qui giace OneMoreBlog2.31
«Ma io sono fiero del mio sognare, di questo eterno mio incespicare» (Francesco Guccini)
Gabriele Albertini
Premio Calderoli «Poi c'è l'incredibile maleducazione di una persona che fa aspettare la più alta autorità di Milano. Non per me, ma io rappresento i cittadini e mi sento un loro servitore"». Frase straordinaria, premio meritatissimo, sia perché il concetto di "servitore" (cazzarola, un servitore che arriva a portarmi il caffè a 280 all'ora in Porsche era il mio sogno), sia per la valigia di frottole, smentite, avvitamenti, e ignoranza (possibile che nessuno di questi magliari sapesse che il grande Robert non ne vuole sapere da tempo di onorificenze?) che Gabriele e il suo codazzo di portaborse hanno saputo collezionare in poche ore. Sempre sul'argomento, da non perdere l'esilarante lettera aperta del il grande Atomo Tinelli su Progettoincomune.
15.10.04 16:51 - sezione premio Calderoli
il 15 Ottobre 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Antonio ha scritto:

Oggi ero in irc e chiedo ad adellam: ma che scriverà Biraghi sull'ambrogino? R: guarda che c'è già un post.

Vengo a leggere e di nuovo mi chiedo, com'è che non c'è nessun accenno a Bruxelles e la porche? ;))

ciao

il 15 Ottobre 2004 (quando OMB accettava i commenti)
Antonio ha scritto:

Naturalmente porche sta per Porsche.
Cmq le cose sono un filo più complesse, pur non cambiando nella sostanza. Secondo una trovata di Urbani De Niro avrebbe dovuto essere onorificato della cittadinanza italiana. Credo che il ministro l'abbia proposto alla maggioranza che è stata ben lieta di poter avere una nuova occasione di celebrare l'italianità, i nostri connazionali (specie USA) all'estero e di rifarsi un po' di immagine, se proprio non ci riescono con i propri concittadini, fuori patria.
Dopodichè la sparata ha cocciato prima con le procedure burocratiche che pure un atto del genere comporta, poi con le reazioni degli italoamericani che non apprezzano per nulla De Niro e le sue interpretazioni di mafiosi. Vedi anche le dichiarazioni di Fini oltreoceano.
In più De Niro che si era dichiarato entusiasta dopo le polemiche è diventato sempre più tiepido, anche per non prestare il fianco a critiche verso i democratici.
Prima che le cose prendessero questa piega altri si erano preparati ad infilare altre premiazioni nel mucchio in occasione della visita dell'attore: appunto il Comune di Milano su proposta della fondazione Prada e la provincia di Roma.

ciao

Altrove: A - rivista anarchica | Accordo | Anticatechismo | Chan Hon Chung | Ciclistica | Il Deposito | Don Zauker
Gruhn Guitars | Giordano Bruno | Libertaria | Movimentofisso | Brian Setzer | Shel Shapiro | UAAR | Il Vernacoliere