconcetti che non condivido, che vanno banditi, mai invece una battaglia contro una fede, una etnia o della gente che proviene da una certa area geografica.
Personalmente, tanto per fare un esempio, non sopporto ne il cattolico ne il musulmano che discriminano l'omosessuale. E non mi importa se chi lo fa è cattolico o musulmano, commette comunque un atto deprecabile .... allora si modernizzi, reinterpreti la sua religione, la sua fede, si ponga in u'ottica di rispetto e amore per il suo prossimo.
Ci sono segnali di fondamentalismo e oscurantismo da molte parti, non solo dall'Islam, anche se effettivamente è quest'ultima l'area geografico-politica dove al momento si sconta la maggior rigidità ed arretratezza.
Però, lo ripeto, è un dato storico, non una questione "scontata" di civiltà. Ci sono paesi musulmani che stanno lentamente uscendo da un certo tipo di mentalità medioevale.
Il mondo si sta "globalizzando" ci piaccia o no e sta a noi, alla nostra capacità di evidenziare e valorizzare gli aspetti migliori della nostra cultura occidentale, fare in modo che diventino parte integrante e basilare di quello che sarà il mondo futuro, inevitabilmente un mix tra le culture e le idee delle diverse civiltà che ora lo compongono.
Se invece rifiutiamo il diverso e ci arrocchiamo su vecchie idee e preconcetti ... probabilmente verremo tagliati fuori .... saremo inevitabilmente perdenti e trionferà il peggio, cioè i vari fondamentalismi siano essi cristiani, islamici o buddisti.

il 18 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Ti rispondo una cosa per volta:
io non sto per niente incitando alla xenofobia e all'odio ma sto incitando alla difesa (la violenza e l'odio sono loro che lo stanno incitando e ti riporto ad esempio all'articolo da me più volte scritto nel forum).
La parte dei più deboli la stiamo facendo noi che siamo la maggioranza, io l'amore per il prossimo ce l'ho eccome (sono anche attivista dell'Unicef, e devolvo tutti gli anni una somma che non rivelerò), ma stai sbagliando se credi che facendo entrare chiunque equivalga ad aiutare i bisognosi del mondo(come ho scritto sopra siamo già stretti in 60 milioni e le persone bisognose sono quasi 5 miliardi, quindi l'unico e vero aiuto che possiamo dargli è quello di aiutarli a casa loro, cercando di convincerli ad adottare la democrazia ecc). Quando dici che bisogna stoppare tutti i fanatici equivale a dire che bisogna stopparli tutti perchè il corano non accetta il moderatismo, solamente come ho già detto alcune nazioni sono state solo soggiogate dall'Islam, quindi molti pur dicendo di essere islamici (perchè questo gli impone lo stato) non gliene frega niente, come fanno molti italiani per il cristianesimo. Quando dici che dobbiamo imporre loro di adeguarsi dici una fesseria, perchè il corano dice che non ci si adegua alle leggi e alle altre religioni, ma queste devono essere dominate (io il corano l'ho letto quasi tutto anche se non potrebbe essere tradotto) ed è esattamente quello che stà succedendo, cioè noi che ci stiamo adeguando, vedi le scuole che prendono dei "traduttori maschi" perchè gli studenti rifiutano di parlare alle donne, alcune classi che stanno dividendo le aule per sesso, in alcune scuole non si insegna più la divina commedia, sui documenti sia donne che unomini vengono fotografati con copricapo che non lasciano vedere quasi niente, e io le ho viste e lo posso testimoniare (provaci te a mettere sulla carta d'identità la tua foto col berrettino), altri che non pagano tasse perchè per loro è come derubarli (un mio vicino di casa marocchino deve 16 mila euro all'affittuario che grazie al tribunale non può sloggiarlo e sempre lo stesso deve circa 50 mila euro allo stato solo per la multe prese con la macchina, che ancora adopera senza problemi, senza pagare assicurazione ne bollo, non dite che non è vero perchè ne vedo tutti i giorni); poi sul fatto di togliere le croci, l'ora di religione ecc non parliamo, anche se per qualcuno fosse giusto visti gli atei ecc non vedo perchè debbano essere loro a dircelo (vai tè in Afganistan e imponigli di togliere lo studio del corano dalle scuole, che oltretutto è l'UNICA materia studiata). Per quanto riguarda il dominio dei fondamentalismi cristiani, non mi sembra che 10 anni fà ne eravamo succubi, anzi abbiamo diviso le leggi dalla religione, mentre per l'islam non esiste uno stato non teocratico, non esiste dividere queste due cose, loro rispettano le leggi del corano e basta. In realtà io ho tutto il rispetto per loro, se credono che questo sia giusto che lo facciano pure, comunque se un mussulmano avesse bisogno di aiuto, io sarò sempre disponibile ad aiutarlo (come già detto sono cattolico praticante ho anche doveri, non solo diritti come la maggioranza degli italiani), ma questo non vuol dire che mi farò sottomettere, non cambierò le mie usanze per loro, questo no non lo accetto. E visto che l'integrazione non è che una farsa (datemi delle prove contro) non vedo altre soluzioni di prendere le distanze a continuare ad aiutare a distanza

il 18 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Dimenticavo: per i buddisti hai ragione, peggio ancora. Non sapevo dello Sri-Lanka. Comunque resto dell'idea che siano meno aggressivi di altri... dovrò informarmi meglio su questo. ciao

il 19 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Antonio ha scritto:

Vi sono in alcuni soggetti degli integralisti, pressochè in tutte le religioni. Buddisti, Cattolici e così via. Ma essi rappresentano l'eccezzione, non la norma. Nell'Islam il fanatismo è la norma, per quanto la sinistra si dichiari filoislamica (lo ha fatto di recente, quando non avevamo nemmeno finito di contare i nostri morti a Sharm). E'un momento di crisi mondiale molto forte questo e Prodi e compagni per accaparrarsi voti ineggiano alla sciocchezza sull'Islam moderato. Inutile girarci attorno, non esiste Islam moderato.
Certo, questo non significa che essere nato in un paese arabo equivalga ad essere un terrorista, nè che non vi siano esigui gruppi di soggetti sedicenti islamici non violenti, ma per ossimoro sono loro i "non Islamici", non i terroristi che odiano anch'essi.
Leggetevi il Corano. Completamente. C'è scritto tutto là dentro. Compresi i diversi ineggiamenti alla repressione, la violenza e l'omicidio del miscredente. Non è possibile interpretarle in altri modi a differenza degli altri testi religiosi. Quindi, concordo con chi dice che un marocchino non è necessariamente un terrorista. Ma sottolineo il fatto che l'Islam sia la negazione di ogni progresso in qualsiasi campo: scientifico, tecnologico, di costume e via dicendo, una prova è il fatto che prima dell'arrivo dell'Islam in alcune zone fiorivano le grandi civiltà del passato, quella egizia, quella mesopotamica e via dicendo e con l'arrivo dell'Islam si è fermato tutto.
Non si può quindi avere la faccia tosta di dare colpe all'"occidente che li affama" (luogo comune tanto caro alla sinistra dei "comunpacifisti"), quando i leader di quei paesi non sono meno ricchi dei grandi leader occidentali e il materiale bellico più costoso non manca. Ma i loro leader vogliono far vivere quei popoli nell'ignoranza e l'Islam è lo strumento per eccellenza per sottomettere (Islam=mi sottometto) e far vivere un popolo nella più bieca arretratezza e ignoranza. Questo non deve accadere anche da noi, dove l'Islam con metodi più o meno pirotecnici stà cercando la colonizzazione dell'Occidente.

il 20 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro Tremaroli ha scritto:

Ciao, Marco. Ho letto l'articolo da te consigliato. Scusa, ma non ho ben capito per quale motivo sarei dovuto rimanere fulminato sulla via di Damasco (tanto per restare in tema). Un coglione fonda un giornale di merda in cui inneggia alla guerriglia islamista ed allora io dovrei temere l'islàm? Scusa, sarò tardo, ma non afferro...

il 21 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro Tremaroli ha scritto:

Ciao, Marco volevo dirti altre tre cose. Contrariamente a quanto si possa credere anche la storia del buddismo - religione che mi è molto simpatica - è stata macchiata dal sangue. Casi di intolleranza sono stati presenti, onestamente non so con quanta frequenza, però anche il messaggio di amore e pace di Gautama è stato infangato (gli uomini sono sempre uomini, che siano arabi, cinesi o italiani non c'è differenza).
In secondo luogo vorrei farti notare che se uno è ateo o agnostico non è detto che sia necessariamente privo di valori morali e che disprezzi quelli cristiani (tra l'altro parli di religione "cattolica". Il cristianesimo è una religione, il cattolicesimo una sua confessione).
Terzo e la finisco: è vero i miei interventi sono lunghi e pedanti, ma ho il difetto di non volere insultare nessuno e di argomentare il più possibile le mie idee. Non mi piace vendere fumo.
Ciao

il 22 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Alessandro, sulla lunghezza dei tuoi interventi hai ragione, fai bene, era solo una battutina, comunque non ho mai detto che hai insultato nessuno. Sulla questione che anche gli atei possano odiare la religione concordo, tutti hanno il diritto di amare o no una religione, la cosa grave è quando qualcuno di qualche altro credo (o ateo) cerca di imporre qualcosa agli altri: per esempio la storia dei crocifissi, i quali appesi nei luoghi pubblici danno fastidio sia agli atei che ai mussulmani che ai buddisti ecc, ma come noto sono gli islamici che si battono perchè questi siano tolti e allora mi chiedo con che diritto, perchè gli atei italiani più o meno li tollerano (almeno loro il diritto lo avrebbero, visto che l'Italia è tanto loro quanto mia), i buddisti non si sono mai permessi di dire niente mentre gli Islamici si sono imposti e ancora si stanno battendo per toglierlo, giudicando il crocifisso un cadaverino appeso a due legnetti? Non capisco proprio che diritto hanno loro più degli altri, visto che credo mai nessun italiano o cristiano sia andato in Afganistan a fare "guerra" al corano nelle scuole ecc.
La cosa più importante che io non capisco è perchè la sinistra italiana che tanto si è battuta contro le imposizioni del cristianesimo degli anni passati (che a confronto di quelle dell'Islam sono rose e fiori) e ora si battono a favore di quelle Islamiche, che se lo ignorate vi ricordo che è una religione filonazista e non certo una religione comunista, non pochi nazisti erano favorevoli all'islam (diciamo pure tutti, chi più chi meno), perfino Mussolini che anche se non filoislamico era loro alleato (ricordo la spada d'oro donatagli dagli islamici), non lo erano certo i comunisti Russi o cinesi...
Altra cosa che non capisco è perchè la gente non si accorge che aprire le frontiere non è il modo di aiutare chi ha bisogno di aiuto (ripeto per la terza volta che nel mondo 4,8 miliardi di persone vivono sotto la soglia di povertà e bisogna aiutarle tutte, ma tutte in Italia non ci stanno!!!), che un paese ha bisogno di valori, ha bisogno di riscoprire la proprie radici per esistere, non si può vivere nel caos dove tutti pretendono diritti su diritti senza avere la benchè minima idea di avere dei doveri. Ad esempio oggi ho letto su tgcom che a Padova in un quartiere Islamizzato un centinaio di marocchini non hanno gradito la perquisizione dell'appartamento di un loro connazionale (dove per giunta sono stati trovati oggetti per tagliare droga, merce rubata ecc) e hanno aggredito la polizia provocando ferite agli agenti. Quanti arrestati vi chiederete? Nessuno!!!!!!!! Se non è impadronirsi di un posto questo!!! Cattiveria mia: probabilmente l'appartamento perquisito era di proprietà dello stato visto che ormai a differenza dei contributi sugli immobili agli italiani che sono sempre più scarsi, le case regalate agli immigrati sono sempre più numerose.
Per quanto riguarda l'articolo, se non hai capito la gravità della situazione, il fatto non è tanto che un "coglione lo scriva", ma che milioni di "coglioni" lo leggono e ne sono d'accordo e nessuno è contrario, e ancora più grave che i milioni di "coglioni" stanno proprio nella Turchia che vuole entrare in europa. Hai mai sentito per esempio un Islamico che condanna gli attentati?? Io no, eppure ne conosco tanti, e a molti ho chiesto cosa ne pensavano... la risposta (magari sono sfortunato e ho trovato solo la minoranza estremista) è stata pressochè unanime: "è un lagittimo mezzo di difesa contro gli invasori infedeli". Io di moderati nel mio piccolissimo sondaggio (circa una decina di casi certo, forse non valgono come media) non ne ho trovati, provate voi e poi sappiatemi dire, magari riuscirete a smentirmi, almeno lo spero (anche se dubito). Io spero veramente che abbiate ragione, che l'Islam moderato esista, (forse nei marocchini che hanno aggredito la polizia oggi???) ma almeno so che quando le cose diventeranno talmente evidenti da far ricredere anche il più illuso buonista, gli italiani ormai abituati ad avere solo diritti inizieranno a ribellarsi alla sottomissione imposta dall'Islam (come dice Antonio Islam=sottomissione) che purtroppo, che ti piaccia o no, sta gia avendo luogo.
ciao

il 22 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Luca ha scritto:

x Marco

Dopo che ho letto il tuo post mi è rimasta soprattutto la paura, ma non dei musulmani che, oggi come oggi, vengono visti come l’uomo nero dei bambini piccoli, ma di gente che si professa ariano protettore della razza della religione e della patria e gira per strada libero di fare ciò che vuole, mi spiego meglio, chiunque sia cosi pieno di dogmi e di rabbia è una persona pericolosa. (con questo non sto dicendo che tu sia un naziskin, perciò non ti offendere). Secondo la mia opinione il tuo post è un crogiuolo di luoghi comuni assolutamente non applicabili ad un miliardo di persone, tutti i tuoi esempi sulle persone musulmane sono negativi e stereotipati (non pagano le tasse? Ma sei italiano??? Se sei italiano devi fare finta di niente e cambiare discorso…). Parli di attentato alle croci senza menzionare che adel smith (unico esempio di musulmano che ha sparato minchiate solenni di questo genere) è uno dei pochi musulmani ITALIANI (ribadisco italiani!), il resto dei musulmani, quando hanno sentito la sparata, hanno subito pensato di essere licenziati o presi a bastonate. Tra l’altro, se pensi che adel smith stia attentando alla tua personale spiritualità cattolica sono cavoli tuoi e dovresti magari riflettere se la tua fede sia forte. L’articolo da te menzionato, che tra l’altro è stato pubblicato su “il giornale” testata di grande rettitudine e di rispetto per le civiltà, è stato ripreso duramente da tutta la stampa turca, e in ogni caso, pensi che il giornale di cui parlavi venga automaticamente comprato e letto da tutti i musulmani? O che tutti i musulmani siano d’accordo su ciò che vi viene pubblicato? Bhe, allora saresti uno gnocco… non ti rendi conto che tutto il mondo è paese, e come in Italia ci sono cristiani osservanti, fondamentalisti e non osservanti cosi nell’islam ci sono musulmani ortodossi fondamentalisti e non osservanti. (lo dico a ragion veduta dato che a Londra ho conosciuto e lavorato con molti di essi). Secondo me, è inutile tirare fuori facezie storiche sulle crociate o sulle shure coraniche di 1000 anni fa, ma si dovrebbe andare a verificare quali sono ORA le ragioni per cui ci sono delle persone che salgono sui boeing e si lanciano contro i grattacieli. Con questo non voglio dire che siano giustificabili simili atti (ci mancherebbe…) ma come uno psichiatra per capire e bloccare un serial killer deve comprendere quali sono le pulsioni e le ragioni profonde di un dato comportamento, cosi i vertici politici mondiali dovrebbero capire quali sono le ragioni del terrorismo (le hanno già capite da tempo, ma o sono collusi o non gli può fregare di meno).
E’ non venirmi a parlare di invasione dei musulmani, perché la verità e che se esistono gli immigrati e per questioni di mancanza di cibo nello stomaco e non di religione. Parlami della questione mediorientale, della guerra in Afganistan e in Iraq, della CIA e dei rapporti con osama. E lascia stare le minchiate solenni alla marcello pera e alla calderoni.

il 22 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Luca ha scritto:

x Marco

Rileggendo il post ti chiedo scusa per i toni forti, e intendevo che la stampa turca non ha ripreso duramente l'articolo del "il giornale", ma la testata giornalistica pro osama.

il 22 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

e che cavolo!! ma perchè i filoislamici hanno sempre da tirar fuori l'arianesimo, il moderatismo ecc? A parte che come già detto l'arianesimo Hitleriano è appoggiato dall'Islam sia di 1000 anni fa che quello di oggi e non da me, a parte che la mancanza di cibo, come già detto per 3 volte non è un buon motivo per far entrare chiunque (4.8 miliardi di persone soffrono mancanza di cibo bla bla bla ecc), a parte che non è il mio credo a sentirsi minacciato (sono praticante, vado tutte le domeniche a messa e a confessarmi ecc) ma le mie usanze e la mia sicurezza, a parte che non ho capito se intendevi parlare male o bene delle crociate (sappi che gli Islamici non avevano invaso solo la terra santa, ma anche la Spagna (liberata intorno al 1490, tutto l'est europa e il sud Italia divertendosi a tagliare teste e a spellare vivi gli abitanti che non si convertivano), a parte che se c'è uno contrario alla guerra in Iraq sono io (se vogliono vivere così buon per loro, diamogli aiuti umanitari, lasciamo che le donne siano lapidate ecc, se un popolo ha le sue usanze e stà bene come stà non vedo perchè andare a "liberarlo", anche perchè la campagna "petrolifera" di Bush non stà funzionando un gran che), perchè non provi a vedere come stanno veramente le cose invece di basarti sugli insegnamenti a senso unico della scuola italiana per la stragrande maggioranza di sinistra? Poverini qui, poverini la ecc... lascia stare le sparate alla Calderoli, ma perchè non chiedi a un qualsiasi carabiniere per esempio cosa fanno i tanto innocenti islamici, io ne ho parlato proprio sabato e nota che quando faccio i miei "sondaggini" li faccio a persone a caso con le quali mi capita di finire sull'argomento, non soltanto su estremisti islamici o estremisti "ariani". Comunque non mi sono offeso, stiamo solo esponendo ognuno le proprie opinioni. Dimenticavo: non penso di essere un pericoloso pieno di rabbia e dogmi, penso solo di essere uno che guarda la realtà per quel che è, cioè che al mondo non siamo tutti uguali, ogni popolo ha delle usanze diverse e se queste usanze cercano di imporcele a me non va molto bene... e non iniziate col darmi del razzista (anche perchè stò parlando di religione e non di razza) perchè un razzista ce l'ha con tutti quelli diversi da lui, mentre io stò solo accusando gli islamici di essere degli invasori che cercano di soggiogare il diverso (loro si che sono razzisti), di sopraffare e convertire tutti i cani infedeli (come è IMPOSTO dal Corano). A proposito avete letto qualcosa del Corano? Vi inviterei a farlo, ogni pagina è così intrisa di odio razziale che ci pensereste 2 volte prima di dare del razzista a me! Comunque, le ragioni per cui il terrorismo dilaga te le spiego io: i paesi islamici (a parte forse paesi come l'Albania che sono solo stati invasi già molto tempo fà dall'Islam e non sentono ancora un forte senso di appartenenza alla religione) sono stati teocratici, cioè dove la legge e la relizione sono una cosa sola. A scuola ad esempio le uniche materie concesse sono lo studio a memoria del Corano e la matematica. Questo fa sì che le persone (vedi più o meno quel che è successo durante fascismo e nazismo) sono plagiate, così convinte di essere nel giusto che si getterebbero nel fuoco per il primo imam farabutto che passa. Quello che c'è scritto sul Corano è legge, solo seguendo alla lettera il Corano si può vivere ed essere compensati dopo la morte, vedi quando Maometto dice alle donne che la loro intelligenza è la metà di quella degli uomini, che sono solo un utero da cui procreare e che come tali infedeli che quasi sicuramente andranno all'inferno devono essere trattate da schiave dagli uomini (e proprio così succede), oppure quando dice che non ci si piega agli infedeli, gli infedeli sono dei cani che devono essere ammaestrati e sottomessi (e proprio cosi stà succedenso, senza che la maggioranza di noi si accorga di niente) e per infedeli intende tutti i non islamici. L'arroganza degli infedeli Americani è vista come un affronto inaudito (non nego certo che gli americani siano arroganti), come un cane che si ribella al padrone, un cane da punire. Prima di ricominciare con le panzane del protettore della razza ecc, informatevi, chiedete l'opinione di un qualsiasi mussulmano (certo non tutti sono terroristi ma di sicuro non malediranno Bin Laden), anche dal povero operaio "bisognoso di pane" che paga (???) regolarmente le tasse (altro argomento di cui ho già parlato e a differenza di altri mi sono informato, sempre chiedendo a loro, che vedono le tasse un mezzo che lo stato occidentale ha per derubarli, non contributo che tutti devono pagare per la realizzazione di beni e servizi di pubblica utilità) o dal frequentatore di Moschee. Fin ora mi dispiace per i signori culturati di sinistra ma le mie modestissime domandine qua e la hanno avuto sempre esiti indegni di una persona che vive in uno stato democratico...

il 22 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Ultima cosa: non mi risulta che la stampa Turca abbia ripreso duramente il settimanale, anzi mi risulta che la abbastanza democratica Turchia abbia dato loro ampio spazio... neanche i non Islamici hanno protestato (sempre per quello che ne so io, se riuscite a smentirmi sono solo contento) e se vedi il numero di stampe fatte ti accorgerai che i lettori non sono proprio così pochini, anzi... non sai quanto sarei felice di sbagliarmi, che tutto quello che ho detto sia solo una cavolata, che tutti quelli da me "intervistati" abbiano solo scherzato prendendosi burlosamente gioco di me, che chi entra in Italia voglia veramente integrarsi e adattarsi alle nostre leggi (questo punto è il più in dubbio), che siano veramente un popolo che cerca lo scambio culturale e che non vedano solo la loro cultura come l'unica giusta (prima ho sbagliato, il punto più in dubbio è questo), che il Corano riesca ad accettare le mie idee (anche se da quello che so il Corano fino ad ora punti di vista opposti ai suoi non ne ha mai accettati) e che un giorno riusciremo a convivere pacificamente e magari perfino costruire una chiesa in Afganistan (questo punto non è tra i dubbiosi, di chiese in Afganistan possiamo proprio scordarcene). Spero che seguirete il mio consiglio ed inizierete ad informarvi veramente sulle cose, sappiate anche che seguire i telegiornali non vale come informazione essendo ormai diventati un mezzo di inoformazione finta, giornalisti che cercano lo scoop per cercare ascolti ad ogni costo ecc. (questa parte se volete non leggetela, vi racconterò una storiella: l'anno scorso avevo un cagnolino che a capod'anno è scappato per la paura dei botti. Per 3 giorni l'abbiamo cercato ovunque, chiedendo ai forestali, amici ecc e nota che vivo in un paese di 1000 abitanti dove tutti si conoscono. Il 3 giorno un forestale ci ha detto che il cane era in montagna morto, un aquila lo aveva ucciso e da ben 3 giorni i forestali ce l'hanno tenuto nascosto per poter fare filamti all'aquila che se lo mangiava. La notizia è stata pubblicata su giornali regionali ma anche sul corriere della sera e tutti hanno definito i forestali come degli eroi che hanno speso giorni con un notevole dispendio di energia per cercare un povero cagnolino disperso, un cagnolino che i padroni hanno incautamente lasciato incustodito creando poi difficoltà ai poveri forestali a cui tanto stava a cuore la creatura da buoni animalisti, cavolo è scappato dalla finestra del bagno arrampicandosi sulla lavatrice, mica l'ho fatto apposta a farlo scappare; con questo voglio solo dire come vengono distorte le notizie dai media ribadendo che questi non valgano come informazione. Avrei altri casi, forse centinaia visto che la mia ragazza ha lavorato per il telegiornale regionale, ma questo mi sembrava più adatto visto che è successo a me. fine parentesi che non centrava un tubo).
Ciao intanto

il 24 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro Tremaroli ha scritto:

Ciao, Marco. Non intendevo dire che tu mi avessi accusato di insultare qualcuno. Volevo solo prendere le distanze da chi in questo blog, da una parte o dall'altra, ceda a questa pratica (non tu!). Scusa il fraintendimento. A dire il vero io non ho detto che gli atei hanno il diritto di odiare una religione! Intendevo che non è detto che invece non possano trovare in essa spunti positivi a livello morale pur non approvandone la dimensione trascendente.
Io non metto in dubbio che la pubblicazione di quel giornale in Turchia sia un fatto grave, dico solo che non è ragionevole identificare questo avvenimento con l'islàm in toto. Sulla liason tra islàm e nazi-fascismo hai ragione (ma non dimentichiamoci che il Baath - partito laico - fu fondato grazie alla consulenza di nazisti tedeschi), ma ti dico anche che l'Europa e l'America sono state costellate di casi di catto-fascismo (serve citare i soliti Pinochet, Franco, Salazar e via discorrendo?). Devo quindi dedurre che l'insegnamento di Cristo fosse finalizzato a ciò? Direi proprio di no. Da socialdemocratico sinceramente non mene frega niente se gli islamici siano di simpatie fasciste o comuniste: affari loro. A me interessa che rispettono la legge. Quando non lo fanno sono il primo a non approvare. Sulle ambiguità della sinistra italiana ti do ragione, ma ti prego di non associare chiunque sia di sinistra con loro (così come io non associo chiunque sia di destra con Berlusconi).
Quanto dici sull'ispezione nel "quartiere marochino" è molto grave, hai perfettamente ragione. Vorrei però farti notare il parallelismo con quanto accaduto mesi fa quando furono arrestati dei mafiosetti a Napoli (mi pare, scusate l'imprecisione): tumulti in strada, aggressioni alla polizia. SI è fatto qualcosa contro i rivoltosi? Assolutamente no (a quanto ne so io, spero tanto di sbagliarmi). Questo per dire che credo sia una prassi comune (assai deprecabile) e non un "omaggio allo straniero".
Personalmente sono contrario alla presenza dei crocefissi nelle scuole e ti ringrazio per riconoscermi il diritto di protesta. Non concordo su quanto affermi sugli islàmici. Il "cadaverino" è tale solo per il mai troppo insultato Adel Smith, che tra parentesi è cittadino italiano quanto me e te. Per l'islàm - come ho già detto - Cristo è stato un sommo e rispettabile profeta, quindi per un vero islàmico il problema non si pone. Quindi da una parte abbiamo i cretini come Smith, dall'altra i cretini italiani. mi spiego. Nel Dicembre scorso era scoppiato il caso del Presepe e della canzoncina natalizia in cui si inneggiava a Gesù bambino. Beh, il caso era stato montato dagli insegnanti italiani! I genitori dei bambini musulmani non erano assolutamente toccati da questo! Però molta gente ha percepito questo avvenimento come "l'ennesimo attentato dell'islàm alla nostra civiltà"!
Il Corano non impone di convertire i "cani infedeli". Impone massimo rispetto verso ebrei e cristiani, intolleranza per tutti gli altri (come ho già detto nei miei lunghissimi e pedanti interventi). Non che questo mi piaccia, però è comunque una cosa diversa da quanto tu dici.
In molti Paesi islàmici le chiese non esistono. Hai ragione. Ma questa è una buona ragione per metterci allo stesso livello di quei governanti ignoranti? Ti faccio nuovamente notare (come ho già scritto) che gli USA (che tu non apprezzi, ma che purtroppo fanno il bello ed il cattivo tempo) intrattengono rapporti amichevoli con l'Arabia Saudita, Stato pioniere nella repressione cristiana. Non sarebbe l'ora di finirla con questa ipocrisia?

il 25 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Ciao.
Hai ragione su molte cose, quello che credo io però è semplicemente che se siamo già incasinati tra di noi non capisco perchè ci si ostini a far nascere in Italia sempre più comunità Islamiche (e non solo) sapendo benissimo che non c'è uno scopo preciso nel far avvenire ciò, sapendo già benissimo che l'immigrazione non aiuta certo i paesi del terzo mondo (se non liberarli da molti delinquenti, perchè secondo mè, ma potrei sbagliare su questo, quando una persona è molto valida, onesta e lavora bene, per quanto sia in miseria il suo paese un posto di lavoro lo trova) perchè sfido chiunque a dire che far entrare in Italia lo 0.3 per mille della popolazione terzomondista sia una soluzione ai problemi (il dato l'ho calcolato io a occhio sui 2-3 milioni di immigrati paragonati ai quasi 5 miliardi di poveri) e che tutto ciò crea solo caos e forse la felicità degli ingenui neopacifisti con le bandierine colorate (che come dimostrano ai G8 di pacifico hanno solo le bandiere, ma è un altro discorso). Se veramente vogliamo aiutare gli Islamici ad uscire dal loro stato di arretratezza culturale di sicuro quella che abbiamo intrapreso è una strada sbagliata, forse i metodi di Bush di far guerra in Iraq è migliore del nostro (guerra secondo mè sbagliatissima) visto che almeno la costituzione adesso ce l'hanno (se poi la rispetteranno non lo so); quello che bisogna fare è intraprendere si un dialogo, ma non con gli immigrati, ma con gli stati mussulmani cercando di convogliarli verso la democrazia. Su Bush è verissimo quel che dici, in America, come del resto anche in Italia (Tronchetti Provera proprio ieri insieme agli Arabi ha comperato il 55% delle azioni della Telecom Turca, anche se l'articolo che ho letto era scritto male e non ho capito un gran che), i furboni esistono eccome, vedi Bush per il petrolio (la sua paga di presidente daltronde è bassina, 200 mila dollari, cioè 180 mila euro circa, rispetto a un qualsiasi parlamentare italiano che si aggira intorno ai 250 mila più tutte le indennità, servizi gratis ecc, e quindi dovrà pur "mangiare" facendo funzionare le sue compagnie petrolifere che in maggior parte ha mandato in fallimento per sua incompetenza, vedi il film Farenaith 9/11 se non ricordo male il titolo)ma anche molti altri. Infatti io non ho mai difeso ne Bush ne i nostri parlamentari anche perchè credo che tra di loro di patriottici ce ne siano pochi. Anzi ti dirò una curiosità, sia Bush che Berlusconi che Bin Laden (la famiglia Bin Laden era in America l'11 settembre) sono dei "fratelli massoni", cioè legati dal "sacro" vincolo dell'esoterica massoneria (forse è un caso che le associazioni massoniche inizino sempre col nome "Grande Oriente di...", he he forse non centra niente, non so)e quindi mi sorge il dubbio sul perchè gli americano siano riusciti a catturare quasi subito il difesissimo e nascostissimo Saddam mentre di Bin Laden non ci siano tracce (e da quel che sò gli sforzi per rintracciarlo sono pochini nonostante il caro "Bin" non manchi di mostrare il suo bel muso barbuto in TV) e quindi se dici che sia ora di finirla con questa ipocrisia ti dico che l'ora è già venuta da minimo 30 anni. Ho sotto gli occhi un articolo titolato "ecco i soldati italiani del terrore" che dice che l"Associazione di solidarietà col popolo palestinese" ha creato 5 conti correnti nella BNL (conti attivi e regolari) per raccogliere fondi a favore della resistenza armata Irachena (terroristi) dove hanno già raccolto 350.000 dollari. Altra assurdità che cito a memoria quindi potrebbe contenere errori anche perchè al riguardo non sono molto informato: quando la Russia invase la Cecenia verso la fine degli anni 90 gli stessi americani stanziarono numerosi fondi e armamenti per l'allora "resistenza armata" che comprendeva anche forze militanti e non di altri paesi come l'Iraq e l'Afganistan ad esempio, e indovinate un pò con cosa ci sparano oggi le "resistenze armate" irachene? Con le armi che gli americani gli hanno fornito allora. Quindi come avrai capito non stò proprio dicendo che tutti gli occidentali sono angioletti e gli orientali sono demoni... ripeto solo che di casino ne abbiamo anche troppo noi senza aggiungerci quello degli immigrati (nelle carceri sono circa il 15% anche se godono come i mafiosi italiani di speciali immunità di cui spero tutti siano a conoscenza, se non credete a me chiedete a qualche carabiniere). Sul porci allo stesso livello dei loro governanti ignoranti ti dico di si, regalare senza pretendere è insegnato anche dal cristianesimo, ma la dignità e la giustizia sono un'altra cosa (anche perchè i nostri governanti non sono certo più intelligenti dei loro). Sul fatto che il corano impone rispetto al cristianesimo, non so proprio dove l'hai letto, forse dalle dichiarazioni di qualche Islamico, ma io di corano ne ho letto una buona parte e di frasi del genere proprio non ne ho trovate, anzi... Gesù è considerato un predecessore fallito di Maometto che è morto di raffreddore a 80 anni e Abramo un fondatore dell'Islam ma questo non mi sembra che implichi portare rispetto. Gli Imam predicano il congiungimento in matrimonio tra Islamici e Cristiani ma neanche questo mi sembra implichi rispetto visto che una volta sposati è impossibile per il cristiano mantenere la propria religione in quanto è obbligato a convertirsi e seguire le regole del corano.Tutte le frasi che ho trovato invece inneggiavano all'ODIO verso TUTTE le altre religioni, al SOTTOMETTERLE, al non piegarsi davanti a nessuna religione o cultura. Se mi dai un pò di tempo mi riprendo i versi (che non vedo da tempo ormai) e te ne porterò qualche esempio, se te riesci a trovarmi quelli che parlano di rispetto al cristianesimo tanto meglio...
ciao

il 28 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
glo ha scritto:

grande oriana....sei l' unica che ha il coraggio di esprimere le proprie opinioni in quanto tali e non modificate da pensieri religiosi, politici...tu, che hai sempre lottato per la verità, solo la tua vita stessa ne è la prova, ora vieni definita razzista,catastrofica,amica della chiesa(che poi non capisco dove sia il disonore), bigotta,fascista,xenofobica e tutti quegli aggettivi che non ti si addicono per niente perchè definiscono una persona che chiude gli occhi su una certa parte della realtà. certo che sono proprio forti quelli che ti accusano, proprio loro che si definiscono aperti alle altre culture non comprendono che stanno disintregando la loro in nome di un pluralismo ideologico che non può portare altro che la loro autodistruzione...prorio loro che ti attaccano perchè gli sbatti in faccia la realtà chiamandola col nome di bigottismo...proprio loro che fanno clamore se viene ucciso un presunto terrorista e poi non si pronunciano anzi non si fanno proprio sentire quando un certo regista di nome theo van gogh viene ammazzato perchè ha girato un cortometraggio contro la sottomissione delle donne nell' Islam...proprio loro che si chiarano contro la violenza e poi proteggono il terrorismo...loro che parlano d' integralismo cattolico e allora colme definirlo l' islam de non integralismo puro?ora loro ti dicono che sei catastrofica ma forse sono loro che la realtà non l' hanno mai provata ad osservare...loro pieni di controsensi vengono a sputare giudizi su di te, si preoccupano tanto di rigirare a loro modo le tue frasi estrapolandole dal contesto in cui vengono dette che non si accorgono che il nemico non sei te ma sono quelli che loro difendono: i terroristi...ISLAMICI.
come dici tu nell' articolo"il nemico che condideriamo amico" sia la destra che la sinistra ti ha messo alla gogna, ti hanno definito in tutte le maniere non accorgendosi che Cassandra quando gridava "troia brucia" aveva ragione...i troiani ne hanno pagato le conseguenze...speriamo che non sia così per l' italia...ma a volte la speranza illusoria porta alla ciecità come sta accadendo in italia...
d' altra parte non sei l' unica che hanno attaccato perchè ha detto la verità: basti pensare a ferrara, socci, il Papa, Scola, Castelli, CL e a tutti quelli che non sono filoterroriti...
il mio augurio più grande è che tu continui così perchè ci vogliono giornalisti che non fanno i voltagabbana...cerca sempre di combattere contro quelli che definiscono civiltà la barbaria parlando di scontro di civiltà

il 28 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Calderoli for president ha scritto:

L'Islam??? Cos'è stà roba, noi siamo la Padania, non abbiamo bisogno di essere invasi da questa manica di beduini che pregano culo all'aria e si fanno saltare per una religione da pirla!
Non fanno niente dalla mattina alla sera se non molestare ragazzine, rubare, spacciare ecc.
Cos'è una cultura quella di mettere il sacco dell'immondizia in testa alle donne? E' una cultura quella di lapidare, infibulare ecc?
Razza Piave forever

il 28 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
teox ha scritto:

La Fallaci solo x le palle che ha di dire le cose come stanno meriterebbe un monumento altro che le denunce (e ricordo a tutti gli ignoranti che la odiano di stare tranquilli: ha un grave tumore e presto morirà)

il 29 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

Strano, a me pare che gli ignoranti la amino parecchio invece... leghisti, fascisti... proprio un pubblico coi fiocchi si è costruita LOL

il 29 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Luca ha scritto:

HAHAHAHa razza piave??? Ma dai, ecco chi altro c'è tra i fans della fallaci. Dei poveri dementi che si sono inventati una razza, una cultura e una religione. Arrabbiati col marocchino morto di fame, anzichè con il politico della lega che (pagato da tutta l'Italia e non solo dai leghisti) trova in ministero il posto di lavoro ai figli e al cognato (o era il fratello? ora non ricordo...), gente che urla "Roma ladrona!" o "bruciamo il tricolore!" e poi dopo aver giurato fedeltà sulla bandiera tanto odiata, passano il tempo a leccare i fondoschiena ai massoni e i mafiosi.
Bah... Se Dio esistesse sarebbe in debito con voi di un cervello.

I musulmani sono un miliardo e trecento milioni. La maggior parte dei musulmani (novecento milioni) non è neanche araba, e la maggior parte dei fondamentalisti non fa parte del terrorismo islamico. Traslando, sarebbe come dire che gli italiani fanno tutti parte delle brigate rosse. Questo tipo di criminalizzazione è già stato perpetrato nei confronti degli indiani americani, degli ebrei, e di tante altre popolazioni. Quando parlano di stupri, i mass media sbattono il marocchino in prima pagina e si dimenticano di dire che la quasi totalità di questa tipologia delittuosa viene commesso nell’ambiente familiare da italiani. Si dimenticano di dire che si, è un fatto che gli ultimi assalti a gioiellieri e tabacchini siano opera di immigrati, soprattutto rumeni, ma che allo stesso tempo è indiscutibile che a Napoli e Palermo abbiamo centinaia di omicidi l'anno e tutti per mano di italiani, e abbiamo interi quartieri dove la polizia non può neanche entrare per arrestare ladri, italiani, perché viene presa a sassate. A Brindisi il contrabbando di sigarette è visibile ovunque, e gli extracomunitari non c'entrano niente. Nel 2002 per favorire gli industriali veneti che delocalizzavano le loro industrie in Romania (colpa deli immigrati?), soprattutto in quella Timisoara che pareva un nuovo distretto produttivo veneto, noi italiani abbiamo abolito i visti di ingresso a uomini e merci. Senza minimamente pensare alle conseguenze, ed ora la lega ha molto di cui rompere i coglioni.
Negli Stati Uniti due ragazzi neri su tre finiscono in carcere, ma nessuno si sogna di dire che questo dipende dalla razza, a parte quelli del Ku Klux Klan (cioè poco più che bestie). C'è invece una forte correlazione con la situazione sociale ed economica. Da un certo punto di vista anche in Italia sta accadendo lo stesso. Ci troviamo di fronte a persone che, a causa di una politica dell'immigrazione sbagliata, vivono ai margini della società, spesso in baraccopoli, che quando lavorano lo fanno solo in nero in cantieri edili gestiti da padroni italiani. È inevitabile che tutto questo produca degli alti tassi di devianza.
Ecco perché a finire nei guai sono quasi sempre gli irregolari, cioè i clandestini, mentre chi in Italia trova un lavoro ed è munito di permesso di soggiorno per le statistiche criminali è quasi irrilevante. Nel 2004, su 611.283 persone arrestate o denunciate, il 60 per cento erano italiani, il 38 per cento immigrati irregolari, e nemmeno il 2 per cento regolari.
La sindrome da insicurezza spesso viene costruita artificiosamente: basta una notizia su un delitto particolarmente odioso rilanciata in tv!.
Nel 2004, quando ai bergamaschi è stato chiesto quale fosse la loro opinione sulla diffusione della delinquenza in città, il 71 per cento di loro ha risposto: "È molto o abbastanza diffusa". Subito dopo allo stesso campione di popolazione è stato domandato quale fosse il loro giudizio sulla sicurezza del quartiere dove vivevano. Il 79 per cento degli intervistati lo ha definito: "Molto o abbastanza sicuro".
Dove vivo io, cioè in Sardegna, non esistono praticamente comunità di albanesi, eppure molti sardi nè hanno paura, e ne sottolineano i caratteri stereotipati sentiti alla tv. E così nascono anche le campagne che di volta in volta parlano di "albanesi tutti delinquenti", "di rumeni solo strupratori" e di "marocchini razza di spacciatori".
La legge Bossi-Fini è fallita perché non è riuscita a regolare i flussi d'ingresso degli stranieri in Italia. Anche Gianfranco Fini si è reso conto che sono necessarie misure che favoriscano l'integrazione, a partire dalla concessione dei diritti politici.

Ecco perchè secondo me siete solo delle vittime (same old story…) di un informazione bacata, che per non far pesare le responsabilità oggettive ai potenti trova dei capri espiatori.

Ps siete anche un bel pò cagasotto...
PPs L'invasione degli islamici, spero che nessuno si offenda, è qualcosa di cui non si può discutere...

il 29 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
gerry ha scritto:

In una discussione come questa nello schieramento "pro-Fallaci" intervengono persone come Marco, dalle idee del quale in gran parte dissento, però che discutono e cercano di informarsi.
Quando vedo invece interventi "beceri" come gli ultimi qui arrivati rabbrividisco.
E' il razzismo, la xenofobia, l'Odio con la O maiuscola che trionfa.
Io non odio la Fallaci, anzi non odio nessuno.
Mi offendete inoltre se mi considerate "filo-islamico" solo perchè sto dalla parte della tolleranza e dell'integrazione. L'islam come oggi storicamente si presenta per tanti aspetti culturali mi sta un po' sulle palle, non diversamente però da altre religioni o ideologie reazionarie.
Credo che si può, su questi argomenti, discutere e ragionare, senza pregiudizi di parte, però credo si debbano contestare duramente atteggiamenti da "guerra santa" come quelli della Fallaci, anche se
ragionati e ben argomentati sono atteggiamenti pericolosissimi, che portano acqua al mulino delle destre più xenofobe e razziste, che scatenano guerre e odio infinito.
Detto questo volevo riprendere il dibattito con Marco, che afferma di aver letto il Corano.
Io non l'ho letto (e non credo che lo leggerò), però ho recentemente conosciuto un sacerdote cattolico molto istruito, in contatto con il mondo arabo, che mi ha dato informazioni leggermente diverse. Ad es. che Gesù Cristo è rispettato e considerato dall'Islam come un profeta, tantochè che gli islamici credono sarà lui a separare i buoni dai cattivi nel giudizio universale.
Anche nella Bibbia, poi, se andiamo a cercare, ci sono insegnamenti cruenti e il cristianesimo ha vissuto fasi storiche in cui la conversione dei pagani avveniva con la spada.
Anche nei paesi cristiani abbiamo vissuto civiltà paternalistiche, repressive con le donne, basate su clan, ecc. che con la religione cristiana nulla hanno a che vedere ma che invece si sono spacciate e giustificate come basate sulla religione.
E come il Cristianesimo si è evoluto ed ha riscoperto le sue basi spirituali (rifiutando certi coinvolgimenti temporali) così spero possa avvenire nell'Islam.
E mi risulta che esistono islamici che reinterpretano i passaggi Corano più "violenti" come incitamento ad una battaglia spirituale (così come esistono Cristiani ed Ebrei che hanno reinterpretato o comunque "storicizzato" alcuni passaggi biblici).
Sono una minoranza, mi dici? Può essere, però alcune evoluzioni possono essere favorite tendendo la mano agli altri, non emarginandoli.

Io non credo, in sintesi, che il problema attuale sia da porsi in uno scontro di civiltà "islam-occidente".
Piuttosto in uno scontro tra chi cerca un dialogo ed una integrazione (senza perdere la propria cultura) e chi si chiude a riccio demonizzando l'avversario. E sono convinto che questi due schieramenti sono più trasversali di quello che si pensa, cioè sia da una parte che dall'altra ci stanno cristiani, islamici, gente di destra e di sinistra (si ci sono anche quelli di destra tolleranti e quelli di sinistra xenofobi!!), ecc.
Inoltre tra questi due poli ci possono essere molte posizioni, o meglio c'è sicuramente tanta tanta confusione, luoghi comuni, ecc.
Sono d'accordo con te, Marco, che la stampa non aiuta certo, anzi tende a sfalsare la realtà.
Però, Marco, per fare un esempio, se ci sono in Italia molti criminali marocchini che hanno una mentalità loro che assomigla a quella mafiosa (lo so, perchè conosco bene gente che lavora in carcere), non vuol dire che tutti gli islamici siano così (e neppure tutti i marocchini, anche se mi sembra di capire che nella maggior parte degli strati sociali marocchini cè questa cultura).
Per es. se conosci islamici dell'India, del Senegal o del Pakistan già scoprirai modi diversi di vedere le cose rispetto ai magrebini.
Il fatto è che molti immigrati provengono da zone dove predomina l'ignoranza e la superstizione.
Ho conosciuto un'egiziana musulmana, acculturata, che mi spiegava che la stragrande maggioranza dei suoi connazionali sono ignoranti, non sanno leggere, e che gli viene spacciato per islam una serie di credenze e superstizioni che nulla centrano.
Il problema insomma è complesso e credo anch'io che, se non stiamo attenti a conservare e non ci sforziamo di trasmettere alcuni nostri valori di democrazia e tolleranza, la convivenza può essere impossibile e intollerabile.
Non avrebbe senso mettere gli islamici sull'altare e far finta che non ci siano problemi, ma non vedo nessuno che lo faccia (è propaganda di destra, datemi dei riferimenti concreti se lo affermate), ci sono certamente visioni del mondo e modi di vivere spesso incompatibili.
Non è però demonizzando l'islam (come fanno Lega, fallaci e Company) e creando certe campagne ad hoc sui giornali (a volte becere quelle sul crocifisso o sul presepio) che risolviamo i problemi. Secondo me li peggioriamo, perchè così le diverse comunità etnico-religiose si chiudono a riccio.
Oggi gli immigrati vengono da noi perchè da loro c'è la fame, dall'altra l'Italia ha bisogno degli immigrati (provate a chiederlo a certi industriali) ..... che fare?
Io vorrei vedere uno Stato più organizzato in tal senso, per favorire integrazione, con iniziative di formazione e di scambio culturale, conoscenza reciproca, ecc. Mi sbaglierò ma c'è il vuoto e non mi sembra che neppure la sinistra brilli in proposte.
Sui problemi di ordine pubblico poi ne ho le palle piene di sentire che la colpa è degli immigrati. Fatti come quelli di Napoli, prima citati, me lo confermano. Che siano italiani, che siano immigrati, c'è un degrado spaventoso e neppure un governo di destra, come quello che abbiamo, si è preoccupato di combatterlo seriamente, di dare una ripulita alle città, di creare un ambiente più sicuro per tutti, ecc.
Perchè in una città del nord-Europa, in paesi che hanno molta più immigrazione della nostra, posso frequentare una stazione alle 3 di notte senza aver paura e in Italia no? E'chiaro che l'immigrazione non ha nulla a che fare con questo.

il 29 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Luca ha scritto:

Per "invasione degli islamici" mi rifaccio alle tesi riportate nei post sopra. Cioè un invasione la cui unica motivazione sia riscontrabile nelle interpretazioni (mooolto personali e discutibili) del corano, cioè l'annichilazione sistematica delle religioni non islamiche in quanto tali. Secondo me queste argomentazioni non tengono conto dei motivi reali legati all'immigrazione, nè (come causa del terrorismo) delle guerre occidentali o della questione mediorientale. Per questo ritengo che un approccio simile alla problematica non possa essere preso in considerazione (almeno per quanto riguarda me).

Infine, (mi dimenticavo!!) darmi del filoislamico è francamente patetico e in malafede.

il 29 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Hulk ha scritto:

GRAAAAANDE ORIANA!!!!!!!!!!!!

il 29 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Calderoli for president ha scritto:

Quello che la gente non capisce è che gli immigrati quando invadono in massa un posto non fanno altro che clonare i luoghi dai quali vengono: casino, incivilà, nessuna regola. Posti come la Lombardia tra 50 o 100 anni rischiano di diventare lande desolate stile il pianeta delle scimmie.

il 30 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
oppi ha scritto:

...quindi tu ci troveresti a tuo agio, tra simili.

il 30 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Luca ha scritto:

Avete la memoria corta.
Consiglio di leggere "l'orda" di Gian Antonio Stella, su quando gli italiani erano gli albanesi del mondo.


il 30 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Lestaat ha scritto:

Luca pensi davvero che saprebbero usarla la memoria?
Io dico di no vista la pochezza dimostrata.
Usare il cervello costa fatica a chi non è abituato.

il 30 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Ciao. le frasi del corano non ho ancora avuto tempo di cercarle, ma provvederò. Gerry, il tuo prete molto istruito poi tanto istruito non lo deve essere... anch'io conosco molti sacerdoti, questa settimana ospite della mia ragazza c'è il pretendente al posto di vescovo della puglia venuto qua a Trento a celebrare un pò di messe, ma nessuno sarebbe d'accordo con il tuo... per il corano infatti Gesù è si da rispettare, ma da rispettare solamente perchè sarebbe un messaggero fallito di Allah (fallito è proprio il termine usato nel corano) e non parla proprio di compiti divini di Gesù. Certo anche la chiesa ha fatto degli errori, ma attenzione, questi errori sono stati commessi perchè il vangelo può essere interpretato, ricordo che Gesù stesso parlava attraverso le parabole e metafore e lasciava che fossero gli altri a capire il senso della sua parola e a parte lo scatto d'ira avvenuto nel tampio contro i venditori ambulanti che vendevano statuette approfittando del luogo santo (moderni simoniaci) non ha mai ne predicato l'odio ne fatto insegnamenti cruenti (vedi ad esempio il porgere l'altra guancia o quando dopo che se non sbaglio Simone cercò di difenderlo dai romani staccando a uno di loro un orecchio Gesù lo rimproverò e riattaccò l'orecchio al proprietario, ognuno è libero di crederci o no); l'Islam gli errori invece non li commette per causa di una cattiva interpretazione, perchè nel Corano, Maometto non lascia dubbi riguardo alle sue parole (ve ne riporterò delle frasi in seguito), spiegando perfettamente che chiunque faccia un gesto contro le altre religioni che vada a favore dell'Islam diventerà un eroe e avrà in paradiso 12 o 20 vergini (non ricordo il numero preciso) tutte per lui (questo non vuol dire che dice di attaccare le altre religioni senza motivo certo, ma nel caso del moderno terrorismo il motivo c'è, è l'"invasione" dell'occidente in Iraq). Altra differenza è che come dici tu il Cristianesimo si è adattato ai tempi riscoprendo le sue basi spirituali, mentre l'Islam purtroppo le sue basi le ha già trovate, sono sempre state quelle, non sono mai state cambiate e mai cambieranno (purtroppo per loro e anche per noi) e se dici che alcuni islamici reinterpretano gli insegnamenti del Corano più violenti ti assicuro che non è vero, solamente come ho detto in altri post ci sono molti mussulmani (che come noi cristiani), soprattutto in posti come l'albania e l'est europeo in generale (perchè sono stati islamizzati in tempi abbastanza recenti, intorno a 600 anni fa), a cui del corano gliene importa poco e sono più attratti dal modernismo che dalla religione (questo problema l'hanno pure loro). Sul fatto che non bisogna emarginarli però sono perfettamente d'accordo, bisogna aiutarli e non importa se ci vorranno un sacco di soldi e fatica, ma questo non vuol dire dargli il libero accesso all'Europa perchè questo non è un aiuto, è solo incasinare noi. Hai ragione anche parlando di uno scontro tra Islam e Occidente, questo non deve avvenire, perchè non è vero che non siamo migliori di loro, solo abbiamo una cultura diversa e più liberale (anche perchè saremmo sfavoriti vista la codardia generale, il "tontolonismo" e la bassa prolificazione del nostro popolo), quindi hai ragione anche dicendo che la causa per cui i loro stati sono considerati terzo mondo è che per la maggior parte sono ignoranti (soprattutto le donne) e superstiziosi, ma finchè nelle scuole verrà insegnato solo il Corano non cambierà niente; questo però è solo un motivo in più che rafforza la mia tesi dell'aiutarli a casa loro visto che tutti qua non ci stanno di sicuro e il processo per modernizzarli stai certo che sarà più lungo e difficile che per qualsiasi altro popolo o religione del mondo proprio per l'intollerabilità che il Corano ha verso le religioni e culture che tentano di modificarlo.
Sul fatto che gli industriali abbiano bisogno di immigrati invece non sono per niente d'accordo e anzi ti potrei dare io del razzista: se facciamo entrare gli immigrati perchè c'è bisogno di mano d'opera significa che stiamo tornando allo schiavismo (visto che molti sono anche sottopagati e in nero) e che quella di dire che loro in cambio hanno da mangiare è una scusa bella e buona per nascondere questo fatto dello sfruttamento da parte dei ricchi industriali, perchè se veramente vogliamo aiutare le popolazioni affamate del mondo (4,8 miliardi di persone) è inutile farne entrare una piccolissima parte in Europa anziche aiutarli a far crescere la propria economia (almeno Bush con tutti i suoi difetti la Costituzione stà tentando di fagliela entrare in testa agli Iracheni) e farli star bene a casa loro e gli Italiani dovrebbero svegliarsi e riprendere in mano il piccone quando c'è bisogno di adoperarlo.
Sull'ordine pubblico hai ragione, se le proporzioni di chi stà in prigione è nettamente a favore degli immigrati la colpa è anche nostra è vero, ma non dimentichiamoci che in molti casi le nostre leggi non sono seguite non perchè loro vogliono essere criminali, ma perchè le leggi da loro sono diverse e anzichè le nostre vogliono seguire le loro (vedi ad esempio i vari marocchini di mia conoscenza che vedono nelle tasse da noi impostegli delle truffe per rapinarli dei loro soldi, chi avesse voglia di leggere nei post sopra ho riportato altri casi).
Per LUCA:
a me i leghisti piacciono perchè li vedo tra i pochi che in Italia hanno il coraggio di andare contro corrente, di dire la verità e penso che siano anche tra quelli che fanno politica pensando meno ai soldoni dati dalla carriera politica (essendo anche tra i parlamentari meno pagati) visto che sono gli unici a favore di un abbassamento del proprio stipendio. Se dici che vengono pagati da tutti è vero, ma anche Bertinotti ad es. lo è (vedi il matrimonio di suo figlio con una di Alleanza Nazionale che è stato un matrimonio così ricco di sfarzi che era degno di un principe), anche Pannella è pagato da tutti (anche se non fà matrimoni altrettanto sfarzosi, probabilmente perchè preferisce buttare i soldi in mariuana). Se poi molti leghisti sono poco informati sulle attuali prospettive del loro partito è affar loro: ad esempio bossi ha detto che il federalismo è ormai il solo mezzo che l'ITALIA ha per entrare tutta INTERA in Europa (quindi non si parla più di secessione tra razza padana e "terrona"), quindi visto che sei il primo a dire di non far du tutta l'erba un fascio, almeno abbi l'accortezza di non essere il primo a cadere in tentazione.
Sul fatto della criminalizzazione, a mè sembra proprio che la stampa stia facendo l'opposto di quello che dici, la stampa è in maggior parte di sinistra ed è più facile che taccia su crimini commessi da immigrati che su quelli di casa nostra infatti sul fatto che i Napoletani hanno preso a sassate la polizia i TG ne hanno parlato per settimane, ma che poco tempo dopo i marocchini abbiano fatto lo stesso a Padova (in maniera anche più grave) non se n'è proprio parlato. Quindi non scagliarti contro la stampa visto che questa è nettamente dalla tua parte. Hai ragione sul fatto delle fabbriche che vanno all'estero, io lo proibirei visto che non fanno altro che togliere posti di lavoro a noi italiani, ma anche qui non ho capito che colpa ha la lega visto che sta in effetti "rompendo i coglioni". Sui neri degli Stati Uniti non sono informato e non parlo, forse hai ragione non sò.
Quando dici che in Italia molti immigrati vivono in baraccopoli hai ragione e se rileggi quello che ho scritto sopra vedrai che siamo d'accordo. Se i Sardi hanno paura degli Albanesi non è certo colpa mia, ma purtroppo, che sia anche per colpa nostra visto che non li aiutiamo, i crimini li commettono (almeno qui al nord); ad es io vivo in un paese di 1100 abitanti dove in due anni sono stati fatti 3 furti nelle villette e in due casi i colpevoli erano Albanesi e in uno erano Rumeni (curiosità: nel caso dei Rumeni li hanno presi perchè mia sorella ha visto il loro furgone sospetto che girava per le case studiando le migliori dove rubare). Lasciamo perdere invece Fini che poverello gli dev'essere entrata qualche tarlo nel cervello... da ex camicia nera stà lentamente passando alla sinistra (vedi referendum sulla fecondazione, voto agli immigrati ecc) e questo si io lo vedo solo un modo per avere più voti, il voltagabbanismo di cui parla la Fallaci, il cambiare opinioni a seconda della maggioranza degli elettori (se è coraggio il suo...).
ciao

il 30 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

marco, quando dici che la stampa è in maggioranza di sinistra, riesci a rimanere serio? e quando poi insinui che lo sarebbero anche i TG? non è possibile dai, secondo me ti spanzi dalle risate, come sto facendo io in questo momento

cmq tornando seri, quanto ai leghisti che "dicono la verità" e "non pensano allo stipendio", ecco un paio di vecchie dichiarazioni pescate qua e là:

"Il Nord nelle mani della mafia? Mai, canaglia di Arcore! Il futuro è con Prodi! La canaglia di Hammamet governa ancora nel nostro Paese e allora io dico: caro D'Alema, e allora io dico compagno Prodi, va bene con la buona creanza, ma guardate che qui c'è una rivoluzione da concludere e che non è ancora conclusa!" (Umberto Bossi a Pontida, 7 luglio 1995)

«Se la lira non fosse entrata nell'euro non sarebbero fallite soltanto le grandi imprese italiane, ma anche le piccole imprese perché il
costo del denaro e l'inflazione sarebbero saliti alle stelle». (Umberto Bossi, Pontida, 17 giugno 2001)

ora confrontale con le dichiarazioni degli ultimi 2-3 anni, e dimmi come ti spieghi l'improvviso cambiamento di opinione... io butto lì un certo attaccamento al cadreghino (e allo stipendio), che la sindrome di "Roma ladrona" abbia colpito anche i celoduristi padani?

e cmq, tanto per la cronaca, è di 3 settimane fa la boutade di Bertinotti (letta su "La Stampa", testata anarco-insurrezionalista dirai tu) di porre un tetto agli stipendi dei dipendenti pubblici, fra cui ovviamente i parlamentari... demagogia, sicuramente, finirà in un nulla di fatto, sicuramente, però io non ricordo proposte analoghe di Calderoli e compagnia urlante

il 30 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Luca ha scritto:

eh... già... la stampa in mano alle sinistre... tempi abbastanza recente 600 anni... i leghisti che vanno contro corrente... I musulmani che vogliono conquistare l'occidente... ecc..

Ok Marco, e chiaro che partiamo da mondi completamente diversi.

X Lestaat. hai ragione.

il 30 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Lestaat ha scritto:

mettere le parole "Fallaci" e "voltagabbana" nella stessa frase poi non può che rammentare quanto lei stessa sia una voltagabbana...
se solo fossi credente...vorrei tanto vedere la marea di mazzate che si prenderà la dementona quando riincontrerà il suo ex.
Poveretto, mi sa che non ha smesso un attimo di rivoltarsi nella tomba.
Sta donnetta estremista per moda e per interesse.
Che tristezza

il 30 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
gerry ha scritto:

Marco dai un'occhiata qui:
http://www.islam-guide.com/it/ch3-10.htm
http://www.islam-ucoii.it/faq.htm#17
E' ovvio che ci siano divergenze sulla figura di Gesù Cristo tra Islam e Cristianesimo, altrimenti sarebbero la stessa religione!!
L'islam non considera Gesù l'incarnazione di Dio (e ci sono anche delle ragioni storiche, cioè molti cristiani si convertirono all'Islam proprio perchè "disorientati" nel momento delle diatribe e scissioni cristiane sulla natura divina del Cristo) e dice che non morì crocifisso.
Su internet ho trovato anche la conferma di Gesù che verrà nel giorno del giudizio; non è nel Corano ma in un altro testo sacro dell'Islam (che non so quanto valore abbia e per quanti di loro).
A quanto leggo sembra però che Gesù sia considerato dall'Islam un grande profeta, secondo solo a Maometto e questo conferma quanto mi è stato detto (e smentisce quanto tu dici).
O è tutta falsa propaganda "filo-islamica"?

Per chi non ha pregiudizi e vuole approfondire segnalo un libro interessante che ho trovato sempre in questa piccola ricerca che ho fatto su internet: http://www.arab.it/islam/possiamo/inizio.htm

Buona lettuta a tutti.

il 30 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
oppi ha scritto:

Gesù E' considerato un GRANDE profeta dal Corano, uno dei massimi, ed è grandemente rispettato. Alcune correnti (per quanto l'esistenza di "correnti di pensiero" possa stupire Marco, che ragioni a blocchi di 2 miliardi di umani per volta) lo ritengono un predecessore di Muhammad all'incirca come noi consideriamo Giovanni il Battista nei confronti di Gesù.

Poi: stupirà Marco il link che gli fornirò nei prossimi giorni, appena riuscirò a raccogliere il tutto...cmq sappia fin d'ora che nella Bibbia c'è una quantità DI GRAN LUNGA SUPERIORE che nel Corano di appelli al massacro degli "infedeli"; e questi sono chiamati "azioni gradite a Dio" e che "porteranno al Paradiso". I Cristiani sono caldamente invitati a "tagliar teste più che ne possono" ai nemici.
Sulla considerazione della donna che un cristiano dovrebbe avere, beh, sorvolo, poichè in quanto cristiano sicuramente saprai già a cosa mi riferisco.


...tutto questo solo per precisare, perchè le fandonie mi danno fastidio anche quando l'argomento non mi interessa: ma ora sarebbe il caso magari di smetterla di parlare di Bibbia e Corano, perchè io non vivo la mia vita di tutti i giorni seguendo i dettami della Bibbia o del Corano, tu non lo fai, il mio dirimpettaio tunisino non lo fa, i politici non lo fanno, e vivvaddio finiamola qui perchè sarebbe il caso magari di basare le proprie istanze riguardo la società moderna sulle realtà della politica e dell'economia, piuttosto che sui sacri testi di duemila anni fa!!! Basta!

il 30 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
oppi ha scritto:

Capito cosa voglio dire? voglio dire di finirla!
Ma cazzo, ma tu davvero quando parli per strada della situazione degli immigrati della tua città, mentre magari qualcuno accenna alle ragioni per le quali -che so- costoro vivono in un quartiere fatiscente, o per cui molti irregolari delinquono, tu davvero argomenti iniziando con "ma sapete, è il Corano che dice che etc etc"? Usi il Corano per motivare le situazioni di oggi, sul serio?!?

Porca miseria, non mi altero mai neanche quando un salumiere leghista dice calderolate tipo "tutti via, tutti delinquenti, spacciatori, stupratori e omosessuali!", ma scopro che mi adiro così quando uno va a cercare argomentazioni stereotipate che magari gi danno pure la soddisfazione masturbatoria di "saperne parecchio" sull'argomento e invece non c'entrano un cazzo.

non per colpa di chi ha risposto a Marco, ma a causa sua che ha fatto vertere la discussione su queste menate, non si è più detta UNA parola che c'entri un minimo con quello che sta succedendo.
Facciamoci caso, facci caso anche tu, Marco.

il 30 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Lestaat ha scritto:

Bella li oppi...
Solo una cosina:
l'argomento Oriana Fallaci se non lo si riempie di queste boiate pseudoculturali non è che sia pienissimo di spunti.
La pochezza di quello che dice quella donnetta è abbastanza castrante per un qualche discorso serio.
no?
:P

il 30 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Luca ha scritto:

Hehehe

Oppi, io concordo su tutto quello che hai scritto.

il 30 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Calderoli for president ha scritto:

Potete inventarvi tutte le stronzate che volete, giustificarvi dicendo che non tutti sono così e via dicendo, ma all'atto pratico non c'è solo gente come voi. Alla fin fine chi siete?
Siete i ventenni che vestono stracciati, fanno proteste studentesche senza nemmeno saperne i motivi, vi riempite di canne nei centri sociali ma nella maggior parte dei casi lo fate per dare un senso alla vostra vita da figli di papà. O siete i quarantenni snob che ad ogni parola che dice un politico che vi stà sul cazzo a priori vi indignate e andate ai girotondi nei momenti liberi tra casa e ufficio. Il problema immigrazione non vi tocca direttamente e non vi toccherà mai, ma se e quando succederà le vostre idee tolleranti finiranno nel cesso. Sì è vero, ci sono persone oneste e persone stronze dappertutto, ma in che percentuali? E' inutile pontificare come fate voi, andate a vivere in qualche periferia dove piazzano un bel campo di scimmioni nomadi e poi parlate. E soprattutto osservate chi rompe di più i coglioni, se la gente locale o gli zingari.
Chiedete ai vostri figli cosa succede se litigano con un gruppo di loro concittadini, anche ferocemente o se lo fanno con un gruppetto di albanesi e mi auguro di no. Fatevi un giro la sera vicino ad una stazione e ditemi a che nazionalità appartengono i papponi che mandano sulla strada donne, spesso troppo giovani.
E' inutile continuare, di esempi ce ne sono a migliaia e ve ne potrei raccontare decine tra quelli visti e vissuti in prima persona. Inutile tirar fuori il fatto che sono poverini. Ci sono tantissmi milanesi e torinesi che non hanno una casa da dieci anni e questo paese di pucinella preferisce riempire milano e torino di albanesi, arabi, zingari e tutte queste bellissime etnie alle quali per non farle sentire a disagio le mettiamo subito in categoria protetta e le diamo una casa un lavoro (meglio ancora un sussidio vitalizio), vestiti e cibo gratis. Poi siccome sono poverini possono anche investire a morte vecchi e bambini da sbronzi tanto usciranno di galera in tempo per vedere il film del lunedì.
Non esagero, è successo anche di recente un caso analogo di questo tipo. Ad esempio un ragazzo che conoscevo è stato salvato per miracolo dalla coltellata alla gola che gli ha inferto un suo coetaneo balcanico. La sua colpa? Gli aveva pestato un piede in discoteca, ma siccome per miracolo non c'è scappato il morto la vicenda è stata discussa solo sui giornali locali.
Questa è una cosa che qui non fanno nemmeno i peggiori pregiudicati e avanzi di galera, figuriamoci dei ventenni.
Poi se voi volete raccontarvi la storiella del magico mondo incantato dove siamo tutti uguali e le altre culture sono bellissime e soprattutto pacifiche, fatelo. Ma per favore evitate di voler avere ragione a priori anche davanti a fatti compiuti.

il 30 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Michelangelo ha scritto:

Non vorrei passare per quello-che-ha chissa-quali-loschi-interessi con i musulmani, ma vorrei far presente che poco più di 50 anni sono passati da quando un mattacchione di imbianchino austriaco riuscì a convincere un intero popolo (i tedeschi) che la causa di tutti i loro mali non era la repubblica di Weimar,provata dalle durissime sanzioni per aver perso la prima guerra mondiale,ma di qualche fantomatico complotto sionista, e giù stronzate come "I protocolli dei savi di sion" e altre falsità: il punto è 1)I tedeschi sono tutti criminali (e allora non si capisce perchè oggi non lo siano più) 2)La povertà e la disperazione portano a far aumentare,fino a farli andare al governo, i voti delle fazioni più estremiste,perchè grazie anche ad un uso della propaganda raffinato fanno breccia sulle paure e sul desiderio di rivalsa della popolazione (cosa che i partiti moderati, per organigramma, non possono fare):provate a ridurre l'Italia come l'Iraq e vedrete che al governo troveremmo non Prodi o Berlusconi ma Forza Nuova o Casarini...

Dal momento che propendo per la seconda ipotesi non vedo perchè lo stessa questione non possa valere anche per i musulmani: proviamo a non costringerli in condizioni di estrema povertà e a boicottare i paesi arabi che destinano più del 90% dei ricavati del petrolio ai soliti sceicchi che fanno morire di fame il resto della popolazione (tipo l'arabia saudita)salvo poi dare la colpa all'occidente e vedrete che teocrazie ed estremismi caleranno di conseguenza:nessuno va a fare la guerra se ha già la pancia piena.
Nella (remota) ipotesi che quello che ho scritto vi abbia messo una piccola pulce nell'orecchio (e per una spiegazione meno affettata di quello che ho scritto) mi piacerebbe invogliarvi a leggere di un importante politologo e giornalista americano,Noam Chomsky,"La democrazia del grande fratello" l'autore è un ebreo,ma che difende la causa palestinese e,di riflesso,araba(e già qui è tutto un programma) e soprattutto ne analizza le motivazioni in maniera molto rigorosa;la lettura non sarà semplicissima ma ne vale la pena,anche per un eventuale tesi di comunicazione e giornalismo. Naturalmente avete tutto il diritto, anzi vi invito a farlo, di non credere ad una parola di quello che dice, ma siccome cita fonti ed avvenimenti facilmente verificabili su internet o in biblioteca potrete controllare voi stessi se
quello che dice è vero (spero che reggerete allo schock!)
Ciao
Michelangelo

il 31 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

MIchelangelo, ma che fai consigli Chomsky a "Calderoli for president"?? Ma quello in vita sua il libro più impegnato che ha letto sono le barzellette su Totti, e forse neanche quello, magari l'accento romano gli da sui nervi :P

Cmq mi è piaciuta la profonda analisi sociale dei sinistrorsi di inizio millennio: o ventenni sfattoni e cannaioli o quarantenni girotondini... e tu a quale categoria dei destrorsi appartieni, Calderoli? Ai lampadati cocainomani o agli ubriaconi da Bar Sport di Almenno San Bartolomeo?

il 31 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Ma che scatole... ieri avevo risposto ma devo aver sbagliato qualcosa e il messaggio non è apparso. comunque riassumendo in poche parole rispondo su Gesù: cari Gerry e Oppi io sono stato il primo a dire che Gesù è considerato il predecessore di Muhammed, ma siccome ha fallito la sua missione Allah ha inviato il nuovo profeta cioè Muhammed (Maometto), quindi è inutile fare un dibattito su questo, anche perchè penso di essere l'unico qui ad aver letto circa 2/3 di Corano tempo fà (altra cosa:visto che nel Corano non si parla di Gesù come spirito che divide i buoni dai cattivi ecc?). Sempre a Gerry: spero che le tue fonti non siano soltanto arab.it o Islam.com perchè potrei pensare che leggi solo da fonti di parte. Non che queste siano errate, anzi... l'unica cosa è che vengono riportate solo alcune parti (ad esempio sulle donne dice che Muhammed dice che la persona più importante è il marito che tratta meglio la moglie, ma non dice ad es quando sempre Muhammed regalava le mogli ai suoi fedeli, o quando diceva alle donne che erano quasi sicuramente destinate all'inferno perchè erano impure causa il loro ciclo che le impediva di santificare il Ramadan o per la loro scarsa intelligenza, circa la metà di quella di un uomo). Comunque neanche questo più di tanto mi sembra sia da discutere, è così e basta, se a loro piace così buon per loro, a un certo punto chissenefrega. Quello che non va bene è che lentamente stanno avvicinando anche noi al loro stato sociale teocratico (ad es lo sapete che gli Imam incitano al matrimonio misto così i non Islamici sono obbligati a convertirsi?). A Luca volevo dire che lo sò anch'io che 600 anni sono tanti, quello che volevo dire è che alcuni paesi dell'est europeo sono diventati Islamici solo dopo le INVASIONI dei Mori o impero Ottomano (è si proprio invasioni purtroppo, estese alla Spagna, sud Italia, Africa del nord e tutto est Europa fino all'Austria, fermate solo grazie alle tanto terribili Crociate che in realtà hanno solo fatto si che oggi non fossimo tutti Islamici in uno stato teocratico) attraverso un lento processo durato centinaia d'anni e per questo nell'est Europa sono meno "praticanti" che da altre parti. Quello che spero io è che si fermi questa seconda ondata dell'impero Ottomano moderno (lo sapete che molti Imam dichiarano apertamente, ma la stampa tace, che per conquistarci non gli servono più le spade ma gli basta la nostra codardia e il nostro non avere più figli?)... attaccatemi pure, dite pure che che sono solo dei poveracci senza lavoro (ma se vivono così ancora da prima dell'Impero Ottomano?), ma io non mi stancherò mai di dire che se qualcuno ha bisogno di aiuto bisogna aiutarlo in casa propria, che così facendo i grossi industriali fanno il nuovo schiavismo, mentre il popolo occidentale ne subirà le conseguenze. Anch'io penso che il loro non rispettare le leggi sia anche colpa nostra, ma non dimentichiamo che molti non seguono le leggi perchè seguono solo le loro di leggi (leggi tuttalpiù dettate dal Corano, anche se per Lestaat non centra niente) che in molti casi dissentono dalla nostra democrazia (sapete cosa pensano i marocchini delle nostre tasse? un mezzo per derubarli dei loro sforzi, non un sacrificio che deve essere fatto da tutti per il benessere della comunità).
Altra cosa, io vedo molti capaci di spiluccare se Gesù sia considerato un grande profeta o no, se la stampa sia di sx o dx, se 600 anni siano tanti o pochi, ma non vedo nessuno che mi dice che l'immigrazione è un bene per qualche motivo (a parte per lo schiavismo dei grossi imprenditori) o se sia veramente necessaria e comporti beni per l'occidente. Iniziate a dirmi questo...
Per Oppi: io ho letto sia bibbia che corano ma di incitamento al massacro ne ho trovati pochini nella bibbia (forse parli della lapidazione dell'adultera quando Gesù ha detto chi è senza peccato scagli la prima pietra, o quando Gesù ha sgridato l'Apostolo, non ricordo quale, che con la spada aveva colpito l'orecchi di un romano politeista che voleva imprigionare Gesù, per poi prendere l'orecchio caduto a terra e riattaccarglielo dicendo di porgere l'altra guancia?)
Ultima cosa sulla Fallaci rivolto soprattutto a Lestaat: dire che la Fallaci scrive per interesse e per moda o che sia una voltagabbana mi sembra una sciocchezza incredibile, ti potrei capire se dicessi che è vecchia e rincoglionita (cosa che non condivido ma che potrebbe avere senso), che vede i fantasmi ecc ma non che scrive per interesse... interesse di che? purtroppo ha il cancro ed è destinata a morire presto e se non lo sai di soldi ne ha parecchi, oltre al suo lavoro di giornalista e scrittrice ha coltivazioni di vigneti in toscana, e inoltre le famose pubblicazioni sulla stampa le ha fatte gratis. Come fate a dire che gli possono interessare i soldi? Interesserebbero a Voi se da ottantenni milionari foste a conoscenza di dover morire a breve? Oppure dite per moda??? per moda di che? se scrivesse per moda dovrebbe scrivere: poverini gli immigrati, vengono perchè hanno bisogno di cibo, si comportano bene, lavorano onestamente e noi li trattiamo male... e cavolate del genere.
Poi cercate di non limitare un messaggio a battute ed offese a chi la pensa diversamente. grazie ciao

il 31 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
gerry ha scritto:

Oppi, son d'accordo con te che il problema non è il Corano o la Bibbia.
Purtroppo chi vuole diffondere il "verbo" del necessario "scontro di civiltà" usa anche questi argomenti ....
E così ci troviamo "impelagati" in discussioni teologiche, sulle quali probabilmente si potrebbe discutere all'infinito senza approdare a nulla.
Cosa vuoi. E' che io non sono manicheo, non giudico le persone solo in base al colore delle loro idee; sono (tendenzialmente) di sinistra ma nella mia vita ho conosciuto brave persone di destra e pessime di sinistra (e viceversa, ovvio) [non dico in assoluto ma in relazione a certi fatti e atteggiamenti (non mi permetterei mai di dare patenti di brava o pessima persona ....)].
Sono convinto che nello "schieramento" pro Lega, pro Fallaci, ecc. ci siano anche molte persone in buona fede e che discutere valga la pena. Io stesso sono disponibile a modificare alcune mie idee a fronte di certe evidenze.
Altrimenti,dimmi tu, che senso ha scrivere ed intervenire in un blog? Solo per autoincensarci, autogratificarci tra gente che la pensa allo stesso modo??
Ovviamente escludo dal novero dei miei interlocutori gente che spara stronzate a tutto spiano come il "Calderoli for President", cioè che chiaramente disprezza l'interlocutore inquadrandolo in suoi modelli stereotipati (e, guarda caso, con me non ci azzecca nemmeno un po').
Comunque sia, Oppi, il tuo intevento (e quallo di Leestat) mi hanno messo un dubbio. Ha senso continuare, come sto facendo, a ribattere alle menate leghiste e fallaciane?
Lasciamoli cuocere nel loro brodo.
Forse avrebbe più senso aprire un post propositivo. Discutere cioè quali politiche si possono/ si devono intraprendere per favorire integrazione e reciproca comprensione, iniziative, esperienze concrete, ecc.
Cosa pensiamo si debba fare a fronte dell'immigrazione clandestina, ecc.
Discutere di questo non perchè siamo "filo-islamici", "filo-cinesi", "filo-che ne so" o entusiasti dell'immigrazione, ma solo perchè è un fenomeno storico, esiste, ne dobbiamo prendere atto e agire di conseguenza, consapevoli che siamo di fronte ad esseri umani che vivono grandi disagi e sofferenze ma anche portatori di diverse culture, a volte a noi estranee e di difficile convivenza.
Magari, a fronte di proposte sensate e programmi sostenibili, i vaneggiamenti dei vari Calderoli resterebbero patrimonio di pochi esaltati.

il 31 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

A Davide: chi è Almenno S. Bartolomeo?
Per tutti: avete visto che Benedetto XVI ha incontrato la Fallaci a Castel Gandolfo sabato? Non penso si sia scomodata tanto (essendo poi anche atea) da venire dall'America fino a Castel Gandolfo per beccar quattrini (anche perchè penso che il papa non gliene abbia dati poi molti).
Comunque era solo una curiosità
ciao

il 31 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Ecco bravo Gerry, inizia a fare proposte sensate e sostenibili sull'immigrazione clandestina ecc, e spiegami perchè è un bene necessario, cosa che ne la destra ne la sinistra fino ad ora non sono state in grado di fare...
ciao

il 31 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
gerry ha scritto:

Marco, sostanzialmente proponevo di segnalare le questioni e le proposte più interessanti di "politica per l'immigrazione".
Io non sono un esperto in materia e prefirei a questo punto sentire qualcosa di sensato a tal proposito.
E, per favore. Non ho mai detto che l'immigrazione è un "bene necessario".
E' ovvio che se ognuno potesse vivere dignitosamente a casa propria sarebbe meglio per tutti (come sarebbe stato meglio noi non fossimo andati nei secoli scorsi ad invaderli).
Se tu vuoi chiudere gli occhi di fronte al mondo reale fallo pure, rifugiati anche negli slogan "è meglio aiutarli a casa loro" (e chi non è d'accordo? Anche se a volte più che aiutarli basterebbe lasciarli in pace).
Si può anche sbarrare porte e finestre, erigere muri, non farli più entrare .... ma la fuori c'è un mondo che preme e non puoi far finta di niente, anche perchè non puoi restare sempre barricato a casa tua.
Bò, comunque vedi un po' tu.
Questo è il mio ultimo intervento, perchè mi sembra inutile continuare a menarla con ste storie.
Vado a leggermi le proposte su altri siti, visto che qui non ce ne sono.

il 31 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

Marco, Almenno San Bartolomeo è un paese in provincia di Bergamo a forte maggioranza leghista, è il primo che mi è venuto in mente fra quelli della mia zona :D

rispondendo a una delle tue domande, se l'immigrazione sia o no un bene, il mio parere è che sia mal posta... non è nè un bene nè un male, è un fenomeno naturale e inarrestabile, con buona pace di tutti i Calderoli di questo mondo.
ha i suoi pro e i suoi contro, l'unica cosa di cui sono certo è che senza scambi culturali non c'è e non ci sarebbe mai stato progresso: se ogni popolo fosse rimasto per conto suo, staremmo ancora a sfregare rametti per accendere il fuoco, ognuno a casa sua (ma senza il problema del meticciato, per la gioia di Pera :D )

il 31 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Bravo, cerca cerca vedrai quante proposte intelligenti troverai. Se comunque qualcuno avesse una soluzione scrivicelo... (basta che la soluzione non sia quella di diventare tutti mussulmani come hanno fatto gli Albanesi 600 anni fa)...
Comunque io non mi stò nascondendo dietro a niente, il mondo reale è quello che è ma questo non vuol dire che bisogna arrendersi... quello che pare a mè è che l'Europa si stà arrendendo, si stà arrendendo ai grossi imprenditori che pur di far soldi le combinano tutte, creano fabbriche nel terzo mondo allo scopo di avere una mano d'opera a basso costo, lasciano entrare immigrati per sfruttarli nelle fabbriche (vedi la ditta Olandese che conia l'Euro che ha già preso 100 ettari di terreno a Kuala Lumpur per insediarvisi e ciniare i nuovi Euro con raffigurati oltre che chiese e monumenti anche moschee) con l'inevitabile conseguenza di disagi culturali e di ordine pubblico...
Per non parlare di tutti gli altri problemi che si legano tra loro: molti giovani pensano solo ai vestiti firmati e magari di andare in TV, tutti pensano solo ai soldi fregandosene dei valori morali e al benessere pubblico (in pratica ognuno frega più che può)... l'unica cosa che lega gli Italiani ad esempio non è più la bandiera, la nazione, ma è la squadra di calcio (mi viene da ridere quando sento negli stadi cantare l'inno di mameli nella frase "siam pronti alla morte", ma la morte di chi? piuttosto che rischiare la vita ci faremmo anche "pisciare addosso da Bin Laden in persona"). L'Italia come l'Europa ha bisogno di ritrovare unità, perchè se andiamo avanti così rischiamo un bel pò....

il 31 Agosto 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

A Davide: e chi ha detto che non ci vogliono scambi culturali??? Io certo no! Io ho detto in parole povere (riassumo perchè ho fame) che ognuno stà a casa propria (che è possibilissimo, basta non dare permessi di soggiorno e espatriare i clandestini), si fanno tutti gli scambi culturali possibili e si cerca di aiutarsi a vicenda... (ad es aiutando associazioni come Unicef come stò facendo io con versamenti annui).
Grazie per la spiegazione su Almenno. Buon pranzo

il 01 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
enrica ha scritto:

L'8 Settembre dovro' tornare,ahime', al Cairo. Il Cairo e' solo l'ultimo dei paesi arabi in cui ho vissuto. Mio padre infatti ha sempre lavorato per ditte italiane che in questi paesi costruivano dighe o centrali elettriche. Potrei raccontarvi le storie che già avete letto dalla Fallaci , ma no vi annoierò ed in oltre io nn so scrivere come lei , purtroppo. Sono stata cresciuta vedendo i miei genitori ed altri italiani all'estero , rispettare le leggi dei paesi ce ci ospitavano. Vi farò degli esempi: il giorno di vacanza e' stato per noi sempre il venerdi' e mai ci siamo sognati di manifestare per le strade per cambiarlo con la domenica. Le feste Natalize duravano un solo giorno , il 25 Dicembre. Se si usciva per la strada lo facevamo , noi donne ovviamente,cercando di vestirci in maniera adeguata per no offendere la morale del paese.Era sicuamente un peso e una limitazione alla nostra di cultura, ma eravamo in quel paese per nostra scelta e quindi cosi' doveva essere. So che a volte la Fallaci con il suo stile ti pugnala l'anima ferocemente ma la capisco.Certi stati d'animo li provi solo che con questa gente ci vivi a contatto stretto.
Una volta ho chiesto alla mia donna di servizio se avrebbe mai praticato l'infibulazione alla figlia se mai ne avesse avuta una? Mi ha risposto che lei non avrebbe voluto farlo , ma che se non l'avesse fatto i vicini avrebbero pensato che la figlia presunta fosse una poco di buono e che nessun uomo avrebbe mai voluto sposarla.
In questi momenti capisci che e' bello essere occidentali!
Non sto dicendo che noi siamo nel giusto e che loro no ma sto evidenziando il fatto che siamo diversi , troppo diversi. Teniamoci stretti la nostra cultura fatta anche di crocifissi nelle aule , che non rappresentano solo la nostra religiosita', ma la nostra storia , le nostre radici.
Non facciamoci derubare del nostro passato giusto o sbagliato che sia ma che ci ha fatto diventare quelli che siamo oggi , liberi di scegliere.
Un giorno stavo passando in macchina vicino ad una scuola egiziana , le mie bimbe erano con me , e dal finestrino aperto i ragazzi ci hanno sputato addosso.
Giuro che non ero scollata, giuro che non avevo la musica alta e giuro che ero semplicemente una mamma che era andata a prendere le figlie a scuola e stavamo tornando a casa per il pranzo.Ora sto attenta alla strada che faccio.
Pago i domestici il doppio di quello che li pagano gli egiziani stessi e li faccio mangiare seduti a tavoli non come fa la mia vicina, devota musulmana,sulle scale del palazzo , per terra.
Le mogli degli italiani all'estero nel tempo libero spesso si prodigano per stituti che ospitano poveri , orfani e malati.
Nei mercati i prezzi non sono in vista perchè questi cambiano a secondo della nazionalita' del compratore. Gli stranieri pagano di piu'e lo sanno , ma poco importa , si aiuta i locali.
L'ignoranza e solo quella e' la ragione che non ci fa accorgere delle differnze. Viaggiate e se non potete farlo ascoltate.

il 01 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro Tremaroli ha scritto:

Per Calderoli for President: non mi faccio le canne, non mi metto vestiti stracciati addosso, non faccio girotondi, non vado nei centri sociali e i no-global mi stanno abbastanza sulle palle. Mi auguro che tu non sia un poliziotto, perché con l'identikit non ne azzecchi una. Dimostri la tua pochezza anche con cazzate del genere. Se vuoi dire ciò che pensi dillo ed argomentalo, invece di sparare stronzate stereotipate a vanvera sui tuoi interlocutori.
I casi da te citati sulla mala assegnazione delle case non li conosco, ma non mi stupirei che fossero veri. In tal caso è giusto incazzarsi, ma con i politici! L'immigrato che si trova davanti l'offerta di un alloggio cosa c'entra?
Vorrei raccontarti una storiellina, magari di poco conto, ma comunque interessante. Qualche tempo fa ero in vacanza nelle sperdute campagne romane. Una sera mi ero trovato senza autobus e perciò dovetti tornare alla mia sistemazione a piedi. C'erano molti kilometri da percorrere ed ero lì da appena un giorno. Ebbi la sensazione di aver sbagliato strada, ma non la certezza. Decisi di fermare una macchina, non tanto per avere un passaggio, ma per chiedere se fosse giusta la strada da me percorsa. Dopo mezz'ora nessuno si era fermato davanti alla mia richiesta d'aiuto. Incazzato e stufo, smisi di chiedere aiuto. Dopo dieci minuti una macchina si fermò alla mie spalle. A bordo vi erano un ragazzo ed una ragazza. Il giovane - con fortissimo accento di Roma -molto preoccupato mi chiese dove fossi diretto e mi disse che mi avrebbe portato ovunque io avessi voluto. Fatto sta che finalmente avevo trovato qualcuno disposto ad aiutarmi. Indovina di che nazionalità erano: rumeni. Non so di che nazionalità fossero gli automobilisti che mi avevano negato il loro aiuto, magari erano tutti italiani o magari tutti stranieri, chi lo sa. So solo che un attestato di solidarietà mi è giunto soltanto da due stranieri.
Sono d'accordo con Michelangelo quando paragona i tedeschi di Weiamar con gli odierni musulmani.
Per Marco: ciao! Scusa il ritardo con cui rispondo, ma ho pochissimo tempo in questo periodo. Su cristianesimo ed islàm sono totalmente d'accordo con Gerry nei suoi ottimi interventi di Lunedì 29 Agosto 2005 alle 12:15 e Martedì 30 Agosto 2005 alle 16:05. Non ho mai letto il Corano, ma ho intenzione di farlo presto. La mia conoscenza dell'islàm si basa sull'opera di Sergio Noja e su Donne del Profeta di Fatima Mernissi (letture consigliate). Ed è proprio nei testi di Noja che sono presenti le frasi sulla tolleranza dell'islàm di cui parlo. Appena avrò tempo le trascriverò, per ora non posso, perdonami. Ciao

il 02 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

Non capisco dove voglia andare a parare Enrica con tutto il suo discorso

Ammettiamo pure che esistano ancora pratiche obsolete e anche atroci, come l'infibulazione, nei paesi arabi, e nessuno lo nega, ma d'altronde si è già parlato dell'ignoranza e della superstizione come principali cause per questi fenomeni... e non già di una loro naturale predisposizione a compiere nefandezze

Quello che non capisco è dove sta il problema, posto in termini di "difendiamo la nostra cultura"... e chi l'ha mai attaccata??
Ma qualcuno ha mai visto degli islamici manifestare contro il Natale, o per vedeersi riconosciuta una qualche loro festività religiosa qui in Europa? Qualcuno li ha mai visti imporci il ramadan? Siamo ancora alla vecchia storia del crocifisso, a quel pagliaccio di Adel Smith, che per giunta non mi stancherò mai di ripeterlo, è italiano e rappresenta solo qualche decina di esagitati!! Fosse per me, il crocifisso lo toglierei anche, ma se vogliamo lasciarlo, lasciamolo, nessuno ne ha mai fatto un problema, e gli islamici meno di tutti

Io dico di piantarla di crearsi nella testa situazioni che non esistono, e i libercoli della Fallaci fanno proprio questo... creare allarmi inesistenti. Non è in atto un'invasione culturale, è in atto una lotta politica dove tra guerrafondai e terroristi, gli unici che hanno da perdere siamo noi inermi cittadini

il 02 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Davide, erica vuole arrivare solo a dire che se le nostre culture sono talmente diverse e nessuno dei due è disposto a cambiare minimamente la propria è meglio che prendiamo un pò le distanze... visto che mi hai dato ragione che l'immigrazione non sia un bene per nessuno perchè continuiamo a lasciare permessi di soggiorno? perchè lasciamo che dei nomadi strapagati dal governo (beccano soldi per essere incentivati a non rubare, beccano soldi per ogni figlio che deve andare a scuola, mi sembra sui 400 euro a figlio e andando in campi nomadi almeno a Trento io vedo sempre che accanto al loro caravan ci stà sempre una mercedes o una bmw... altra curiosità il comune di Trento ha non solo regalato l'anno scorso un camper nuovo di zecca a una famiglia nomade clandestina, ma avendo questi dei problemi di non so che natura, i buoni consiglieri della giunta hanno provveduto a regalargli un appartamento a Martignano, paese in periferia abbastanza lussuoso, sempre vedendosi bene dal non recuperare il mezzo concessogli precedentemente o lo stipendio mensile, e qui ho risposto ad Alessandro, e se noti ho denunciato la giunta Comunale, noi i Rom) occupino le chiese per protesta perchè pretendono di poter occupare il suolo pubblico? Forse perchè pensiamo di aiutare il mondo a vivere meglio? Per quanto riguarda i falsi allarmi a me sembra che situazioni gravi ne abbiamo già tante da allarmarsi già da ora senza pensare al futuro (che secondo me sarà sempre peggio)... ad esempio fino a 10 anni fà nel mio paese erano in pochissimi quelli che avevano la recinzione attorno alla casa, tutti lasciavano la macchina con le chiavi inserite anche la notte e penso che i furti più gravi che avvenivano erano quelli della "spigolatura", cioè della gente che si rubava qualche ciliegia o qualche frutto in generale dagli alberi dei contadini (aaah che brutto mondo), mentre adesso hanno tutti cancellate appuntite, allarmi, cani da guardia e nonostante ciò negli ultimi due anni hanno rubato (nel paese ci conosciamo tutti e siamo a conoscenza tutti dei fatti) 5 automobili e svaligiato 12 case (aaah che bel mondo). Anche se la colpa non è tutta loro ma è anche nostra, lo vogliamo fare o no qualche sforzo per difenderci? La finiamo col dare sempre tutta la colpa a noi di quello che stà succedendo (Vi consiglio un articoletto da "La Stampa" di oggi che ho trovato attraverso "l'opinione" di TGCOM intitolato "il mondo che non salva i ragazzini")?
Ultima cosa: a dire la verità di Islamici che manifestano per loro diritti ne ho visti molti, sia contro il Natale negli asili, sia contro le canzoncine, ma anche contro i nostri libri di testo delle scuole, di alunni che non parlano all'insegnante perchè è una donna (il buon consiglio stipendia una persona che fà da interprete tra insegnante e bambino che parla benissimo italiano) e non parlo solo di Adel Smith... se poi tè non ne hai mai visti chiedimelo che andrò a cercarti un pò di casi nazionali, non solo quelli vicini a casa mia (come quelli che ti ho già scritto). Ciao

il 02 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

Marco, le battaglie private della mamma musulmana che non vuole che suo figlio faccia la recita di Natale, e storielle simili, non posso essere chiamate "invasioni culturali". Se è questo il pericolo che incombe sulla nostra società, io sono tranquillo. Queste sono beghe da cortile, mi fanno sorridere e che riguardino i precetti religiosi o qualsiasi altra banfata, rimangono circoscritte a livello locale. Solo che fanno notizia, e i giornali (seppur notoriamente sinistrorsi e filo-terroristi, come tu mi insegni :D ) non mancano di dargli enfasi per rimarcare il presunto scontro di civiltà.

Se mi parli di recinzioni, quelle ci sono sempre state, così come i delinquenti... la mia tranquillità non dipende dal numero di immigrati che stanno nel mio paese: se bloccano le frontiere, io comunque continuerò a tenere la porta di casa ben chiusa, e tu farai lo stesso, perchè sai meglio di me che i farabutti li abbiamo "fatti in casa", made in Italy e made in Padania... a me da fastidio essere derubato, e la nazionalità del colpevole mi interessa poco.

Io cmq non ho detto che l'immigrazione non è un bene! Ho detto che non è in termini di bene e male che va posto il problema: è semplicemente un fenomeno naturale che porta le popolazioni più disagiate a trasferirsi laddove ci sono migliori prospettive di vita, e questo porta vantaggi e ovviamente anche svantaggi, ma arginarlo in maniera forzata è inutile oltrechè, dal mio punto di vista, sbagliato: siamo cittadini del mondo, e ognuno ha diritto di vivere dove meglio crede nel rispetto degli altri e di se' stesso

il 02 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
enrica ha scritto:

Ciao Davide , e' vero non ho mai sentito di islamici imporci il loro digiuno ma ne ho visti reclamare per avere agevolazioni durante questo(non dimentichiamoci che Ramadan significa sacrificio inteso come digiuno accostato ad una routine quotidiana che non deve cambiare). Ma non ho mai visto mio padre manifestare in Arabia Saudita per le festivita' di Natale mancate. Dove voglio parare ? Al rispetto per il paese che ci ospita.
Qualche tempo fa in una piccola cittadina del nord ( se non sbaglio Ivrea) una signora islamica ha fatto domanda per fare la maestra d'asilo. La stessa disse dopo qualche tempo che non le era stato dato il posto per via del velo che indossava. M'interessai alla questione e seppi che la signora aveva chiesto il venerdi' come giorno festivo e una maestra di supporto per le assenze che avrebbe avuto a causa delle preghiere durante l'orario di lavoro (due).
Davide sei mai stato in Medio Oriente?

il 02 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

Enrica, da quello che dici e dall'ultima domanda che mi fai deduco che non mi sono spiegato.
Voi continuate a parlarmi di tizio che fa questo e caio che fa quello, e in base a ciò giustificate la guerra totale all'islam predicata dalla Fallaci.
Allora decidiamoci: o parliamo a livello globale, o a livello locale.
Volete parlare a livello locale? Bene, credete sia difficile trovare migliaia di esempi in cui è l'occidentale a mostrare incapacità di accettare l'altrui cultura? Tuo padre non manifesta, Enrica? Ma tuo padre rappresenta la nostra intera società? Sei pronta a giurare che nessun occidentale residente in un qualsiasi paese mediorientale abbia mai protestato o manifestato per un qualsiasi suo diritto o tradizione o usanza negata?

No, non sono mai stato in Medio Oriente, dunque dove vuoi arrivare? Se ci andassi capirei quanto è dura per un occidentale viverci? Sì, è possibile che in certe zone sia così, ma se loro sono cattivi ospiti (e si potrebbe intavolare una dicussione infinita sulle ragioni di ciò), non significa che dobbiamo essere cattivi ospiti anche noi

Per quanto mi riguarda, tanto per fare un esempio, a casa mia ognuno è libero di vestirsi come gli pare... se poi in casa d'altri mi si obbliga a mettere il velo o a portare i boxer a pois sopra i pantaloni, mi adeguerò, e se la cosa mi costa troppa fatica, evito di andarci... ma non regredisco di un millennio anch'io solo perchè scopro che c'è qualcuno che è rimasto indietro

il 02 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Luca ha scritto:

Dovresti avere paura più dei tuoi vicini armati, che del tuo personale scontro di civiltà, che, (come ha fatto notare Davide), se si basa su fatti di questa portata lascia alquanto a desiderare.
Ribadisco (e il tuo post lo conferma) che il problema è la paura diffusa del diverso, basata più sulle attuali campagne mediatiche che sui fatti. I media utilizzano spessimo questo tipo di tattiche sia per aumentare lo share, sia (in alcuni casi, vedi ad es. le medicine) per mere questioni pecuniarie, sia politiche. Penso che bisognerebbe sempre valutare (criticare) chi ti trova un nemico da combattere.
Ti faccio notare che il fatto che dei genitori musulmani facciano andare il proprio figlio a scuola, pur consapevoli della presenza di insegnanti di sesso femminile, faccia riflettere sulla volontà di integrazione da parte di molti immigrati.

"Chi ha paura si sente più sicuro nel male che nel bene." Wiechert

il 02 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Sto pomeriggio non ho tempo di rispondere e forse non ne avrò fino a lunedì, ma volevo ricordare a Luca che quello che gli ho detto io non è dato dalle notizie dei TG o dalla stampa, sono cose che succedono nei dintorni di Trento e che purtroppo non riguardano la minoranza degli extracomunitari ma la quasi totalità (non tutti perchè tra le centinaia che conosco ce un Albanese, Gjevori Ibrahim chiamato Jimmj, che mi dice sempre di sua bocca frasi tipo: se io fossi italiano prenderei a calci tutti sti immigrati e li rimanderei tutti da dove vengono, non fanno altro che approfittare degli italiani che sono na banda di stupidi che si fanno mettere sotto). Perchè poi continuate a dire che li facciamo entrare perchè ognuno ha diritto di vivere meglio? e io sto diritto non lo ho? prima di dire così inizia ad aiutare chi veramente ha bisogno (islamici compresi) che i soldi per venire in Italia a farsi mantenere non li hanno (è si, fare un viaggio su un barcone costa parecchio, e come mi dice il mio amico Jimmy, quelli che vengono non sono i più miserabili ma solo i più furbi) e vedrai che quando riusciremo a cambiare loro il modo di vivere e avranno la capacità di autogestirsi e in molti casi liberi da teocrazie e dittature ti accorgerai che forse li avremmo veramente aiutati, non facendo entrare in Italia una piccolissima percentuale dei loro "furboni" che rendono la vita difficile anche a noi (come se l'avessimo già facile).
ciao

il 02 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
enrica ha scritto:

Davide in questi paesi e' illegale manifestare in piazza . Quindi ribadisco con fermezza che mai nessuno straniero ha provato a imporre la sua cultura manifestando.Al Cairo solo negli ultimi anni(uno o due) e' stato concesso di farlo ma regolato da severissime leggi.
Chi ha parlato di ospiti cattivi? La gente di questi paesi pensano tutto il bene possibile degli stranieri ospiti. Io parlo ( per rimanere nel tema casalingo)di rigidi padroni di casa.E noi non vogliamo essere come loro ma neanche rinunciare al nostro modo d'essere a casa nostra per loro , non vogliamo limitarci .E la loro religione e' talmente ben strutturata che io che la conosco ne ho paura. Ho usato il termine religione , ma bada bene che l'Islam comprende ogni aspetto dell'uomo l'intimo ,il sociale e il legislativo. Una religione che accetta che si picchi la moglie( si consiglia anche di picchiare le mogli robuste con la mano aperta e quelle magre con una frusta per non farsi male)non puo' coesistere con il nostro sistema legislativo che invece punisce certe cose. Una religione che ha come esempio un Maometto che si sposa una bambina di 8 anni non puo' coesistere con una legislatura che punisce ferocemente la pedofilia.
MARCO. Sono d'accordo con te sull'autogestione. Questa e' la vera soluzione senza ne vinti ne vincitori di una guerra che nessuno si auspica. Creiamo lavoro e smettiamola di mandare soldi o medicine o mangiare gratis che poi la classe politica del paese si rivende.
Facciamo come le grandi ditte italiane che vanno li' costruiscono , nel frattempo insegnano e guadagnano ,perche' no.Ciao

il 02 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
enrica ha scritto:

A proposito , la Fallaci e' stata ospite del Papa perche' la pensano quasi allo stesso modo riguardo l'Islam.
Il Papa legge la Fallaci.

il 02 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

Marco e Enrica, il problema è che arrivate alle vostre conclusioni partendo da ipotesi che non hanno riscontro nella realtà

Marco, tu dici "loro hanno diritto a vivere meglio, e io no?" ... ma come io no? E chi te lo nega, scusa? Se sei soddisfatto del tuo tenore di vita resti qua, altrimenti chi ti impedisce di trasferirti negli USA, in Canada, in Svezia, o in Bangladesh, se credi... nessuno te lo impedisce, così come nessuno ti impedisce di vivere bene qui, e se qualcuno lo fa, non dirmi che questo qualcuno siano necessariamente gli immigrati, e magari pure islamici

e poi, cosa intendi con la frase "vedrai che quando riusciremo a cambiare loro il modo di vivere" ?? Ho interpretato male io, o sei tu che vorresti imporre il nostro modo di vivere a loro?

Enrica tu invece continui a parlare di "rinunciare al nostro modo di vivere a casa nostra"... ancora... ma chi ti ha mai costretto a rinunciare a qualcosa? Ti è mai stato impedito di professare la tua religione (se ne hai una, e spero di no :D), di vestirti come ti pare, di agire secondo le tue idee? L'ho già detto e lo ripeto: chi minaccia l'occidente, la famiglia islamica integralista che manda a scuola la figlia col velo o che protesta perchè non toglie il crocifisso dalla parete?? Queste sono quisquilie, non si invoca la guerra totale, non se a farlo sono 3 persone ogni 5 anni... quanto alla religione che accetta che si picchi la moglie, io ormai ho deciso di diffidare di tutti i "self-made"-esegeti dell'islam, ormai spuntano come funghi e dicono tutto e il contrario di tutto, e sottolineano solo gli aspetti che più gli fanno comodo

Io mi affido al mio relativismo cosmico (con sommo dispiacere di Ratzinger) e dico che queste religioni millenarie condividono parecchi aspetti truci, legati ovviamente ai tempi in cui nacquero, e che se uno vuole trova amenità inenarrabili nel Corano come nella Bibbia... in ogni caso, viviamo PER FORTUNA in una società laica (con sommo dispiacere di Ratzinger) e chiunque commetta un reato in nome di qualsivoglia religione o superstizione, finisce in galera, e non se ne parla più.

Per quanto riguarda l'autogestione, ottima soluzione per un liceo, ma per il Secondo e Terzo mondo preferirei proposte di altro tipo :D

il 03 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
enrica ha scritto:

Credevo di parlare con una persona informata sui fatti ma mi sbagliavo.Mi pare di parlare con una persona che legge quotidiani di sinistra e che ha poco viaggiato , ti manca la mentalita' internazionale. L'esempio che ti ho descritto riguardante le mogli e come si picchiano e' vero non me lo sono inventato e sarebbe bastato che tu ti fossi informato.
Ti ho parlato di struttura della religione islamica e tu non mi hai letto. Loro non hanno bisogno di crociate per islamizzare un paese perche' la loro religione e' talmente ben strutturata da non aver bisogno di spedizioni. Se ne hai voglia te lo potrei spiegare.
Mi e' parso di capire che consideri il mio pensiero figlio di un'informazione sbagliata. Il pensiero di ogniuno potrebbe esserlo , solo che io questa cultura la conosco bene ,tu no. Baci baci

il 03 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Edo ha scritto:

Il fatto che Papa Benesedici la pensi come la Fallaci (o viceversa) non mi pare esattamente un progresso di questa chiesa. E rende giampaolo secondo ancora più grande.

il 03 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
IslamRausNow ha scritto:

L'ho già spiegato: l'Islam si deve adattare alla società occidentale e mai viceversa. Sarebbe un progresso per tutti. Possiamo fare come fà la sinistra e cercare di zittire e sminuire le tesi contrarie insultando autoincensandosi e dandosi ragione l'un l'altro come tra l'altro fanno qui e inventarsi scuse e teorie alquanto bizzarre che parlano di Islam moderato.
L'Islam non è una cultura o una religione, è un modello di teocrazia spaventoso. Con ciò non si deve necessariamente discriminare gli arabi a priori o quant'altro, ma bisogna essere pratici e mettere condizioni più dure e precise agli Islamici. Ricordatevi che prima c'erano antiche e gloriose civiltà in molte di quelle terre, con l'arrivo dell'Islam è sparito tutto e vi è rimasto spazio solo per la fame, l'ignoranza, la prevaricazione di ogni norma civile.
L'Islam ostacola qualsiasi progresso scientifico, intellettuale e di costume, chi asserisce il contrario sa che in realtà la verità è solo una.

il 03 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

Enrica a me invece pare di ripetere le stesse cose da 4 post, eppure vedo che non mi ascolti.
Non leggo quotidiani di sinistra, ma prima dovrei chiederti quali pensi che siano questi quotidiani, se intendi l'Unità o il Manifesto, no, non li leggo.
Sulla mentalità internazionale, ti rido bellamente in faccia, credo di avere viaggiato nella norma di quanto può viaggiare una persona giovane, e senza troppi soldi da potere spendere. Il medioriente mi manca, sì, e infatti non mi atteggio ad islamista.
Non metto in dubbio l'esempio riguardante le mogli, metto in dubbio l'importanza che tu gli dai, come se fosse l'aspetto principale della cultura islamica, e come se le mogli nei secoli scorsi avessero ricevuto un trattamento migliore qui da noi, prima che il pensiero laico cominciasse a spazzare via una dopo l'altra le nefandezze di stampo medievale regalateci da Santa Madre Chiesa.
Spiegami pure come islamizzeranno l'Europa passo passo, ma prima dovresti provare che ci sia l'intenzione di farlo. Io questo lo nego fermamente, e nego che tutto ciò vada legato al fenomeno dell'immigrazione, che non riguarda solo gli islamici, anzi li riguarda in minima parte e non ha nulla a che vedere con scontri di civiltà, diatribe religiose e guerre dei mondi.

il 03 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
enrica ha scritto:

Sono rimasta piacevolmente incantata dalla lettera di Islam. Hai sicuramente cultura a riguardo ,ne si sente il profumo da subito.
Passo passo.......(a Davide)
Una donna di religione cristiana puo' sposarsi un uomo islamico senza dover rinunciare alla propia religione. Potrebbe sembrare un segno di grande civilta' ma...........
La religione della madre nn ha nessuna importanza, infatti chi tramanda la religione ai figli e' il padre , e se succedesse che un uomo di qualsiasi religione volesse sposarsi una donna islamica , allora questo dovra' per forza diventare a sua volta islamico per cosi' poter tramandare la religione ai figli.
Bada che la relione non e' tramandata a voce ma compare scritta sul passaporto e ogni altro documento.
E il figlio non puo' non accettare l'eredita' del padre. Conosco persone che si nascondono perche' essendosi volute convertire ad altre religioni , hanno paura di venir uccise.
Ora se tu sei un uomo intelligente avrai capito che in questo modo ci saranno sempre piu' bambini che nascono islamici .
Ecco perche' la cultura islamica si sta espandendo , ecco perche' la religione di cui stiamo parlando e' diventata la seconda in Italia, ecco perche' l'Albania.... ecco perche' la Nigeria.....,ecco perche' l'Egitto , il Marocco, la Tunisia...... E se sei fortunato non succedera' a tua figlia. Non sto cecando di offenderti , ho due figlie.
p.s: I ragazzi che hanno fatto la bravata a Londra erano ragazzi cresciuti in Europa.

il 03 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
enrica ha scritto:

Dimenticavo: provate ad accusare un uomo islamico che ha appena picchiato mortalmente la moglie.Parte la denuncia dei vicini , arrivano i carabinieri , arrestano il tizio il quale ha diritto ad un avvocato. Lo stato italiano contro lo stato islamico. Cosi' e' ! Con l'islam entra anche uno stato fatto di leggi completamente diverse dalle nostre.
Caro Mohammed lei ha picchiato sua moglie quasi ammazzandola.L'avvocato della difesa dira' , certo ma le sue leggi glielo permettono e' legale , si ma Mohammed si trova in Italia , ma............. Gran casino che finira' e non finira' fino a quando in Italia non si decideranno a prendere sul serio il prolema.

il 03 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
oppi ha scritto:

Beh, le mie felicitazioni al terzultimo utente qui sopra ("IslamRausNow"...che carino, un meticciato di lingue in un solo nome! :P ), che sa che
la verità è una sola
e oltretutto la conosce pure, beato lui.

Tornando a parlare con gente che invece magari ha qualche dubbio (nessuna offesa, IRN, solo che se come dici tu già sai, allora non credo il confronto non ti interessi), mi rivolgo ad Enrica e le chiedo alcune cose.
Enrica: ti atteggi a profonda conoscitrice dell'Islam, e probabilmente lo sarai anche: puoi dire lo stesso della tua conoscenza del Cristianesimo? Te lo chiedo perchè citi le passi del Corano in cui si raccomanda di picchiare la moglie. Mi viene il dubbio che tu davvero non abbia mai letto i NUMEROSI versetti della Bibbia incentrati sulla sottomissione e l'inferiorità della donna. Davvero, voglio solo dire che evidentemente non l'hai fatto, se non non credo che faresti esempi che prestano il fianco così facilmente a paragoni che di fatto li annullano.

E poi: spero che tu non sia seria quando parli del matrimonio di Muhammad con Aicha. A parte il fatto, che non cambia sicuramente le cose di sicuro, che la ragazzina aveva non meno di 12 anni e non 8, tu cosa vorresti dire ricordando questo avvenimento? Davvero vuoi partire da questo episodio della vita di Muhammad per accostarlo seriamente alla parola "pedofilia"?
Fai molta attenzione quando parli, Enrica, cazzate ne diciamo tutti ma alcune possono essere più delicate di altre. E chiudiamo qui l'argomento, senza parlare della nazionalità e della religione di appartenenza della stragrande (quasi assoluta, fidati che parlo con certezza) maggioranza dei pedofili. E spero non tireremo più fuori boiate del genere mentre argomentiamo di attualità. Ci mancava solo il collegamento Islam-pedofilia, fantastico. tzè!

Ti chiedo scusa per l'innalzarsi dei miei toni, non è stato voluto ma spontaneo.
Preferirei non dover parare in giustificazioni storico-religiose quando si parla di attualità, quando si parla dei toni (appunto!) della Fallaci...
Come ho detto sopra a Marco, vorrei che la si smettesse di portare chure coraniche a sostegno delle proprie idee sul modo di affrontare la realtà. Non sto cercando di convincerti a cambiare queste ultime, non ancora, sto cercando solo di riportare finalmente il dibattito su un terreno su cui possa nascere un confronto e da questo magari qualcosa di utile, per entrambi anche, senza tirar fuori quelle frammentarie conoscenza che oltretutto -come detto- si prestano a facili contestazioni!
Basta parlare del pensiero di millenni fa come se fosse l'attuale. Non lo è, non può esserlo, nè in Medio Oriente, nè in Europa occidentale, nè in Cina (dove le mogli venivano picchiate secondo regole ben precise...lo sapevi?), nè altrove. Tutto qua quello che chiedo.

E ti sarei grato di non ricevere risposte patetiche "ma le radici affondano lì, in quelle robe lì, per cui per spiegare anche quello che succede oggi blah etc"...No. Quello vuol dire "sì, in effetti non ho argomentazioni plausibili a sostegno delle mie tesi".

Grazie per la comprensione

il 03 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
oppi ha scritto:

Un'ultima cosa...chiedo scusa ma è più forte di me, le fandonie mi danno fastidio e sono pignolo:
1)L'Uomo-Sicurezza qua sopra ha scritto: "Ricordatevi che prima c'erano antiche e gloriose civiltà in molte di quelle terre, con l'arrivo dell'Islam è sparito tutto e vi è rimasto spazio solo per la fame, l'ignoranza, la prevaricazione di ogni norma civile." Ha! Grasse risate. Evidentemente le culture olmeca, inca, azteca, maya, navajo, lakota, cheyenne, franca, burgunda, e decine d'altre non citate non erano "antiche e gloriose civiltà". Mi fanno sbellicare costoro che a comando si decidono ad apprezzare determinate "antiche civiltà".
2)Enrica scrive: "Ecco perche' la cultura islamica si sta espandendo , ecco perche' la religione di cui stiamo parlando e' diventata la seconda in Italia, ecco perche' l'Albania.... ecco perche' la Nigeria.....,ecco perche' l'Egitto , il Marocco, la Tunisia". Enrica, forse sono io che non ho capito (davvero), perchè parli dell'attuale espansione della religione musulmana portando come esempi Paesi islamizzati da secoli...non ho capito. Ciao.

il 03 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
enrica ha scritto:

1_Ricordo bene i verseti della Bibbia in questione e ricordo anche che fanno parte del Vecchio Testamento e sicuramente saprai che da allora la religione cristiana ha fatto passi da giganti a braccietto con i tempi che cambiano. Un atteggiamento della Chiesa sicuramente intelligente e aperto.
Al contrario Muhammed morendo ha lasciato un libro chiuso ad ogni tipo di mutamento. Lui sarebbe stato il primo ,l'ultimo e l'unico profeta.
2_ Aicha era stata offerta al profeta molto prima dei dodici ma gli fu data in sposa a dodici semplicemente per aspettare che le arrivasse il ciclo.
E' vero che i pedofili sono ovunque e in ugual misura ma e' anche vero che esistono paesi dove questo fenomeno e' illegale e altri dove non esiste neppure una proposta di legge.
Quest'anno in Egitto sembrava finalmente approdasse in parlamento una legge che avrebbe difeso la donna dalle violenze del marito.
Ma neanche quest'anno il paramento egizano ha voluto sfidare tanto la religione.
3_ Ho preso ad esempio quei paesi per parlare di islamizzazone per far capire che e' un processo lento e silenzioso ma arriva.Si diffonde per osmosi.Un trasporto attivo.

il 03 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

Enrica, le questioni aperte si moltiplicano a dismisura, quindi sarò breve (sarà dura):
sulla questione della trasmissione per osmosi, mi domando se tu sia seria o meno... parli della religione di una persona come se facesse parte del patrimonio genetico...

"La religione della madre nn ha nessuna importanza, infatti chi tramanda la religione ai figli e' il padre" ... ma che cazzo è, una nuova versione delle leggi di Mendel??
Ma ti pare che una coppia così matura da sposarsi e figliare in barba alle barriere culturali, religiose e razziali, si senta poi costretta a crescere un piccolo integralista islamico? Ma ti pare uno scenario credibile? L'Islam è la seconda religione in Italia perchè il numero maggiore di immigrati non cristiani, per semplici questioni geografiche, proviene dai paesi del Maghreb, e ciò non ha nulla a che vedere con la diffusione del tuo fantomatico virus maomettano

"Sono rimasta piacevolmente incantata dalla lettera di Islam" hahahah mamma mia, incantata anche dal suo nick immagino, una classe innata e una cultura di cui si sente "il profumo"... io sento odore di fogna, cmq... riguardo all'Islam che impedisce il progresso, e alla religione cristiana che ha fatto passi da giganti, lego assieme le 2 questioni ricordandoti che il progresso scientifico è sempre stato ostacolato dalla Chiesa (chiedere a Galilei, fra gli altri...), e che determinati traguardi, raggiunti in tempi recenti su questioni riguardanti diritti umani, delle donne, e delle minoranze, sono dovuti alla progressiva laicizzazione della società e dunque delle leggi... non è il cristianesmio che ha fatto progressi, è la società che lo ha messo fortunatamente sempre più ai margini del proprio modo di vivere.

Chiudo con una chicca (un po' off topic) in cui mi sono imbattuto proprio oggi surfando sul web... come la mettiamo Enrica se Gesù di Nazareth è in realtà Giovanni di Gamala, capo di un'orda di guerriglieri rivoluzionari detti "figli della vendetta"?
Sembra uno scherzo, ma in realtà è tutto ben documentato fino allo sfinimento... leggete, leggete

http://www.portalissimo.it/webportal/modules.php?name=News&file=article&sid=10

il 03 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
enrica ha scritto:

..scenario incredibile , dici tu ! e' propio cosi'! incredibile vero? e comunque in queste societa' nn vi e' nessun dubbio su come cresceranno questi figli....tu hai parlato di integralista islamico e io ti dico che nel 99% dei matrimoni misti i figli seguono la religione e la cultura islamica.E ripeto , senza possibita' di scegliere.
Per quanto riguarda la storia della seconda religione in Italia, hai ragione in parte tu ma anche io.
p.s.non sono cattolica , quindi non pensare che i miei siano discorsi di parte.

il 04 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
oppi ha scritto:

La religione cristiana da allora ha fatto passi da gigante? "Allora" si intende alcune migliaia di anni fa, giusto? Da "allora" la chiesa cristiana ha compiuto nefandezze in tal numero e portata che nessuno mai l'eguaglierà nei secoli dei secoli amen. In confronto l'Islam si è fatto parecchio "i fatti suoi".
Per quanto affermi al secondo punto, e mi fa piacere tornare all'attualità sperando di restarci, non dubito affatto di quello che dici, ed evidentemente una legislatura di quel genere è arretrata rispetto a quelle della maggior parte dei paesi occidentali (almeno in questo specifico campo). Ora che siamo tornati a parlare di cose che possano interessare, spero anche che compiamo il passaggio di non passare più dall'analisi, per restare nell'esempio, di una pecca grave come quella che tu hai citato, all'avallo di uno "scontro di civiltà" che non esiste e soprattutto non deve esistere (già le parole che compongono questa detestabile espressione... "scontro" e "civiltà"... secondo me è quasi un ossimoro...!).
Sul terzo punto da te riportato, sono d'accordo con Davide, e riguardo alla tua paura dell'aumento di fedeli islamici tra i bambini che ora nascono in Italia ti dico una cosa che conosco e una che penso.

La prima é che io so, per certo, che non sta affatto accadendo quello che tu affermi. Non dico che nel privato di alcune famiglie, anche molte magari, le cose si possano svolgere secondo la modalità da te indicata, ma un fatto è che, quando avvengono grosse migrazioni, nella storia, con il tempo i migranti innanzitutto assorbono la cultura del Paese che li ospita (volenti o nolenti...dicesi "minoranza"!); il secondo passaggio (esclusi -forse- gli Ebrei) è la perdita dell'identità religiosa e prima ancora dell'ortodossia. E' sempre avvenuto così, e io ti assicuro che ho la conferma che anche oggi non stiamo sfuggendo ai meccanismi della storia, e che molti, moltissimi musulmani in Italia (e nel resto d'Europa non credo sia diverso, in Germania posso sapere che non lo è) stanno lentamente perdendo molto della loro partecipazione religiosa, vuoi per "osmosi" :-), vuoi per difficoltà pratiche (fame), vuoi per qualsiasi altra ragione (ce ne sono tante!), ma è un fatto. E' un fatto, anche se i giornali e le tv non ne parlano, e che questo non ti stupisca; è un fatto perchè ho modo di vedere e conoscere di cosa parlo in questo caso.

E qui passo alla seconda cosa: non è che questo fatto mi faccia piacere...non so se a te invece sì, a molti di sicuro, se solo lo vedessero, se solo qualcuno lo dicesse loro, molti paladini della cristianità come IslamRaus si tranquillizzerebbero di sicuro...
Invece, a me personalmente, se il numero dei bambini che crescono professando la religione musulmana dovesse crescere a dismisura in Italia (cosa che -ti ripeto- non avverrà), non importerebbe nulla. Davvero: non mi farebbe piacere, nè il contrario.
Io sono cresciuto in un ambiente cattolico, come più o meno tutti in Italia, ho collaborato moltissimo con la mia Parrocchia e in una certa misura continuo a farlo, quindi probabilmente sono un "Cristiano"; e vivo la mia fragile (al momento) fede in forma assolutamente privata, e non per questo meno profonda. E proprio per questo, così come non mi interessa fare proseliti nè ostentare la mia religione, non mi interessa minimamente quale sia quella di coloro che mi circondano: non so se puoi crederlo o capirlo, ma è davvero l'ultimo dei pensieri che mi passa per la testa, quando sono a fianco di una persona. Prima mi piace capire i suoi principi, i suoi interessi culturali, le affinità o le differenze a tutto campo... La religione professata da altri (da altri!) diventa un fattore che può influenzarmi solo nel caso in cui si tratti di fanatismo, e solo nel caso in cui questo possa risultare pericoloso in qualche maniera. Altrimenti...per semplificare al massimo (ed esagerare un po', diciamolo), se il 90% della popolazione italiana fosse di credo musulmano, questo non toccherebbe la mia sfera di pensiero. La tua sì? Non vedo perchè dovrebbe.
Sono sicuro che troverai "ingenuo" o qualcoa di simile l'ultimo paragrafo di questa mia risposta; d'altro canto io trovo stranamente che molti cittadini italiani siano diventati, ma proprio negli ultimi 4 anni circa eh!, improvvisamente strenui assertori della cristianità delle proprie radici di cui sembravano non essersi accorti per gran parte delle loro vite... ;-P
Ciao!

il 04 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
IslamRausNow ha scritto:

Specifico meglio: non sono cattolico. Sono laico e non poco. C'è chi ha parlato che la Chiesa nel corso della storia abbia ostacolato il progresso scientifico e ha ragione in alcuni episodi. Con la laicizzazione della società si fanno più progressi in campo scientifico e pure questo è vero. Anche se non tutti quei "progressi" li reputo giusti, ma questo è un altro discorso.
Però la follia della sinistra è che non vuole affatto la laicizzazione della società (anche se i principi comunisti sarebbero questi) ma solo togliere potere alla Chiesa e aprire le moschee. Leggi: è giusto che ci adattiamo noi a loro, sono immigrati, di religione non-occidentale, quindi hanno ragione a priori.
Se volete una società laica è inutile che protestiate contro i tabù che cerca di mettere la Chiesa, spesso senza riuscirvi e poi elogiate un'altra fede che pone regole di vita o di morte.
Se il Cattolicesimo vi dà fastidio perchè dice che la donna deve essere devota all'uomo ciò non vuol dire che l'Islam che predica la completa e più cruda sottomissione della donna sia una gran conquista per la società.
Vi sono alcuni casi di abusi tra i preti cattolici, ma avete letto il recente scandalo delle madrasse? E' apparso su diversi quotidiani francesi, qui che siete così informati perchè non ne avete parlato? Mah.........

il 04 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
enrica ha scritto:

Ciao Oppi , sono d'accordo sul fatto che popoli migratori finiscono con l'essere assorbiti dalla cultura del popolo che lo ospita .Ma fammi aggiungere (visto il mio perenne migrare),che cio' avviene solo se il popolo che migra e quello ospite non sono troppo diversi culturalmente.
E le radici comunque ,in qualsiasi situazione, sono come un fuoco perenne che continua bruciare nel cuore del popolo dei migratori. L'orgoglio d'essere....... All'estero la propia nazionalita' acquista un valore che voi cittadini sedentari non potete comprendere.
Quindi non mi riesce difficile capire che l'orgoglio islamico fuori dal propio paese diventi ragione di vita.
Ieri ho scritto di non essere cristiana ma ho detto una mezza bugia.Credo di sentirmi nei confronti della religione un po' come ti senti tu.
Io presto volontariato in un istituto di suorine di Madre Teresa di Calcutta al Cairo.
Altra puntualizzazione.
Non ho nulla contro i bimbi islamci che nascono in Italia ma non vorrei mai che uno di questi bimbi sposasse mia figlia perche' la cultura e' troppo diversa.
Non vorrei mai vedere mia figlia coperta da un velo e magari mia nipote infibulata , perche' conosco la tristezza della situazione della donna islamica.

il 04 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

IslamRaus ma che cazzo stai dicendo, i comunisti vogliono chiudere le chiese e aprire le moschee? La sinistra elogia l'islamismo? Senti, ma se allora vogliamo sparare puttanate così a ufo partecipo anch'io, facciamo a chi la spara più grossa, poi a chi piscia più lontano e a chi rutta più forte...
C'è una grossa differenza fra l'elogiare questa o quella religione e il dire che l'una non è peggio dell'altra... se dico che non tutti gli islamici sono terroristi, non sto lodando la loro civiltà... se dico che non ci stanno invadendo, non sto dicendo che sono meglio di noi... capisci, non c'è nesso logico, non c'è sillogismo, Aristotele si rivolta nella tomba, e se potesse risorgerebbe e ti riempirebbe di mazzate !!

il 05 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

A davide: prima cosa io non mi mouvo dall'Italia e mi vedo bene di andare in Bangladesh se non in vacanza, non perchè mi faccia schifo, ma perchè sono abituato a vivere in un certo modo e perchè i miei avi hanno faticato tanto a creare un paese dove io possa vivere bene e non vedo perchè io non debba fare lo stesso per i miei figli. Chi dice che io non posso vivere bene è il fatto che a differenza di quello che succede per un Italiano qualunque, la politica anti razzista fa si che se io vengo trattato normalmente, cioè senza ne sconti ne aiuti (o pochi) l'immigrato si vede riconoscere un'innumerevole serie di agevolazioni (di cui ho riportato già innumerevoli esempi solo nella mia valle di 5000 abitanti). Poi io non volevo dire che voglio cambiarli (di sicuro quelli che stanno a casa mia si ma gli altri no) ma aiutarli a cambiare barbare usanze e aiutarli a crearsi una base economica per il loro sostentamento (anche perchè la politica del petrolio fortunatamente non durerà in eterno e se ci svegliassimo potrebbe già essere finita da un pezzo), ma tutto questo certo senza cercare di sopraffarli.
Per Oppi: il discorso pedofilia-Islam non dovrebbe farti tanto ridere, non tanto perchè questo sia lodato, ma perchè è tollerato... io non so se tutti gli harem dei ricchi islamici siano pieni di fanciulle minorenni (perchè in un harem non ci sono mai stato) ma di sicuro sò che quelli dei potenti del passato erano pieni zeppi e anche oggi nessuno viene condannato per tali atti (vedi il principe dello Swaziland che la settimana scorsa ha fatto una festicciola con 50 mila ragazzine vergini e TREDICENNI aspiranti a divenire la tredicesima moglie dell'avvenente trentasettenne re (forse per amore).
Il problema comunque non è questo, come ho già detto se il loro modo di vivere comprende certe cose che noi riteniamo barbarie, più che dialogare e cercare di convincerli a smatterla non possiamo fare...
Quello che leggo spesso in questo forum è la questione delle nefandezze della chiesa su cui non mi soffermerò molto (perchè sono di parte essendo praticante cattolico): a parte che non capisco questa "gara" nel professarsi laici (in quor mio spero che dopo la morte troviate la pace, ma questi sono solo pensieri da cattolico, non fatene argomento di forum), e ancor meno capisco i confronti Cristiano-Islamici: io la bibbia l'ho letta e non vi ho trovato ne incitamenti alla violenza ne alla sottomissione della donna (se non come dice IslamRausNow quando si parla che la donna deve essere devota all'uomo, ma non per questo sottomessa, ad esempio vi ricordo, sempre se credete nell'esistenza di Gesù come messia e non come "guerriero di vendetta" che dopo la resurrezione è apparso alle donne, che la Madonna madre di Gesù è donna, che quando una donna doveva essere lapidata Gesù disse "chi è senza peccato scagli la prima pietra" e molti altri), non ho trovato incitazioni alla violenza (Vi prego di mandarmi i versetti) ecc... e se volete saperlo le "nefandezze" della chiesa nei secoli sono accadute si, ma a mè sembrano molto minori rispetto a quelle dell'Islam (ma proprio molto), ad esempio penso vi riferiate alle Crociate di cui ho già parlato (se non fossero avvenute ora saremmo tutti Islamici) o all'inquisizione: su questo c'è da dire che nel medio evo una qualsiasi nazione occidentale (certo, la religione non è una nazione ma solo un'istituzione potente, e qui stà la colpa maggiore secondo mè) aveva un tribunale con pena di morte per le colpe gravi e la chiesa aveva il suo tribunale (dove comunque per chi dichiarava di aver capito le sue colpe era concessa la grazia, infatti Galilei non è stato ucciso) e ricordo ai super informati del forum che in circa 300-400 anni di inquisizione (non ricordo il periodo esatto) le vittime sono si tante ma se consideriamo il lungo periodo diventano relativamente poche, cioè circa 2-3 vittime all'anno (se non mi credete gli archivi del vaticano hanno una completa documentazione con registrati tutti i circa 1000-1200 processi). Poi c'è da dire che la chiesa è sempre stata propensa alla teocrazia cioè di far prevalere la legge divina a quella laica e qui è forse la più grande equivalenza tra Islam e Cristianesimo...
Nonostante tutto ciò continuo a non capire perchè i vostri argomenti si limitino al questi confronti... chissenefrega se è meglio il Cristianesimo o l'Islam o l'Ebraismo (ognuno ha le proprie convinzioni), il problema non è quello, ma solo che chi viene in Italia deve rispettare le nostre usanze ed adattarsi, siano esse laiche o cristiane e non il contrario. Quindi mi va bene il confronto tra chi afferma che gli immigrati si stanno integrando bene rispettandoci e tra chi come me afferma che siamo noi che ci stiamo integrando arrendendoci a una islamizzazione graduale e sempre più estesa (che dovrebbe far preoccupare anche chi non gli importa niente del credo della gente che ha attorno visto che la tanto citata teocrazia nell'Islam esiste ancora e è più forte che mai).
Seguo col dire che l'Islamizzazione dell'occidente (già tentata con le invasioni dei mori e sconfitta grazie alle crociate) secondo me stà avvenendo, non più attraverso le spade ma attraverso il nostro non proliferare e il costante afflusso di orde migratorie per niente intenzionate a cambiare usanze ne tantomeno il loro credo, e questo è provato dal fatto che in Italia come in Europa la percentuale di Islamici è in costante aumento e torno a ripetere che questo dovrebbe se non spaventare, almeno iniziare a pensare anche chi non ha paura di trovarsi a vivere in una civiltà fatta al 90% da Islamici (se vi piacerebbe questo fate prima ad andare in un paese islamico e come dice Erica vedrete che goduria) come mi sembra abbia affermato Davide od Oppi (non trovo più il punto scritto :->) sempre ripetendo che è vero che gli immigrati hanno perso la loro partecipazione all'Islam (e conseguentemente alla teocrazia) ma che questa partecipazione grazie alla costruzione di sempre nuove moschee (molte volte grazie all'esproprio di terreno di proprietà di Italiani) ha fatto si che il ritorno alla frequentazione di queste stia progredendo a velocità doppia rispetto alla velocità con la quale l'Italia si stà Islamizzando, cioè chi non frequentava le moschee torna a farlo con sempre conseguente ritorno alla teocrazia e la percentuale di chi non lo fà è sempre minore (spero sempre che abbiate dei dati che contraddicano quello che scrivo). La solita storia del "cercano solo il pane" spero che non la ritiriate di nuovo fuori dal cilindro, perchè altrimenti io ritorno a scrivere sulla schiavitù, sulla percentuale di popolazione di terzo mondo che l'occidente può accogliere ecc.
Ultima cosa a Davide: storicamente il nazismo era pro-islamico (il fascismo solo simpatizzante) e sono pronto a provarlo da varie dichiarazioni naziste o Islamiche di quei tempi, ma lasciando perdere la questione per evitare di allungare il forum all'infinito, a mè sembra che un fondo di verità su quello che dice IRN esista, visto che i famosi espropri sono stati fatti tutti da sindaci e giunte di sinistra, visto che la politica di sinistra (dal togliere la proprietà privata di Bertinotti al candido e sempre a dieta Pannella che vede di nuon occhio l'idea di limitarci a risolvere i problemi del mondo limitandoci a trovarci in gruppo per spipacchiarci qualche sigaretta alla mariuana al parco) favorisca molto più che la destra l'espandersi dell'islam, forse non lo elogia come faceva il nazismo o come l'islam faceva per il nazismo (viste le caratteristiche paragonabili tra nazismo e islam, sempre pronto a documentarvi se aveste da obiettare) ma certamente lo favorisce.
ciao a presto

il 05 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
IslamRausNow ha scritto:

Davide, lascia perdere i silogismi e leggi quello che ho scritto sopra. Leggilo bene. Poi rispondi, senza aggrapparti ad Aristotele.
Come ho postato poco fà, se a voi piace vivere in una società islamizzata, cazzi vostri, la gente che lavora e non perde tempo a cazzeggiare con le bandierine della pace non vuole essere invasa da persone che spacciano ai loro figli (il terrorismo Islamico usa la droga per piegare l'Occidente), che mettono in testa il sacco dell'immondizia alle donne dopo averle private di tutti i loro diritti, che si devono far saltare in aria perchè quel librucolo chiamato corano scrive solo una montagna di cazzate.
Basta. Ne abbiamo le palle piene di vederci quello che una volta era chiamato il Bel Paese, invidiato da tutti per cibo, musica, arte, cultura, macchine ecc. ridotto ad un letamaio pieno di corruzione, inefficenza e delinquenza.
Aveste poi almeno un programma politico, idee vostre, spunti.......no, zero, sparate a raffica su chi non ha le vostre idee (che hanno storicamente fallito) e per principio dovete dire che qualsiasi cosa succeda è colpa di Berlusconi (politico che non ammiro, lo preciso prima di sentire le solite battute). Perchè per voi il fatto che l'Islam rappresenti nella pratica e nella teoria ideali di totale violazione dei diritti in tutto e per tutto non è un problema, anzi, ecco un'altra magnifica cultura da stimare e incensare. C'è un enorme crescendo di delinquenza extracomunitaria e che sapete dire? Niente, apriamo le frontiere e diamo del fascista a chi sostiene che sarebbe meglio integrare gli immigrati onesti e dare qualche calcio nel culo a quelli che rompono, siccome le leggi italiane hanno un tasso di severità che siamo prossimi all'anarchia. La droga è in aumento e l'età è in ribasso? Alè legalizziamola. E così via. Questo è il principio politico su cui vivete e vi glorificate. Diventeremo rapidamente la fogna d'Europa andando avanti così e a quel punto che farete? Continuerete con le bandierine della Pace e i girotondi?

il 05 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Per DAVIDE:
mi sono letto gran parte del sito di Luigi Cascioli, autore dell'articolo che mi hai consigliato tratto da portalissimo. Il Giovanni di Guamala o come si chiama non mi sembra documentato poi così tanto, prima cosa le fonti degli "atti di Giovanni di Guamala" cosa sono? Degli scritti rivoluzionari del tempo? non l'ho capito... a parte che ripeto che questo non era argomento del forum, a me sembra che il signor ateo Cascioli ce l'abbia così tanto con la chiesa da scrivere decine di pagine su preti che hanno avuto rapporti sessuali durante i secoli (e chi lo nega? la chiesa è piena di massoni, è piena di gente corrotta anche oggi, non serve andare indietro di 1000 anni, ma questo non significa che era il cristianesimo la causa, ma come dice lui stesso è la repressione sessuale a creare scompensi di fatto sessuali), cercando connessioni improbabili tra satanismo e chiesa ecc... Sul Gesù capo di rivolte contro i romani e pretendente del trono della Palestina: se veramente fosse così perchè i Romani che hanno governato dal 50 d.c. in palestina non ne parlavano? Questo fatto è sempre riportato sullo stesso sito, cosa che a me semra un tipico darsi la zappa sui piedi; se Gesù invece che il messia era un importante rivoluzionario capace di contendere il trono ai romani il non averne parlato non significa che Gesù il messia non sia esistito ma che Gesù il rivoluzionario non sia esistito. Se vuoi possiamo fare discussioni anche su sto Luigi... comunque intanto ti dico che senza essermi informato molto sulla questione ho trovato anche nel sito molte contraddizioni: su Padre Pio ad esempio le stigmati sono viste come una malattia delle vene causata da astinenza sessuale (????) e successiva lacerazione dei tessuti... come spiega però la scomparsa delle stesse al momento della morte? semplicemente ci gira attorno o non ne parla (e la scomparsa di queste al momento della morte è provato da medici che non centrano niente con la religione e fotografato). Sui testi apocrifici (falsi vangeli) il signor Luigi dichiara che essi sono più autentici dei quattro della bibbia, ma anche questi sono sempre vangeli che testimoniano la nascita di Gesù, anche se poi sono in contrasto su molte cose, che Gesù si è sposato ecc, ma di sicuro non un rivoluzionario paragonato a Bin Laden (sempre come da lui descritto, senza forse sapere che il Bin non è ebreo, ma Islamico).Dice che i componenti della squadra di Gesù il bandito e il missia hanno nomi simili trovando anche delle connessioni tra i soprannomi, dicendo che i vangeli sono sempre questi testi guerriglieschi falsificati dalla chiesa, ma perchè sono stati falsificati? Perchè è nata la chiesa? forse per creare una nuova religione fedele al guerriero Gesù che combatteva contro i romani? Per quanto potente fosse questo Gesù guerriero dubito che lo fosse tanto per mettere in piedi una sua religione. Boh mi fermo, non spetta a me ribattere al signor Luigi, anche perchè qesto non è il forum adatto e io non ho abbastanza conoscenze per farlo, probabilmente ci vorrebbero anni di studi...
Spero comunque che le tue fonti non siano tutte così di parte e che il tuo credo non sia pari a quello di Luigi .

il 09 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

IslamRaus io leggo bene quello che scrivi ed è veramente una gran marea di cazzate. Avessi almeno una minima argomentazione per ciò che dici si potrebbe anche discutere, ma non l'hai. Quindi che rispetto pretendi? Berlusconi lo tiri in ballo tu come vedi, forse è più utile per voi farne una vittima che non per noi farne la causa di tutti i mali. Il discorso sulla delinquenza e la droga è ridicolo, come se le avessero portate qui gli islamici. Delle due l'una: o parli in malafede o sei completamente impazzito, in questo caso ti invito ad informarti meglio, ma credo tu sia un caso disperato.
L'enorme crescendo di delinquenza extracomunitaria dove lo vedi? E' in assoluto o in proporzione al numero? E quanto cresce nel contempo la delinquenza autoctona? Tutte domande interessanti, ma è meglio che non sottilizzi troppo, altrimenti i tuoi discorsi da bocciofila perdono mordente.
La droga è legalizzata per esempio in Olanda (con ovvie limitazioni) e non mi pare sia la fogna d'Europa... ma questi sono tutti discorsi a ufo, nulla a che fare con la Fallaci e l'argomento del thread

Scusa hai ragione, non era il caso di scomodare Aristotele per rispondere al tuo post... avrei fatto meglio a farmi una bella risata (amara, però...)

il 09 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

Marco, su Cascioli non ho nulla da dire... io ho messo il link, ognuno giudichi come crede.

Sull'ultima parte del tuo romanzo precedente, Pannella non è di sinistra innanzi tutto. Definire il nazismo e il fascismo pro-islamici a me pare ridicolo, ma se credi di poterlo provare fai pure.
E per dire che la sinistra agevola l'espansione dell'islam bisogna stabilire cosa si intende per espansione... se intendi che la sinistra è più aperta all'immigrazione (non solo degli islamici però, ti ricordo) sono d'accordo e ne vado fiero... l'immigrazione non è un reato... se intendi qualche altra cosa, specifica meglio, perchè così com'è il discorso mi pare un po' campato in aria

Ciao

il 09 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
IslamRausNow ha scritto:

Mi spiegherò meglio, almeno sulla faccenda della droga. Da oriente arrivano quotidianamente migliaia di navi e Tir che importano costantemente tonnellate dell'eroina di Bin Laden. Questo che vi stò per dire non è un delirio che scrivo per lanciare falsi allarmi o quant'altro ma il frutto di diverse letture sui principali giornali nazionali (Panorama e l'Espresso ne hanno parlato in diversi articoli) e le dichiarazioni della polizia di stato.
Nell'Italia del nordovest, l'anno scorso, il comportamento di alcuni spacciatori di etnia araba ha insospettito non poco le forze dell'ordine. Vi è stato un periodo in cui i tossicodipendenti si rifornivano nella stragrande maggioranza dei casi solo da essi, questo ovviamente perchè i prezzi erano più bassi (e l'eroina spesso di pessima qualità, visto l'alto numero di decessi per overdose nel torinese in quel periodo. Ricordiamo che l'eroina come stupefacente è in netto calo di "acquirenti" da almeno una ventina d'anni).
Di solito quando un'attività delinquenziale rende a rigor di logica quei soldi vengono usati in qualche maniera no? Invece nonostante i guadagni, numerosi magrebini non han cercato di reinvestire i soldi in qualche modo ma continuavano il tenore di vita di prima senza grossi cambiamenti. La polizia continuava ad arrestare fino a che alcuni (pochi) non hanno confessato e spiegato come i soldi venivano impiegati nelle attività del terrorismo.
Si è scoperto pure che molti spacciatori (grazie anche alle rivelazioni dei "pentiti") mandati a San Vittore come delinquenti comuni venivano avvicinati da leader del mondo Islamico detenuti per terrorismo come note cellule di Al Qaeda e simili. Una parola d'ordine giusta e si avvicinavano tentando di ramificare reti anche nelle carceri.
Una curiosità: in diversi paesi Islamici, nonostante sulla coltivazione di sostanze stupefacenti si chiudano tutti e due gli occhi, il consumo prevede in alcuni casi (vedi Afghanistan) pene severissime anche per un cannone d'oppio. In caso non sia ancora chiaro questo concetto è un'ulteriore prova di come la droga sia uno dei tanti cavalli di Troia usati per indebolire l'occidente e i "cani infedeli".
Se poi queste sono stronzate che ho letto sul Mein Kampf edizione moderna, documentatevi pure o limitatevi a leggere i diversi nastri delle intercettazioni telefoniche dove dichiarazioni simili non mancano.
L'immigrazione in sè non è un problema, ma nello stato Italiano abbiamo diversi problemi da risolvere prima di stendere il tappeto rosso a tutti coloro che arrivano e le nostre (ridicole e aggirabilissime) leggi favoriscono solo gli aspetti negativi del fenomeno migratorio per non parlare dell'Islam che già al suo interno rappresenta una minaccia per l'Occidente.

il 09 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

Ma quale tappeto rosso IslamRaus... cosa stai dicendo, che c'è un traffico di droga che finanzia il terrorismo? Hai scoperto l'acqua calda! La droga è da sempre il maggior finanziamento di qualsiasi organizzazione criminale, dalla Mafia alla Camorra e via dicendo... uno dei motivi per cui si chiede di legalizzarla è proprio questo: per togliere alla criminalità organizzata il monopolio su di essa. Ma su questa soluzione si può discutere. Quel che conta è che non puoi associare il problema della droga alla fantomatica invasione islamica inventata dalla Fallaci. Il discorso è sempre lo stesso: fra loro ci sono le mele marce così come fra noi, sta a voi dimostrare che le loro siano in numero maggiore o che siano più pericolose delle nostre.
Io non ne sono convinto, e non credo che bloccare le frontiere risolva il problema dello spaccio di droga in Italia. Non si può fermare l'immigrazione perchè "alcuni di loro" sono delinquenti... bisogna scovare quelli che lo sono, e rispedirli a casa o metterli al gabbio... così si fa con gli italiani, così si fa con gli stranieri.

il 15 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Ciao, sono appena tornato dalle ferie..
Davide, se veramente vuoi metterli tutti in gabbia è meglio se iniziamo a fare bandi di gara per la realizzazione di nuove carceri... comunque, visto che adesso non ho voglia di trovare documentazione (lo farò in seguito) sul collegamento nazi-fasci-arabo vi racconterò di qualcosa a memoria e cosa ho trovato nel posto dove sono appena stato in vacanza: Rodi...
se bene vi ricordate di Mussolini abbiamo una bellissima foto con lui su un cavallo con in mano una spada araba simboleggiante l'alleanza Mussulmano-Cristiana; inoltre al Duce a quei tempi arrivavano le prime richieste di costruire delle Moschee in Italia e a Roma e lui disse: "ok costruitele pure, ma per ogni moschea voi dovrete farci costruire una chiesa romana (Cattolica) in un vostro paese; conseguenze: niente moschee e niente chiese. Mussolini non è mai stato proprio pro islamico ma vedeva nell'Islam un alleato: un esempio lo troviamo proprio a Rodi: Rodi fu praticamente merce di scambio tra l'Italia e i turchi con un altra parte di Africa che non ricordo se era una parte di Eritrea o cosa... comunque o scambio si fece, e dopo quasi 500 anni di sottomissione Turca ( naturalmente conquistata da quel benefattore di Solemanno il Grande tra il 1400 e il 1500, che trasformò le chiese in moschee, seviziò gli abitanti, proibi il Cristianesimo soprattutto Ortodosso, fece esplodere i monumenti e soprattutto si vendette una delle 7 meraviglie del mondo antico, cioè il Colosso di Rodi, alto circa una 40ina di metri e fatto in bronzo) l'isola di Rodi divenne italiana (se andate a Rodi troverete quasi la metà dei negozi italiani, le scritte sui monumenti e soprattutto la famosa via Crucis in Italiano ecc, ma sapete cosa vi diranno i Rodioti di questo? "Per fortuna sono arrivati gli Italiani a liberarci dalla dominazione turca; infatti gli Italiani (merito anche di Mussolini sta volta) hanno rimesso in piedi la loro economia, ricostruito i loro monumenti (a parte il colosso purtroppo) e ridato loro la libertà di culto. Per quanto riguarda il nazismo invece, non si limita solo a una alleanza, ma il legame è più stretto: ripeto che la documentazione la cercherò (ma se volete la trovate anche voi) ma Hitler vedeva nell'Islam una religione che andava a pennello con il suo mito della razza perfetta, l'uomo dominatore che sottomette tutti gli altri (comprese le donne), che andava giusto anche ai massoni nazisti in quanto Dio è il grande architetto dell'universo e gli uomini i muratori. Non parliamo poi dei riti occulti (sempre di matrice massonica) praticati dai nazisti, che erano condannati da quella che era la religione dei deboli, cioè il cristianesimo. E' si, proprio una bella religione, o si è come noi (arianesimo) o si è dei cani infedeli come ad esempio i predecessori dei cristiani, cioè gli Ebrei (e vi ricordo che Gesù era Ebreo e il Cristianesimo è nato dopo il suo avvento, sempre che non crediate che egli sia stato un guerrigliero o un messaggero fallito di hallà).
Comunque vi cercherò qualcos'altro... adesso ho da portarmi avanti con il lavoro.
ciao

il 15 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
tonii ha scritto:

"se bene vi ricordate di Mussolini abbiamo una bellissima foto con lui su un cavallo con in mano una spada "

si', foto bellissima.

ma preferisco quella dove sta appeso a testa in giu' da una pompa di benza in una nota piazza milanese.

ps: ricordo che il partenone l'hanno fatto saltare in aria i veneziani. "gran bea roba ea sivilta' de noantri. miga come cuei che va col sugaman in testa..."

ppss: studia la storia mona. e scoprirai che rodi e' stata presa colla forza nel 1911 mica con fantomatici scambi del Mascella. Mio nonno c'era. E' stata l'ultima volta che ha finito una guerra. Poi ha imparato una grande virtu': LA DISERZIONE.


il 16 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Proprio una bella virtù... veramente la storia di Rodi non l'ho studiata sui libri ma me l'ha raccontata una signora greca nata sull'isola di Symi (20-30 km da Rodi) e comunque che a te piaccia il Duce a testa in giù non fa differenza, gli accordi con i Turchi ci sono eccome... la guerra di cui tu parli è vero che c'è stata ma non ha liberato l'isola dai Turchi, anzi ci sono state continui scontri fino a quando non è arrivato Mussolini che ha messo fine agli scontri scambiando l'isola per una parte delle colonie Africane (ma non ricordo esattamente quale parte). E come dicevo non è stato l'unico scambio tra il fascismo e l'Islam e infatti ripeto che c'è una foto famosa che troverai facilmente in internet di Mussolini in Turchia (presuppongo su un cavallo arabo) con in mano una famosa spada mussulmana (ne troverai un bell'articolo anche su focus speciale fascismo). Comunque sia chiaro che Mussolini non è il mio ideale di uomo, non lo stò idolatrando (e se non lo sapete la Fallaci ha preso varie medaglie al valore per la resistenza al fascismo, era una partigiana quattordicenne), quindi spero di non alimentare nuove discussioni pro o contro il fascismo. Se volete la mia opinione il fascismo come tutte le dittature era sbagliatissimo, ma a differenza di dittature comuniste a partire dal tanto amato Fidel o dal suo fido Che Guevara(ho letto libri pure su di lui e una cosa che mi ha colpito è stato quando ha fatto fucilare un suo compagno d'armi perchè non gli aveva rivolto un doveroso saluto, poi non ho mai capito che cosa cercasse a Cuba visto che era Argentino, comunque è un altra storia e lasciamo perdere) durante il ventennio pre-guerra ha portato anche molte innovazioni e molti vantaggi, tipo il miglioramento del sistema pensionistico, le banche del lavoro, i sindacati, miglioramenti nell'agricoltura e nell'industria (a quei tempi l'Italia era quasi autosufficente sotto ogni punto di vista, non si comperava quasi niente all'estero, dando così stabilità al valore della moneta e attirando molti capitali stranieri) ma indubbiamente i pregi non pareggiano i difetti che pure sono tanti. Fine discorso.
Tornando a Rodi, non so niente del partenone, ma sò ad esempio che i Turchi durante il loro dominio di stagnazione culturale ed economica hanno riempito una chiesa medioevale con tutta la loro polvere da sparo (già usare una chiesa come deposito mi sembra una strafottenza verso gli ortodossi, non ne avevano altri magazzini? va beh lasciamo stare anche questo...), che accumulandosi durante i secoli ha creato una gigantesca bomba che causa un fulmine è saltata in aria distruggendo mezza città compreso il palazzo del re e gli ospedali poi ricostruiti sempre dagli italiani. Comunque penso proprio che non ti convenga molto iniziare a fare i paragoni con la civiltà europea perchè non mi pare sia peggiore di quella Islamica e se te provi tanto odio per la tua patria puoi sempre andare a vivere in quella culla di civiltà chiamata Arabia o Marocco o Iraq, io di sicuro rimarrò qui in Italia e cercherò di difendere la mia cultura e quello che i miei avi hanno creato per me e non intendo lasciare che qualcuno regali tutto a qualcun altro che evidentemente non apprezza e distrugge.

il 16 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Incazzato ha scritto:

Bah, tanto bene o male, poveri arabi che fanno di nocivo? Sì ok, la stragrande maggioranza di loro spaccia ruba e rapina, spesso fanno casino e trattano le donne come immondizia, se gli gira saltano addosso senza tanti complimenti a qualcuna. Vabbè, ma poverini, vengono dalla povertà e allora è giusto dargli come ringraziamento di tutto quello che fanno una casa a gratis e un lavoro (meglio un sussidio), se la combinano ogni tanto li si sbatte in galera però non troppo poverini. Poi diamogli la cittadinanza visto che avranno sicuramente imparato la lezione, questi angioletti con una magnifica cultura che prevede il sopprimere la nostra. Anzi no, non è vero, loro dicono di continuo che l'occidente è una merda, ineggiano a bin-laden e qualche volta spuntano fuori cellule terroristiche? La soluzione è ovviamente aprire le forntiere a tutto spiano, visto che siccome in Italia siamo tutti multimiliardari è giusto che ci facciamo da parte e manteniamo tutti questi angioletti che si comportano tanto bene. Se non la pensi così sei uno sporco fascista servo dello stato assassino cattivo.

il 16 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

"la stragrande maggioranza di loro spaccia ruba e rapina"

Se parti con un presupposto tanto falso, come pretendi che tutto il resto sia preso sul serio? Non sei affatto fascista, solo parecchio ignorante, o stupido, se preferisci

il 21 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Vorrei sapere cosa pensate della questione della scuola Islamica a Milano...
io ho un pò di confusione in merito: quando dicono che vogliono imparare la loro lingua perchè poi torneranno nella loro terra mi dico "e va bè facciamogli fare 15 ore di lezione al giorno cosi imparano in fretta", poi però capisco che probabilmente quella di tornare indietro è solo una scusa, che loro sono molto più attaccati alla loro cultura di quanto non lo siamo noi e questo ci costerà caro purtroppo. Seconda cosa che non capisco è la confusione che creano soprattutto la sinistra sulla questione dei ghetti; perchè insistono tanto sul cercare di farli integrare, sul difendere la loro cultura (purtroppo del difendere la nostra non parlano mai) e poi lottano per farli andare in scuole private che per quanto riguarda la cultura di certo la promulgano ma per quanto riguarda l'integrazione mi sembra un grossissimo passo indietro... non è forse ghettizzazione se gli creiamo delle scuole apposite e magari dei quartieri interi dove stabilirsi? In un attacco di rabbia mi viene da pensare anche: ma quanti Italiani sono andati all'estero pretendendo di avere delle scuole private con dei diplomi italiani e che questi diplomi vengano riconosciuti anche li?. E poi ripenso: ma perchè non se ne vanno in una scuola italiana e la lingua Araba non la imparano a casa (gli hanno perfino offerto 3 ore settimanali nelle scuole pubbliche)? forse perchè di studiare la nostra cultura e di integrarsi non ne hanno proprio voglia? E poi tornando lucido mi viene in mente che il governo italiano gli ha dato la possibilità di studiare a casa... e allora mi dico: che bello allora io mio figlio (che ancora non ho) lo terrò a casa, gli insegno io quello che voglio poi agli esami scopiazzando qua e la passerà di sicuro. Almeno cosi lo faccio pure andare a lavorare o almeno in qualche strada a farsi dare qualche moneta dai passanti. Per fortuna sono arrivati gli immigrati altrimenti mio figlio a scuola chi lo manteneva? Poi in un momento di estrema felicità mi chiedo: ma perchè non diventiamo tutti mussulmani, chissenefrega della laicità, del cristianesimo, della civiltà che ci siamo costruiti, tanto è tutto na merda... facciamoci mussulmani, risolveremo un sacco di problemi, a scuola andremmo tutti insieme a fare 25 ore settimanali di corano e 5 di matematica, avremmo risolto il problema immigrazione perchè avremmo integrato tutti, avremmo risolto anche le discussioni di sto forum e le liti tra la destra e la sinistra e di sicuro nessuno ci farebbe più attacchi terroristici; soprattutto diventeremmo una nazione civilizzata come lo sono le varie provincie Arabe e non saremmo più considerati dei cani infedeli dai veri conoscitori della verità, i Mussulmani. Dimenticavo: non potremmo più bere alcolici (cosa che si potrebbe fare magari di nascosto) ma almeno potremmo avere 4 donne ciascuno (sempre che ce ne siano per tutti, se i vari Briatore, Vieri ecc ce ne lascino qualcuna), che bello!!! Poi ripenso alla realtà e dico solo: che schifo!

il 21 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

Marco secondo me il problema è molto più semplice.
Innanzi tutto la stragrande maggioranza degli immigrati, islamici e non, manda i propri figli alla scuola pubblica (magari qualcuno che ha fatto fortuna, anche alla privata).
Per la piccola parte che invece intende mandarli nelle scuole coraniche, nessun problema: è' un loro diritto costituzionale, dunque lo fanno.
Io dico "peccato", come dico peccato per chi fa frequentare ai propri figli istituti cattolici o scuole ebree ortodosse. Non capisco perchè tu faccia invece questo tipo di distinzioni.

il 28 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Ma chi è che fa distinzioni? forse non hai capito: io sto dicendo che qui siamo in Italia e quindi si va nelle scuole italiane, altrimenti fuori dalle scatole. Se ci sono scuole cattoliche mi va bene, sono 2000 anni che in Italia c'è il cattolicesimo, ma non ho ben capito qual'è il diritto costituzionale di cui parli? La costituzione dice forse che chiunque al mondo può venire qui e farsi fare (a nostre spese) le scuole, le chiese, i monumenti e tutto quello che vuole? Ma porca miseria... e sono capaci pure di protestare? Dobbiamo metterci in testa che è solo il mondo occidentale che ha la mentalità di vedere negli extracomunitari qualcosa che ha diritto di aiuto, diritto a venire qua a far quello che vuole, ma gli extracomunitari se ne fregano di noi... il dare loro aiuto deve essere un nostro dovere morale, non un dovere e basta, ma quell'aiuto non comprende il nostro sacrificarci, cambiare le nostre usanze, regalare loro i nostri già pochi territori. Aiutiamoli a migliorare le loro condizioni di vita nel loro paese e li che si facciano tutte le scuole coraniche che vogliono, anche 1 per bambino. Come dice la Fallaci nel suo libro (La Fallaci intervista se stessa), l'occidente dopo essersi venduto all'Islam 30 anni fa (la cee fece degli accordi con i quali in cambio di sconti sul petrolio avremmo ospitato loro connazionali come infatti è accaduto; questo fatto non me lo stò inventando, è documentato) stà rivivendo il periodo del 1938, cioè quando l'Europa firmò con Hitler un patto di non belligeranza lasciando così lo zio Adolf libero di crearsi un immenso esercito e di occupare la Polonia; questo perchè successe? Perchè come oggi tutti avevano paura, si arresero prima di iniziare a combattere, ciechi nel vedere le ostilità altrui hanno lasciato libero accesso all'Europa al nazismo, quello che oggi stà succedendo con l'Islam (come ho già spiegato Islam e nazismo erano legati, come lo era anche il fascismo sia pur in maniera minore e visto che io ho detto anche dove trovare le prove, se avete qualcosa da ridire trovatemi qualcosa di documentato anche voi).
Io vedo solo una cosa: grazie all'arrendevolismo dell'Europa e specialmente dei falsi pacifisti che sventolano bandiere arcobaleno (mentre il popolo islamico brucia le nostre bandiere e getta i nostri simboli cristiani dalle nostre stesse finestre e fa festa quando ci succede qualche disgrazia), sempre più gente (non solo di destra) si stà stufando della situazione attuale; non si può integrare che non vuole integrarsi, ovunque si stanno creando dei ghetti dove è impossibile girare tranquilli e di integrazione non se ne parla (l'unica cosa che hanno imparato da noi è quella di rivendicare i propri diritti senza sapere che ogni diritto implica un dovere). Che voi lo vogliate o no, sempre più gente la pensa come me, e molti la pensano anche molto peggio, non solo gente di destra, ma anche qualcuno di quelli che girano con la maglietta del "che" (di ottusità per mettere una maglia di un assassino che nel testamento parla dell'imbecillità della gente che lo vede come un pacifista, che uccideva i suoi compagni se non lo salutavano a dovere, che obbligava il popolo a vivere in povertà senza proprietà privata mentre lui viveva in una megavilla contornata da campi da golf); la sistuazione stà diventando così insostenibile che prima o poi anche i più accaniti falsi pacifisti come voi dovranno accorgersene, dovrete accorgervi anche che ai non "occidentali" non gliene importa un fico della bandiere arcobaleno, come non gliene importa niente dell'integrazione ne dell'uguaglianza, perchè tanto prima o poi noi diventeremo tutti come loro (se non ci svegliamo in fretta si intende), come è già successo in molte nazioni (per prima Istambul, ex centro dell'Impero romano d'oriente, cioè Costantinopoli, il che mi fa un'immensa tristezza), perchè loro non sono falsi pacifisti come noi.

il 28 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Dimenticavo: si parla più dei mussulmani degli altri perchè sono loro al momento i più invadenti e sicuramente quelli più arretrati culturalmente parlando

il 28 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

boh marco, che ti devo dire, tutte convinzioni tue, e tutte distanti chilometri dalla realtà. Non so di che monumenti parli, di quali scuole costruite a tue spese, ma piantala di dire cazzate, fammi il piacere.
A questo punto è chiaro che la gente come te è totalmente incapace di dire qualcosa che abbia il minimo senso, solo luoghi comuni e falsità: extracomunitari che protestano, il mondo occidentale che si deve sacrificare, paragoni tra Islam e nazismo, la nuova biografia di Che Guevara, ghetti diventati invivibili (cazzata astronomica, esistono quartieri invivibili da decenni, e tutto per merito degli italiani che ci abitano)... sono tutte stronzate, una più falsa dell'altra, ed è per questo che non riuscite a dimostrarle, e non ci provate nemmeno.

Se la situazione ti è così insostenibile, fai provviste, barricati in casa, chiudi la serratura a tripla mandata e non rompere i coglioni a quelli che se ne sbattono di extracomunitari, occidentali, pacifisti, cattolici e di tutte le categorie del cazzo di cui parli, senza sapere nemmeno a chi e a cosa ti riferisci.

il 29 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Convinzioni mie lontane dalla realtà? ma dove vivi? Io non ho provato niente? prova a rileggerti i miei vecchi post... ho parlato di situazioni che succedono nel raggio di 20 km da casa mia, non oltre perchè non mi permetterei di parlare di una realtà che non conosco (a proposito non è una convinzione mia ma dell'ormai 80 percento circa delle persone che vivono in questo raggio): ho parlato di Rom che dopo essersi fatti pagare lo stipendio mensile più 400 euro per figlio (sempre mensimente e a spese non solo mie ma degli italiani) si è fatto regalare un camper sempre dal comune e dopo aver protestato si è visto affibiare un bell'appartamentino sempre gratis, sicchè ora si ritrova col mercedes (di sua proprietà, e non ti spiego come lo ha guadagnato perchè spero ci arriverai da solo), un camper nuovo, un appartamento e uno stipendio di circa 1600 euro (ha tre figli, speriamo siano veramente suoi). Ho parlato del mio amico Albanese jimmi, del mio amico Luigi (di soprannome, ma è marocchino) che non ha intenzione di pagare ne tasse ne affitto perchè lui non è italiano e quindi le tasse deve pagarle solo al marocco (pensa che ha accumulato circa 35 mila euro di multe per la sola auto ma che non pagherà mai, come non stà pagando ne bollo ne assicurazione), dell'altro mio amico marocchino Alami, anche lui che di pagare affitto non ne vuole sapere e la sua unica preoccupazione è il ramadan che inizierà il 3 o 4 ottobre (preciso che finito il ramadan riinizierà a bere come una spugna come ha sempre fatto); di amici estracomunitari ne ho fin che vuoi, ma nessuno di questi paga regolarmente tasse o affitto. Altro esempio un mio amico italiano ha una appartamento a Padova per studiare, in questa palazzina stanno cercando di cacciare tutti gli extracomunitari (il proprietario rimarrebbe senza affittuari piuttosto di avere a che fare con altri extracomunitari) perchè circa la metà di loro pagano l'affitto e l'altra no, mentre due appartamenti sono stati cosi rovinati che bisogna rifare praticamente tutto, partendo dalle piastrelle mancanti, muri graffiati e pieni di cenere, mobili rotti e sporcizia; sempre allo stesso proprietario dopo essersi liberato di uno di loro è arrivato un conto di 16'000,00 euro di LUCE che l'extracomunitario non ha nessuna intenzione di pagare (e non pagherà mai come in moltissimi altri casi). Ho parlato di come negli ultimi 10 anni la situazione sia diventata invivibile sempre qua da me; a parte che la situazione è peggiorata proprio dall'inizio delle ondate di immigrazione clandestina, perciò non da decenni come te sostieni. Ad esempio fino a 10 anni fa nel mio paese di 2000 abitanti nessuno (ma proprio nessuno) aveva il cancello o la recinzione a casa sua, la maggior parte delle persone (i miei genitori compresi) lasciavano sempre le chiavi inserite nella macchina, le biciclette tutti le avevano all'aria aperta senza catenacci... ora tantissimi hanno l'allarme, tutti le recinzioni e nonostante ciò solo nell'ultimo anno sono state svaligiate 10 villette (una su 40 circa, cioè il 2,5 % delle abitazioni); in due di queste rapine i ladri sono stati presi e indovina un pò che sorpresa: erano tutti extracomunitari. Sai poi cos'anno preteso? corsi gratis di italiano, sempre loro concessi dal comune a spese NOSTRE (prova te a richiedere un corso di inglese gratis). Altre due famiglie per avere un appartamento ITEA (sempre gratis, non pensare che paghino affitto) hanno piantato una tenda nell'ingresso del comune per protesta e tanto per cambiare sono stati accontentati (ti ricordo che parlo di un paese di 2000 abitanti, non di casi isolati in Italia). Almeno non hanno ancora richiesto una moschea, perchè sarebbe un problema trovargli il posto. Comunque il problema delle canzoni natalizie c'è pure qua, non si può più cantare tu scendi dalle stelle ecc. ad esempio, non si fanno più i presepi nelle scuole e negli asili. A Trento alcuni alunni maschi si sono lamentati perchè non volevano parlare con l'insegnante FEMMINA, quindi la buona mamma provincia ha cambiato loro l'insegnate. Qui finisco il primo punto e spero che la prossima volta prima di dire che sparo cazzate collegherai il cervello alla bocca.
Per i ghetti qui da mè non ce ne sono, ma a Trento si... vicino al palazzo della mia ragazza c'è una comunità di extracomunitari, sai quelle case con le bandiere della pace ecc... in quella zona i parcheggi sono sempre mezzi vuoti, perchè ogni giorno qualcuno si trova i vetri rotti, nell'ultimo mese sono stati derubati 2 ragazzi, picchiati da due extracomunitari e lasciati li (il colpevole naturalmente non è saltato fuori). Ti ricordo inoltre che le carceri di Trento detengono 180 carcerati di cui ben 116 extracomunitari (dati di 2 giorni fa) e facendo dei calcoli scoprirai che la percentuale di criminalità è imbarazzantemente sbilanciata a favore loro.
Se vuoi sapere della nuova biografia di Che Guevara non serve che vai a leggerti tanti libri (dove troveresti molte cose interessanti) o che chiedi a qualche esule cubano, basta che ragioni un attimo: contro chi ha combattuto il CHE? contro un altro comunista, Batista... si sono fatti guerra tra loro massacrando migliaia di persone senza dare nessun beneficio (neanche ora a distanza di anni) alla popolazione. Se non credi a me basta che guardi quello che dice lui, ad esempio cercando in internet il suo testamento e spero che almeno di lui tu ti fida (lo so che vi stò facendo cadere un mito, ma purtroppo la realtà è quella, anzi mi farebbe piacere se Fidel prendesse una botta in testa e iniziasse a dare qualche libertà al suo popolo); comunque altro fatto che nessuno può negare è che ha ucciso di sua mano moltissimi suoi compari perchè lo contraddicevano e impartendo lezioni al suo esercito diceva "in caso di dubbio uccidete", è no, questo non lo puoi negare perchè lo troverai anche su libri filo comunisti (io a casa ho "il che raccontato da Fidel Castro" regalatomi da un amico comunista nel vano intento di farmi cambiare idea e dandosi invece inesorabilmente la zappa sui piedi); non puoi negare neppure dei suoi vari sport tra cui la pesca subacquea, il golf, la caccia ai leoni ecc, la sua mega villa e tutti i suoi lussi mentre il popolo moriva di fame (anche questo lo troverai scritto su fonti filo comuniste). Lasciamo perdere il "che" che non è argomento del forum.
Spero di averti dimostrato qualcosa, sennò posso scrivere ancora fin che vuoi... a proposito, dimostra qualcosa te, della tua presunta integrazione ecc.
Ultima cosa: io di barricarmi in casa non ci penso nemmeno, io non scappo come fate voi, non ho paura e per questo mi arrendo dicendo che tutto è ormai inevitabile, che abbiamo bisogno di forza lavoro (ripeto: opportunisti, schiavisti e pure ignoranti siete). In questi casi sarei più preparato di molti altri visto che insegno kick e thay alla palestra fogazzaro di trento, tengo corsi per l'uso del coltello, bastoni e spade e ho in casa 2 pistole regolarmente denunciate. Lasciando perdere pure quello ti dico che forse sei te che non sai a cosa ti riferisci quando parli di extracomunitari, cattolici, occidentali e pacifisti, visto che io appartengo alle ultime tre categorie. Anche a mè piace vivere in pace e prima di usare la forza con qualcuno ci penserei 10 volte, ma essere pacifisti non significa lasciare che tutti facciano quello che vogliono... tanto per sapere hai mai fatto del volontariato, aiutato qualcuno, fatto beneficenza a chi ha bisogno (non ai profittatori che vengono in Italia)? Sventolare la bandiera arcobaleno ha poco a che fare con la vera pace, e dubito anche che tu sia cattolico, quindi a differenza mia ti ritrovo solo in una sola di queste categorie (o Occidentale o extracomunitario).
La prossima volta che insinuerai qualcosa sulle mie invenzioni senza prove (rinnovando l'invito al collegamento del cervello) pensa a portare qualche prova delle tue teorie falsipacifiste o chicchessia...
ciao

il 29 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

sono stanco di ripetermi, io non devo dimostrare nulla, tu sostieni che sono DIVERSI, a te sta il compito di provarlo.
I fatti di cronaca paesana che racconti mi fanno ridere, per un musulmano (o chi altro) che non accetta l'integrazione, ce ne sono centinaia di migliaia che la accettano senza problemi, e questi non finiscono su "La Padania"
Le tue prove si riducono a "mio cuggino una volta...", "ho letto di un marocchino che...", e via via... e per arrivare a "Ce l'abbiamo duro, Roma Ladrona" basta poco.
E io a questi livelli non discuto.

Ciao

il 29 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Italico ha scritto:

Basta con questo buonismo, ormai anche a sinistra buona parte della gente si è rotta i coglioni. Ed è anche inutile dire che ogni volta che un extracomunitario fà qualcosa è demonizzato. Un ragazzo che conoscevo, ventenne è stato sgozzato da un coetaneo balcanico ed è stata questione di millimetri che non sia morto. E siccome (per fortuna) è vivo non è stato reso noto nemmeno sui tg regionali. A proposito sapete perchè è stato accoltellato in quel modo?
Per avergli pestato un piede. Ma qua in Italia nemmeno i camorristi si comportano così!
O il figlio di un mio amico, massacrato da una decina di albanesi coi bastoni per motivi futili.
Di esempi ce ne sono a bizzeffe, io non capisco perchè nonostante l'evidenza si continui a difendere a spada tratta certi personaggi che appartengono a culture incompatibili con la nostra.

il 30 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)

Ciao Marco. Non ho dimenticato quanto ti ho promesso, ma credimi, non ho tempo per cercare le frasi di cui abbiamo parlato. Appena potrò terrò fede alla parola data. Scusami ancora.

il 30 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

Ecco, Italico, unisciti anche tu... "mio cuggino...", "l'amico del cognato di mia suocera...", "un macellaio di Nocera Umbra..."... buffoni, ma cosa credete di dimostrare? Ieri 3 delinquenti hanno aggredito una ragazzina di colore sfregiandola con una svastica... e perchè l'hanno fatto? Perchè aveva la pelle troppo scura!
Dunque? Siamo tutti nazisti? No, è solo una minoranza di coglioni... ma se questo discorso vale per noi, deve valere per tutti.

il 30 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Andrea_Riot ha scritto:

Marco, ma che razza di amici hai? Te li scegli con il proverbiale lanternino? albanesi ne conosco un po', marocchini anche, alcuni sono amici nel senso piu' proprio della parola, scioperati e rompicoglioni come i tuoi intimi ne ho incontrati, ma ci giro alla larga.

Scherzo, ne'

il 25 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Simo ha scritto:

Nulla da fare, la gente non capirà mai, è più facile appiggliarsi ai banalissimi commenti"razzista", "fascista" ecc ecc. Capire significa staccarsi dal gruppo, smettere di essere omologati, guardare al di là del proprio naso e questo richiede troppo sforzo per le menti piccole. Comunque la si pensi, occorrerebbe però portare rispetto ad una grande giornalista, ad una donna anziana e per di più malata.
Ma l'educazione è un concetto astratto per taluni individui...

il 25 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

visto che nessuno si smuove dalle sue posizioni, volevo solo chiedervi che ne pensate di una cosa: molte scuole sono piene di extracomunitari (gli adulti sono in minoranza ma prolificano molto più di noi italiani), addirittura in molte città di tutta Europa entro il 2020 la percentuale di extracomunitari supererà quella degli occidentali (città Inglesi per prime), e le statistiche (che non sono ne di dx ne di sx) non accennano a rallentamenti sull'aumento di queste proporzioni almeno per altre 2 generazioni (poi non è dimostrato che rallentino, solo non si è in grado di dire che succederà). Per il 2050 le città composte per la maggioranza da occidentali saranno molto poche; certo dando la cittadinanza a tutti non ci saranno più extracomunitari ma ad esempio Italo-Africani, Italo-Cinesi, Italo-Turchi ecc, e in questo caso l'esempio riguarderà loro... dove non arrivano le statistiche (che possono anche sbagliare di qualche punto percentuale ma secondo me sono abbastanza esatte purtroppo) che succederà? Probabilmente le popolazioni non Islamiche si integreranno abbastanza in questo senso, cioè rallenteranno la loro corsa all'espansione demografica, ma i Mussulmani temo proprio di no, le donne sono troppo sottomesse dalla religione per poter pretendere di iniziare ad avere diritti, per emanciparsi, per acquisire valore umano. Comunque sia anche se sulle donne Islamiche mi sbagliassi, non cambia il fatto che i nostri nipoti saranno una minoranza sul loro territorio e per quanta stima uno possa avere per altri popoli non penso sia contento di fare la fine degli Indiani d'America o degli originali del'Australia. Dopotutto l'occidente è ancora il popolo più avanzato della terra e sparire nel nulla non è una bella ambizione. Il problema di molte persone oggi è di non pensare mai al futuro, vedete ad esempio l'inquinamento, i motori ad idrogeno sarebbero potuti entrare in funzione almeno 20 anni fa, ma gli interessi Euro-Arabi sul petrolio erano e sono ancora così forti che parlare di Idrogeno è diventato un tabu: chidete a qualche politico fonti di energia alternative e state sicuri che l'Idrogeno non rientrerà tra queste (vedete il sito di Beppe Grillo, lo potete leggere tranquillamente poichè è del centro sinistra) e intanto avanti con le catastrofi naturali, con lo scioglimento dei ghiacci, con l'effetto serra ecc. Lascio perdere l'idrogeno per non andare troppo fuori argomento e concludo dicendo che tra 50 anni i miei figli (spero di riuscire ad averne tanti) saranno ancora qui a lottare contro i disastri che il presente ha creato e io a differenza di molti sinistroidi insegnerò loro che chi ha bisogno va aiutato, ma va aiutato in una maniera giusta, non in una maniera comoda per noi (sfruttamento manodopera) e scomoda per il futuro (incomprensioni culturali che causeranno scontri o eventuale estinzione della nostra razza e/o cultura).

il 25 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Andrea_Riot ha scritto:

La butto cosi', informatevi voi.

"We must secure the existence of our people and a future for White children."

David Lane

il 25 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Italico ha scritto:

Tanta amarezza a vedere come il popolo della sinistra più che occuparsi di sociale nel vero senso della parola preferisce stendere
-ulteriormente- il tappeto rosso a chiunque non sia un onesto lavoratore italiano, come se certe minoranze non fossero già strapiene di diritti (vedi il post sui rom al quale nessuno è stato in grado di darmi una risposta concreta).
Prendiamo l'esempio del sindaco di Bologna, uno che ha capito che mantenere l'ordine pubblico non è "patrimonio" esclusivo della destra ma di chiunque creda nel vivere civile. Fischiato, i compagni bolognesi urlano che Bologna è "rossa di vergogna". Bologna forse aveva le palle piene di avere problemi di ordine pubblico, tra gli studentelli che per darsi un tono fanno i punkabbestia e insozzano dappertutto con birre e sputi alla notevole diffusione della droga rispetto alla grandezza della città, per non parlare della delinquenza esportata che ha ben soppiantato quella locale già presente ma meno feroce. Conosco Bologna, ci ho vissuto per un pò.
Non è sicuramente paragonabile ad alcune grandi città italiane, ma nel suo piccolo non mancano i problemi. In sintesi: ci vuole un sindaco che non si limiti ad occupare una poltrona ma a fare il meglio per i suoi cittadini sia a destra sia a sinistra. Un blocco maggiore e leggi più severe sull'immigrazione e comunità che oggettivamente cercano di più la sopraffazione che l'integrazione (dai musulmani ai rom) aiuterebbero anche quella piccola minoranza di extracomunitari che vivono da anni in Italia nel rispetto delle nostre leggi e col duro lavoro.
L'infinito assistenzialismo invece va del tutto a discapito delle classi sociali meno abbienti, operai, pensionati e simili che a fine mese si ritrovano ancor meno soldi in tasca viste tutte le tasse che devono pagare per e al posto di chi non le paga e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Leggi permissive portano solo a tensioni sociali già viste in altri paesi.
E se un Cofferatti vi pare troppo permissivo, guardate in Spagna che combina il vostro amico Zapatero con chi rompe le palle.....

il 02 Novembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Ciao amici, visto che di risposte alla mia domanda ne ho avute poche, proverò a farvi una domanda più facile: che ne pensate delle dichiarazioni del presidente iraniano? Durante la seconda guerra mondiale a fare certe affermazioni erano i nazisti che come ho già detto erano soliti avere con i mussulmani opinioni di riguardo e di stima. Fatemi capire questo: i tempi sono talmente cambiati che oggi la sinistra stà diventando simile al nazismo o la sinistra ha così paura di offendere gli immigrati che non si permetterebbe mai di attaccare il presidente mussulmano dell'Irak?

il 14 Novembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Titoli dei giornali di oggi: l'Europa brucia, anche Belgio, Olanda e Grecia in rivolta.
Continuate pure con i moralismi. Intanto cedo che non rispondete più anche perchè le risposte sarebbero scontate: " è colpa nostra che non gli diamo possibilità di integrarsi ecc.".
Ciao e buon divertimento

il 25 Novembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Antinoo ha scritto:

UN GRANDE APPLAUSO A MARCO!
VEDO CHE QUALCUNO CHE RAGIONA C'E' ANCORA! PURTROPPO SONO PERLE RARE!

il 25 Novembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
olegna ha scritto:

contrario alla censura (sequestro) di libri

il 26 Novembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
fabio ha scritto:

Ogni volta che generalizziamo diciamo una cazzata. Non ha senso parlare di islamici, non ha senso parlare di quelli di sinistra, non ha senso parlare di immigrati, non ha senso parlare di queli di destra. Non ha senso generalizzare. Tutti i gruppi citati sono composti da milioni di persone con miliardi di idee diverse, e rari tratti comuni che li identificano come gruppo. Ma in molti gruppi c'è molta più diversità che identità.
Inoltre non sono le culture a scontrarsi. Non è l'islam che invade la civiltà cattolica. Sono persone che si muovono. Alcuni hanno scritto che "gli immigrati" seguono più la loro religione che la legge italiana. A parte che i primi a non seguire le leggi italiane sono gli italiani, mi pare ovvio che un'immigrato, che non conosce la legge italiana, tenda a seguire le regole con le quali è nato è cresciuto. La Fallaci, che vede l'immigrazione come una minaccia nei confronti della nostra cultura e delle nostre tradizioni, ha semplicemente ragione. Il problema è l'ignoranza che in tanti abbiamo attorno al concetto di cultura e tradizione. Le culture sono processi dinamici, noi le immaginiamo statiche, perchè mutiamo con loro e ne abbiamo visioni parziali. Pensate alla differenza che passa tra la cultura italiana di un sud tirolese e quella di un napoletano. Neppure la lingua rimane tale. Le culture non si possono cristallizzare e mettere nei musei, con buona pace di Ciampi e del suo museo dell'identità nazionale. E le tradizioni sono molto più invenzioni che realtà. Lo dimostra il fatto che le peschiamo indietro nel tempo a piacere. Le tradizioni nostre non sono quelle dei nostri nonni e non saranno quelle dei nostri figli. Tra le radici dell'europa si voleva inserire il cattolicesimo che risale a 2000 anni fa. E perchè non il paganesimo, culto del potente impero romano, esporato nell'intero mondo allora conosciuto?. Perchè non la cultura greca che tanto influenzò la latina? Decidiamo noi quando far cominciare l'europa
Un ultima considerazione per i leghisti. I celti non esistono. Celti è un nome dato dagli studiosi ad un insieme di popoli, "un sacco di gente" che probabilmente non ha neppure mai combattuto unita contro un nemico comune.
Saluti.

il 26 Novembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Antinoo ha scritto:

Certo Fabio, sono d'accordo sul fatto che la civilta' e' dinamica e si modifica continuamente. Sono pure d'accordo che le radici dell'Europa non solo solamente cristiane ma anche greco-latine (io amo il mondo greco-romano!) seppure l'Europa attuale, frutto della gestazione del medioevo, ha caratteristiche per lo piu' cristiane (senza scordare ovviamente che la letteratura greca e latina, e ancor piu' la filosofia greca, per non par parlare del diritto romano, hanno influenzato tutte le strutture culturali e amministrative dell'Europa e dell'Occidente in generale).
La societa' e la storia sono entita' dinamiche, ma se permetti non tutte le derive cui possono andare incontro sono positive. Mi sembra un po' fatalista dire: "beh le cose cambiano , che possiamo farci?". E' l'uomo che da' la spinta alla storia nella direzione che ritiene non dico giusta (che significato mai puo' avere?) ma se non altro meno pericolosa. E mi dispiace ma nell'Islam io ci vedo un pericolo assolutamente non insignificante. Non per me , sia chiaro ma per i miei figli ed i miei nipoti si. Basta fare qualche calcolo, non ci vuole molto, in caso andate a vedervi il sito di Daniel Pipes, uno dei massimi esperti al mondo sull'Islam. Fra vent'anni mussulmani e europei saranno all'incirca lo stesso numero!! E' questa la loro arma, non le bombe, non quegli sfigati che si fanno saltare in Italia. Le loro armi sono le loro donne, i loro figli. E tutti i vari -isti che in Occidente non fanno che aiutarli in modo indiscriminato. Che non pensano che a dar loro la cittadinanza, a scusarli se non pagano le tasse o se riducono le case che affittano a dei letamai, che gli danno il sussidio perche'non hanno voglia di lavorare. Ha ragione Marco. Aiutiamoli, va bene, ma a casa loro. La democrazia e' una delle forme di governo probabilmente "migliori" dal punto di vista delle liberta', ma , ahime', e' anche la piu' fragile. Ci vuole poco a trasformarla in una dittatura, anche legalmente. Diamo i diritti di voto a tutti i cittadini islamici, diamo loro la cittadinanza, diamogli anche la possibilita' di andare in politica. In nome del multiculturalismo, del buonismo, del non-razzismo ecc ecc..(guarda in Francia come ha funzionato questa politica...) ... ebbene quando la maggioranza dei cittadini saranno islamici..(e succedera' per pura e semplice matematica, se volete calcoli e dati ve li riporto quanto prima!) chi credete che voteranno?? L'UDC forse? O la futura UII (Unione Islamica Italiana)????Beh a me questo non va giu'. Non va proprio giu' di consegnare il mio Occidente, la mia Roma, la mia Atene, la mia Venezia e la mia Europa a questi invasati di religione! Non mi va proprio giu' di vedere trasformare Santa Maria Novella in una moschea (come hanno fatto con la chiesa di S.Sofia a Costantinopoli...ops...scusate, dopo la conquista mussulmana e' diventata Instanbul). Non mi va di vedere la mia compagna girare con un velo in testa, e non mi va di vedere i miei amici gay lapidati per via delle loro preferenze sessuali (vedi Iran, sembra di essere tornati alla Santa Inquisizione). Quindi ok l'aiuto, ok la societa' dinamica, ma no ok aprire passivamente il sedere e aspettare. Io amo l'Occidente e tutto cio' che ha prodotto dai Greci ad oggi e lo difendo senza esitare se ne e' il caso. Con questo ti saluto, e' una mia opinione, rispetto la tua (e' il bello della democrazia lo scambio di opinioni anche contrastanti), e ti auguro una buona giornata.
Ciao,
Antinoo

il 28 Novembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Fabio, hai ragione a non generalizzare, ma dimentichi che gli eventi sono determinati da chi stà al potere: ad esempio lo sapevi che le crociate altro non erano che continui tentativi degli Europei cristiani di difendere le proprie terre dalle invasioni musulmane? Lo sapevi che il corano obbliga i mussulmani a DOMINARE tutti gli altri infedeli? Lo sapevi che negli anni 70 la CEE ha firmato degli accordi con gli stati Arabi con i quali in cambio di buoni sconto sul petrolio aprivamo le nostre frontiere ai loro immigrati? Lo sapevi che i clandestini devono pagare migliaia di euro per venire in europa e questi soldi in maggior parte sono forniti da leghe Arabe, da gente come Arafat e Bin Laden che sfruttano la disperazione dei loro paesi per mandarci qua i più disgraziati convincendoli con le varie moschee e gli imam che devono convertirci, che devono essere più prolifici di noi per sovrastarci numericamente, di sposarsi con i cristiani perchè questi avranno l'obbligo di convertirsi? Lo sai che le mire espansionistiche dell'islam non si stanno per niente attenuando a differenza della nostra sempre maggiore arrendevolezza? Lo sapevi che nelle moschee si obbliga i credenti a seguire le proprie leggi e non le nostre che a differenza di quello che dici sono conoscute benissimo? Lo sapevi che in continuazione in Italia le donne islamiche sono maltrattate quando non vogliono mettere il velo (l'altro giorno un industriale è stato ucciso da un islamico perchè ha dato lavoro a sua moglie)? Lo sapevi che gli Imam dalle moschee richiamano continuamente i mussulmani alla loro missione e che dichiarano apertamente (sempre censurati dai filoislamici per paura di ripercussioni e di nuove motivazioni per rivendicare la nostra indipendenza) che hanno finalmente trovato la via per sottometterci e cioè come dice Antoninoo quella di fare più figli di noi e di consegueza diventare più numerosi di noi?
Io sono credente e praticante, pensi che mi faccia piacere quando dei poveri africani muoiono di fame? Che sia contento quando gli i bambini Arabi (tanto odiati dai comunisti ai tempi del fascismo perchè alleati di Hitler) sono costretti a intraprendere guerre di cui non conoscono neanche il significato o si fanno saltare in aria e via dicendo? Quindi non darmi del razzista, ma invece dammi del realista, cosa che voi sinistri non siete (da sempre il comunismo è considerato utopia), infatti come ho detto varie volte far entrare alcuni disgraziati di extracomunitari (ricordando che quelli che arrivano difficilmente facevano parte della perte onesta e lavoratrice del loro paese) non migliorerà certo le condizioni di vita delle masse mondiali di bisognosi (circa 4 miliardi di persone, cioè l'80 per cento della popolazione) ma di sicuro peggiorerà le nostre. Quindi per l'ennesima volta invece di sbandierare in piazza simbolini arcobalento in favore di delinquenti clandestini, iniziate a far qualcosa di concreto ad esempio per le popolazioni del terzo modo, per i terremotati, per i senza tetto del sunami ecc (come ho letto su un altro forum: "bisognerebbe dire ai sinistri che lo tsunami è tutta colpa di Berlusconi, allora si che gli aiuti alle nazioni colpite arriverebbero copiosi"). Il comunismo è la peggior arma di disinformazione che io conosca. ciao

il 12 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
LIbertà ha scritto:

Lo sai, caro bel credente praticante, quante MILIONI di persone MUOIONO in Africa e anche nel resto del mondo per il no della chiesa al preservativo? Lo sai che quando ti vanti delle tue belle radici cristiane ti vanti del passato della chiesa? ovvero: crociate, inqusizione, indice, torture, razzismo (niente anima ai neri...), repressione, corruzione, persecuzione ecc... Se ai paura dell'"aggrassività" culturale dei mussulmani vedi di aggrapparti a qualcosa di meglio della chiesa. per via di indottrinamento non la batte nessuno: battesimo (nasciamo stronzi e rimaniamo così se loro non ci aiutano), confessione (raccontiamogli le cose di cui ci vergognamo, loro metteranno tutto a posto col capo), comunione (se non la fai brucerai all'inferno) e la ciliegina sulla torta: cresima (diventa SOLDATO DELLA CROCE), il tutto contornato da un catechismo asfissiante a cui è obbligatorio partecipare pena pettegolezi sui tuoi presunti riti satanici. Poi se vuoi chiavare devi sposarti altrimenti è immorale: è molto meglio violentare bambini (sì lo so che è sempre quella dei preti USA, ma mi piace girare il coltello nella piaga coi cattolici). Ci riteniamo così superiori da guardare con disprezzo la loro civiltà così "primitiva" dimenticando che noi siamo figli di un medioevo che non deve imparare da nessuno in materia di violenza. "Ma noi quella fase l'abbiamo superata"
Noi non lapidiamo più nessuno, non abbiamo una morte orrenda e dolorosa. No,no noi isassi al massimo li lanciamo dal cavalcavia, sulla gente che va in vacaza, che il massimo reato che ha fatto è stato superare il limite di velocità. Oppure ci ammazziamo di botte allo stadio, altro che ammazzare per ragioni religiose o per sasperazione da fame, vuoi mettere uscire la domenica e:" Che facciamo oggi?" "ma non saprei, si potrebbe andare allo stadio a pestare gli interisti" (sì lo so è facile prendersela semprecon loro ;-)). Medita su questa civiltà, decidi quanto è migliore. E tanto per non fare citazioni di persone che dovresti conoscere meglio di me: GARDA LA TRAVE CHE è NEL TUO OCCHIO.
Ciao
P.S. Abbasso la chiesa che si è dimenticata il messaggio cristiano da 1972 anni.
P.P.S. Abbasso i leghisti e la loro ignoranza, lo sapete che a vincere la I guerrra mondiale assieme a agli italiani lungo il piave c'erano anche i serbi e gli slavi (è sì è anche merito degli albanesi se abbiamo vinto).
P.P.P.S. Abbasso la chiesa anche per le sue continue ingerenze in uno stato che dovrebbe essere laico.
Ultima cosa: Abbasso Arafat, Bin Laden e i mafiosi di merda, tutta gente che usa le situazioni di disagio della gente per i propri fini politici ed economici.
Questa è proprio l'ultima: abbasso tutti i governanti che non governano per gli altri, ma per se stessi; che sfuttano l'ignoranza e la buona fede; che promettono e non mantengono; quelli che non hanno capito che democrazia è governo, non dittatura, della maggioranza e quelli che vogliono esportarla con le armi: in Italia: leggi delle 12 tavole (primo diritto romano e di conseguenza occidentale, base della moderna legge europea): 451 a.C., costituzione della Repupplica Italiana in vigore dal 1° gennaio 1948 d.c. --->2399 anni, meglio rivedere al rialzo i tempi di ritiro delle truppe dell'iraq...
Abbasso chiunque vogli spegnerci la testa e ci considera dei deficenti che l'unica volta che esistono è ogni 5 anni: quando votano.
"NON CONDIVIDO LA TUA IDEA, MA SONO PRONTO A MORIRE PER PERMETTERTI DI ESPRIMERLA" Voltaire(1694-1778)

il 23 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
fabrizio ha scritto:

finche esisteranno persone come la signora fallaci la battaglia contro l'invasore islamico sarà vinta. ma ci dobbiamo unire. solo la forza di un popolo di una nazione puo vincere l'invasione dei barbari. la storia ci insegna che solo uniti si vince. grazie oriana

il 23 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

sì sì unitevi, e poi buttatevi nel cesso tutti insieme tenendovi per mano.
tiro io lo sciaquone.

il 23 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

*sciacquone pardon

il 23 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
zubi ha scritto:

Caro signor Libertà, non confondere l'errore di alcuni uomini con la chiesa Cattolica... 1: in Africa nessuno vieta l'uso del preservativo. 2: la chiesa non dice fate sesso senza preservativo, dice che fare sesso prima del matrimonio è peccato in quanto il sesso ha il fine della procreazione e per procreare bisogna sposarsi. 3:Senza le crociate ora saremmo tutti mussulmani, le crociate, visto che parlando cosi dimostri che di storia non sai proprio niente, sono state delle guerre contro gli INVASORI ottomani, che si sono presi Costantinopoli (ora Istambul), la Palestina e Israele, quasi tutti gli stati dell'est Europeo, la Spagna, il sud Italia, i balcani fino ad arrivare in Austria. Quindi non parlare a sproposito, se ti piace essere Mussulmano basta che ti trasferisci in Arabia Saudita e non pretendere che noi ti seguiamo. 4: l'Inquisizione se non lo sai era il tribunale dello stato vaticano che come tutti i tribunali dell'epoca aveva la pena di morte (quindi dovresti vergognarti anche di questi), solo che a differenza degli altri esisteva la possibilità di redimersi (vedi Galilei) e di salvarsi. Inoltre in circa 300-400 anni ha fatto circa 1000 esecuzioni capitali, cioè 2-3 all'anno, ben sotto la media dei tempi.5: Per indice non capisco che intendi, per razzismo hai ragione, la chiesa ha commesso anche errori, ma gli errori sono causati dall'ignoranza delle persone infatti non è stato un pensare duraturo. 6: per persecuzione e corruzione hai ragione in parte, molti clerici intraprendevano questa via per denaro (tanto che la simonia fu condannata) ma questo non significa che tutta la chiesa era marcia, anzi questi erano solo la minoranza. 7: nessuno ti obbliga a cresimarti, battezzarti ecc come nessuno ti obbliga ad andare a catechesi (a differenza dell'islam)8: a violentare bambini non è stata la chiesa ma alcuni preti isolati
Forse a guardare meglio le cose dovresti essere tu.
Caro Davide se ce l'hai tanto con gli Italiani e con la nostra cultura da invitarci a buttarci nel cesso ti invito ad aggiungerti al tuo amico Libertà per emigrare in Arabia Saudita. ciao

il 23 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Scusate, il post sopra è mio, mi sono firmato erroneamente così perchè è un nick che uso in un altro forum per evitare omonimie. ciao

il 23 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

metti in funzione i neuroni zubi prima di scrivere.
non me ne frega nulla degli italiani, dei neozelandesi, dei sauditi, dei canadesi, dei rossi dei neri e dei gialli... a me interessano le singole persone: considero voi e la vostra condottiera i rappresentanti non di una cultura, non di un popolo, ma della feccia pura e semplice.
Per questo rinnovo l'invito: nel cesso, forza!

il 23 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Andrea_Riot ha scritto:

Mi sembrava di scorgere un tratto noto nel fluire armonioso della sintassi e nella cristallina esposizione del pensiero.

Penso che Feltri ti assumerebbe seduta stante come giornalista, hai tutte le qualita' necessarie per scrivere su Libero, e non scherzo.

il 23 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Se è un complimento grazie, se è una presa in giro ci rido sopra. Spero che sia una presa in giro visto che i temi di Italiano erano il mio punto debole a scuola, altrimenti vado dai vecchi prof e gli tiro le orecchie. Comunque Libero non lo leggo mai, preferisco "il giornale".
ciao

il 31 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

Per Zubi, ecco il commento che aspettavo: nessuno ti obbliga a battezzarti, cresimarti ecc... ma il fatto, la realtà, la prassi in cui vive la maggioranza degli italiani che non vive nelle grandi metropoli (Milano - Torino - Genova - Roma) è che se non ti battezzi vai incontro alle dicerie di mezzo paese, se non ti presenti nella chiesa del tuo quartiere sei praticamente un mezzo satanico e via discorrendo. La chiesa non obbliga nessuno con la legge, ma tutti moralmente: basta vedere il risultato sul referendum sulla fercondazione assistita: io non voglio discutere sulla validità dei quesiti, ma sul fatto che la chiesa ha detto: non andate a votare e così è stato. La gente ha cliccato su off nel proprio cervello e ha smesso di recepire qualsiasi altra controparte. Questo dato è un dato obiettivo e lo puoi verificare notando che le percentuali di voatanti nelle metropoli è molto più alta rispetto a quella dei piccoli comuni, dove si era tutti sulla porta a controllare chi votava contro le indicazioni del parroco.
Non accetto critiche sulla storia da uno che non sa cosa sia l'Indice e che crede che le crociate siano iniziate dopo la presa di Costantinopoli. Ma come si fa a dire una stronzata del genere? Allora apri il libro di storia, se non ne hai uno (come credo), compralo, cerca sotta crociate, allora la prima è fatta da Urbano secondo che la procla ma il 27 novembre 1095. Poi vai sotto presa di Costantinopoli leggi e troverai scritto 29 maggio del 1453. Adesso mi spieghi COME CAZZO FANNO LE CROCIATE A ESSERE LA CONSEGUENZA DI QUELLO CHE SUCCEDE 358 ANNI DOPO?!
Già che sei con il libro di storia in mano controlla anche cosè l'Indice (dei libri proibiti), controlla quando è stato riaperto il processo a Galileo o a Giordano Bruno (se non lo sai questo è stato meno fortunato perchè lo hanno castrato, squoiato, bruciato e impiccato, ma prima gli hanno levato lingua e naso...). Controlla anche se il gidizio del Papa (che se non la sai gode del dogma dell'infallibilità) è stato revisionato. Apri un libro e documentati o cerca le informazioni siu Internet.
Detto ciò, se hai inteso quello che ho detto come una generalizzazione verso tutti quei preti missionari in Africa o che si battono contro la droga, la mafia o hai capito male te ho mi sono spiegato malissimo io. Quello che voglio dire è semplice: criticare e considerarsi civiltà superiore (una delle poche frasi sincere del nostro "capo") è utile ha nascondere il marcio che c'è nella nostra società. Non è che giustifico un terrorista (da fucilare alla schiena per mia opinione), ma non posso prendermela con gli arabi per bene. Come non possono prendermela con i Veneti se sono quasi tutti leghisti (che ora che ci penso meriterebbero qualcosa di simile ai terroristi).
Accettare una cultura diversa non vuol dire rinunciare alla propria, se l'Italia è italiana deve rimanerlo: fanculo arabi integralisti, ma anche fanculo leghisti.
E poi non venirmi a dire di trasferirmi in Arabia o cagate del genere perchè stai parlando con uno che sa veramente cosa sia amare il prorprio paese o dare la vita per un'ideale (altrimenti che ci andrei a fare nelle forze armate?).
Io non voglio diverntare un Mussulmano, ma mi lamento perchè nessuno mi ha ciesto se volevo diventare cattolico! Mi lamento perchè in questo paese devi chiedere al Cardinale Ruini se puoi scopare! A uno che dice che per fare il prete non bisogna essere gay da almeno tre anni perchè i gay non sanno controllarsi! Questo nel 2005 (tra poco 2006, tenti auguri a tutti!).
La chiesa (non i preti perbene), in quanto erede della merda che è stata negli anni passati è la più grossa palla al piede che hanno l'Italia, la scienza, il progresso e l'integrazione. Detto questo vado alla festa di capodanno e magari trovo una che mi scopo fuori da vincolo matrimoniale, senza l'intenzione di avere figli e soprattutto COL PRESERVATIVO! FANCULO RUINI!

il 31 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

Al tizio che si unisce alla fallaci: non buttarti nel mio cesso che me lo sporchi, non in uno pubblico che non voglio pagare con le mie tasse la pulizia di quel cesso. Insomma, buttati nel tuo cesso. Grazie, buon anno.

il 01 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
qualunquista ha scritto:

la presa di costantinopoli successe dopo le crociate. Ma le incursioni arabe nei paese occidentali inziarono molto prima delle crociate. E ci furone molte vittime (uomini, donne bambini) e molte altri atti di in-ordinaria violenza contro esponenti della chiesa.

il 02 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

Incursioni violente prima dell'anno 1000? Ma chi l'avrebbe mai detto? Ma sul serio se non me lo dicevi non l'avrei mai pensato che negli anni più bui del medioevo ci fossero incursioni violente.... Del resto nell'ultra-civile Europa si dissotteravano i cadaveri per sopprevivere alle carestie e se non ce ne erano si procedeva con i malati e le persone considerate sacrificabili..... Se qualcuno pensa ancora che le crociate siano stata una reazione del popolo cristiano e non uno strumento demagogico di chi deteneva il potere e di chi aveva interessi in quell'area è meglio che legga qualcosa in più oltre il catechismo e gli approfondimenti di famiglia cristiana. Basta un qualsiasi libro di storia di un qualsiasi autore contemporaneo...

il 02 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
qualunquista ha scritto:

mai letto famiglia cristiana

il 02 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

Allora cerca di capire il vero senso del mio messaggio: quelli che se la prendono con gli arabi in generale non hanno capito nulla, stanno solo aiutando qulle persone che cercano lo scontro di civiltà per interessi personali o per stupidità. Sì, per stupidità perchè se siamo passati attraverso medioevo, crociate, repressione, rivoluzioni, due gurre modiali e un olocausto per continuare a generalizzare e a considerarci superiori rispetto i nostri vicini era più conveniente continuare a vivere nelle caverne.

il 02 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
qualunquista ha scritto:

Infatti è ingiusto prendersela con gli arabi in generale. Però il fatto è che in certi casi, per buonismo o ingenuità, certi esponenti politici e non solo, vogliono cambiare le nostre tradizioni a scapito di quelle altrui. Io attribuisco a loro il fatto che l'integrazione sia più difficile di quanto possa essere.

il 02 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

Sono contrario alla perdita dei valori o delle tradizioni di una società, non sopporto se qualcuno si lamenta dei nostri presepi o dei canti di Natale, anche se sono una persona che non riesce a sopportare la chiesa tengo alle mie radici. Ma allo stesso modo non riesco a sopportare i bifolchi ignoranti che inneggiano a non si sa bene quale superiorità della nostra civiltà e testualmente: "li prendiamo per la barba e li rimandiamo da dove vengono a calci nel culo" (detto da un euro-parlamentare, Borghezio).
Riguardo il buonismo e l'ingenuità: è il rischio che c'è dietro l'angolo, ma solo se si è consapevoli di cosa sia la propria civiltà (riconoscendo i pregi, MA ANCHE I DIFETTI) la ai può difendere. A volte ho anchio la sensazione di eccessi di buonismo, ma almeno vengono da persone che hanno riflettuto sul problema e non stanno blaterando offese a caso. Se dopo queste persone giungono a conclusioni sbagliate se ne può discutere, ma almeno si parla con persone che hanno un minimo di conoscenza della questione.

il 03 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Italico ha scritto:

Nessuno vuole blaterare insulti, o meglio, chi lo fa non rappresenta tutte le scuole di pensiero non allineato con la sinistra. Ma se vogliamo essere pratici, i Cattolici Italiani non potrebbero non solo ottenere, ma nemmeno chiedere in un paese islammico, un decimo di quello che gli islamici chiedono -meglio, pretendono- nel nostro e in altri paesi. Questo a me pare un eccesso di buonismo anti-occidentale da parte di persone che protestano a viva voce contro le scuole cattoliche che rappresentano la nostra cultura da secoli e secoli per schierarsi in favore delle madrasse abusive in lombardia. Ovvio poi che la gente si incazzi.

il 03 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Caro Libertà, se qualcuni ti guarda male se non ti battezzi non è colpa della chiesa (a parte che non mi risulta molto vero, abito in un paese di 1000 abitanti dove ci sono non battezzati e non cresimati) ma della mentalità della gente, infatti la chiesa non ha mai detto cose tipo uccidete tutti i non battezzati ecc. Sul referendum sulla fecondazione assistita la chiesa ha espresso il suo parere (come è in suo dovere; vangelo di Matteo: "andate e istruite le nazioni")e non ha obbligato nessuno a votare contro. Se dici che ho detto stronzate sulle crociate dubito che tu mi possa insegnare storia, io non ho detto che le crociate sono iniziate con Costantinopoli ma ho narrato un fatto che ben ricorda l'ingerenza dellimpero ottomano che ti ricordo aveva sottomesso tutta l'Europa dell'est, la Spagna e l'Italia del sud, se non ci fossero state le crociate tutta l'Europa sarebbe islamica con molta gioia di nazisti, neocomunisti e falsipacifisti quindi per favore non dirle tu le stronzate. Se vuoi andare a capodanno a scopare non è a Ruini che devi tener conto ma a qualcuno molto sopra di lui e Ruini non ha fatto altro che ricordarti questo (sesto comandamento: non commettere atti impuri), ma anche questa volta ti ha lasciato il libero arbitrio di fare quel che vuoi. Anche sull'inquisizione ho da ridire, non ho certo detto che sia stata una bella cosa, ma ti ho ricordato che a differenza di tutti gli altri tribunali dell'epoca l'inquisizione è stato il più umano (circa mille condanne distribuite su 300-400 anni sono circa 3 all'anno).
Ultima cosa: ti invito a riportare qualche frase dove qualcuno ha espresso la sua presunta superiorità rispetto ai mussulmani. Dire che secondo me il cristianesimo sia giusto e l'islam sia in gran parte sbagliato (non del tutto, anche l'islam si poggia sull'antico testamento) non significa che mi senta migliore o superiore, ma sto solo difendendo le mie opinioni. Neanche dire come Borghezio (anche se forse lui di essere superiore ne è un pò convinto ma cavoli suoi) di prendere per la barba e rimandare indietro non è testimonianza di superiorità ma di difesa del proprio territorio contro un intruso straniero di qualsiasi genere. Se non te ne sei accorto molti mussulmani rispettano molto di più la loro religione che le nostre leggi pretendendo che anche noi seguissimo la loro strada provocando molte volte situazioni spiacevoli che molti italiani vorrebbero evitare, magari tornando come 20 anni fa quando di mussulmani ce n'erano pochi. Questo non significa essere superiori ma essere nazionalisti e difensori dei propri valori e delle proprie usanze.

il 03 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

Beh direi che come 200esimo messaggio del thread non c'è male, è un po' la summa dell'idiozia ormai imperante in una certa fascia sociale della nostro povero stivaletto: il Manuale dell'Apprendista Borghezio. Colgo fior da fiore:

se non ci fossero state le crociate tutta l'Europa sarebbe islamica con molta gioia di nazisti, neocomunisti e falsipacifisti quindi per favore non dirle tu le stronzate

a differenza di tutti gli altri tribunali dell'epoca l'inquisizione è stato il più umano

...secondo me il cristianesimo sia giusto e l'islam sia in gran parte sbagliato...

prendere per la barba e rimandare indietro non è testimonianza di superiorità ma di difesa del proprio territorio contro un intruso straniero di qualsiasi genere

standing ovation!

il 03 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

Ma.....ma....ma...ma.... cosa stai blaterando? Ha espresso il suo parere sul referendum? Come era suo DOVERE? Il suo dovere è guidare la comunità cristiana! Diffondere il messaggio di Cristo che non vuol dire censurare le leggi di uno stato sovrano e laico! Se vogliamo fare quelli che guardano i vangeli faremmo bene a leggere qualcosa su una frase del tipo: "spogliatevi dei vostri beni..." non so se con questo inendeva dire la basilica più grande del mondo con gallerie d'oro e tesori inestimabili, ma se qualcuno obietta che queste sono opere d'arte, beh allora dia uno sguardo ai miliardi di euro/dollari/marchi che la chiesa possiede in titoli bancari di vario genere. Questa è l'organizzazione "sacra" che si permette di interferire nella politica italiana. Vorrei far notare che il referendum non avrebbe obbligato nessuno a fare niente, ciascuno avrebbe seguito la propria coscienza e le indicazioni delle sue guide spirituali. Così la chiesa ha privato TUTTI I CITTADINI della possibilità di scegliere, eccolo il libero arbitrio di Ruini!
Per quanto riguarda le lezioni di storia.... Ormai sono stanco e un po' imbarazzato nel distruggerti le tue convinzioni mentali... Allora: i turchi nei balcani erano allo stremo ben prima della crociate; non avanzavano in Spagna dal 17 ottombre 732 (o 733 ora controllo)
dalla battaglia di Poitiers vinta da Carlo Martello sui saraceni.Poi riguardo il sud italia, ovvero la Sicilia, beh qui hai proprio fatto uuna gaff: la loro presenza in sicilia era a scopi commerciali, non hanno mai tentato di diffondervi l'islamismo e la Sicilia era nota già allora per il sincretismo culturale e la tolleranza reciproca che la rendeva un esempio per i secoli successivi.
Inutile che cerchi giustificazioni: le crociate hanno motivazioni politico/economico/personali dei potenti delle varie epoche, questo a detta dei maggiori storici e anche del precedente pontefice (persona che non condividevo, ma che rispettavo profondamente) che le ha definite una delle pagine più buie della storia della chiesa.
Poi questa cosa dell'iquisizione che ha fatto qualche centinaio di esecuzioni... L'8 marzo 2000 Giovanni Polo II ha chiesto perdono per le centinaia di migliaia di morti. é tristemente famoso l'iquisitore Tomàas de Torquemada che ha mandato al rogo 10280 persone e ne ha condannate altre 27321. Le tue cifre si riferiscono al simposio internazionale sull’Inquisizione che si tenne in Vaticano dal 29 al 31 ottobre del 1998, ma lo stesso Papa Wojtyla e il comitato organizzatore del Simposio sapevano fin dall’inizio ch’era praticamente impossibile mettere nero su bianco una cifra esatta del numero delle vittime. L’Inquisizione cercò di far sparire quanti più archivi poté dei processi e delle sentenze. Non solo. Occorre tener presente che nel corso dei 600 anni di funzionamento di questo apparato repressivo, responsabile dei più grandi crimini collettivi della storia dell’umanità, spesso accadeva che il popolo terrorizzato ed esasperato assaltava i tribunali dell’Inquisizione distruggendo gli archivi che contenevano non solo la lista dei condannati, ma anche quella dei sospettati. Napoleone, poi, quando conquistò l’Italia, portò con sé tutti gli archivi dell’Inquisizione che non furono ben conservati e solo una piccola parte è ancora intatta a Parigi. Devi credere aquanto dico e ti puoi documentare seriamente per verificarlo. Non mi soffermo sui metodi per uccidere perchè non voglio tirbare la sensibilità dei lettori, ma se qualcuno è interssato si informi sui metodi che hanno fatto scuola ai nazisti.
Quando dici che noi cattolici concediamo molti più diritti di quelli che ci vengono concessi, ammetendo che sia vero, sarebbe una cosa di cui vantarsi perchè e segno di maturità. Anche io sono infastidito da coloro che vengono e non vogliono il crocifisso nei luoghi pubblici, questa è casa nostra è vero, ma ciò non toglie che in uno stato laico quel crocifisso non ci deve prorpio essere. Questo per dire che se se invece di aspettare loro lo avessimo tolto noi e magari avessimo messo la foto del Predidente della Repubblica (se Silvio ci teneva anche la sua) ora avremmo comunque un simbolo della nostra nazione appeso sui muri delle classi/uffici/ospedali. Un simbolo che DOVEVA essere acettato e rispettato da coloro che vengono in Italia, ma invece abbiamo perferito tenere il simbolo di una religione....
Poi dire "...secondo me il cristianesimo sia giusto e l'islam sia in gran parte sbagliato..."
Ti invito a spiegarmi meglio la faccenda... perchè sai non ho chiaro come in materia di religioni uno possa credere che una sia gista e l'altra sbagliata, cioè non hai argomenti razionali per sostenerelo perchè in materia di religione si CREDE E SI HA FEDE = non si può pensare di aver ragione. Punto, ferrea logica aristotelica, non puoi sapere che una cosa è giusta se CREDI in quella cosa, altrimenti non hai fede, ma hai CONOSCENZA.

il 03 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
antonella ha scritto:

marco :vorrei solo farti notare che riguardo al referendum la chiesa non ha dato indicazioni di voto (esprimere un parere non è reato) ,bensì ha istigato a non andare a votare ,che è leggermente diverso (nonchè ai limiti della legalità se non addirittura illegale ,ma di questo se ne stanno occupando nelle sedi più opportune).

il 03 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
qualunquista ha scritto:

Ragazzi, se il cristianesimo è migliore o no dell'Islam e le motivazioni delle crociate sono questioni irrilevanti.
Il problema sono le frange piu intrasigenti degli immigrati che non si accontentano della libertà e diritti ricevuti una volta entrati in Italia, ma vogliono un nostro cambiamente culturale che accomodi meglio la loro cultura.
Un'altro problema è la criminalità e la legalita. Una numero non irrilevante di immigrati ha commesso crimini (il 31% dei detenuti nelle nostre carceri sono stranieri). La paercentuale in se stessa e rilevante ma non è il fattore pio importante. Il fatto che gli stranieri che commettono crimini vengono sempre difesi da alcune parti politiche e non puniti nel modo dovuto (espulsione, visto che parecchi sono clandestini) di certo non aiutano l'integrazione degli islamici moderati disposti a rispettare l'italia (la sua cultura e leggi).
Ad alcuni politici piace molto la parola integrazione, ma l'integrazione non è qualcosa che riguarda solo gli italiani ma anche gli stranieri!

il 03 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

Il fatto che il 31% circa dei carcerati sono immmigrati è vero, è un dato su cui riflettere. Io propongo un certo tipo di roflessione: quasi il 100% dei carcerati è composto da persone di classe sociale medio/basssa, specialmente per i reati per i quali sono in carcere gli immigrati (furti/violenze/droga...). Dato che la quasi totalità degli immigrati, specialmente se clandestini, appartiene a questa fascia sociale è logico trovare una corrispondenza nelle percentuali dei carcerati. E' vero che sull'integrazione si fa demagogia, ma è l'unica via che possiamo percorrere. Se la nostra civiltà si dimostrerà aperta riuscirà a contenere la miriade di culture che vi stanno entrando. Se invece saremo chiusi e ottusi, trincerati nella nstra convinzione di superiorità e di essere i migliori, allora avremo solo lo scontro, soffieremo sul fuoco che alimenta il terrorismo.
Cercto che le crociate e la presunta superiorità di una religione su un'altra sono questioni che possono essere considerate irrilevanti, ma è su queste false convinzioni che si creano le premesse dell'intolleranza.
Per quanto riguarda le frange estremiste: Bin Laden rispetta il corano quanto un prete pedofilo il vangelo. Usare la religione per motivare dei disperati, fino a spingerli al suicidio per una fantomatica casusa non è un'invenzione recente... Dietro la lotta santa dei terroristi ci sono motivazioni econommiche, come ci sono moticìvazioni economiche per una guerra alla ricerca delle armi di distruzione di massa che ci si inventa... Quello che vorrei far capire è che chi si lancia dietro la politica di leader occidentali, che trovano la soluzione nella guerra non è molto diverso da quegli arabi che giustificano il terrorismo. Entrambi hanno spento il cervello e fanno il gioco di chi li usa.

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Per Davide: grazie per i complimenti.
Per Libertà: certo che è dovere della chiesa dare il proprio parere, anche su un referendum che gioca sulla vita delle persone (o future persone) e che a te piaccia o no è giusto che tutti possano dire la propria opinione, e se io credo sia giusto non votare lo posso dire come ben è inteso sulla costituzione. Sull'essere poveri hai ragione, la chiesa dovrebbe essere più povera anche se a volte si esagera (ad esempio un prete con 40 anni di servizio ha uno stipendio mensile inferiore a 800 euro, quindi non naviga nella ricchezza); comunque niente da dire, anche se le chiese sono molte volte beni storici per il vangelo non dovrebbe essere cosi. Per le crociate non hai distrutto nessuna convinzione, che ci facevano i Turchi nei Balcani? le crociate sono state guerre di liberazione e tu lo confermi dicendomi tutti i luoghi che gli ottomani hanno sottomesso compresa la sicilia che nonostante fosse stata liberalizzata per quanto riguarda il commercio era sottomessa. Non ho ben capito se tu intendi dire che se l'Austria non si fosse barricata nei suoi territori difendendosi dai continui attacchi dei Turchi questi ultimi si sarebbero fermati da soli magari riconsegnando tutti i territori conquistati fin ora? Io penso proprio di no. Se dici che anche nelle crociate molti potenti abbiano visto scopi più lucrosi che di difensivismo hai ragione, come lo è per tutte le guerre, ma ciò non toglie che se le crociate non ci fossero state ora saremmo tutti mussulmani come lo sono ad esempio gli albanesi o i macedoni. Questo Torquemada non lo conosco, non conosco questi dati, ma anche se tu avessi ragione la questione non cambia, la chiesa era a passo coi tempi e sbagliava come tutte le altre istituzioni dell'epoca. Problemi come la simonia o l'inquisizione sono stati ammessi e risolti e la chiesa a volte guidata da persone con idee che non rispecchiavano i vangeli rimane comunque la casa di Dio da quando Gesù disse "tu sei Pietro e su questa pietra costruirai la mia chiesa". Anche oggi nella chiesa ci sono molti massoni, ad es nel concilio vaticano secondo quasi la metà dei partecipanti venivano da logge massoniche... purtroppo è nella natura umana che in qualsiasi occasione e in qualsiasi luogo la tentazione del potere prevalga sulla giustizia. Anche la chiesa per liberarsi di questo ha bisogno di critiche ma non bisogna diffamarla con dei falsi pregiudizi.
Sull'islam: saprai che anche il corano riconosce l'antico testamento ma non il nuovo in quanto Gasù è visto come un profeta "fallito". Per la chiesa e anche per me il falso profeta è mohammed o maometto il quale (se leggi il corano) ha dato molte indicazioni controverse e molte volte non giuste nei confronti dell'umanità, come per esempio quando dice che la donna vale esattamente la metà dell'uomo. Per questo dico che l'Islam non è corretto, è una religione che ha il nostro stesso Dio (il dio dei cristiani per intenderci) ma delle regole che sempre a mio modesto parere sono date dalla persona sbagliata.

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

certo che è dovere della chiesa dare il proprio parere, anche su un referendum che gioca sulla vita delle persone

assolutamente no, non è dovere e nemmeno diritto: la chiesa può esprimere opinioni sulla legittimità o meno di una qualsiasi scelta etica, ma non ha alcun diritto di indirizzare il voto di chicchessia, nemmeno dei suoi fedeli.
te la faccio semplice, così capisci: il prete durante la predica può dire che l'embrione è vita, ma commette una grave ingerenza se invita esplicitamente i fedeli ad astenersi dal voto. Sono 2 cose molto diverse.

le crociate sono state guerre di liberazione

vedo che anche la logica ti fa difetto: da che mondo e mondo le guerre di liberazione si combattono a casa propria, nel tentativo, appunto, di liberarsi dall'oppressore. Ora, ci faresti un grosso favore se ci spiegassi come sia mai stato possibile per l'Europa "sottomessa" ai Turchi prendere armi e bagagli senza chiedere il permesso agli invasori ed andare a combatterli niente meno che a casa loro...
Quanto alla domanda dal profondo significato storico "che ci facevano i Turchi nei Balcani", qualcuno ti potrebbe chiedere allo stesso modo, qualche secolo prima, "che ci facevano i Romani in mezza Europa, Inghilterra compresa, e in Medio Oriente?"

Questo Torquemada non lo conosco

hahahahah ahahahhahaah

ma se sei ignorante come una capra, scusa, ma che ci stai a fare qui?? Torna a giocare, va!

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
qualunquista ha scritto:

la chiesa può benissimo esprimere le proprie opinioni quando e come vuole. I preti, oltre ad essere preti, sono anche cittadini e come tali hanno diritto di opinione.
"qualcuno ti potrebbe chiedere allo stesso modo, qualche secolo prima, "che ci facevano i Romani in mezza Europa, Inghilterra compresa, e in Medio Oriente?"
Ci facdevano le stesse cose che gli ottomani avrebbero voluto fare in europa, solo che noi siamo riusciti a difenderci ed abbiamo contrattaccato.
"ma se sei ignorante come una capra, scusa, ma che ci stai a fare qui?? Torna a giocare, va!"
a certo uno non conosce Torquemada è proprio un ignorante! manco si parlasse Einstein. Va be che ho qualche dubbio che tu sappia chi lui sia comunque, tu, qualche intervento costruttivo lo farai mai?

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

qualunquista di nome e di fatto, parlare di inquisizione e non conoscere Torquemada è come parlare di teoria della relatività e non conoscere Einstein.
I tuoi dubbi non interessano a nessuno, peraltro leggendoti quello che sfiora chiunque è se tu abbia almeno raggiunto la licenza media.

solo che noi siamo riusciti a difenderci ed abbiamo contrattaccato

contrattaccato: appunto, dunque non si può parlare di guerra di liberazione. Vedi che pure avendo a che fare con 2 imbecilli come voi, qualcosa di costruttivo lo si è concluso?

la chiesa può benissimo esprimere le proprie opinioni quando e come vuole

e questa cos'è, la nuova versione del concordato stipulata fra te e Baget Bozzo ieri sera? Ingerenze in campo politico non sono ammesse, se poi tu preferisci votare seguendo i consigli del tuo confessore, cavolacci tuoi, fatteli dare in privato, ma non è così che funziona in uno stato che si definisce laico e democratico.

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
antonella ha scritto:

http://web.tiscali.it/byumby/doc3/016.htm
tanto per dissipare alcuni dubbi .

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

Guidare le coscienze dei fedeli è profondamente diverso dall'interferire nelle leggi di uno stato sovrano, che si sta esprimendo attraverso il massimo strumento di democrazia, il referendum.
Poi perpiacere...... le crociate e l'occupazione islamica, la volontà di convertire tutti. Ma cosa.... ma INFORMATEVI! I mussulmani non erano santi, ma non pretendevano di convertire nessuno, i non Islamici potevano rimanere tali pagando una tassa. Se si era di una delle religioni del libro (Cristiani o Ebrei) si poteva tranquillamente rimanerlo.
Maometto definiva le donne mezzi/uomini, da noi potevano oscillare tra strghe, tentatrici del diavolo, oggetti di corruzione.... la nostra storia non è così diversa dalla loro, di sicuro non possiamo ritenerci migliori.

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Carolina ha scritto:

Libertà, sono esseri umani pure loro. Il che è una ragione in più di non considerarci migliori di loro, però porta a considerare le cose in modo altrettanto critico. Ora, non sulle Crociate. Le Crociate portarono ovunque atrocità e pestilenze, quindi furono sicuramente negative, non m'interessa proprio nemmeno argomentare su questo. Ma sul fatto che non volessero convertire anche loro dissento. Dipende molto dalle circostanze. In India costrinsero i buddhisti a fuggire con un ultimatum di 24 ore e, acciderboli, si fuggiva a piedi allora, o con mezzi di fortuna. Molti erano ancora sulla strada al termine delle 24 ore, e furono letteralmente massacrati. E la prima ricomparsa del buddhismo è poi avvenuta dopo l'Indipendenza, eh? secoli e secoli dopo da quella strage. Insomma, sono uomini perché pure le loro organizzazioni di potere, evidentemente non i musulmani in sé, in alcune occasioni della storia hanno fatto politica, e hanno calcolato dove erano maggioranza e dove minoranza, e chi era nemico, chi alleato, chi vassallo etc.
E questo non l'ho neanche solo studiato. Ho sostenuto l'esame di storia e istituzioni del mondo arabo e musulmano con Fouad Allam, che molti conoscono solo dalla tv. Bene, mi arrivò proprio quella domanda, sulla conquista musulmana dell'India e sui rapporti con le altre fedi, buddhismo compreso. E io tergiversavo ed eufemizzavo perché temevo di offenderlo. Lui a un certo punto mi interruppe e disse: "Un massacro, signorina, fu un massacro. Non abbia paura delle parole".
Carolina

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

Scusa mi ero dimenticato di precisare che un prete con 40 anni di servizio ha 3 possibilità:

1 - è missionario e merita un monumento
2 - si è impegnato per la sua comunità e 800euro come un operaio vanno bene
3 - non ha mai fatto un emerito cazzo di nulla e quegli 800euro non se li merita neanche una volta l'anno, non al mese.

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

Ragione su tutto, mai detto che sono sono santi. Io ho messo a confronto la soria della Chiesa con quella dell'Islam e la conclusione è stata che le differenze che ci vengono propinate da certi politici sono stronzate che vanno bene per gli ignoranti.
Sei fortunata a conoscere di persona certa gente, sul serio.

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Uno stato laico e democratico ognuno può dire quel che vuole se non sbaglio, o almeno così dovrebbe essere. Dire che l'aborto è una cosa che va contro la volontà di Dio non è un'ingerenza politica, è la verità. Se la chiesa non lo dicesse non potrebbe più ritenersi la guida spirituale del popolo cristiano. Per quanto riguarda "l'INVITO dei vescovi ad astenersi dal voto per non aggravare una situazione già grave" non mi sembra ne uno scandalo ne una presa di potere: non mi risulta sia la prima volta che in Italia qualche istituzione politica o non inviti all'astensione (vedi partito comunista internazionalista per esempio, l'amministrazione di sinistra di Serracapriola che invito ad astenersi ad un referendum che vedeva la chiusura di un centro di accoglienza, Rifondazione Comunista nel 2000 incitò ad astenersi dal referendum per ampliare l’operatività del sistema maggioritario ecc). Comunque l'articolo 75 della costituzione dice che un referendum non è valido se non partecipa al voto la maggioranza degli aventi diritto e che questi aventi diritto hanno la possibilità di astenersi; il presidente della Repubblica Ciampi ha inoltre dichiarato che è un comportamento democratico il decidere di astenersi. Un invito a non votare non è ingerenza, è un invito e basta per quelle persone che più hanno fiducia nella chiesa e si aspettano da essa delle risposte e a me sembra che la chiesa moderna faccia il possibile per dare le risposte migliori possibili.
Su Torquemada mi informerò, se non l'ho fatto è perchè questo forum tratterebbe la Fallaci e non l'inquisizione, quindi sono andato a memoria e visto che di solito leggo dei temi più vari non riesco a ricordare tutto. L'ultima cosa: i Romani hanno conquistato l'Europa e mezza Africa uccidendo tutti quelli che si mettevano cotro di loro ma questo non significa che se i Turchi vogliono fare la stessa cosa l'Europa avrebbe dovuto farsi conquistare senza combattere e come dice Davide le guerre di liberazione si fanno a casa propria, infatti le crociate sono state a casa propria, cioè in Europa (che gli ottomani hanno cercato di conquistare) e in terra santa che sempre come dice Davide da che mondo è mondo era terra Ebrea e dall'avvento di Cristo anche Cristiana, non di certo dei figli di Maometto. Una cosa che mi infastidisce è quando mi accusate di pensarmi superiore, io non sono superiore a nessuno, ma ho una cultura diversa; come io rispetto le altre culture voglio che la mia sia rispettata.

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Carolina ha scritto:

ah guarda, è un'ottima persona Fouad Allam. Posso ahime dire solo che l'ho conosciuto, non che lo frequento, però sicuramente è stata una fortuna. Pensa tu un'altra controprova di quanto siano palle quelle dei politicanti il cui ruolo negativo giustamente tu sottolinei. Un altro esaminando nella mia sessione era un suo compatriota. Si salutarono, si fecero i convenevoli pure nel loro dialetto (di Orano o di Costantina ora non ricordo) e poi il professore gli fece una domanda sulla parte di teologia islamica prevista come fondamentale nel corso. E quello la sbagliò. Solo che invece di essere umile si scagliò contro Fouad Allam che lo aveva corretto asserendo di averlo visto non so dove a bere degli alcoolici e quindi sostenendo che da non vero musulmano egli non avesse diritto di contestargli le nozioni di teologia. Uh, non hai idea! Il peggior lancio da un'aula visto in vita mia per certi versi. Però anche uno dei migliori. Infatti quest'uomo fra le altre cose, inclusi improperi in italiano, in arabo e in francese, gli disse: "Guardi che questa è un'università dello Stato italiano e laico e io non sono qui a fare il catechismo, ma a verificare che lei sia preparato. E lei non è per niente preparato".
Carolina

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Sui preti: bello il riassunto delle possibilità fatto da Libertà, non posso fare altro che darti ragione: ci sono molti preti che non li meriterebbero 800 euro (non tutti) come ci sono molti operai che non meritano il loro stipendio. Comunque visto che i soldi della chiesa vengono da donazioni o investimenti e quindi non vengono rubati a nessuno è giusto che anche i preti buoni a nulla abbiano di che mangiare.
Purtroppo di francescani ne esistono sempre meno.

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

Dire che l'aborto è una cosa che va contro la volontà di Dio non è un'ingerenza politica

e chi ha detto il contrario, sei duro di capa ragazzo. Uno può dire quel che vuole sull'aborto, NON PUO' PERO' INVITARE I CREDENTI A NON VOTARE IN NOME DELLA VOLONTA' DI DIO, è sufficientemente chiaro?

Se Don Gigi dice "L'aborto va contro la volontà di Dio" OK
Se Don Gigi dice "Domenica non andate a votare perchè Dio vi guarda" KO

Non so come altro spiegarlo, gli schemini su questo blog non si possono ancora fare...

non mi risulta sia la prima volta che in Italia qualche istituzione politica o non inviti all'astensione

la chiesa NON è un'istituzione politica. o forse lo stai implicitamente ammettendo, che ormai è diventata solo e soltanto quello... ma allora tanto varrebbe che si costituisse come partito...

il presidente della Repubblica Ciampi ha inoltre dichiarato che è un comportamento democratico il decidere di astenersi

ha detto che è democratico decidere di astenersi, non invitare a farlo... niente di grave, il tuo solito problema a capire il significato delle parole...

io non sono superiore a nessuno

ah, su questo credo che nessuno avrà nulla da ridire...

infatti le crociate sono state a casa propria, cioè in Europa (che gli ottomani hanno cercato di conquistare) e in terra santa che sempre come dice Davide da che mondo è mondo era terra Ebrea e dall'avvento di Cristo anche Cristiana

questa è da incorniciare: la terra santa da che mondo e mondo era terra Ebrea (uhm lì intorno era tutto un brulicare di sumeri, assiri e fenici, ma erano tutti ebrei in fondo in fondo, ce lo garantisce marco), poi con l'avvento di Cristo diventa Cristiana... dunque con l'avvento di Maometto dovrebbe essere diventata Musulmana... almeno seguendo l'illuminato ragionamento... insomma l'ultimo che arriva si prende tutto, o solo chi sta simpatico a marco? Qual'è il criterio, sono perplesso...

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Andrea_Riot ha scritto:

"i soldi della chiesa vengono da donazioni o investimenti e quindi non vengono rubati a nessuno"

Rubati rubati no, ma la porcata dell'otto per mille...

"Le ultime comunicazioni ufficiali e definitive si riferiscono incredibilmente alle dichiarazioni dei redditi del 2001 (redditi 2000).

87,25%
Chiesa Cattolica

10,28%
Stato

1,27%
Valdesi

0,42%
Comunità Ebraiche

0,31%
Luterani

0,27%
Avventisti del settimo giorno

0,20%
Assemblee di Dio in Italia

Va notato che, in tale occasione, su oltre trenta milioni di contribuenti solamente il 39,62% ha espresso un’opzione, solo il 34,56% della popolazione, quindi, ha espresso una scelta a favore della Chiesa cattolica. Per dare un’idea dell’enormità della cifra corrisposta grazie a questo meccanismo, la Conferenza Episcopale ha disposto nel 2004 di contributi per 936,5 milioni di Euro."

http://www.uaar.it/laicita/otto_per_mille/

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
qualunquista ha scritto:

davide, l'unico imbecille qua sei tu. Io non ho definito le crociate guerre di liberazione quindi impara a leggere ed ha comprendere (anche se, avendo letto i tuoi post precedenti mi sembrerebbe una missione impossibile per te). Complimenti ancora per le tue immancabile offese, le prendo come segno di mancanza di argomentazioni decenti.
Per quanto rigurda la chiesa, ed i suoi rappresentanti, loro sono liberissimi di esprimere le opinioni che vogliono e quando vogliono anche in uno stato laico (se tu puoi esprimere le tue non vedo perchè loro non possano esprimere le loro). Fino a prova contraria questa è una democrazia.

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Davide, perchè non PUO' dire ai credenti di non votare per un referendum sbagliato? Prima cosa ho detto istituzioni politiche o NON quindi mi riferisco a tutte le istituzioni secondo ti ripeto che la chiesa non è stata la prima istituzione a fare un INVITO in questo senso. Perchè trovi tanto sbagliato che se la chiesa non trova giusto un referendum dica ai fedeli che è meglio non votare? La legge fa comodo solo quando ad andarci contro sono quelli che non la pensano come te?
Sulla terra santa: gli Ebrei hanno sempre considerato Israele la loro terra promessa da quando Mosè fuggì dall'Egitto; se li intorno c'erano altre popolazioni che centra? Che Israele spetti agli Ebrei non sta a me decidere. Quando ho detto che dall'avvento di cristo la terra santa è anche cristiana intendevo solo in senso figurato, la terra santa è vista come terra protetta in quanto terra natale di Gesù, non come terra di conquista come l'hanno invece intesa gli ottomani. Poi non mi risulta che Mohammed sia nato in Terra Santa... chi stà simpatico a me a il diritto di stare a casa propria come lo ha chi non mi sta simpatico, infatti non trovo giusto che gli ottomani vengano considerati martiri perchè sconfitti dopo il loro tentativo di convertire e sottomettere tutti gli infedeli come ben insegna il Corano ma riconosco in loro il diritto di rimanere in pace nelle proprie terre e benvengano gli scambi culturali e commerciali con loro. Ti invito inoltre a non riportare tutto quello che scrivo in modo sarcastico anche perchè riesco a ricordare quello che ho scritto poco prima, inoltre a me sembrava di scrivere in maniera per nulla offensiva nei confronti di nessuno ma semplicemente esprimendo le mie opinioni e leggendo quelle altrui senza fare battutine infantili (il tuo modo di scrivere fa pensare che sia tu a sentirti superiore a qualcun altro).
Per Andrea: ripeto che sono daccordo se mi dite che la chiesa debba dare l'esempio di carità e povertà, non trovo giusto neanche che vengano destinati ad essa più fondi del dovuto ma questo non è da imputarsi al volere della chiesa ma a chi distribuisce questi fondi.

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

qualunquista di sta cippa, di argomentazioni ne ho portate a quintalate. il problema è tuo che non le sai capire. mi fai cadere le braccia ad ogni commento: che la guerra fosse di liberazione l'ha sostenuto marco, quando mai ti avrei attribuito tale frase? ti ricordo che questo thread è leggibile a tutti e quando do una risposta alla tua ennesima stronzata, non significa che la frase successiva non possa essere una replica ad un'affermazione di qualche altro utente

Sulla terra santa: gli Ebrei hanno sempre considerato Israele la loro terra promessa da quando Mosè fuggì dall'Egitto;

e mio zio considera sua la Patagonia... sono semplici opinioni. terra promessa da chi? da Dio? ai musulmani non risulta, il loro Dio agli Ebrei non ha mai promesso nulla... resta il fatto che non vedo attinenza fra la presunta appartenenza della Terra Santa agli Ebrei e la legittimità delle crociate... i crociati combattevano in nome degli ebrei, mentre in europa li ghettizzavano? mmm sempre più intricata questa vicenda

Perchè trovi tanto sbagliato che se la chiesa non trova giusto un referendum dica ai fedeli che è meglio non votare? La legge fa comodo solo quando ad andarci contro sono quelli che non la pensano come te?

a me non fa comodo proprio nulla. Andatevi a leggere il link postato da antonella, informatevi su cosa sia una strana cosa chiamata concordato, informatevi sul significato di "stato laico" e poi tornate pure a sparare puttanate a raffica, ma almeno saprete di essere nel torto più completo

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
qualunquista ha scritto:

meno male che ci sei te davide a guidare questo gruppo di imbecilli che spara stronzate. Ave davide aveeeee.

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

Dopo aver litigato con mia mi sono divertito davvero: "e mio zio considera sua la Patagonia...", solo per fare un'esempio di quello detto da Davide. Non sparate a zero che le battutine sarcastiche spiegano più che 10 pagine di scritti.
"avrebbe dovuto farsi conquistare senza combattere e come dice Davide le guerre di liberazione si fanno a casa propria," by Marco, non vorrei fare il pignolo, ma segui questa logica e vai dritto dritto in Iraq a sparare agli americani....
Non credo di aggiungere nulla a quello che TUTTI SANNO dicendo che quelle della Chiesa non sono opinioni, ma prese di posizione che pesano come macigni sulla politica della cosidettta "laicità" che dovrebbe esserci nel nostro paese.

il 04 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
sbrencu ha scritto:

"perchè non PUO' dire ai credenti di non votare per un referendum sbagliato?"

Perché come lo Stato non interferisce nelle questioni riguardanti la Chiesa, come la beatificazione, la Dottrina della Fede, (non ho mai sentito nessun politico dire "fedeli, non fate santo questo qui perché non se lo merita" tanto per fare un esempio (stupido)), la chiesa non deve interferire nei meccanismi dello Stato, facendo pressione sui propri "adepti" o "accoliti" perché si orientino in un certo modo. Scusa, se le istituzioni italiane cominciassero a spingere per fare del buddhismo la religione preponderante in Italia, cosa credi che farebbe la chiesa?

Il principio è vecchio e semplice "libera chiesa in libero stato", e non è difficile da capire. Peccato che ci sia qualcuno che non ci arriva.

il 05 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

"Il principio è vecchio e semplice "libera chiesa in libero stato", e non è difficile da capire. Peccato che ci sia qualcuno che non ci arriva."

Un vero peccato che nessuno lo capisca... ma non gliene faccio una colpa, crocifissi nei lughi pubblici, religione cattolica insegnata a scuola, o.8% alla chiesa cattolica apostolica romana....
Libera chiesa in libero stato è un concetto morto in partenza.
Un post mi invitava ad andare in Arabia Saudita se voglio essere mussulmano. Io non voglio essere mussulmano, ma il dubbio inquietante che mi sorge è: devo andare via perchè l'Italia è proprietà dei Cattolici?

il 09 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Io ho ti ho invitato ad andare a vivere in Arabia Sudita perchè ho visto che difendevi i Mussulmani e attaccavi i cristiani, hai detto che i mussulmani si sono solo difesi mentre i cristiani hanno fatto del colonialismo facendo presupporre che preferisci una cultura Araba a una cristiana e l'Italia essendo di origini Cristiane (perfino le feste sonon cristiane qui, almeno quasi tutte) non ti si addice, e piuttosto che voler far diventare tutti noi mussulmani ho solo detto che fai prima ad andare tu in uno stato arabo. A parte le tue preferenze religiose ti darò due dati: in Italia le natalità di laici e cristiani sonon sempre inferiori mentre quelle di mussulmani sempre maggiori tanto che sono circa il 20 per cento del totale. Si stima che tra una sola generazione possano diventare il 40-50 % del totale mentre tra due generazioni superarci. Potrai dire che per te non c'è problema, la nostra costituzione difenderà la laicità, ma io non ne sarei così convinto: una volta acquisito il diritto di voto i mussulmani potranno anche entrare in politica ed essendo la maggioranza facilmente vinceranno le elezioni. Una volta vinte le elezioni la laicità dello stato sarà in grave rischio; un qualsiasi imam ti dirà infatti che io non sbaglio in quanto il loro fine ultimo, per giunta mai tenuto segreto, è quello di diventare più numerosi di noi per poterci convertire tutti. A nostro favore c'è solo che essendo cristiani siamo una religione per loro protetta (insieme agli Ebrei) perchè abbiamo lo stesso loro Dio (derivante dal vecchio testamento) ma un messia sbagliato e abbiamo male interpretato la trinità del signore (lo sapevi che il corano lo ha scritto un prete per ripicca dopo essersi rifugiato nel deserto Arabo e dopo aver incontrato un certo mohammad o Maometto perchè accusato di eresia dalla chiesa? anche questo te lo confermerà un qualsiasi imam o islamico informato) e quindi avremo la libertà di rimanere cristiani ma gradualmente non potremo partecipare alla vita politica o fare alcunchè che possa influenzare le decisioni nazionali, praticamente diverremo ospiti discreti in casa nostra. Difficilmente potrai ancora andare in discoteca a ubriacarti e cercare da scopare fuori dal vincolo matrimoniale (anche perchè se non ti converti non puoi praticare la poligamia) inneggiando contro Ruini. Spero di avervi chiarito le mie preoccupazione e avervi persuaso dall'accusare di razzismo o pensare che io voglio che tutti diventino cristiani (quando difendo la chiesa difendo quella che secondo me e secondo il catechismo è la via che più ti avvicina al padre e ti da tutti i mezzi necessari per farlo ma non per questo obbligo qualcuno a seguire questa via, piuttosto difendo anche i laici e non credenti che vogliono rimanere sui loro passi, perchè se lo scenario che ho appena descritto si verificasse faticherete molto a non discostarvi dal vostro cammino). Potrai dire anche che sono un visionario e per una volta spero tu abbia ragione. ciao

il 09 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Andrea_Riot ha scritto:

"lo sapevi che il corano lo ha scritto un prete per ripicca dopo essersi rifugiato nel deserto Arabo e dopo aver incontrato un certo mohammad o Maometto perchè accusato di eresia dalla chiesa?"

Sull'origine del Corano si stanno spaccando la testa fior di studiosi, ma sono tutti professoroni islamo-comunisti intellettualoidi.

Un bel tacer non fu mai scritto.

http://en.wikipedia.org/wiki/Coran


il 09 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Adimant ha scritto:

Marco, sono non credente e non mi va affatto di essere difeso da te a suon di puttanate.
Leggi il Corano, leggi la Bibbia, impara qualcosa delle religioni e di come nascono nei rispettivi contesti socio-politici e poi, tra una decina di anni, quando avrai fatto tutto ciò, potrai ricominciare ad aprire quella cazzo di bocca senza sparare, forse, stronzate a raffica.
Scusa la durezza ma mi sa tanto che la vita di parrocchia ti ha messo in testa un po' di confusione: voi cattolici integralisti parlate a vanvera di cose che non conoscete neanche di striscio. Da buon ateo, dopo un attento e lungo studio della Bibbia, ho avuto occasione di frequentare il Corano, per farmi un idea delle cazzate che sparava la signora fallaci (le minuscole sono volute) quando era sotto l'effetto dei forti stupefacenti che assume (non si spiegano in altro modo i suoi libri).
Ho avuto occasione anche di ascoltare dalla voce di esponenti autorevoli della chiesa cattolica che si occupano di ecumenismo e dialogo interreligioso (sai cosa sto dicendo? se vuoi ti faccio un disegnino...) una serie di delucidazioni sulle effettive differenze tra le varie religioni e le varie confessioni cristiane: non ho mai avuto da queste persone nessuna delle fondamentali informazioni che rilasci tu (un prete che scrive il Corano per ripicca...), piuttosto semplicemente una seria analisi, spesso condita da motivazioni tutt'altro che religiose, del perchè le tre grandi religioni monoteiste hanno preso strade diverse, e soprattutto nessun odio di religione per nessuno. Tu e quelli come te, con la vostra propaganda fondamentalista pretendete di tenere la cultura italiana sotto il giogo ionsopportabile del peggiore oscurantismo cattolico (tu parli di non poter scopare fuori dal vincolo matrimoniale - ma per il papa io non posso scopare a meno che non abbia un vincolo matrimoniale, e comunque mai fuori da esso).
Per favore, libera la tua mente dal catechismo, connetti i due neuroni che ti sono rimasti e comincia a pensare.

il 09 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Adimant ha scritto:

A proposito, Marco, musulmani si scrive con una s...

il 09 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Grazie per la correzione su come si scrive musulmani, hai ragione. Per quanto riguarda il vincolo matrimoniale ecc la frase non l'ho detta io ma il tuo amico Libertà, io l'ho solo riportata. Su chi ha scritto il Corano (anche se per me non è di grande importanza ma vedo che a voi tanto sta a cuore) potete chiedere conferma a un qualsiasi musulmano, i dibattiti riguardano i particolari, non che chi l'abbia scritto sia stato un prete o no (quello è fuori discussione). Adimant, grazie per il consiglio di dedicarmi allo studio, lo farò senz'altro, c'è sempre da imparare. A parte continuare a difendere inutilmente l'islam (religione che peraltro non ho mai detto di condannare o di bandire dalla faccia della terra) ho notato che non avete accennato alla cosa più importante, cioè che tra non molti decenni i musulmani in Italia saranno più dei cristiani, che entreranno in politica e probabilmente essendo la maggioranza vinceranno le elezioni per poi fare come hanno fatto in tutti gli stati dove sono la maggioranza, cioè instaurare un da voi tanto temuto governo teocratico. Spero che le prossime risposte non siano sempre i soliti attacchi al cristianesimo, se siete atei mi dispiace per voi, non sono qui per fare proselitismi. Chiarimento: non che ci sia nulla di male ma a parte andare a messa una volta a settimana non sono un frequentatore di oratori e se non sono in chiesa non è detto che sia sicuramente a casa, frequento cioè molti ambienti laici, proprio come una persona normale quindi non rompete i coglioni con ste stronzate che io vado in oratorio ecc. grazie.

il 09 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Dimenticavo di dire ad Adimant che nonostante il suo consiglio sullo studiare verrà da me certamente seguito, io ho letto la bibbia, il catechismo, il Corano (non tutto,alcune pagine per me poco interessanti le ho saltate, quando avrò più tempo forse mi dedicherò alla sua lettura), i libri della fallaci e molti libri sull'islam, sulla sua storia e sull'integralismo. ciao

il 09 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Adimant ha scritto:

Il TUO governo è già teocratico: lo stato italiano regala soldi alla Chiesa Cattolica (e non parlo dell'8 per mille, quello è colpa di chi non ne indica la destinazione, ammesso che non sia una scelta volontaria), parlo dei soldi alle scuole private (anticostituzionale), delle limitazioni ai diritti delle coppie di fatto, dell'ICI non pagata, dei crocifissi nelle aule, dei professori di religione che devono avere il benestare della curia ed altre amenità del genere.
Se poi tra dieci anni ci governeranno i musulmani (che però, purtroppo per te, saranno tutti italiani quanto te, essendo nati in Italia) oppure i Cinesi (al momento è molto più probabile), questo non può essere certo impedito facendo sana propaganda nazionalista filocattolica come fai tu.
Piuttosto chiediti cosa puoi fare per l'integrazione: la maggior parte dei profughi (perchè tali sono coloro che lasciano per necessità il loro paese) hanno semplicemente voglia di integrarsi mantenendo traccia delle proprie radici culturali; e poi non tutti gli stati a maggioranza musulmana sono teocrazie (vedi l'Iraq dove, sotto il "dittatore" Saddam si era arrivati addirittura ad una discreta convivenza tra etnie profondamente diverse e tra religioni completamente diverse, vedi l'Egitto, vedi il Marocco...).
Leggilo meglio il Corano, e leggine anche la genesi, che tu riassumi in un "fu scritta per ripicca da un prete" ed invece ha alle spalle un lungo percorso sociale e politico, partito dal tentativo di creare uno stato arabo unico laddove esistevano miriadi di tribù in lotta (questa del prete, poi, vorrei capire dove l'hai letta - mi posti un link a qualche fonte attendibile che sostenga le tue tesi con qualche argomento?).

il 09 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Quella del prete non l'ho letta, è una cosa che tutti i musulmani sanno. Conosco Marocchini, Arabi e perfino una ragazza di Betlemme. Non c'è molto da discutere ne motivazioni per farlo, Mohammed non ha scritto il corano da solo, per lui lo ha fatto un suo chiamiamolo "seguace" che era stato un prete cristiano. Dicendo che noi viviamo in uno stato teocratico non solo sbagli (se ci sono crocifissi o i gay non si possono sposare è perchè la popolazione è in maggioranza favorevole a queste cose... in teocrazia non si chiede il parere alle persone, si rispettano le leggi religiose e basta) ma confermi che il tuo difendere l'Islam deriva solo dall'odio verso le nostre radici cristiane (per me personalemente inspiegabile). Come sarebbe poi che facendo propaganda nazionalista non si può impedire che un popolo venga sopraffatto? E come si dovrebbe fare secondo te? Far entrare più Islamici possibile in modo da rendere piu veloce la transizione da governo democratico a teocratico? Non capisco proprio il vostro arrendevolismo e ne vedo solo due cause (correggetemi se sbaglio): 1)vi piacerebbe diventare un popolo islamico 2)Avete paura di muovere anche solo un dito in favore della vostra patria, tanto che fingete che i problemi non esistano anzi favorendo il pericolo pensando ingenuamente che una volta avvenuti i fatti sarete risparmiati.
Gli stati musulmani sono più teocratici di quel che pensi, come ti ho già detto la convivenza in quelle regioni con cristiani e ebrei è possibile solo grazie al fatto che siamo religioni protette per via dello stesso Dio, l'antico testamento (come dici tu la genesi, io per Corano intendo la parte che parla di Maometto) è lo stesso ecc. non perchè sono governi liberali. Certamente anche li ci sono diversi filoni di pensiero ma la sharia è la legge che più conta, non la legge dello stato. CHe sia giusto o sbagliato a me poco importa, quel che mi importa è, ripeto, che io di seguire le leggi della sharia non ho nessuna intenzione ne oggi ne mai.
Tra dieci anni i musulmani saranno tutti italiani come me, hai ragione, è proprio quello che cerco di dire... che una volta divenuti la maggioranza si instaureranno nel governo e modificheranno le leggi a seconda del corano, perchè mi ribatti con delle affermazioni che io per primo ti dico? Abbi il coraggio di dirmi se lo stato italiano ti piace più come è ora o come si prospetta con una maggioranza islamica...
L'ultima cosa: ti chiedo perchè secondo te è necessario per aiutare queste persone farle venire in italia? Io vedo l'immigrazione una cosa dannosa per noi e molto poco vantaggiosa per i bisognosi del mondo. Come ho già detto in post precedenti sulla terra più di 4 miliardi di persone vivono sotto la soglia di povertà e non mi sembra la soluzione giusta quella di far entrare in Europa milioni di queste persone (che sono una piccolissima minoranza dei bisognosi) causandoci immensi problemi. Se vuoi aiutare queste persone perchè non inizi a fare opere di carità anzichè attaccare la chiesa?

il 09 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Andrea elMac ha scritto:

Opere di carità?La ricca e civile Europa ha negli ultimi 500 anni saccheggiato il mondo, per i suoi interessi. Ora iniziamo ad affondare, è un fatto di cicli storici e niente di più. Inutile dire che mentre noi affondiamo tutte le popolazioni da noi sfruttate brutalmente se possono ci mettono un piede sopra per farci affondare più in fretta. Detto questo, cosa peraltro scollegata da Oriana Fallaci e dal vostro dibattito islam si/islam no vorrei farvi fermare un attimo. Vorrei che vi guardaste in faccia e cercaste di scorgere quanto razzismo c'è nelle vostre parole. Ma se tutta Italia domani si convertisse testimone di geova a voi non farebbe una grinza visto che sono bianchi?..esatto. Che ribrezzo gente!
Siete astorici

il 09 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

sorvolando sulle visioni distorte del corano, sulla visione della "santa" chiesa, dell'invasione e della congiura mondiale dei mussulmani.... sorvolando che finora il colonialismo è fenomeno europeo, che l'unico paese occupato da centinaia di migliaia di strnieri che tagliano fuori dalla politica gli abitanti è l'iraq....
Ti vorrei far presente che gli islamici non sono tutti osama bin laden, quindi forse, qualcuno, dico qualcuno, festeggia il ramadan per lo stesso motivo per cui io festeggio il natale: per abitudine. Cioè, uno può essere mussulmano senza mirare mirare a detronizzare i coattolici dal potere in Italia; perchè, sai, quando arrivi in 500 su un pescherreggio, passi da un campo di raccolta a sotto un ponte, lavorando in nero sottopagato, forse, l'attacco alle istituzioni è il tuo ultimo problema.
Poi la mia opinione è che l'Italia sia già piena di integralisti religiosi infiltrati in politica, solo che finora sono tutti cattolici. Certo non mi andrebbe meglio se fossero mussulmani, anzi, ma resta il fatto che tuttora se un politico ambisce a ruoli chiave deve dichiararsi cristiano, altrimenti nisba.
Nessuno discute sul fatto che ci siano Stati mussulmani teocratici o roba del genere, ma una cosa è vedere i difetti del "diverso" e anche i propri, altra cosa è ritenersi superiori.
Mica sono solo gli Islamici gli oscurantisti, credo che anche te abbia sentito che in molti Stati degli USA si e discusso sull'opportunità di eliminare Darwin dai libri di storia. Ecco, io questo lo chiamo oscurantismo religioso di merda volto allo spegnimento delle menti ed all'assoggettazione delgli individui. Suona un pò complicato, ma è così.
Quindi, se te sei infastidito dalle possibili/future/fantomatiche/non-provate ingerenze religiose dei mussulmani nei ruoli di potere italiani (scusa ma mi viene da ridere), permetti che io mi senta anche più incazzato per l'asfissiante pressione della chiesa su ogni questione di questo paese. Se vuoi difendere la laicità, se sei così spaventato dalla religione, il tuo primo nemico non devi cercarlo negli invasori di domani, ma in quelli di oggi!
Almeno io un domani potrò dirmi contro revisioni religiose della costituzione (scusa, amquesta ipotesi mi fa ancora ridere), te invece, da acceso sostenitore della chiesa, dovrai stare a guardare e accettare la volontà della maggioranza. Perchè se lo stato è laico, come voglio io, lo è verso tutte le religioni!

il 10 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
zubi ha scritto:

L'europa ha saccheggiato il mondo ok, quindi ora dovremmo lasciarci saccheggiare e farci mettere un piede sopra? A parte che i testimoni di Geova non costringono nessuno a convertirsi (si limitano al tentativo di proselitismo o conversione come tutte le religioni, cioè di portare la parola del signore da loro interpretata alla lettera per com'è sulla bibbia) e ora come ora non mi sembra rappresentino una grossa minaccia a me darebbe fastidio anche un loro tentativo di conversione forzata. Vedo che di risposte ne avete poche ma di parole che inneggiano al razzismo ne avete tante. Io non scorgo razzismo nelle mie parole, sarei razzista se parlassi male di una razza, invece sto dicendo che i seguaci di una religione stanno cercando di conquistare i nostri territori (loro sono i primi ad ammetterlo, visto che mettete in dubbio la mia parola informatevi su quello che dicono gli imam, ad es lo sapevate che i paesi musulmani cercano di inviarci piu immigrati possibile? lo sapevate che negli anni 70 se non sbaglio hanno fatto un accordo con gli europei che prevedeva il nostro accoglimento di immigrati in cambio di petrolio a buon prezzo?) che è ben diverso dal razzismo. Comunque islamici o testimoni di geova secondo me se intenzionati a far diventare il nostro stato (che nel bene e nel male ci siamo guadagnati) uno stato teocratico a maggioranza islamica o di testimoni di geova bisogna fermarli. Le mie non sono visioni distorte del corano, mi spieghi dove hai visto visioni distorte? Ho solo detto una verità riconosciuta dagli stessi islamici, cioè che il corano è stato scritto da un ex prete cattolico, non capisco perchè mi attacchi su questo anche perchè poco mi può importare chi l'abbia scritto, non è questo il problema. Che il colonialismo sia un fenomeno esclusivamente europeo ho qualche dubbio, che mi sorge specialmente quando guardo gli ex confini dell'impero ottomano, comunque lasciamo perdere. Il problema dei musulmani che arrivano sulle barche è quello di guadagnare, che centra? Una volta che si saranno stabiliti e saranno la maggioranza nulla gli vieterà di instaurare un regime da loro governato, quindi non capisco il nesso. Proprio non mi risulta che se vuoi un ruolo chiave devi dichiararti cristiano, ad esempio Pannella e Bertinotti forse lo sono?
Poi vedo che insinui ancora della mia o nostra superiorità... chi ha mai detto questo? ti ricordo che anch'io sono religioso e nessun religioso musulmano o cristiano che sia può ritenersi superiore, può pensare al massimo che nelle religioni altrui vi siano errori ma questo poco centra con la questione, il fatto che l'islam sia giusto o sbagliato non mi crea problemi, è che i capi spirituali musulmani stanno cercando di convertirci: parole di un imam di firenze: "questa volta per conquistarvi non ci serviranno più le scimitarre, ci basta il vostro non fare figli e la vostra codardia" (il termine codardia è un sinonimo della parola usata che non ricordo, tipo paura di noi o simile). Su dai non tirare in mezzo Darwin, nessuno ha negato che anche nel cristianesimo ci sono i fissati (forse ce l'hanno con Darwin perchè era un massone, ma allora dai libri di storia dell'ultimo mezzo millennio scomparirebbero quasi la metà dei personaggi importanti). Una volta in minoranza anche tu dovrai stare a guardare i cambiamenti voluti da una maggioranza nata in italia ma che di radici italiane ha ben poco e allora sarà tardi. Io il volere dela maggioranza lo rispetto ma questo non fa si che io non esprima il mio giudizio e dica quello che è giusto. Ultima cosa: le ingerenze della chiesa di oggi mi sembrano molto limitate tantochè si limitano a consigli e inviti a fare alcune cose che secondo la religione Dio vuole quindi non obbliga nessuno a fare niente a differenza di alcune religioni che impongono le proprie leggi non essendo contrastate, anzi appoggiate dalla maggioranza.

il 10 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Porca miseria, il post sopra è mio... scusate ho di nuovo sbagliato il nick... in un altro forum uso le iniziali della mia mail per evitare omonimie. ciao

il 10 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Adimant ha scritto:

Non ho più voglia di risponderti, Marco, dato che hai già capito tutto di come andrà il mondo.
Però ti devo fare alcune appunti:

1) sono profondamente legato alle mie radici cristiane, sono ateo ma la maggior poarte dei miei amici sono cattolici praticanti, frequento associazioni di stampo cattolico, collaboro e faccio volontariato per alcune di esse, ma resto convinto che l'incontro con culture diverse sia fonte, sempre, di accrescimento.

2) Le opere di carità cristiana non servono a niente se poi si va ad affamare intere nazioni come noi italiani abbiamo fatto, nel secolo scorso, con l'Eritrea (durante il colonialismo) e con l'Albania (tra gli '80 e i '90), oppure come l'occidente ha fatto con Cuba (l'embargo americano), con l'raq (ancora l'embargo e poi l'invasione); serve creare i presupposti per la ridistribuzione della ricchezza a livello mondiale; a tale proposito, ti faccio notare come quando gli immigrati eravamo noi e la meta erano gli Stati Uniti (ostili) e tutto il Sud America, le rimesse degli immigrati hanno contribuito fortemente a tenere in piedi l'economia italiana (è un tipico esempio di processo di ridistribuzione della ricchezza pilotato da fenomeni migratori, come quelli di cui qui si parla).

3) Il mio riferimento alla parola genesi non era afatto diretto al libro della Genesi (lettera maiuscola) ma al suo significato italiano (processo che porta alla nascita di qualcosa, in questo caso mi riferivo ad un processo sociale, economico, politico). La tua interpretazione della parola genesi dimostra ancora una volta come la tua testa vada in una sola direzione, quella dei Ruini e dei Ratzinger, veri fondamentalisti cattolici.

4) Il fatto che un prete (o ex prete) abbia aiutato Maometto a redigere il Corano non gli dà la paternità dello stesso; esempio: sicuramente "il nome della rosa" sarà passato per una lunga serie di correzioni di bozze, ma l'autore resta Umberto Eco, non certo uno dei correttori; se sei credente e riconosci che la Bibbia sia parola di Dio che Dio scrive attraverso gli uomini, devi semplicemente rispettare il fatto che i musulmani credano la stessa cosa riguardo a Maometto.

Infine, per tutti, torno a ribadire che musulmani si scrive con una s (questa è per te Libertà, ma condivido buona parte ci quanto dici, anche se è un po' confusionario).

Con questo chiudo sulla questione, per quanto mi riguarda potete tenervi tutte le Fallaci e gli integralisti cattolici che volete, io saprò sempre come evitarli.

il 10 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
zubi ha scritto:

1)Certo che lo scambio culturale e interreligioso è un bene, ti sfido a trovare nelle mie parole qualcosa in contrario... ripeto che ho detto che l'islam (come esce dalle bocche degli imam, non è che i invento le cose), sta cercando di sopraffarci e convertirci, spero inutilmente ma non ho mai detto che bisogna chiudere i ponti con i popoli islamici, non ne vedo il motivo. Io preferirei che ognuno si tenesse strette le proprie radici e vivesse secondo le proprie leggi a casa propria, poi se qualcuno ha bisogno si aiuta (tu non sei fedele ma io penso che siamo tutti figli di Dio).
2) Che noi abbiamo affamato nazioni è vero, come è vero che ho già detto che queste nazioni vanno aiutate, anche se mi sembra hai trovato gli esempi più sbagliati, ad esempio l'Eritrea ha dei buoni rapporti commerciali con noi e non ha ricordi poi così brutti della colonizzazione Italiana che era ben più liberale di altre (comunque la chiesa non centra niente), l'Iraq ha anche le sue colpe come aver attaccato l'Iran nel 1980 (non sono sicuro della data esatta) e Cuba poi, Fidel è stato uno dei più repressivi dittatori che il mondo abbia avuto, attraverso il Che uccideva tutti i proprietari terrieri, i ricchi, i gay attaccando l'America che secondo lui ha imposto il suo modello commerciale (può anche essere vero ma ciò non scusa i campi di sterminio stile nazista ancora oggi in funzione a Cuba), quindi dopo l'entrata all'Avana gli USA iniziano un graduale embargo, ma solo dopo la rivoluzione; tant'è che Che Guevara iniziò il suo testamento con queste parole:"questo è il testamento dell'uomo che più di tutti al mondo è stato mitizzato ingiustamente, al quale vengono attribuiti ideali del tutto contrari alla propria fede...". Le economie non devono rimanere in piedi con l'immigrazione ma con il commercio e con gli aiuti umanitari da un paese all'altro e infatti io accuso i governi occidentali che aiutano troppo poco questi paesi mentre fanno molto per accogliere immigrati senza avere lavoro da dare loro, con case sufficenti neppure alle richieste del popolo nato in quel paese.
3) Che centra la genesi con Ratzinger? Ti ho detto infatti che i testi sacri islamici prima dell'avvento di maometto che tu chiami genesi sono gli stessi della religione cristiana ossia il vecchio testamento, se tu parli della Genesi come testo o dell'inizio del Corano non ha rilevanza.
4) Come l'ex prete non ha la paternità del Corano? Lo ha scritto lui descrivendo la vita di Mohammed che lui seguiva. Non è che ha modificato testi già scritti, il Corano parla della vita di mohammed, delle sue parole e degli insegnamenti che lui da e tutte queste cose sono state scritte da un ex prete cattolico, che tu ci volia credere o no è cosi e basta. La differenza tra islam e cristianesimo non è Dio (a parte qualche differenza tipo la trinità ecc) che è lo stesso (ricordi quando ho detto che con gli ebrei siamo una religione protetta per loro?) ma le differenze stanno nel profeta, cioè noi abbiamo Gesù la cui storia è narrata nel nuovo testamento scritto da Marco, Giovanni, Luca e Matteo (che per altro anche i musulmani riconoscono come profeta di Dio che però ha fallito la sua missione non riuscendo a far capire alla gente la verità) mentre loro hanno Mohammad o Maometto (circa 650anni dopo Cristo se non sbaglio) la cui storia è sul Corano e è stata scritta da questo famoso prete cattolico dopo essere stato cacciato dalla chiesa Romana (non so bene la sua storia e non saprei dirti il perchè ma ti assicuro che è cosi). Quindi non devi dirmi di accettare quello che loro pensano, anche perchè io già lo accetto di mio avendo lo stesso Dio, non credo in maometto ma comunque non mi sembra di aver mai mancato loro di rispetto per la loro scelta di fede, anzi secondo me meglio Musulmani che atei (ma è solo un parere personale) in quanto l'islam se interpretato e seguito correttamente insegna anche dei buoni principi (non tutti, ad esempio io vedo in maometto una grossa pecca quando dice che le donne valfono la metà dell'uomo e che le donne andranno all'inferno molto facilmente perchè per via del loro ciclo non possono rispettare pienamente il Ramadan, altre parole scritte sul Corano). COmunque io rispetto la loro fede, però nulla mi vieta di difendermi se alcuni di essi mal interpretando la legge di Dio cerca di sottomettere tutto l'occidente alle leggi della s'ahria (non so se si scrive cosi).
Gli integralisti cattolici (io ne conosco pochini) e la Fallaci evitali pure, di come andrà il mondo non lo so ma combatto perchè non finisca male. Se non vuoi più rispondere è segno che manchi di idee per controbattere in quanto non ne esistono visto che non ho mai tratto niente dalla mia fantasia ma solo dati reali. Comunque ti saluto e spero che tu abbia ragione quando dici che io ho torto... :-) ciao

il 10 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Scusate ma sono recidivo: il post sopra è mio

il 10 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Andrea_Riot ha scritto:

In Africa gli italiani hanno usato l'iprite, costruito campi di concentramento, sterminato la popolazione civile.
I deliri logorroici senza punteggiatura mi vanno anche bene, ma il mito "italiani brava gente" proprio non riesco a digerirlo.

http://www.informationguerrilla.org/colonialismo.htm

Ps. anche Stalin ne ha fatte di cotte e di crude, anche i Giapponesi in Corea, anche gli Americani hanno bombardato la popolazione civile, ma il fatto che qualcuno abbia fatto cose simili o anche peggiori non scalfisce la gravita' dei crimini di cui si e' macchiato il fascismo.
Tanto per evitare il solito copia-incolla dal libro nero del comunismo.

il 10 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

Scusate per tutte le "s" in più sulla parola musulmani.
Poi riguardo chi ha scritto il corano, se permetti, attendo le opinioni di studiosi della materia. Poi, tanto per mettere in chiaro le cosa: non bisogna connfondere il Corano con la Bibbia e Maometto con Gesù. Per il Cristianesimo la parola di Dio è Gesù Stesso, per l'Islam la Parola di Dio è il Corano stesso, mentre il profeta Muhammad rappresenta lo strumento attraverso cui la rivelazione del Corano all'umanità è avvenuta. Questa precisazione mi sembrava necessaria. Almeno per chiarirti le idee.
Se te mi citi le parole dei leader arabi che inneggiano alla conversione del mondo io ti cito un leader cattolico, certo Ruini, che testualmente a 8e1/2 davanti a Ferrara a detto riferendosi ai gay: "quelli mica sanno controllarsi!". Allora, chi è più spregevole? Quello che approffitta della disperazione della gente e la spinge ad una fantomatica guerra santa o quello razzista che vuole far viver nel pregiudizio e nell'ignoranza? Mah, la lotta è ardua, ma per me sono da buttare tutti e due. Per te invece, meglio islamici che atei... Vabbè, continua a prendere ordini da ruini, ma permetti che io mi dissoci da uno che crede, o vuole far credere, che i gay sodomizzano il primo che passa.
Poi, dici di essere credente e definisci la trinità piccola differenza? e quando parli di cristianesimo basandoti su quello che scrivono i vangeli perchè non leggi anche quelli apocrifi? Sei tanto informato su chi ha scitto il corano, dovresti esserlo altrettanto sul fatto che i 4 vangeli che leggiamo sono quelli scelti perchè meglio confacevano all'impostazione che si era data la chiesa nei primi anni di vita.
Ti faccio queste annotazioni non per il gusto di farle, ma per dimostrarti da dove derivi la paura del diverso: dall'ignoranza (nel senso non offensivo).
Ti scandalizzi per il valore che Maometto (570-632 d.C.) da della donna? La chiesa, invece gli ha riconosciuto subito i sui diritti: strega, strumento di tentazione, nonchè responsabile della cacciata dall'Eden. Uaoh! Te quale delle due versioni preferisci?
A te non piace chi vuole venire ad iporre la sua idea, nemmeno a me, solo che te vedi solo i musulmani fondametalisti, io vedo anche tutti quei signori vestiti elegantemente che dal Vaticano pretendono di governare il nostro paese.

Quando poi stuzzichi dicendo che se uno non ti risponde è perchè non ha argomenti...... sinceramente, trattare di argomenti seri e sentirsi parlare delle infiltrazione massoniche di Darwin fa un pò cadere le palle, quindi non mi stupisco se a uno passa la volgia di replicare

il 10 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

Scusa, ma adesso mi viene in mente la perla:
"ad esempio l'Eritrea ha dei buoni rapporti commerciali con noi e non ha ricordi poi così brutti della colonizzazione Italiana che era ben più liberale di altre (comunque la chiesa non centra niente)"
COSA?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!??!?!?!
Allora, dato che questa frase è un miscuglio di blasfemie devo sezionarla e ripondere punto per punto:
Stronzata 1:"l'Eritrea ha dei buoni rapporti commerciali con noi", in parte vero, ma io non mi vanterei troppo degli ottimi rapporti che hanno i produttori di armi (in particolare mine...).
Stronzata 2:"non ha ricordi poi così brutti della colonizzazione Italiana che era ben più liberale di altre" su come l'Italia abbia combattuto la guerra le precisazioni le ha fatte già Andrea_Riot, aggiungo che ad aggravare la scelta di entrare in guerra dell'Italia vi è il fatto che l'Eritrea era uno stato sovrano, rappresentato diplomaticamente all'estero e che quest'invasione è costata al popolo italiano l'embargo.
Stronzata 3:"comunque la chiesa non centra niente", a questa perla rispondo con l'augurio del papa dell'epoca, Pio XI "Le speranze, le esigenze, i bisogni di un grande e buon popolo, che è il mio popolo, siano riconosciuti, siano soddisfatti". E con le frasi della rivista gesuita Civiltà Cattolica: "Il motivo del bisogno vitale di espansione è valido e tale da poter fondare la legittimità di una conquista coloniale". Mi pare che un appoggio del Vaticano più esplicito di questo sia solo mandare la guardia svizzera a combattere.... Come al solito difendi troppo frettolosamente le persone sbagliate.

Prima di leggere i tuoi post che mi ricordano i gulag ed i campi disterminio, meglio precisare: non dico che la guerra d'Etiopia sia la peggior pagina della storia dell'umanità, ma il fatto che ci sia di peggio non lava le colpe.

il 12 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Io non conosco quali materie prime o lavorate l'Italia e l'Eritrea si scambino, so però che noi siamo il loro maggior partner economico e se è vero questo dubito che tutti i proventi derivino dal commercio di armi, comunque non voglio discutere su questo. Io non ho detto che la guerra è stata rose e fiori e sono a conoscenza dell'uso di armi chimiche da parte dell'Italia, ho detto che l'occupazione era più liberale di altre e questo è vero in quanto l'economia del paese era abbastanza autonoma anche se indirizzata più verso l'Italia. Comunque anche su questo puoi chiedere a qualche eritreo. Se la chiesa ha appoggiato l'espansione è perchè vedeva un opportunità per l'espansione della cristianità, non ha certo appoggiato l'uso di armi chimiche e poi se la rivista Gesuita non seguiva le basilari lezioni del catechismo non è perchè la dottrina della chiesa è sbagliata ma perchè gli uomini ad essa appartenenti sbagliavano.
A Libertà dico che la sua precisazione su Maometto è esatta ma che io non stò confondendo il corano con la bibbia, il Corano parla della vita di Maometto ma anche gli Islamici riconoscono l'antico testamento, anche l'islam vede in Abramo il "fondatore" della religione ad esempio. Le idee le ho già chiare, anch'io so che noi vediamo Gesù come parte della trinità mentre loro lo vedono solo un profeta, non ho mai detto il contrario e non vedo un importanza basilare in questo nel nostro discorso.
Dire "quelli mica sanno comportarsi" mi sembra poco intellettuale ma certo non grave come istigare alla guerra santa in nome di una jihad che di per sè significa guerra di difesa, non di predominio sulle altre popolazioni ma anche qui non è la religione a sbagliare ma gli uomini quindi non dire che io penso il contrario dicendo che l'Islam è una brutta religione (io ci vedo degli errori storici non imputabili ai fedeli ma questa è una mia opinione che può non essere condivisa da un non Cristiano). A parte che io non prendo ordini da Ruini anche perchè io non mi ricordo che lui abbia mai dato ordini, il fatto che non vuole i matrimoni gay è dato da vari fatti: Gesù dice che un uomo e una donna (non 2 uomini) devono unirsi in matrimonio per diventare una sola carne per poi riprodursi e che l'uomo non potrà dividere quello che Dio ha unito (spiegata la contrarietà ai divorzi, un uomo che divorzia diventa un peccatore e in quanto tale non può ricevere la comunione perchè per riceverla bisogna essersi confessati (ricordi le parole "a chi rimetterete i peccati saranno rimessi, a chi non li rimetterete non saranno rimessi"?) e avere uno spirito puro... qui ti ho spiegato perchè non si vuole dare la comunione ai divorziati, ma ciò non significa che le porte del paradiso siano chiuse, significa solo che essendo un peccato che perdura nel tempo può essere rimesso solo dal giudizio di Dio e quindi la scelta spetta a lui). Non intendevo dire che la trinità è una piccola differenza ma che è una diversa interpretazione dello stesso Dio unico (che razza di questioni mi tirate fuori? che centra con il discorso?). I vangeli apocrifici non li ho ancora letti ma circa un mese fa ne ho comprata una copia in libreria (ora sto leggendo l'ultimo di Vespa, appena finito mi dedicherò a loro), comunque non erano i più confacenti alla religione, ma quelli che secondo la chiesa erano i veri vangeli, non scritti più tardi da gente che in buona o mala fede ha scritto delle cose non del tutto corrette (ti ricordo che le differenze riguardano questioni come la presunta moglie di Gesu, la Maddalena e cose del genere che poco hanno a che vedere con la parola di Dio) ma su questa questione preferirei parlare più avanti, magari dopo averli letti. Precisazione: la chiesa non ha giudicato le donne streghe, alcune di esse che commettevano reati di certo tipo o che venivano mal giudicate da preti corrotti erano considerate tali, il che è ben diverso dalle affermazioni che Maometto in persona ha fatto (Gesu ha detto che gli uomini e le donne sono stati creati a immagine e somiglianza di Dio e tutti gli uomini intesi come umanità, non come razza, sono uguali tra loro). Ma comunque io non sono scandalizzato, ho detto che Maometto ha sbagliato in quanto, sempre secondo me, è un falso profeta.
Non mi sembra di dire eresie se dico che Darwin era un massone, come lo era ad esempio Leonardo DaVinci e un sacco di altri personaggi importanti della storia per loro stessa ammissione (forse sei tu che devi informarti meglio), daltra parte si sa che la massoneria ha sempre reclutato tra i suoi adepti le persone che più contano nella società, non certo gli straccioni. Io inoltre non ho detto che Darwin ha fatto delle scoperte sbagliate, ho detto che FORSE era mal visto proprio per la sua appartenenza alla setta. Se ti cadono le palle è perchè la verità ti fa male e non la vuoi sentire. Fai una semplice ricerca su internet e troverai conferma. Comunque queste sono tutte cose che sono uscite dal discorso ma che discostano dall'oggetto del forum e dall'argomento principale del quale io volevo parlare e che poco mi interessano (chissenefrega se Darwin era un massone). ciao

il 12 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Adimant ha scritto:

Per favore rivedi le tue fonti ed il tuo modo di interpretare le cose: il Corano NON parla della vita di Maometto, così come il Nuovo Testamento NON parla della vita di Gesù: quelle sono le biografie, qui stiamo parlando di libri sacri, libri che, come ti ho già detto, hanno una genesi (parola italiana che non ha niente a che vedere con l'omonimo libro dell'Antico Testamento, e questa volta cerca di capirlo...) spesso legata ha fenomeni sociali e politici.
Come ti è stato risposto la considerazione della donna nel Corano non è certo peggio della considerazione che la Chiesa Cattolica ha avuto di loro nei secoli, ma io aggiungo di più: leggiti la Bibbia sul serio e spiegami perchè uno dei comandamenti che voi insegnate ai bambini al catechismo viene sistematicamente tagliato. Mi spiego meglio, hai mai letto qualcosa del tipo: "Non desiderare la casa del tuo prossimo. Non desiderare la moglie del tuo prossimo, né il suo schiavo, né la sua schiava, né il suo bue, né il suo asino, né alcuna cosa che appartenga al tuo prossimo". Leggi attentamente questo passao della Bibbia (Esodo, Capitolo 19). Contiene in maniera molto chiara un pincipio fortemente maschilista e soprattutto schiavista (considera donne, schiavi e schiave come cose in possesso dell'uomo).
In più, se tu avessi letto il Corano e la Bibbia sul serio sapresti bene che la cosiddetta legge del taglione (il famoso occhio per occhio, dente per dente), che fa parte delle leggi coraniche, è in realtà presa pari pari dalla Bibbia (ed è in realtà ancora più antica, oltrechè essere di fatto ancora in uso oggi, ad esempio negli Stati Uniti, ove vige la pena di morte).
Ricolloca correttamente quel poco di conoscenze che hai su Cristianesimo e Islam, studia un paio di anni e poi ne riparliamo.

A proposito, sull'Eritrea ti faccio notare solo che l'Eritrea si è liberata dalla dominazione etiope soltanto una decina di anni fa, dopo una guerra di indipendenza durata una cinquantina di anni e cominciata quando gli italiani, persa la guerra in Etiopia abbandonarono la popolazione Eritrea a sè stessa. I contatti commerciali con l'Eritrea sono cominciati solo alla fine della guerra quando qualche bravo industriale ha deciso che si poteva andare lì ad acquistare a buon prezzo un po' di risorse naturali. Questa tu la chiami cooperazione, aiuto umanitario, io lo chiamo neocolonialismo ed è quello che sta portando il mondo sull'orlo del precipizio e gli immigrati a bussare alla tua porta.
Fai quello che vuoi, ma se tu non apri e non li inviti a mangiare dal tuo stesso piatto, finiranno per entrare lo stesso.

il 12 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

per Marco,
Senti per me è stato difficile continuare a leggere tutto, sai uno che parte dicendo che:
"Se la chiesa ha appoggiato l'espansione è perchè vedeva un opportunità per l'espansione della cristianità" quando l'etiopia era il paese africano che per un millennio aveva difeso la cristianità (sia pure copta)contro l'Islam!
La mossaoneria non è una setta. Di massoni ce ne erano e ce ne sono molti, ma dovresti andare oltre quello che scrive Dan Brawn (quello de "Il codice Da Vinci") o a quello che si trova sulla rete per capire meglio il fenomeno.
Comunque è vero che tutto questo è molto distante dal tema del topic, ma sai cosa ti dico? Le miei idee te le esposte, se te vuoi tenerti le tue fallo, siamo in un paese libero, ma prima di scelte radicali vedi di informarti.
Tra voler combattere il terrorismo e farsi prendere dal razzismo verso chi porta un lenzuolo in testa il passo è breve.
Come è breve il passo tra un buon cristiano e colui che assorbe passivamente ogni cosa che esce dalla bocca della chiesa. Per fare un esempio: la chiesa se vuole può essere contro i matrimoni gay, perchè deve essere contro anche dei riconoscimenti civili? Sul fatto che Ruini non da ordini: io ho molta più paura degli ordini latenti che di quelli espliciti...
Detto questo, non credo di aver voglia di continare a correggere imprecisioni storico-religiose. Quindi, se non dovessi trovare mie risposte evita di urlare che non ho argomenti perchè sai bene che non è vero. Io ho i miei argomenti come tu hai i tuoi, che tu li ritenga validi è un altro discorso.
Ciao (a tutti).

il 12 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

hehe, la bibbia è composta da nuovo e antico testamento, il nuovo testamento parla della vita di Gesù e degli atti degli apostoli, cioè inizia con la nascita di Gesù. Il comandamento di cui tu parli è tratto dall'Esodo (nel Deuteronomio invece dice: Non desiderare la moglie del tuo prossimo. Non desiderare alcuna delle cose che sono del tuo prossimo.) e anzichè uno come tu dici sono 2, il nono e il decimo. Nella catechesi dei ragazzi non viene nascosto ma insegnato in questa forma: 9)non desiderare la donna d'altri 10)Non desiderare la roba d'altri. Quindi come vedi non è tagliato, perchè dici questo? I comandamenti furono dati a Mosè come insegnamenti di cosa Dio voleva da lui come uomo. Essendo Mosè un uomo non poteva dirgli non desiderare il marito di altre donne, per poi dire lui vai e insegna le mie leggi a tutti gli uomini della terra (sempre inteso come persone umane). Per la bibbia la donna non è la schiava dell'uomo ma la sua parte complementare in quanto creata per completare l'uomo attraverso il matrimonio per formare un'unica carne. Quando il nono comandamento parla di non desiderare lo schiavo d'altri indica di non desiderare colui che lavora per qualcun altro, a quei tempi non esistevano gli operai e i "dipendenti" venivano chiamati schiavi. Gli schiavi di allora non sono paragonabili agli schiavi neri d'America per esempio. Dio inoltre insegna che tutti gli uomini sono uguali ed hanno la stessa dignità perchè siamo tutti suoi figli in egual misura perciò la schiavitù intesa come sfruttamento non è ammessa.
Se non sei convinto posso continuare quanto vuoi, ma io il paragnone non l'avevo fatto tra antico testamento cristiano e antico testamento musulmano in quanto sono uguali ma avevo fatto un confronto tra i due profeti riportando alcune parole di Maometto (sull'argomento mi ricordo anche quando regala in moglie una donna a un uomo perchè era religioso). Ti ricordo che Gesù ha sempre difeso le donne (vedi la famosa frase chi è senza peccato scagli la prima pietra, detta a degli uomini che volevano lapidare una adultera), le ha sempre amate e rispettate, il cristianesimo è ricco di sante donne, gli angeli sono considerati asessuati e la Madonna è venerata quale creatura pura che ha dato alla luce il salvatore. Mi chiedo perchè dici a me di studiare un paio di anni quando non conosci neanche le basi della bibbia. Nell'antico testamento non è del tutto vero che si fa uso di questa legge: Dio disse "chi ucciderà Caino pagherà 7 volte". Le pene proporzionate al reato di cui tu parli sono scritte nel Pentateuco; il Pentateuco era la legge Ebraica di 3500 anni fa, legge considerata tale finchè Dio non diede a Mosè le sue vere leggi cioè i 10 comandamenti. Le contraddizioni degli antichi libri sono date dal fatto che questi venivano ispirati da Dio e ispirati significa che gli uomini scrivevano ciò che capivano fosse giusto per Dio il quale non ha dettato tali scritture. Errori di questo tipo sono dati anche dal fatto che la società di quasi 4000 anni fà era diversa da quella odierna e gli uomini poco istruiti. Nel nuovo testamento tale principio è annullato : "Avete inteso che fu detto: Occhio per occhio e dente per dente; ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi se uno ti percuote la guancia destra, tu porgigli anche l`altra; e a chi ti vuol chiamare in giudizio per toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà a fare un miglio, tu fanne con lui due. Dá a chi ti domanda e a chi desidera da te un prestito non volgere le spalle. Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico; ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti". Ripeto che se vuoi continuare la conversazione sulla Bibbia possiamo anche farlo ma non otterresti nulla visto che l'ho già letta (anche se ci sono sempre cose da imparare) e in quanto l'Antico testamento è uguale sia per cristiani che per Ebrei e Musulmani, quindi ti è impossibile dimostrare differenze tra le religioni insistendo su questo punto. La diversità sta nel fatto che (forse lo capisci se te lo ripeto a ogni post) i cristiani hanno il nuovo testamento che parla delle opere di Gesù e tutto ciò che gli gravita attorno mentre i musulmani hanno il Corano che parla delle opere di Maometto e questo libro che tu lo voglia o no è stato scritto da un ex prete cattolico (le questioni su cui si discute sono le piccolezze, i vari dettagli ma nessuno discute questa verità a meno che come te non conosca i fatti). Dimenticavo, gli Ebrei non hanno altri libri all'infuori dell'antico testamento perchè per loro il messia deve ancora arrivare. Che ci sarà da discutere su ste cose non lo capisco comunque fa niente.
Eritrea: anche questo è un argomento che non centra ma comunque stai dicendo cose che non sono contrarie a quello che dico io ma solo complementari. Che il commercio tra noi ed eritrea sia iniziato da 10 o 20 anni non cambia il fatto che siamo il loro maggior partner commerciale; il fatto che in Eritrea ci insediamo anche con le fabbriche per la mano d'opera non mi fa certo piacere, sono d'accordo che le merci dovremmo farcele tutte in Italia (col neocolonialismo come tu lo chiami a guadagnarci sono gli imprenditori non certo l'Italia) ma da quel che mi dici sull'immigrazione libera tu dovresti essere felice in quanto anche questo è un mezzo per equilibrare le ricchezze, la mano d'opera viene retribuita anche se a basso costo, portando grossi benefici all'imprenditore e piccoli benefici agli operai che altrimenti sarebbero disoccupati. Io sono stato il primo a dirti che gli aiuti che dovremmo dare sono diversi ma ripeto che il neocolonialismo non è a favore del paese che si insedia ma solo dell'imprenditore che avrà dei grossi guadagni.
Boh, io provo a ridirvelo: l'immigrazione non è il giusto modo per aiutare i popoli in difficoltà ma solo un modo per aggravare la nostra situazione e un pericolo di diventare una minoranza che non conterà più nulla nel proprio paese di origine. Lo so che sembra strano ma di cose del genere ne sono successe parecchie e se la mentalità occidentale è cambiata dai tempi di Hitler che voleva sopprimere tutte le razze inferiori ciò non significa che lo stesso valga per gli altri. Quindi va bene aiutare (possibilmente molto più di quello che si sta facendo ora), siamo d'accordo che tutti siamo uguali ma dobbiamo pensare anche a difenderci dalle aggressioni (anche se in passato siamo stati i primi aggressori). La tua frase "se non apri finiranno per entrare lo stesso" avvalora la mia tesi sul fatto che la vostra è paura di difendere i propri valori, paura che se ci difendiamo ci possa venir fatto del male... se io non invito a mangiare dal mio piatto e qualcuno prova a mangiare comunque da esso è furto e dai furti io mi difendo. Sta a me donare più possibile, aiutare gli altri e parlare con loro, ma il mio piatto lo devono rispettare tutti.

il 12 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Scusate se mi sono dilungato. Io il libro di Dawn Brown non l'ho letto mi dispiace. Penso di conoscere abbastanza bene la massoneria, certo non posso sapere tutto in quanto fanno tutto in segreto ma su questo non mi sembra di aver detto niente di male, ma solo che Darwin era un massone come lui stesso ammetteva quindi non vedo lo scandalo, se la chiesa ce l'aveva con lui forse era per questo, ma non posso saperlo in quanto non conosco i fatti. Non ho detto che Leonardo era un massone solo perchè questo Brown ha scritto questo libro ma perchè anche Leonardo lo ammetteva. Non posso dire di aver fatto immensi studi su di lui, a parte a scuola anni fa e lo speciale Focus su di lui non ho letto molto altro e infatti non ho preteso di dire niente su di lui, però non ho capito se neghi il fatto che lui sia stato un adepto perchè qui non si tratta di opinioni ma di fatti. Se Ruini è contrario alle unioni legittime tra omosessuali è perchè lui fa la sua interpretazione del Vangelo e dopo quello che ho detto sui matrimoni, secondo la chiesa i Pacs sarebbero un atteggiamento (che oltre essere di per se contro la volontà di Dio) che con il tempo sarebbe controproducente in quanto di cattivo esempio per i fedeli. Io non sono contro i gay, li rispetto, ne conosco, ho una amica omosessuale ma non ha preteso di sposarsi. Io sarei favorevole a delle unioni che porterebbero a sgravi fiscali e condivisione di beni, ma nient'altro, sono contrario all'adozione e al matrimonio (dalla parola madre) che prevede un legame tra un uomo e una donna. Poi i conti con Dio li faranno loro, a me non cambia niente.
Fino ad ora non ho visto correzioni o se queste ci sono state mi sembra di aver sostenuto i miei scritti. Poi come tu ricordi le correzioni sulle opinioni sono un'altra cosa.

il 12 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Adimant ha scritto:

Marco, mi arrendo, hai ragione tu, tanto, come si dice a Napoli, la ragione è dei fessi.
Tieniti la tua sottocultura ignorante travestita da conoscenza, dato che continui ad interpretare a modo tuo tutto quello che si dice (giusto per fare un esempio dici "sono d'accordo che le merci dovremmo farcele tutte in Italia", ma io non mi azzarderei mai a dire una simile puttanata mussoliniana - ti ricordi l'autarchia tu che hai studiato tutto e che sai tutto?).
Perciò, comincia a chiuderti in casa perchè hai milioni di musulmani e soprattutto di cinesi alla porta di casa che vogliono quello che hai tu, ovvero un benessere che l'occidente cristiano ha loro negato per centinaia di anni.
Buona fortuna e che il tuo Dio ti protegga (ammesso, e lo spero per te, che esista).

il 12 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Se la ragione è dei fessi probabolmente io lo sono... haha
Certo che conosco l'autarchia di Mussolini e mi sembra diverso da quello che ho detto io: il mio le merci dovremmo farcele in Italia era riferito alle merci che già le fabbriche Italiane producono ma con impianti all'estero sfruttando la mano d'opera a basso costo (forse mi sono spiegato male), mentre Mussolini con l'autarchia è arrivato a prodursi in casa perfino il carburante per gli automezzi (non mi ricordo cosa usasse, mi sembra un estratto vegetale), cioè non importava nessuna merce azzerando il mercato in entrata; io non intendevo questo, mi dispiace per l'incomprensione.
Che Dio esista io lo spero per tutti, ma io di chiudermi in casa non ne ho voglia, anche se la cristianità in passato ha negato ai musulmani e ai Cinesi (dove l'hai trovata questa? forse intendi le colonie Inglesi e Francesi? boh, non mi risulta che il papa abbia mai detto che ai Cinesi e Musulmani è vietato accumulare ricchezza) non significa che adesso dobbiamo diventare musulmani (o Cinesi). Ciao, buona fortuna anche a te.

il 12 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Adimant ha scritto:

Porca miseria Marco, allora non sei idiota, vuoi esserlo: io ho scritto che l'occidente cristiano ha negato benessere per secoli a quelle che erano colonie, non che lo abbia fatto la cristianità. C'è una sottile differenza, ma, se come mi sembra di capire, rivendichi l'appartenenza ad una cultura che, anche laddove laica, è fortememte legata alle proprie radici cristiane, non puoi negare quello che ho detto.
E spero di riuscire a non risponderti più.

il 12 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Mi sembra che tu abbia scritto che l'occidente cristiano abbia negato per secoli ai musulmani e cinesi lo sviluppo economico. Comunque la comunità con radici cristiane e la dottrina cristiana sono due cose diverse. Gli uomini sbagliano non Dio... ti ripeto che nonostante le colonie fossero esistite adesso non sono disposto a diventare a mia volta una colonia musulmana, cioè diventare quello che i fondamentalisti vogliono farci diventare (e lentamente ci stanno riuscendo se dai una sbirciatina ai numeri). Il tuo rispondere non dipende da me ma da te. Ciao

il 13 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Andrea_Riot ha scritto:

Basta, pieta'.
Per lo meno qualche virgola...
...mo rischia pure di essere colonizzato a sua volta...
Marco, coincisione, chiarezza e punteggiatura rendono uno scritto leggibile, a prescindere dai contenuti, te sembri un incrocio fra Joice e Borghezio, e mi dai l'idea di incazzarti sul serio; io abbandono il campo.

il 13 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

ahahaha incrocio fra Joyce e Borghezio è bellissima ;)

il 19 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Grazie per il paragone con Joyce, grande scrittore, se mi paragoni a lui significa che tanto male non scrivo. Su Borghezio avrei qualche dubbio in più, comunque se lo dici tu...

il 27 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Guido ha scritto:

Oriana sei mitica ed è straordinario tutto quello che pensi e che scrivi. Non ' colpa nostra se la cultura occidentale è superiore a quella islamica. Einstein, Leonardo, Marconi, Sabin etc. sino a prova contraria erano occidentali. Quindi come si vede intellettualmente la ns.civilta' e' superiore.

il 27 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Guido appena ti leggono il post inizieranno ad insultarti in tutte le maniere. Comunque io penso che la nostra cultura si sia evoluta di più, perchè la cultura Araba è sempre stata molto oppressiva, tanto che in molte scuole, ancora oggi, si studia solo il Corano e la matematica.

il 30 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Antinoo ha scritto:

La cultura islamica è il Corano. Infatti i pochi mussulmani laici che hanno osato dire qualcosa di diverso sono finiti male per opera dei loro "fratelli", vedi Averroe & Co un tempo. Vedi Magdi Allam e Rashed ora, che devono girare scortati. Non esistono civiltà superiori o inferiori. O per lo meno bisognerebbe specificare rispetto a cosa... Tra l'Islam e l'Occidente io preferisco il secondo. Opinione personale. Cosa volete? Alle moschee preferisco il Partenone e il Vaticano, ad Averroe o Avicenna preferisco Aristotele e Platone. Alle Mille e una notte l'Iliade o la Divina Commedia. A Gibran Baudelaire.Al Corano il Vangelo o la Teogonia di Esiodo. Alla schiavitù la libertà. Alla teocrazia la democrazia. Al suddito il cittadino.Al fondamentalismo il laicismo. Alla non-scienza la scienza (scusate ma ora come ora non mi vengono in mente famosi scienziati islamici, sicuramente ci saranno).Questione di opinione personale.Posso esprimerla in democrazia , no? Almeno spero considerando cos'è successo oggi in Norvegia e Danimarca per due vignette su Maometto...
Cordialmente,
saluti,
Antinoo

il 30 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Di scienziati ce ne sono pochini, le cose terrene sono spiegate tutte nel corano, quindi studiare scienze non è mai stata prerogativa dei musulmani

il 30 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

Complimenti Guido, sei riuscito a parlare di civiltà superiori il giorno della memoria... mi inchino davanti tanta intelligenza...

il 30 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Libertà ha scritto:

Pochi scienziati e non hanno mai studiato scienze, per quello i nostri numeri si chiamano arabi, per quello hanno inventato lo zero. Non fa una piega.
Giusto ritenersi migliori dei terroristi, giusto dire che attualmente le frange fondamentaliste hanno molto seguito, ma da qui a ritenersi cività superiore... ma perfavore...
Se siete così superiori provate almeno a non scadere nel razzismo da campagnoli...

il 30 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Gaetano ha scritto:

Ed invece pare che....

"Abdus Salam è stato sì uno scienziato, ma anche un uomo di fede che ha tentato di coniugare l'islam e la scienza. Quello che si era proposto rimane un compito arduo, perché si tratta di un binomio che, ormai lontani i secoli d'oro della scienza islamica, nell'era moderna non ha quasi mai funzionato. Non per nulla Abdus Salam è l'unico musulmano che sia stato insignito di un Premio Nobel in campo scientifico".

Cioé oltre ai secoli d'oro della scienza musulmana c'è anche almeno un Nobel per la fisica musulmano. Caspita!

"Abdus Salam era nato nel 1926 a Jhang Maghiana, un piccolo villaggio del Punjab, oggi in Pakistan, all'epoca nell'India britannica. Figlio di un modesto funzionario, dopo gli studi secondari a Lahore, aveva ottenuto nel 1945 una borsa di studio per la prestigiosa Università di Cambridge in Gran Bretagna, dove aveva studiato fisica, venendo in contatto con alcuni dei maggiori fisici di questo secolo. Nel 1952 aveva conseguito il dottorato in matematica e fisica a Cambridge. Tornato in Pakistan, negli anni 1951-54 aveva insegnato nel Collegio Governativo di Lahore, capoluogo del Punjab. Aveva ritenuto suo dovere rientrare in patria, ma furono tre anni difficili, di isolamento doloroso. Non per la mancanza di attrezzature, perché per i suoi studi teorici bastavano un po' di carta e una lavagna. Ma per l'indifferenza del mondo accademico. La scienza era ignorata dagli intellettuali e dagli studenti migliori. Dovette scegliere fra la patria e la professione. Ma il suo paese e la sorte di tutto il terzo mondo rimasero per lui una ferita sempre aperta.
Tornato in Gran Bretagna, dal 1954 al 1957 fu lettore di matematica a Cambridge. Nel 1957 divenne professore di fisica teorica all'Imperial College di Londra. Dal 1964 al 1994 è stato direttore del Centro Internazionale di Fisica Teorica di Trieste, che egli stesso aveva contribuito a fondare.
Nel 1979 aveva ricevuto il Premio Nobel per la fisica insieme a Glashow e Weinberg per l'elaborazione della teoria elettrodebole, la cui riprova sperimentale è stata effettuata dal fisico italiano Carlo Rubbia, a cui ha parimenti fruttato nel 1984 il premio Nobel per la fisica.
Musulmano, sposato con due mogli e padre di sei figli, Salam era uno spirito profondamente religioso e considerava complementari la scienza e la fede. In questa prospettiva, si era sempre battuto per la pace e per la diffusione della scienza, da lui sempre considerata compatibile con l'islam.
Colpito negli ultimi anni della sua vita da una paresi che lo aveva costretto su una sedia a rotelle, ha continuato fino all'ultimo a dedicare la sua vivida intelligenza agli studi".

Fonte: http://www.missionaridafrica.org/archivio_rivista/1997_2_2.htm

Cioè a dirlo sono dei missionari cattolici e bianchi, che evidentemente la pensano diversamente da voi (marco, Antinoo e tutti gli altri), che postulate di una superiorità della civiltà occidentale. Così facendo, questi missionari vi danno una lezione di rispetto e tolleranza che fareste bene ad imparare, prima che l'odio schifoso che seminate vi porti a giustificare un possibile prossimo genocidio.

il 30 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Antinoo ha scritto:

Mi sembra di avere detto chiaramente che non esistono civiltà inferiori o superiori a meno di non dire rispetto a cosa. Ho espresso una semplice preferenza PERSONALE facendo degli esempi. L'uomo di scienza che avete citato probabilmente è uno tra i tanti che ci saranno e che noi non conosciamo. Ma la mentalità ed il ragionamento scientifico che ha dominato l'intero pianeta proviene che vi piaccia o no dall'Occidente ed ha le sue basi in Euclide, Cartesio, Leibniz e Newton. Usiamo i numeri arabi e loro hanno inventato l'algebra , disciplina affascinante e bellissima ma solo con questa senza il calcolo infinitesimale non si sarebbe arrivati da nessun parte. Quanto allo zero ormai anche i bambini sanno che fu inventato dagli Indiani (Brahamaputra o qualcosa di simile ). Nessuno è superiore a nessuno ma le cose vanno dette come stanno, non si falsifica la storia per un ideale di buonismo o di uguaglianza a tutti i costi. Quanto al genocidio da voi temuto per ora siamo noi che rischiamo sempre di saltare in aria o di essere sgozzati perchè esprimiamo la nostra opinione. E gli ultimi fatti mi danno ragione.
Saluti,
cordialmente,
Antinoo

il 30 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Antonio ha scritto:

Questo è un post di due anni fa: ripigliatevi

il 31 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Libertà, io non ho detto che gli arabi non studiano matematica, ma che pochi studiano le scienze. Non è questione di superiorità, è un loro problema; gli Arabi sono tra i migliori matematici al mondo, ma di scienziati ce ne sono pochetti. Io non volevo fare polemica su questo, anche se sull'origine dello zero molti sarebbero pronti a darti delle spiegazioni diverse. Comunque ripeto che non voglio fare polemica...

il 31 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Ma Gaetano, che cacchio dici? Quando mai ho parlato di civiltà superiore? E visto l'ultimo nel post di Antinoo mi sembra lo stesso valga per lui... io non ho detto che siamo superiori, però è vero che siamo sempre stati più liberi (nonostante in passato la chiesa abbia fatto qualche tentativo di censura) di studiare qualsiasi materia, più liberi in generale. Io sono in disaccordo con te solo sul metodo che dobbiamo utilizzare per aiutarli, non sul fatto di chi sia il migliore. Certo che anche tra i musulmani ci sono stati grandi pensatori, soprattutto matematici; tu mi riporti un fisico che mi risulta uno dei pochi, ma non per la loro mancanza di intelligenza (come tu noti i risultati sono ottimi anche tra di loro) o per qualcos'altro, ma perchè la loro cultura è sempre stata sfavorevole allo sviluppo di studi scientifici. Tutto qua, non capisco dove vedi il razzismo, l'intolleranza, l'odio schifoso e adirittura il genocidio. Visto che eravamo in argomento si sono dette le cose come stanno; se poi fossero i più grandi scienziati della terra, la mia opinione sui mezzi e sui metodi che dobbiamo usare per aiutarli non cambierebbero.

il 02 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Antinoo ha scritto:

Letto le ultime notizie? Beh considerando quello che sta succedendo per le vignette su Maometto e la reazione di tutti i paesi islamici (a questo punto includo anche la Francia visto che è stato LICENZIATO un direttore di un giornale che aveva deciso di pubblicarle!), considerando che Repubblica ieri ha riportato la notizia che il centro sinistra ne candiderà 12 di islamici alle politiche, considerando l'Iran e la sua bomba atomica ormai quasi pronta, Hamas in Palestina ed i Fratelli Musulmani in Egitto, nonchè i rapimenti in Iraq dei tedeschi (che hanno la sola colpa di essere occidentali in quanto non hanno partecipato alla guerra), considerando tutto questo, ne deduco che la Fallaci aveva ragione e che aveva previsto tutto in anticipo. Ragazzi miei, Adrianopoli è vicina ormai...
Sempre cordialmente,
saluti,
Antinoo

il 02 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Antonio ha scritto:

AAaaahhh moriremo tutti!

il 02 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Antinoo ha scritto:

Curioso osservare che l'ironica reazione di Antonio è la stessa, descritta al tempo da Simmaco o Ammiano Marcellino , di gran parte del popolo romano quando qualcuno diceva loro che un giorno l'Impero sarebbe crollato sotto la spinta dei barbari. Si credeva immortale ed invicibile... come alcuni di noi fanno ora...Com'è finito allora si sa, come finirà qui lo vedremo...(mi auguro con tutto il cuore fra un centinaio di anni di poterti dare ragione per la tua reazione ironica, Antonio!)
Cordialmente,
Saluti,
Antinoo

il 02 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

mmm ma l'Impero era nato tale o lo era diventato a spese di altri popoli che se ne stavano tranquilli a casa loro? E i barbari chi erano poi? Quelli che stavano da una parte del confine o dall'altra? Perchè in base alla parte da cui guardi, la prospettiva cambia.

Ma passando all'attualità: perchè l'Iran non può avere l'atomica quando gli Stati Uniti e la Russia, e non solo loro, ne hanno a tonnellate? Per il fatto che tu non ti fidi degli iraniani? Beh nemmeno loro si fidano degli USA, credimi.

Altra domanda: perchè il fatto che gli arabi non accettano la satira su Maometto dovrebbe essere considerato un fatto pericoloso per la nostra incolumità? Pensa che qui da noi non sanno neppure accettare una parodia sulla madre di Berlusconi... certo, Cicchitto, Bondi e Schifani che irrompono a Quelli che... brandendo mitragliette e granate è una cosa difficile da immaginare, ma il concetto di base è lo stesso.

Hamas in Palestina è stato democraticamente eletto. I rapimenti in Iraq sappiamo bene in quale situazione nascono, e sappiamo bene anche chi l'ha causata.
La Fallaci non aveva capito un cazzo. E tu nemmeno.

il 02 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
tonii ha scritto:

razzismo+gnoransa

(fantastica la battuta: "l'Iran e la sua bomba atomica ormai quasi pronta")
e io che devo ancora finire di costruirmi il bunker!

il 02 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

antinoo deve avere qualche talpa a Teheran.
nei comunicati ufficiali l'Iran non ha mai nemmeno dichiarato di volerla costruire...

il 02 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Antonio ha scritto:

Se Alberto è in ascolto io sarei per chiudere questo topic (roba di due anni fa con 273 commenti!) e se proprio aprirne uno sulle polemiche e boicottaggio di prodotti danesi seguiti alla vicenda delle vignette. Se proprio.

Antinoo tra cent'anni saremo tutti morti. Io sarei anche per prediligere gli sguardi che provano a spingersi oltre l'orizzonte. Ma credo che questo pastiche che mette insieme fatti diversi e salta avanti e indietro nel tempo serva invece a rimanere schiacciati nell'immediato più immediato. Insomma per darsi al panico.

Le popolazioni arabe sono lì da secoli. L'immigrazione da questi paesi è destinata a continuare. Vale la pena di affrontare la cosa in termini meno apocalittici se proprio si vogliono risolvere alcuni dei problemi sul piatto.

La notizia dei piani segreti iraniani per la bomba era in prima oggi di Repubblica. Curiosamente (ma neanche tanto) nessun giornale straniero ne fa menzione...

saluti

il 02 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Antonio ha scritto:

p.s. c'è anche la secondaria conseguenza di mandare da Lia furiosi difensori dell'Oriana su un post ormai chiuso e sepolto :)

il 02 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
achab ha scritto:

Ma è possibile che un post su questo argomento abbia 275 commenti? Siamo proprio messi male.

il 02 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Adimant ha scritto:

Antinoo, alcune semplici considerazioni:

1) Quando Benigni parlò di Woitlaccio in una sua gag si gridò allo scandalo, e tuttora un film come "il Papocchio" pieno di satira sulla chiesa cattolica e sul Papa non passa in televisione... avranno i musulmani il diritto di incazzarsi quando altri toccano la loro religione (più o meno come si incazzano, a ragione, gli ebrei?), loro che neanche hanno rappresentazioni del loro Dio?

2)Il centrosinistra candiderà cittadini italiani, non islamici (non mi sembra che ci siamo mai preoccupati di avere candidati ebrei, omosessuali, donne, meridionali, tifosi della Juventus - la razza peggiore!! - vogliamo comiciare adesso?)

3) Il Pakistan fa da anni esperimenti atomici e probabilmente con il placet degli Stati Uniti ha già la bomba; però dal Pakistan vengono i Talebani (nemici della libertà e terroristi sfegatati secondo lo stesso Bush) e soprattutto molti dei terroristi coinvolti in molti degli attentati degli ultimi dieci anni: perchè dovrei preocuparmi dell'Iran che non mi ha mai nè minaciato nè attaccato?

4) Hamas ha vinto libere elezioni come il Signor Berlusconi. Al momento non so chi dei due sia peggio.

Pensaci un po' Antinoo.

il 03 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Gridare allo scandalo è una cosa, attaccare le ambasciate occupandole è un'altra faccenda. Se un musulmano getta un crocifisso dalla finestra finisce in prigione, ma nessuno ha attaccato moschee o ambasciate, la stessa cosa succede quando un musulmano chiama Gesù in modo disprezzante "cadaverino". Ogni causa deve avere un giusto effetto, non mi sembra logico che difendiate chi commette crimini per una vignetta (ricordate la libertà di stampa?), se invece avessero solo protestato sarebbe stata un'altra cosa. Io credo che Antinoo abbia sviluppato una diffidenza fondata verso il popolo musulmano, una paura che la parte importante di questo popolo ha causato grazie alla violenza e alla minaccia di sopraffazione. La paura è una reazione naturale di cui non si può fare a meno, senza paura nessuno può sopravvivere (affrontando i pericoli senza averne paura causerà prima o poi il disastro). Nessuno che abbia un minimo di buon senso o un briciolo di intelligenza, può negare che dei pericoli oggi ci sono, e che una buona parte di Islamici, che in pratica è la parte che comanda, i potenti, i mullah ecc. vogliono concludere quello che per centinaia di anni hanno fatto, cioè conquistare gli infedeli; è una cosa così scontata e innegabile che sono loro stessi in molti casi a dirlo liberamente, sia in Italia che in tutto il mondo. Nessuno ce l'ha col povero marocchino che lavora onestamente ecc (le solite scuse che avete per difendere tutti i non occidentali), ma la realtà parla chiaramente: il numero degli immigrati musulmani in occidente sta crescendo e non intende cessare. Questo, in occidente, comporterà (sempre per chi ha un MINIMO di buon senso) il sorpasso in termini numerici, dei musulmani rispetto ai laici, ai cattolici e a qualsiasi minoranza vogliate. Una volta in maggioranza, il povero marocchino magari non farà niente, ma chi li comanda entrerà in politica e si farà votare (il povero marocchino voterà il suo connazionale integralista) e una volta a capo del governo Italiano, saremo costretti a seguire la Sharia (non ricordo come si scrive), la legge islamica come in tutti i paesi Arabi. Porca miseria, come fate a negarlo? Già oggi siamo costretti a cambiare alcune abitudini (se ci limitassimo a questo nessun problema), ma una volta in minoranza come faremo a difendere la laicità e i diritti che per secoli ci siamo duramente conquistati? Come fate a dire che non serve difendersi? Che difendersi è inutile tanto questo processo continuerà ugualmente? Nessuno vi obbliga a difendere la vostra patria, ma lasciate almeno che chi lo vuole fare ne abbia la possibilità. Se è vero che tra 100 anni noi saremo morti, è altrettanto vero che ci saranno i nostri figli, che dovranno subire le conseguenze delle nostre sciagurate scelte. Tutti i popoli del mondo hanno avuto sempre bisogno di difendersi per sopravvivere (non attaccare, solo difendersi), ora perchè l'occidente è stanco di guerre e ha una smaniosa voglia di pace non significa che per tutti i popoli sia così. Con questo non voglio dire che bisogna dichiarare guerra a nessuno, solo che non si può lasciare che tutti facciano quel che vogliono nel nostro paese (capisco che per un comunista il concetto di appartenenza non esiste...) e ora che siamo ancora la maggioranza dobbiamo tutelare le nostre libertà.

il 03 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Antinoo ha scritto:

Scusa Marco, mai hai visto come mi hanno risposto sopra? Con che argomenti hanno ribattuto? Io mollo ragazzi. Di fronte a quelle risposte sono rimasto senza parole. Che posso dire a mia volta? Qualsiasi cosa e niente a questo punto. E sia per me sia per loro è meglio niente, tolgo il disturbo. Che l'Occidente abbia quel che si merita. Prima o poi doveva finire d'altronde, come tutte le cose!
Amen, anzi Isciallah!
Cordialmente,
addio,
Antinoo

il 06 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Roberto Farabone ha scritto:

Proviamo a pensare a cosa accadrebbe nel mondo cristiano (non tanto
cattolico, quanto in quello delle varie confessioni esistenti in particolare
negli USA), se un giornale islamico pubblicasse una striscia in cui Gesù
Cristo ha un legame omosessuale con Giuda e poi gli fa le corna con Pietro.
E allora Giuda, per gelosia e vendetta, lo denuncia al Sinedrio, con tutte
le conseguenze note. Quale sollevazione ci sarebbe nel mondo cristiano? Dove
andrebbe a finire la libertà di stampa in questo caso? E' chiaro che certe
"corde" non devono essere stuzzicate da nessuna parte. A meno che non ci sia
l'intenzione esplicita di stuzzicarle. Sono d'accordo con quanto oggi ha
scritto Saverio Vertone (se ben ricordo).
A parte che, esclusa una, le vignette sono proprio insulse.

Saluti

Roberto

il 07 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Io sono d'accordo che quella delle vignette sia una provocazione, che una parte di torto ce l'abbiano i danesi o Svedesi o chi le abbia pubblicate, ma il tuo confronto mi sembra abbastanza sproporzionato. Forse le vignette non le hai viste, ma l'unica che in qualche modo poteva essere offensiva era quella di maometto con una bomba al posto del cappello, comunque non paragonabile a un Gesù omosessuale. Comunque non mi pare che negli ultimi tempi la satira contro il cattolicesimo, per non parlare delle critiche dai laicisti, si siano molto risparmiate. Fare della satira poi è una cosa, offendere qualcuno dicendo che il proprio Dio è omosessuale mi sembra diverso. Secondo me bastava trovare un accordo, che il giornale Danese o quello che è dicesse "scusate, ci siamo sbagliati, non disegneremo più Maometto", ma gli Islamici non dovevano reagire così, non puoi negare che la reazione sia spropositata. Il problema dell'Islam è che chi sta al potere è molto influenzato dagli Imam (se non sono i religiosi stessi ad avere il potere), i quali hanno un grande potere di scatenare le popolazioni ignoranti (quasi nessuno aveva visto le vignette, se non proprio nessuno) che si fanno raggirare da questi estremisti. Dopotutto quando ai bambini si fanno vedere dei cartoni, come quelli che ha mostrato ieri alla trasmissione "matrix", in cui i musulmani si fanno esplodere contro gli altri per far piacere ad Allah, ritrovandosi in paradiso, le conseguenze sono inevitabili. Bisogna aiutare quelle popolazioni ad uscire dal tunnel della non informazione (non che noi come informazione siamo messi bene, ma sicuramente meglio di loro), dell'estremismo impostogli fin da bambini dai potenti. Altra intervista di ieri a Matrix, quella di Alessandro Sortino, ex Iena (non so se lo è ancora), ad un imam di Roma: l'Imam ha affermato che Maometto ha predetto che il mondo non finirà fino a quando Costantinopoli (già presa con la forza e divenuta Istambul) e Roma non diventeranno Islamiche, per cui il loro compito è quello di islamizzare l'occidente e in primis l'Italia. Questo per noi sarebbe un bene, perchè non dobbiamo essere testardi se vogliamo andare in paradiso, dobbiamo invece lasciare che loro diventino più numerosi di noi in modo da convertirci tutti.
Parole sue, parole che fanno capire quale sia il pericolo, non il povero Marocchino come qualcuno diceva, ma la popolazione ignorante che sottomessa a queste persone, una volta in maggioranza li metteranno al potere in modo da cambiare tutto

il 07 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Max ha scritto:

Propongo di cacciare i musulmani dall'europa.

il 07 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Mari ha scritto:

ho bisogno del vostro aiuto!io non ho letto nulla della fallaci ma devo fare un compito a scuola su alcune cose che ha scritto. devo commentare quello che lei ha detto riguardo ai giovani di oggi.. che vivono nel benessere e non sono mai contenti.. riguardo alla libertà!devo fare un confronto tra quello che lei ha detto a riguardo (in "oriana fallaci intervista se stessa") e quello che ha scritto platone sulla libertà nell'VIII libro della repubblica ("quando un popolo divorato dalla sete..").Qualcuno puo scrivermi qualcosa???GRAZIE

il 07 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
tonii ha scritto:

i giovani d'oggi vivono nel benessere???

io conosco solo precari

il 08 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Mari faresti prima a leggerti il libro. Se ti matti di impegno in una giornata lo leggi, non è molto lungo. Comunque non si accanisce su tutti i giovani, dice solo che molti, addormentati dai telefonini e cose varie, non vedono più i problemi reali e presi da un senso buonista imposto loro dai media, tendono a farsi prendere dalle emozioni, chi contro e chi a favore dei migranti, senza conoscere nulla sulla realtà. Circa è questo il discorso, ma spiegarti in poche righe è difficile. Ti assicuro che leggere il libro ti ruberà poco tempo, anche perchè, a parte l'essere d'accordo o no con le sue idee, Oriana scrive in una maniera molto comprensibile e fluida. Comunque complimenti al professore per i testi scelti. A noi facevano leggere libri come "cuore di cane", che pur essendo dei bei romanzetti, hanno poco da insegnare sulla realtà. Ciao

il 08 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Andrea_Riot ha scritto:

Bulgakov, in effetti, ha scritto dei bei romanzetti, ma per imaparare qualcosa sulla realta' bisogna leggere l'Oriana.

il 10 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Harry Potter ha scritto:

Via i musulmani dall'Europa! GRANDISSIMA ORIANA!!

il 12 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)

basta con queste questioni di sporcare i nostri monumenti....ne abbiamo così tanti....e poi l'italia non è un bel paese, gli italiani non sono bella gente, i politici fanno schiffo.....MA VI SENTITE QUANDO PARLATE? QUA NON SI PARLA DI ARTE (E PROVA A SPORCARE UNA MOSCHEA) NON SI PARLA DI DISORDINE DI UN PAESE (E VOGLIO VEDERE CHI L'HA PORTATO), NON SI PARLA DI POLITICI BRAVI O NO.......SI PARLA CHE SE DA PICCOLO HAI GIOCATO A PALLONE IN MEZZO ALLA STRADA FRA UN Pò PASSI PER QUELLA STRADA E TI SEMBRERà DI STARE IN VACANZA ALL'ESTERO. SE LA VOSTRA SQUADRA (L'ITALIA) GIOCA MALE VOI CHE FATTE? COME I TOPI ABBANDONATE LA NAVE, ANDATE A TIFARE PER GLI AVVERSARI O FORSE DOVRESTE REMARE VERSO UN PORTO SICURO, IMPEGNARVI A CAMBIARE LA SQUADRA PERCHè GIOCHI MEGLIO?

il 13 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

Che cacchio stai dicendo? Non ho capito niente. Che senso hanno le tue frasi?

il 15 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Peppe ha scritto:

Sei grande Oriana!!!

il 15 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Oriano ha scritto:

ORIANA FOR PRESIDENT!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1

il 18 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Alberto bis ha scritto:

Caro Fratello musulmano,

Per mia fortuna sono naturalmente portato a rispettare il prossimo, ma quello che tu chiami la tua religione, che è mille miglia lontano dalla mia cultura, e che tu vuoi importare nel mio Paese, per me è un’ideologia, che ho diritto di contrastare con tutti i mezzi legali a disposizione, satira compresa. Se lo fa un Ministro, fa solo il suo lavoro, perché mi rappresenta ed ha tutta la mia solidarietà. Se un Ministro arriva a farlo, forse la gravità delle circostanze lo hanno portato a questa azione. Qualche suo collega ha condannato il fatto come irresponsabile ed infantile; ma come si dice, se vuoi la verità valla a chiedere ad un bambino. Gli adulti sono troppo miopi e presi dai propri interessi per vedere un po’ piu in là. La verità non è né chic, né politically correct.

Se un tuo capo religioso, che tu chiami imam, emette una fatwa ed una taglia per la morte di una persona, la tua religione, nel mio Paese, non ha diritto di chiamarsi tale e non merita rispetto. Basta mettersi d’accordo sulle definizioni.

Mi rammarico a vedere che la storia si ripete. Quando il cristianesimo strisciando ebbe messo sufficienti radici nell’Impero Romano, ci fu un imperatore, che per opportunismo, ne fece religione di Stato, perseguitando chi non lo abbracciasse, mettendo al rogo documenti della cultura latina andati persi. Poi si sa come finì l’Impero Romano.
Non ho visto la T-shirt del ns Ministro, presa a pretesto per tutta la vicenda.
Peccato che nessuno l’abbia fatta vedere, si sarebbe potuto comparare la proporzione fra i disordini accaduti in una città libica e il diritto di espressione a casa propria.
Né si è commentato, da destra come da sinistra, lo Stato in la cui polizia uccide dimostranti (ma erano armati?) o il suo Padre Padrone chiede le dimissioni di un Ministro estero (nemmeno Stalin è arrivato a tanto).
Da quando sono nato e guardo un telegiornale, ogni giorno si parla dei tuo Paesi, in particolare della Palestina. Certa i Palestinesi hanno diritto alla loro terra, ma si tace già da un pezzo dei milioni di tedeschi che hanno lasciato tutto a Breslavia, Danzica, Koenigsberg etc. O gli Italiani dell’Istria. Mettiamoci una pietra sopra e facciamo sparire queste pseudo notizie dal Medio Oriente dai telegiornali.
Perché a me francamente interessa sapere notizie ben diverse: che hanno aperto una nuova autostrada, che Venezia si è salvata dall’acqua alta, che fra poco circoleranno automobili ad emissione zero.
Finito il telegiornale, comincia la TV spazzatura, cosa su cui io e Te saremmo d’accordo. Cercano di rimbecillirci con le soubrettes e ci sono quasi riusciti.

Caro fratello musulmano,
le dimissioni del ns Ministro sono una vittoria per il mio Paese. La gente come me ha avuto un’occasione in piu per accorgersi di quanto ipocrita ed opportunista sia la sua classe dirigente.

il 19 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Giucas ha scritto:

Bel commento,davvero. Incisivo,espressione del vero pensiero della maggioranza degli italiani,e soprattutto non offensivo verso i musulmani. Sono d'acordo...

il 20 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Simmaco ha scritto:

Completamente d'accordo con Alberto bis. Specie per l'analogia tra mondo di oggi e la fine dell'Impero Romano. Consiglio la lettura di Barbero (Il giorno dei Barbari), le lettere del senatore romano Simmaco, le Historiae di Ammiano Marcellino. Certi parallelismi fanno gelare il sangue.
Saluti.

il 20 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
tonii ha scritto:

"fra poco circoleranno automobili ad emissione zero"

si', e gli elefanti rosa voleranno sulle alpi...

"ma si tace già da un pezzo dei milioni di tedeschi che hanno lasciato tutto a Breslavia, Danzica, Koenigsberg etc. O gli Italiani dell’Istria"

facevano parte delle nazioni che avevano dichiarato GUERRA DI AGGRESSIONE e poi orgogliosamente la definivano DI ANNIENTAMENTO: il loro scopo era annientare i popoli sottomessi.

ovvio che poi qualcosina sia capitato di rimando anche a loro. ma solo piccolezze rispetto a quello che i tedeschi hanno fatto in russia e gli italiani in yugoslavia. dovrebbero baciarsi i gomiti per il culo che hanno avuto, anziche' strepitare.

e' il nazifascismo che li ha dannati.

cosi' come ora i discorsi della demente oriana dannano voi, ridicoli seguaci di una guru odiosa e traditrice della sua patria e negatrice della civilta'. le parole con cui vi impastate la bocca sono storpiature della storia e del loro vero significato perche' condite da una solida ignoranza.

"facciamo sparire queste pseudo notizie dal Medio Oriente dai telegiornali"

riuscite a governare il paese da decenni solo grazie alla CENSURA e al MANGANELLO.

e' probabile che prima o poi dovrete pentirvene

il 20 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Giucas ha scritto:

Che cosa avrebbero fatto gli italiani in Jugoslavia? Qualsiasi cosa possano aver fatto non è neanche lontanamente paragonanile alla tragedia delle foibe...questo vuol dire rinnegare la storia italiana...e la Fallaci non è affatto traditrice della patria,anzi è una che difende i fondamentali valori cristiani del nostro mondo,nonostante sia atea,contro l'invasione musulmana...certo nei suoi libri userà espressioni alqunto volgari,ma in sostanza ha perfettamente ragione...sul governo con la CENSURA e col MANGANELLO poi non vale neanche la pena di rispondere...questa è la vera "solida ignoranza"...

il 20 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Sotomayor ha scritto:

D'accordo con Alberto bis e Giucas caro tonii hai detto una stronzata...i tedeschi avranno anche condotto la guerra di aggressione, ma le città di Konigsberg,Breslavia,ecc, facevano parte della Germania e i cittadini di queste zone sono stati cacciati a calci,nonostante probabilmente con i soldati tedeschi avessero ben poco a che fare,quelli erano loro legittimi territori,che non si sa per quale motivo sono stati assegnati all'URSS che di territori non aveva alcun bisogno,poichè con una superficie di oltre 22 milioni di Km2 era lo stato più grande del mondo,ovvero almeno 50 volte più grande della stessa Germania, per cui non aveva alcun bisogno dei suoi territori...

il 28 Aprile 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Turi von Walsewitz ha scritto:

Mah... la Fallaci ha sì e no ragione: ci sono musulmani ignoranti e musulmani intelligenti e civili, così come esistono italiani dotati di intelletto e italiani minchioni (e penso che il sopracitato premio dedicato al sommo Calderoli sia una sufficiente testimonianza). E' anche vero che in Arabia Saudita vieni arrestato per "evangelizzazione cristiana" se solo possiedi una Bibbia per i cazzi tuoi (vedete il caso di Brian O' Connor) e le donne sono trattate al pari di merci; all'interno della grande Moschea della Mecca ci entrano solo i musulmani, a San Pietro ci possono entrare tutti. Però è anche vero che fino a due secoli fa eravamo noi i talebani: gli arabi e gli ebrei durante la Reconquista spagnola sono stati cacciati a pedate nel c*lo o costretti a convertirsi a forza, pena la morte. Il problema è sempre quello... un conto è ciò che è scritto nei testi sacri e quello che poi gli Uomini interpretano e applicano: È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio... e allora perché cazzo il Papa ha l'aereo privato e vive nel lusso?! Bah... mondo di furbi...

il 28 Aprile 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Kaiser ha scritto:

Vero Turi, però dimentichi che la Reconquista spagnola era appunto una Reconquista e gli arabi erano i precedenti invasori della penisola iberica. Normale che gli spagnoli li cacciassero e facessero convertire quelli che rimanevano

il 28 Aprile 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Italico ha scritto:

Quello che il popolino radical-chic della sinistra non riesce a capire e mi auguro con la labile speranza che lo capiscano almeno i loro rappresentati al governo (ammesso che durino più di sei mesi), è che agli Italiani non dà fastidio in sè l'immigrato Islamico.
Ogni Italiano che vive in una città con più di centomila abitanti, al giorno d'oggi non si volta nemmeno se sente parlare un'altra lingua e se vede gruppi di stranieri.
La maggior parte delle persone non chiede il rimpatrio immediato degli immigrati di religione Islamica; Tuttavia ha piena ragione ad incazzarsi se questi ultimi pretendono e ottengono un alloggio popolare gratuito scavalcando italiani in coda da anni, oppure quando i genitori dei bambini arabi vengono accontentati nell'assurda richiesta di togliere presepi e canti di natale com'è successo in alcuni asili dell'emilia romagna.
Un conto è aiutare chi viene da una condizione di vita molto difficile ed è disposto a lavorare onestamente, un altro è aprire le frontiere a qualsiasi individuo venga qui.
In tutti gli altri paesi europei le leggi sull'immigrazione sono molto più severe che da noi (vedi la Spagna del tanto decantato Zapatero). Chiedere rispetto per la cultura e il paese ospitante non mi sembra un ineggiamento al genocidio razziale.

il 28 Aprile 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Kaiser ha scritto:

Ecco Italico ha giustamente citato quell'episodio veramente SCANDALOSO del presepe e delle canzoni di natale. Quell'episodio davvero va oltre ogni limite di umana decenza. Pare davvero fantascienza,roba dell'altro mondo. E poi si viene a parlare di intolleranza...

il 05 Maggio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Stefanuccio ha scritto:

Oggi sono stati per la seconda volta uccisi due italiani...stavolta in Afghanistan...e Oriana mia, quanto hai ragione, peccato che c'è ancora certa gente che si beve le favolette di Terzani& company...WAKE UP OCCIDENTE, WAKE UP...Troia brucia e la città giace nel torpore ahimè...

il 09 Maggio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Ernesto ha scritto:

Fallaci leggiti gandhi va, e impara ad essere meno presuntuosa. Dov'è l'umiltà umana?

il 22 Maggio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
sayako ha scritto:

scusate qui nessuno conosce il termine "tolleranza"???????????????????
se volete vi potrei dare la definizione...: capacità fisica o spirituale di sopportare;
il permettere\dimostrare comprensione per idee e atteggiamenti differentidai propri...
oook???!!!............
e poi piantatela di spararvi contro l'uno con l'altro,di insultarvi a vicenda,,, (volete il mio parere??) siete patetici!!!!!!!!
e poi ognuno la pensa come vuole sul mondo islamico.
la nostra religione,il crisianesimo, ha aperto un dialogo con le altre religioni...

conosco islamici che sono moderati...
adesso sembrate voi dei fondamentalisti, continuando a sparare a zero dietro a un credo e ai suoi credenti
ok ho insultato un po anch'io ma nessuno in particolare...

qundi grazie per lo spazio e addio!

il 05 Giugno 2006 (quando OMB accettava i commenti)
darth wanax ha scritto:

Stefanuccio incomincia a parlare in italiano. Ma perché i "Falaci" si ostinano ad inserire nei loro post frasi ad effetto in inglese? Chi si credono di essere, Nando Morriconi(?), americano "der kansassiti"?

il 17 Giugno 2006 (quando OMB accettava i commenti)
silvia ha scritto:

La tolleranza varrebbe anche nel caso in cui noi ci trasferissimo in Iraq? Cioe' io potrei andare in giro col viso scoperto? Il Cristianesimo insegna la tolleranza, l'islamismo no. Secondo la loro religione noi siamo dei peccatori. Quando ce ne renderemo conto?

il 21 Giugno 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Kaiser ha scritto:

Silvia : credo proprio che se si continua così non ce ne renderemo conto mai.

il 09 Luglio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
michela90 ha scritto:

la tolleranza è qualcosa di lontano anche nella nostra democrazia...siamo pregati di non sventolare le bandiere del finto buonismo ogni volta che si tratta di islam...
La tolleranza si vede anke nelle piccole cose..nelle piu essenziali..
I libri della fallacci..ci avviano solamente ad aprire gli occhi...leggiamoli con piu liberta..senza porci quegli estremismi da partito...andiamo avanti..leggiamoli cn occhio critico ma anche costruttivo...nn distruttivo!! caspita..parlate tanto di tolleranza e di umanita..e discriminate un semplice libro che vi da l'opportunita di acconsentire o no???!!!
é questa la cosa piu irritante..

il 09 Luglio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Kaiser ha scritto:

Michela,vai certa che molti i libri della Fallaci neanche li leggono davvero. Estrapolano dal contesto qualche frase,perlopiù per sentito dire,e poi iniziano a dare addosso alla Fallaci, dandole della razzista,fascista,nazista : le uniche parole che conoscono.

il 09 Luglio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Kaiser ha scritto:

Fra l'altro la cosa più vergognosa è il fatto che il libro sia stato SEQUESTRATO. Ma la tanto decantata libertà di opinione che fine ha fatto?

il 10 Luglio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
michela90 ha scritto:

ecco..appunto..si leggono con pregiudizio..estremizzando le proprie idee..

il 10 Luglio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
michela90 ha scritto:

il che...non garantisce liberta di pensiero e di opinione..ma limita solamente le mentalita..che diventano piu chiuse e piu concentrate su un unico ideale ...delineato dal partito e dallo stato sociale

il 24 Agosto 2006 (quando OMB accettava i commenti)
darth wanax ha scritto:

il che...non garantisce liberta di pensiero e di opinione..ma limita solamente le mentalita..che diventano piu chiuse e piu concentrate su un unico ideale ...delineato dal partito e dallo stato sociale


...poi dicono che la masturbazione è una pratica innoqua (cos'è, l'accento sulle parole tronche è diventato di parte?)

il 02 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
michela90 ha scritto:

complimenti..la tua preoccupazione è diventata correggere gli accenti...quando in un forum ci sono migliaia di modi per controbbattere tu sei riuscito a scegliere quello piu banale e ridicolo..

il 15 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
elia ha scritto:

trovo i commenti presenti su questa pagina obrobriosi.
c'è chi odia la fallaci perché è razzista (al punto di pensare che pur essendo in menopausa le piacerebbe diventare la tazza del cesso).
e voi cosa siete, filantropi?

eppoi c'è chi la ama perché odia a prescindere. e si lamenta della poca libertà di pensiero... ma se vi interessa tanto il pensiero libero, perché non approfittate di quel poco che c'è in giro e vi leggete qualche "introduzione alla relatività", qualche "discorso sulle verità".
e provate a farvi un'idea vostra delle cose, a prescindere dalla fallaci, che non si è ancora accorta che il suo pensiero libero serve solo al potere che ci vuole ottusi.

il 15 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Andrea_Riot ha scritto:

Adesso che non c'e' piu' forse e' il momento di tacere.
Riguardo ai personaggi controversi, nel momento della morte credo si debba imparare la lezione di Manzoni: "vergin di servo encomio e di codardo oltraggio".

il 15 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Don't Look Back in Anger ha scritto:

Grande Oriana. Ci mancherei. Non ti dimenticheremo

il 15 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Letizia ha scritto:

Grazie di tutto, oggi siamo tutti molto tristi. grazie per aver lottato fino alla fine in modo composto e dignitoso. Che malattia bastarda! Riposa in pace, non ti dimenticheremo mai.

il 15 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
hafrit ha scritto:

i 'm happy she 's dead :)

il 15 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
michela90 ha scritto:

Grazie oriana..negli ultimi tempi non ho fatto altro che leggere i tuoi libri e ragionare sul loro contenuto...mi hai fatto crescere e maturare..in gran parte mi hai fatto essere la persona che sono...ti stimo tanto e mi auguro che di persone come te ce ne fossero di piu..capaci di far aprire gli occhi e di interrogarsi ,senza affidarsi al pensiero comune che ci stordisce..i tuoi scritti sono indelebili e straordinari, con i tuoi libri sei stata capace di farmi amare la lettura..e la tua capacita di agire e di combattere è alquanto ammirabile...Per me sei un punto di riferimento al quale aspiro..Mi mancherai....

il 15 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
daniela ha scritto:

ciao oriana ,grazie per tutte le belle cose che mi hai insegnato,da due anni ti seguivo,prima di allora mi sentivo confusa smarrita non riuscivo a rispecchiarmi in nessuno tu mi hai condotto e guidato nella giusta via ti voglio bene mi mancherai tanto.

il 15 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
maria ha scritto:

a tutti coloro che entrano in questo blog per lasciare un messaggio a ricordo e testimonianza di oriana fallaci vorrei solo che tenessero presente che oriana non parlava di pace e fratellanza, ma di odio e di scherno. mi piacerebbe sapere se quando la ringraziate per gli insegnamenti da lei ricevuti a cosa vi riferite, alla sua limpida scrittura?
alla sua capacità espressiva?
alla sua forza nel voler combattere il cancro?
se è questo che vi spinge a lasciare una testimonianza in suo ricordo , condivido, ma se quello che vi ha insegnato è il disprezzo è amaro constatarlo.
maria

il 15 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Don't Look Back in Anger ha scritto:

Maria, chi non ha amato ciò che la grande Oriana ha scritto non può capire. La Fallaci era speciale, quello che a tutti noi piace sono le sue idee, le sue grandi idee, e soprattutto il coraggio e la schiettezza unici con cui riusciva a manifestarli. Dispiace vedere tanto astio e livore verso una delle poche persone che difendeva i nostri valori, la nostra civiltà.
GRAZIE ORIANA, NON TI DIMENTICHEREMO!

il 15 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
emanuela ha scritto:

Addio Oriana...se nn avete mai letto i suoi libri non potete capire...nn basatevi sui libri "moderni" forse troppo spinti dall'odio o anke dalla pazzia...ma basatevi si libri come "Un Uomo" o "Inshalla" o "Penelope alla guerra" e capirete la vera Oriana...ki è veramente e quello ke pensa.
ad intervista alla storia ha dimostrato di essere una donna con le palle...xkè si è saputa imporre su tutti i grandi della terra...ke siano politici o religiosi.
una donna con un'intelligenza straordinaria.
Grazie Oriana...

il 15 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
maria ha scritto:

emanuela io i libri della fallaci li ho letti tutti i primi quanto gli ultimi, dei primi ho apprezzato lo stile, la novità stilistica , il fatto che una donna riuscisse ad avere interviste dagli uomini famosi del suo tempo mi riempiva d'orgoglio , ma già inshallà smisi di leggere a metà il libro, non lo continuai e non volli mai più continuarlo, segnò secondo me la sua svolta , c'era una sorta di compiacimento nella descrizione della morte, dettagliava i particolari dei cadaveri, come una sorta di piacere, poi pensai che forse i corrispondenti di guerra sono avezzi alla morte e non si accorgono neanche più di quanto sia triste la vista di un corpo di una bambina morta come quello deviziosamente descritto da lei nel libro.
già allora pensai a lei la morte piace, piace vederla e descriverla, semplicemente leggendola, e non erano tempi sospetti poichè parlo di 13 anni fa.
ho ripreso a leggere i suoi ultimi libri sull'onda dello scalpore suscitato e dopo le interviste da lei rilasciate.
ottima scrittura, scorrevole, com'era già lo era anni prima, ma quanto odio, quanta acrimonia.
un fiume in piena di livore ed odio verso i mussulmani.
che attenzione, non è che io non tema il loro ingralismo religioso, la cultura maschilista e omofobica, ma non è seminando odio e rancore potremo capire e superare la paura.
odio porta odio.
sangue porta sangue.
se non s'interrompe la spirale dell'ignoranza non troveremo mai un linguaggio comune con chi oggi vive al nostro fianco in italia, perchè fanno i lavori che noi non vogliamo più fare, li sottopaghiamo, li ospitiamo in stamberghe, ma non gli vogliamo riconoscere i diritti civili.
e poi emanuela pensare che una donna debba avere le palle per piacere, permettimi di dirti che non ce n'è affatto bisogno, anche con l'utero si può essere coraggiose e forti, chiedilo a tua madre quando ha partorito se non lo è stata a sufficienza.
o nel caso avessi già partorito tu, ricordati quanta forza , quanto coraggio hai avuto a mettere al mondo una creatura, non dirai mai più che una donna ha le palle per essersi saputa imporre ai potenti.
la voglia di vivere è l'unica arma che si impone ai potenti.
non l'odore della morte che temo per lei essere stato un potente afrodisiaco e micidiale tranquillante.
maria

il 15 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
janis ha scritto:

"e poi emanuela pensare che una donna debba avere le palle per piacere, permettimi di dirti che non ce n'è affatto bisogno, anche con l'utero si può essere coraggiose e forti, chiedilo a tua madre quando ha partorito se non lo è stata a sufficienza."

:) questa mi è piaciuta molto :)

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
spiders ha scritto:

Ma possibile che molta gente non vuole proprio rendersi conto di cosa ci sta succedendo?? Non voglio proprio credere che siamo pronti a rinnegare ciò che siamo, la nostra identità, le nostre origini, la nostra cultura e tutto il resto solo perché lentamente, strisciando, arrivano nei nostri Paesi gruppi sempre più numerosi di islamici che non appena si accorgono di avere raggiunto un numero abbastanza consistente cominciano a farci pressioni tali da farci dimenticare che anche noi abbiamo un' identità che va mantenuta e soprattutto RISPETTATA da loro! Possibile che ci siamo ridotti ad essere così sciocchi da non capire che è proprio su questo che si basa l'islam: diffondere il più possibile l'islam soffocando tutto ciò che islam non è!
Non si tratta di essere o non essere razzisti ma semplicemente chiedere il rispetto dlla nostra cultura e identità almeno dentro i confini della nostra Nazione!

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
maria ha scritto:

spiders in cosa ti senti minacciato?

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
spiders ha scritto:

I rumeni vengono in Italia perché da loro si sta male, glia albanesi vengono da noi perché da loro si sta male, i nordafricani vengono da noi perché da loro si sta male.
Vi siete mai chiesti perché gli islamici vengono proprio in Italia quando vicino a loro ci sono gli emirati arabi che è uno dei paesi piu ricchi del mondo?
Perché hanno il compito di diffondere l'islam soffocando tutto il resto!
Questo è l'unico motivo per qui vengono qui in massa, silenziosamente e noi all' improvviso ci ritroviamo sempre più moschee, non possiamo più esporre i crocifissi nei luoghi pubblici nonostante la religione cristiana sia la nostra religione D I S T A T O!, ci sentiamo dare dei razzisti se solo proviamo a rivendicare la nostra identità culturale....
Proviamo a riflettere...

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
spiders ha scritto:

non mi sento minacciato: mi sento di non avere più la libertà di vivere da italiano in Italia!

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
maria ha scritto:

la religione non è di stato, lo sarebbe nel Vaticano ma non in Italia perchè il nostro è uno Stato laico e non religioso, tu sei libero di pregare e professare la tua fede quando vuoi e dove vuoi, basta rispettare l'orario delle migliaia di chiese ampiamente diffuse sul territorio italiano.
il crocefisso puoi tenerlo nella tua casa e custodirlo come desideri .
l'immigrazione è necessaria all'economia , fatti un giro nei campi di pomodori, nelle vigne, negli ovili, nelle fonderie,nelle concerie e chiedi agli imprenditori perchè assumono immigrati, poi dopo che avrai tutte queste informazioni ripassa di qua e parliamone.
maria

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
spiders ha scritto:

Se gli islamici vengono qui a contestare tutto; dai crocifissi ai canti di Natale e tutto il resto, se qui ci stanno così male, perché non se ne stanno nei paesi islamici dove potrebbero vivere tranquillamente e trovare un ambiente più simile al loro?
Io penso proprio che la loro cultura sia troppo distante e diversa dalla nostra per poter trovare un punto di contatto e alla fina si sta male tutti quanti!
Prendete per esempio gli islamici che vivono qui e che uccidono le figlie che vogliono (giustamente)vestirsi come le ragazze qui, comportarsi come loro, uscire, frquentare gente, magari ragazzi, cosa vi dice questo?
In primo luogo che loro qui soffrono, secondo che non hanno la benché minima voglia di integrarsi
e terzo che non vogliono far integrare nemmeno i loro figli e nipoti.
Allora torno sempre alla stessa domanda: COSA SONO VENUTI A FARE QUI?????
Non sarebbe meglio che si trasferissero in un paese islamico?
Oppure che siano costretti a rispettare le nostre leggi che in un modo o nell' altro li farebbero integrare.
Ma loro non è questo quello che vogliono.
Loro hanno il solo compito di venire a minare le nostre culture perché secondo loro è l'islam che prima o poi DEVE prevalere e schiacciarci.

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
maria ha scritto:

spiders tu sei spaventato non degli islamici ma della vita.
la cronaca è piena di donne picchiate da mariti italianissimi, i canti di natale furono due insegnanti italiane a chiederli di non eseguirli, ai mussulmani piacevano addirittura ne lessi l'intervista.
abbi paura della violenza ma di tutta la violenza non quella che ti piacerebbe fosse.
maria

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
spiders ha scritto:

Inanzitutto si scrive musulmani e non mussulmani
Poi non è paura quella che provo: a te piacerebbe che fosse paura.
Io credo che tu sia una di quelle persone che non ascolta gli altri ma che semplicemente sovrappone loro dei preconcetti che si è creata nella sua testolina.
Infatti io ho solo detto che noi dovremo lottare di più per conservare quello che siamo, semmai questa è un cosa che mi fa andare fuori dai gangheri: che si discute tanto di prodotti tipici regionali da difendere, di dialetti, di identità regionali da difendere in Italia e poi arrivano orde di islamici e siamo pronti a calarci le braghe e farci fare e dire tutto quello che vogliono.
A furia di guardare i reality siamo diventati un popolo di coglioni: ci portano via la Nazione da sotto il culo e neanche proviamo a dire "A"!

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
maria ha scritto:

si scrive mussulmano quanto musulmano, io non ho bisogno di lottare per essere quella che sono perchè lotto fin da quando sono nata cioè 47 anni fa, difendere il proprio patrimonio culturale, culinario, gastronomico, non vuol dire non accettare un uomo o donna solo perchè più scuri di me , fino a quando non mi faranno male per me sono miei pari, quando delinqueranno se mai lo faranno mi rivogerò alla casema dei carabinieri esattamente come ho già fatto quando ho subito furti da gente di colore uguale al mio, mai visto un reality in vita mia e alla mia Nazione ci tengo eccome ma voglio esserne fiera e non vergognarmi della pochezza che sta dimostrando senza alcun senso logico ma in preda ad un'isteria esagerata ed esasperata.
maria

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
geppo il castigatore ha scritto:

"Io credo che tu sia una di quelle persone che non ascolta gli altri ma che semplicemente sovrappone loro dei preconcetti che si è creata nella sua testolina...

... E poi arrivano orde di islamici e siamo pronti a calarci le braghe e farci fare e dire tutto quello che vogliono."

Scusa, spiders, senza volerti offendere: parli tanto dei preconcetti degli altri, ma poi ci appioppi i tuoi, se hai notato...

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
claudio ha scritto:

Lascio un mio piccolo ricordo per Oriana Fallaci, una persona che amava l'Italia più di quanto detestasse l'islam. Sono italiano, fiero di essere italiano (la bandiera sventola sempre sul mio terrazzo) ed abbiamo il dovere morale di difendere la nostra identità e la nostra cultura, così come aveva fatto Oriana nella sua vita

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
spiders ha scritto:

Rispondo prima a geppo il castigatore: ma sbaglio o credevo di essere in un forum? Credo che ci sia ancora libertà d' espressione, no? Però se faccio delle domande e Maria risponde a me (non alle domande che ho fatto) dicendo solo che ho paura... beh! non mi sembra molto logico: io ho solo cercato di spiegare perché sono concorde sull' ultima Oriana Fallaci!
Poi rispondo a Maria: la gente di cui parlo potrebbe avere anche la pelle verde o azzurra, non è quello ad interessarmi, ciò che non accetto è come questi vengano qua solo per dirci, dopo qualche hanno, che a loro non sta bene ciò che facciamo, la nostra religione, il nostro modo di vestire, come si comportano le nostre donne (dato che le loro vanno in giro mascherate).
E' questo che non tollero: come puoi venire qui e pretendere che chi ti ospita, che poi è la maggioranza, si pieghi ai motivi di una religione di minoranza e che oltrtutto trovo assolutamente antiquata e primitiva?
Siamo noi che dobbiamo tornare indietro ai tempi del Medioevo o sono loro che devono,in primis adeguarsi a noi e poi semmai cercare di uscire dalla barbarie in cui vivono?
Ricordo a tutti che sono molte le donne musulmane che hanno scritto libri su libri sulle barbarie che devono sopportare nel loro paese da parte dei loro uomini: sono loro per prime a fuggire in altri paesi per raccontare queste realtà e per denunciarle, e non sono poche quelle che lo hanno fatto, da questo ne deduco che anche loro si rendono perfettamente conto di vivere in un mondo non proprio giusto ed equo....

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
maria ha scritto:

spiders io vivo in provincia di torino, lavoro ai servizi sociali del comune di torino, vedo extracomunitari/e tutti i giorni per lavoro, nessuno di loro è mai venuto a dirmi come mi devo vestire, chi devo pregare, e come mi devo comportare, anzi c'è un ottimo cuoco marocchino che ci porta sempre i prodotti da lui cucinati e li mangiamo con grande golosità, ho lavorato alle feste dell'unità accanto a un tunisino e a un senegalese che esattamente come me prendeva i piatti sporchi, i bicchieri, puliva e serviva esattamente come tutti gli altri e gratis, non so dove tu viva, non so che posto sia, ma io non vedo nessuna differenza se li rispetti come persone sarai altrettanto rispettato, la mia famiglia ha un negozio di abbigliamento e andiamo a rifornirci da grossisti cinesi, pakistani, uruguaiani, oltre naturalmente agli italiani, non c'è nessuna differenza di trattamento, sono commercianti e hanno le stesse capacità .
io sta paura e terrore non capisco da cosa nasca, spiegamelo e forse capirò.
ah a proposito ai mondiali hanno indossato la maglia dell'italia e tifavano con noi in piazza castello.
maria

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Italico ha scritto:

Ognuno deve essere libero di praticare la sua religione. Non mi fanno paura gli islamici nè nessun altro.
Mi irrita, ed è diverso, chi vuole togliere (ad esempio) canti di natale dagli asili e tradizioni nostrane perchè le ritiene "offensive".
Io non devo sentirmi offeso in un paese musulmano dai loro usi e costumi, loro non devono sentirsi offesi dai nostri.
Altrimenti stiamo tutti a casa a nostra e viviamo col paraocchi nella convinzione di essere migliori (e parlo per i bigotti nostrani e per i bigotti musulmani).
Niente vacanze in marocco e niente emigrazioni in europa.
Sia Borghezio o Adel Smith, il bigotto che sostiene la superiorità delle sue tradizioni vada isolato e ignorato.
La libertà di culto, nel rispetto delle leggi del luogo dove è praticata, dev'essere più che lecita.
Con questo spero di non vedere le solite, sterili, polemiche dei terzomondisti ipocriti o dei paladini dell'occidente islamofobici.

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
maria ha scritto:

italico una precisazione, i canti di natale furono tolti da due insegnanti italiane in una scuola materna o elementare di propria iniziativa, mi ricordo l'articolo in questione, gli islamici non chiesero niente, non avrebbero mandato solo i loro figli in quella ricorrenza, ma mio padre italianissimo lo faceva già 40 anni fa con noi figli perchè testimone di geova.
maria

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
spiders ha scritto:

Guarda che mica sono un alieno!!!
Se è per questo anche io ti potrei snocciolare le mie amicizie: vari marocchini, egiziani, cinesi, greci, ingkesi, americani, australiani e per ora non ricordo; ti assicuro che non è una cazzata: conosco realmente tutta questa gente e anche di più, non faccio i nomi solo in nome di Santa Privacy, è per questo che parlo a questo forum, non potrei mai parlare di cose che non conosco o con le quali non sono mai venuto in contatto.
Le persone che ti ho elencato prima non sono semplici conoscenze ma AMICIZIE, e infatti è per questo che non devi venire a dirmi che ho paura o che sono razzista ecc..
I fatti dimostrerebbero il contrario, di sicuro non lavoro in un centro sociale però non mi piace pensare ch e c'è gente come te che per questi farebbe di tutto fino a spostare l' ago della bilancia.
Come hai detto prima ci sono mariti italiani che picchiano le mogli italiane, non si può certo dire che la crudeltà o la delinquenza alberghino solo in certi popoli, però sono quelli come te che che ad un certo punto rendono possibile l' inspiegabile fatto che :
1) se io mi metto a fare il barbone per strada nella mia città di sicuro arrivano i carabinieri e mi portano via, a loro no!
2) se io un giorno prendo e occupo abusivamente un appartamento vuoto di sicuro vengono a farmi sloggiare dopo poche ore, a loro no!
3) se mi metto a vendere cose per strada senza emettere scontrini ecc. mi becco una multa e il sequestro della merce, loro no!
Potrei continuare ma ti chiedo un favore: non rispondermi con nuove domande ma rispondi ai numerosissimi quesiti che sto ponendo da ieri sera e ai quali, mi sembra, non sei in grado di opporre neanche un argomento!
Come mai quando pongo le stesse domande alla gente che la pensa come te questi, come te, rispondono solo con altre domande (che sono poi sempre le stesse)?
Io ho motivato il mio pensiero, ho delle ragioni che non sono certo quelle di negare aiuto a chi viene qui perché ne ha bisogno, ma stai sicura che sarò sempre pronta a dare addosso a quelli che vengono in Italia per imporci i loro stili di vita arretrati o che v ogliono venire qui a propagandare la loro fede integralista ed estremista fino al sangue!
Dopotutto gli italiani estremisti vengono biasimati da tutti, mentre invece gli islamici estremisti poverini devono poter venire a fare i loro porci comodi e non sto parlando dei poveracci!
Hai visto per tele nei giorni scorsi le trasmissioni sull'11 settembre?
Hai visto e sentito bene quando sono andati ad intervistare i loro capi religiosi che prendevano sdegnosamente le distanze dai terroristi e poi quando la giornalista scendeva ad intervistare i "fedeli" di quelle stesse moschee che si dicevano contenti e soddisfatti di quello che era successo l'11/09?
Beh! io quei porci li ho sentiti con le mie orecchie!
E non venirmi a dire che i loro capi religiosi non conoscono e non condividono questi sentimenti però, ipocritamente, non possono mica andare a sbandierarlo in Tv!!!
Ma se chiedi ai porci musulmani e islamici per strada cosa ne pensano ti diranno la realtà dei fatti che sappiamo tutti noi, o , almeno chi ha studiato un minimo di storia delle religioni, e cioè che il compito dell' islam è espandersi il più possibile in tutto il mondo cercando di soffocare con ogni mezzo le altre religioni, vai pure a consultare qualsiasi libro non schierato e dimmi se ti sto dicendo una cazzata!

il 16 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
spiders ha scritto:

P.S. Per Italico:

chi ce l' ha con l'islam non necessariamente lo fa perché crede di essere superiore pre razza religione o quant'altro, anzi...!

il 17 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
maria ha scritto:

spiders mi spiace ma finchè chiamerai porco qualcuno non potrò risponderti.
maria

il 17 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
oppi ha scritto:

Esimio ignorante, vai su questo stesso blog a leggere il thread intitolato "Sarò che sarò", se lo capisci.

il 17 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
oppi ha scritto:

Leggendoti stavo per risponderti, ma arrivato ai tuoi "porci" ho capito che non posso confrontarmi con te. Complimenti.

il 17 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
oppi ha scritto:

Caspita, Mira, che sincronia! :)

il 17 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
maria ha scritto:

:-)

il 17 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
zeb ha scritto:

Grazie Oriana.

il 17 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Jack Sparrow ha scritto:

Oriana, grazie per tutto quello che ci ha dato. Anche il Papa prega per te, lui che proprio in questi giorni ha fatto un discorso che avresti condiviso.

il 18 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
claudio ha scritto:

Cara Maria (spero che mi consentirai di usare l'aggettivo cara) apprezzo molto il tuo tono pacato anche se non sempre condivido le tue opinioni, comunque cercherò di imitare i tuoi toni. Mi chiedo una cosa: ascolti i telegiornali? Senti i proclami delle folle esagitate? Hai visto il cartone animato in cui Giovanni Paolo secondo libera le colombe della pace e Benedetto XVI gli spara con la doppietta? Hai sentito dire che il capo religioso dell'Iran vuole conquistare Roma e ci annienterà? Pensi che queste notizie siano inventate dai giornalisti compiacenti alla causa americana? Pensi che una persona che dichiara di volerti sterminare sia tua amica? Io penso di no. E' chiaro che non tutti i mussulmani sono così (sono stato alla Caritas per qualche mese ed ho conosciuto alcune persone), ma non puoi negare che ciò che ha descritto Spiders è una realtà, spiacevole, ma è comunque una realtà con la quale dobbiamo confrontarci e non possiamo nascondere la testa per fare finta che non esista. Dobbiamo confrontarci con questi fatti a meno che non si usi l'aberrazione mentale adoperata dalle brigate rosse (che esaltano i sedicenti resistenti islamici) secondo la quale i nemici dei miei nemici sono miei amici (anche se vogliono sterminare tutti, compresi i componenti delle brigate rosse). Quando le statistiche dicono che, con gli attuali flussi migratori e vista la denatalità italiana, nel 2050 in Italia ci sarà una maggioranza musulmana (agguingo io che molto probabilmente imporrà la legge coranica, come hanno fatto ovunque) non ti viene un moto d'orgoglio? Tutto questo senza contare eventuali atti terroristici che potrebbero ridurre la nostra popolazione.
Allora mi chiedo e ti chiedo, saresti contenta che tua figlia, ammettendo che tu ne abbia una, sia costretta ad andare in giro coperta come una mummia? La mia risposta è no! La tua?
P.S: per chi non lo sapesse, io ero a Sharm il 23 luglio 2005. Tra il mio albergo e quello fatto esplodere dai c'erano tre case

il 18 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
prefe ha scritto:

X CLAUDIO
ma tu invece i giornali li leggi i tg li ascolti ?
quelli sono esagitati ma hai sentito osa ha detto il Papa?
il papa ha detto questo :


"Mostrami pure ciò che Maometto ha portato di nuovo, e vi troverai soltanto delle cose cattive e disumane, come la sua direttiva di diffondere per mezzo della spada la fede che egli predicava".

loro prenderanno per il culo il papa ma Gesù lo lasciano stare perchè riconoscono che è un profeta, non lo trattano come carta da culo come ha fatto il papa col loro messia

il 18 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
alpha ha scritto:

I mussulmani rispettano Gesu' perche' lo reputano un profeta mussulmano rubato dai cattolici.

il 18 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
prefe ha scritto:

non lo metto in dubbio non me ne intendo
ma non lo insultano
magari bestemmiano , ma il loro dio
se il supercapo dei mujaeddin cominciasse a tirare madonne (bestemmie cristiane, meglio se in veneto)in piazza di fronte a tutto il suo popolo vi sentireste offesi pure voi cristiani.
è che loro non si sentono solo offesi c'hanno la guerra santa
e poi pensate anche sti poveretti cosa ne possono sapere di quello che succede
sono manovrati come vibratori

il 18 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
alpha ha scritto:

concordo pienamente sul fatto che siano manovrati. Anche noi cattolici siamo stati manovrati per secoli dalla chiesa, pero' adesso ci siamo piu o meno secolarizzati cosa che al momento non e' ancora avvenuta nel medio oriente e finche non avverra i terroristi ed i fanatici potranno farla da padroni. In Europa la gente non viene piu uccisa e perseguitata per le proprie idee ed opinione mentre in certi luoghi a religione islamica lo e' ancora. Su questo non possiamo farci niente, pero' possiamo e dobbiamo cercare di non far trapelare questi comportamenti estremi nel territorio italiano.

il 18 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Italico ha scritto:

Anche a mio avviso sono manovrati.....la mia posizione, dopo aver conosciuto persone di razze, nazionalità e religioni diverse, è quella di un non-razzista.
Ben diverso dall'essere anti-razzista: quello è un simbolo di ottusità, di terzomondismo, di giustificazionismo verso chi è ritenuto il poverello.
Se un bianco mi dà fastidio, lo mando affanculo.
Se un neero mi dà fastidio, stessa identica cosa.
Il guaio è che si levano subito cori di protesta da chi -convinto di non essere razzista- è il primo a fare i distinguo e a "guardare" il colore della pelle.

Non temo un'islamizzazione dell'Occidente, checchè ne dica Oriana (riposi in pace): a Londra e ad Amsterdam è zeppo di Islamici da anni, molti più che nelle nostre grandi città, ci sono tensioni razziali, forse, ma sono città occidentalissime anche e soprattutto in cose (che reputo difetti) che possono dar più fastidio agli immigrati Islamici: molta droga, gioco d'azzardo, molte donnine discinte, birra a fiumi..... quindi non vedo l'allarme Islam, ma l'allarme fanatismo e il fanatismo è difficile da individuare perchè può esplodere anche in chi è immigrato di seconda generazione.
Ogni epoca ha i suoi rischi e le sue paure.

Certo, a un atto pratico poniamo la questione del rischio -che vedo come ho scritto sopra, non eccessivo- di un'islamizzazione dell'Italia.
Io, da ateo e tendenzialmente mangiapreti, non la vorrei. E nemmeno chi mi legge in questo momento la vorrebbe. Possiamo dire "Sì però anche i cattolici....." all'infinito, ma un laico musulmano si ambienta male e si trova spiazzato comunque in mezzo alla libertà di costumi occidentale come noi ci troviamo (innegabbile) spiazzati innanzi alle loro tradizioni, perchè veniamo da altri contesti culturali e storici.
Inutile negarlo. Inutile inveire per le coppie omosessuali non riconosciute dalla chiesa e poi fare orecchie da mercante quando si sentono storie di omosessuali trucidati perchè tali in medio-oriente.
La risposta è sempre la stessa: paese che vai, usanze che trovi. Non è col terzomondismo buonista e giustificazionista all'infinito che si risolvono i problemi, nè con il bigottismo del "tutti a casa loro", perchè anche se ne cacci mille in una settimana ne arrivano tremila in un giorno. Si cerchino soluzioni adeguate, ce ne sono senz'altro per una convivenza migliore.

il 18 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
darth wanax ha scritto:


Lascio un mio piccolo ricordo per Oriana Fallaci, una persona che amava l'Italia più di quanto detestasse l'islam. Sono italiano, fiero di essere italiano (la bandiera sventola sempre sul mio terrazzo) ed abbiamo il dovere morale di difendere la nostra identità e la nostra cultura, così come aveva fatto Oriana nella sua vita

Postato da claudio Sabato 16 Settembre 2006 alle 15:48

Uh, che persona triste!

il 18 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
maria ha scritto:

claudio le mie riflessioni sulla necessità della pacatezza dei toni da usare rispetto al trattamento degli argomenti religiosi, nasce dalla mia personale esperienza di vita.
sono cresciuta in meridione in una famiglia non cattolica.
ho scritto più volte che la religione di mio padre è quella dei testimoni di geova.
ora sulla mia pelle ho vissuto, bambina ignava delle lotte di religione, cosa significhi il dramma delle fede.
discriminazione, dileggio, esclusione, ed ero italianissima .
a parte mio padre, nessuno è diventato testimone di geova, parlo di 6 figli, ma tutti abbiamo coltivato il disicanto, dopo aver subito l' integralismo religioso da parte di nostro padre e un certo isolamento dall'altra parte, verso la pratica religiosa.
forse la politica ha assorbito la nostra idealità , il bisogno di dare e contribuire a creare il sistema sociale in cui viviamo, lo facciamo da laici ma manteniamo viva l'attenzione verso l'altro.
io ho paura dell'integralismo, sia islamico, ma anche quello cattolico.
mi vengono i brividi a sentire la voce della fallaci inveire contro altri esseri umani, soffro a sapere le ragazze coperte di lividi se non mettono il velo o ritirate da scuola .
sono entrambi gli eccessi che mi frenano dal patteggiare per gli uni o per gli altri.
penso che il vicario di Gesù, dotto teologo, profondo conoscitore della sensibilità umana , del diavolo che percuote l'anima dei comuni mortali , debba sentire ogni parola come un macigno prima di profferirla, la Chiesa ha dato a lui il potere di rappresentare Cristo per scelta e perchè aveva intravisto in lui particolari doti.
vorrei che lo ricordasse più spesso, qui basta una scintilla per dare avvio all'esplosione.
difendere i diritti dei cittadini italiani, formare un piano per la sicurezza delle città, delle nostre ragazze, significa accettare che altri esseri umani vadano conosciuti, capiti ed accettati.
io sono ferma sostenitrice del dialogo, la fermezza, l'esempio.
maria



il 18 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
charlie ha scritto:

Arrivo da un altro forum con il fiato corto. Trovo il post di Maria: una boccata d'ossigeno!
Grazie Maria! (e non è l'incipit di una preghiera).

il 18 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
alpha ha scritto:

posso garantirti italiaco che a londra ci sono tensioni razziali e che in molti casi sono connessi con atti criminali (gang, spaccio etc). Ho vissuto a londra per due anni e nel college che frequentavo, spesso si vedevano studenti di diverse etnie scontrarsi fisicamente (anche con armi) per queste ragioni. E' capitato a volte che la polizia fosse all'ingresso con quei piccoli metal detectors e perquisisse tutti gli studenti perche' molti giravano armati. Nella mia scuola non ci sono mai stati scontri tra inglesi e stranieri perche su 7000 e rotti studrnti penso che gli inglesi fossero si e no 50.

il 18 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Claudio ha scritto:

Cara Maria, in linea di principio credo che tutti siamo d'accordo con te. Il dialogo, la comprensione reciproca sono cose senza dubbio bellissime (sul piano teorico), ma per dialogare bisogna essere almeno in due. E' lapalissiano che bisogna tentare, ma è possibile dialogare con chi mette le bombe (una l'ho vissuta sulla mia pelle perchè ero ad un centinaio di metri), con le folle manovrate, con chi urla un mometo sì e l'altro pure che ci vuole sterminare? Fino ad ora nessuno è riuscito in questo intento lodevole e se ci riuscirai tu, il mondo ti sarà grato

il 18 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
mariacascella ha scritto:

voi credete a quello che vi dicono di credere, l'odio arricchisce industrie d'armi, trafficanti di droga, sfruttamento delle risorse petrolifere, controllo di milioni di persone attraverso l'uso della fede da una parte e dall'altra, voi siete complici di queste teorie e vi spingeranno ad odiare sempre più e quando quel più sarà raggiunto vi spingeranno ancora oltre fino a perdere il controllo della ragione.
tutte le guerre sono nate così.
la storia si ripete all'infinito.
voi pensate di essere testimoni di fede, di cultura, di civiltà.
quanto vi sbagliate!
a 19 anni non ebbi un posto di lavoro come commessa in una farmacia perchè, a detta loro, avevo l'accento troppo meridionale e chi mi rifiutò il lavoro era una famiglia lombarda che vantava le proprie origini rispetto alle mie.
la verità è che il figlio , durante le prove mi aveva allungato le mai e io gli avevo detto di metterle a posto.
la medaglia ha sempre due facce, io ho imparato a guardarle entrambe prima di giudicare.
maria

il 18 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
claudio ha scritto:

Io non odio nessuno (per ragioni personali dovrei scrivere che non odio quasi nessuno), ma la bomba che ha fatto tremare i vetri delle mie finestre non era frutto della mia fantasia, nessuno mi ha fatto credere che i terroristi avevano scagliato un'auto-bomba. C'era veramente, l'ho vista, l'ho sentita, ho sentito l'odore della paura. Se quella sera non fossi andato a letto prima del solito, a quest'ora ero a fare compagnia a quel fanatico che, pur di uccidere degli infedeli, si è fatto saltare in aria. Cosa faresti: saresti disposta a seguire il credo cristiano di porgere l'altra guancia? Perchè non sei stata così comprensiva quando il figlio del farmacista ha allungato le mani con te. Perchè non hai pensato: poverino, magari si sente solo e facendomi "stoccazzare" potrei alleviare le sue sofferenze. Invece ti sei rifiutata, non hai accettato l'intrusione. Ed hai fatto benissimo! Non hai chinato la testa, ma l'hai tenuta alta. Hai difeso la tua libertà. Questo è quello che vorrei: difendere la mia libertà! Difendere anche la libertà di coloro che credono in Dio (io sono assolutamente ateo), in Geova, in Buddha, in Zarathustra, i Valdesi ecc. E teoricamente anche in Allah, ma non accetto che, in nome di Allah o di chicchessia, qualcuno voglia farmi saltare in aria o che mi costringa, in casa mia, alle sue regole

il 19 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
oppi ha scritto:

qualcuno voglia farmi saltare in aria o che mi costringa, in casa mia, alle sue regole

Ma come fai a mettere vicine le due cose? Ci credo che non accetti gli attentati terroristici, e chi li accetta, ma basta con questa fissa delle regole a casa nostra etc! Ma nemmeno calderoli ci crede davvero!
che mi costringa, in casa mia, alle sue regole Ma quando mai è successo? Dove, quando, da chi e a chi? E porca miseria, sta formuletta magica delle balle ormai puzza, mi fate per piacere qualche esempio di quando e dove è successa questa cosa? Di quale "islamico" ha "deciso" cosa e in quale località?
Dio mio, se non è pappagallismo questo, caro, allora non ti rendi conto di quanto sei intimamente condizionato dagli slogan che senti in tv

Vo che faccio tardi sul lavoro, buona giornata a tutti (uff)

il 19 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
dedalus ha scritto:

gli immigrati islamici urinano sui loro monumenti o smerdano i sagrati delle loro chiese…”. La denuncia che ha portato al sequestro del mein kampf fallaciano

Sequestro. Arresto immediato.Fucilazione! (ah no, è già morta).
Bella visione - tutta islamica- della democrazia e della libertà di espressione.
Ovviamente con i soliti giudici compiacenti.

il 19 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
dedalus ha scritto:

"13. pag. 228: ?? lo sai cos?è l?infibulazione? È la mutilazione che i
musulmani impongono alle bambine per impedire loro, una volta cresciute? di
godere l?atto sessuale. È la castrazione femminile che i musulmani
praticano in ventotto paesi dell?Africa islamica, e per cui ogni anno due
milioni di creature muoiono per sepsi o dissanguamento??;"

una delle "falsità" alla base del sequestro..ovviamente è razzismo, no?

il 19 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
alberto biraghi ha scritto:

Spiders: mi stai rompendo le palle. Un conto è manifestare opinioni basate su fatti reali - che sono rispettate anche quando si è in disaccordo-, altro è riempire i thread di stupidaggini volgari e qualunquiste come fai tu. Attribuire l'atto tradizionale (atroce finché si vuole) di una cultura popolare molto specifica al "mondo islamico" dimostra che o sei ignorante o sei in malafede, ovvero vuoi seminare zizzania. In entrambi i casi sei pregato di andare a insudiciare alttrove.

NB: inutile scrivere post deliranti contro la censura, Stalin eccetera in risposta a questo avvertimento, verranno rimossi con regolarità. L'unico feedback accettato è attenersi alle regole, qualunque altra reazione genera l'espulsione.

Spero di essere stato abbastanza chiaro.

il 19 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
geppo il castigatore ha scritto:

"... Lo sai cos'è l'infibulazione?"

Io sì... E, da quel che posso vedere, non e' cosa che si possa dire di tutti...

"È la mutilazione che i musulmani impongono alle bambine per impedire loro, una volta cresciute"

Per l'appunto... Solite roboanti manifestazioni di ignoranza... E' un'usanza tribale diffusa, sia in Africa che in Asia, che non ha alcuna correlazione con la cultura islamica... E' semmai stata mutuata da alcune comunita' islamiche, che non sono tutte, e che non sono nemmeno la maggioranza. Ma e' in uso anche in culture che con l'islamismo hanno poco o nulla a che vedere.

"vi è mai capitato, per caso di sentire i musulmani bestemmiare il nostro Dio e insultare la nostra religione?"

Il problema non e' se li hai sentiti, ma quanti ne hai sentiti, perche', quand'anche ne avessi sentiti una diecina, comprenderai facilmente che non e' indicativo ai fini della tua bella invettiva contro l'islamismo mondiale....

... E' quella che si definisce differenza tra eccezione e regola.

"Loro ci fanno ( e si fanno) le guerre in nome della loro religione fondamentalista e poi quando sono qui avete notato come bevono e come mangiano la carne di maiale?"

Idem come sopra... Fammi un po' capire: stiamo parlando di fondamentalisti, gente capace di farsi saltare in aria per quello in cui crede (o in cui crede di credere), e poi sostieni che infrangono i dettami della religione, per cui sono pronti a morire, nel modo piu' stupido?

Dico: gia' e' grave generalizzare, confondendo, senza nessun riguardo per la verita' o la realta' dei fatti, islamismo integralista ed islamismo ortodosso...

... Ma mettersi pure a fare professione di quella che nella migliore delle ipotesi e' ignoranza, e nella peggiore razzismo, mi pare un po' eccessivo.

il 20 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Black_Eyes ha scritto:

Oriana Fallaci per me resterà per sempre un mito, una donna coraggiosa, che ha detto sempre ciò che pensava senza paure e senza ipocrisie, a differenza di tanti, troppi ipocriti che si dichiarano fintamente pacifisti!
FALLACI PER SEMPRE VIVA NEI NOSTRI CUORI E NELLE NOSTRE COSCIENZE!

il 21 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Umberto ha scritto:

[URL]http://www.canna.hccapa.org[/URL] [URL]http://www.alessandra.hccapa.org[/URL] [URL]http://www.sicilia.opensourceday.org[/URL] [URL]http://www.culo.hccapa.org[/URL] [URL]http://www.egipto.relativo.info[/URL] [URL]http://www.nati.opensourceday.org[/URL] [URL]http://www.relativo.info[/URL] [URL]http://www.opensourceday.org[/URL] [URL]http://www.solitario.relativo.info[/URL] [URL]http://www.gallipoli.opensourceday.org[/URL] [URL]http://www.hccapa.org[/URL] [URL]http://www.lesbo.relativo.info[/URL]

il 21 Settembre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Umberto ha scritto:

[URL]http://www.hccapa.org[/URL] [URL]http://www.culo.hccapa.org[/URL] [URL]http://www.lesbo.relativo.info[/URL] [URL]http://www.canna.hccapa.org[/URL] [URL]http://www.relativo.info[/URL] [URL]http://www.gallipoli.opensourceday.org[/URL] [URL]http://www.opensourceday.org[/URL] [URL]http://www.egipto.relativo.info[/URL] [URL]http://www.alessandra.hccapa.org[/URL] [URL]http://www.sicilia.opensourceday.org[/URL] [URL]http://www.nati.opensourceday.org[/URL] [URL]http://www.solitario.relativo.info[/URL]

Altrove: A - rivista anarchica | Accordo | Anticatechismo | Chan Hon Chung | Ciclistica | Il Deposito | Don Zauker
Gruhn Guitars | Giordano Bruno | Libertaria | Movimentofisso | Brian Setzer | Shel Shapiro | UAAR | Il Vernacoliere