qui giace OneMoreBlog2.31
«Ma io sono fiero del mio sognare, di questo eterno mio incespicare» (Francesco Guccini)
Enrico Morando
Premio Calderoli «Quando si critica Fassino si finisce per sottovalutare la minaccia del terrorismo islamico». Questo straordinario commento, rilasciato a l'Unità di oggi dall'infiltrato di AN nel centro sinistra, è relativo ad alcune considerazioni quantomeno ambigue fatte da Fassino in un'intervista a la Stampa (tipo: «Non c’è dubbio, tuttavia, che quando Bush dice “mi batto perché nei paesi arabi ci siano libertà e democrazia”, questo sia un atteggiamento molto diverso da quello dei democratici americani che, negli anni ‘80, con Kissinger, in nome del realismo politico, sostenevano le dittature militari fasciste in Sud America fingendo di non sapere che torturavano e uccidevano gli oppositori»). Fassino guadagna una pernacchia, mentre a Enrico Morando va il primo Prestigioso Premio assegnato dopo la Grande Emozione conseguente alle paventate dimissioni del Grande Padano.
22.03.05 08:51 - sezione premio Calderoli
il 22 Marzo 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Aleph ha scritto:

Fassino sta seguendo subdolamente il pensiero neodemocristiano/prodiano. Dopo la lettera Dear Mr. President, ora arriva la rivalutazione del Bush pensiero. Dal più grande partito della sinistra italiana, mi sembra davvero troppo.
Sono stranamente d'accordo con Mussi, il quale dice che da comunista era contrario all'esportazione del comunismo sui cingoli russi, "figuriamoci se sono d'accordo ora con la democrazia sulle ali dei bombardieri americani". Non fa una grinza il suo pensiero.
E ha ragione Cacciari a rincarare la dose contro Fassino e i "neodemo" (i.e.: nuovi democristiani): che c'entra oggi tirare in ballo Kissinger? Stiamo parlando di 30 anni fa, con una situzione internazionale totalmente diversa, con la logica del "il nemico del mio nemico è mio amico". Insomma, tutta un'altra storia!

Altrove: A - rivista anarchica | Accordo | Anticatechismo | Chan Hon Chung | Ciclistica | Il Deposito | Don Zauker
Gruhn Guitars | Giordano Bruno | Libertaria | Movimentofisso | Brian Setzer | Shel Shapiro | UAAR | Il Vernacoliere