qui giace OneMoreBlog2.31
«Ma io sono fiero del mio sognare, di questo eterno mio incespicare» (Francesco Guccini)
Claudio Fava
Premio Calderoli «Enzo Bianco era il miglior candidato, il più stimato, il più popolare: ma non è bastato». L'autore di questa frase merita il Prestigioso Premio per essere (delle due l'una) o un incredibile ingenuo o un colossale ipocrita. Infatti scrive anche «Si chiedeva bene ieri Francesco Merlo: dov'è finito il voto operaio dell'unica città siciliana che abbia ancora un residuo di cintura industriale?». Perché di tutti i candidati possibili, Bianco è sicuramente quello che più ha fatto girare i coglioni alla sinistra vera, che si è trovata calato dall'alto un personaggio che molti considerano indecente.

Da l'Unità del 19 maggio 2005

Catania ci manda a dire
di Claudio Fava

Quando si perde, a calcio come in politica, ciascuno possiede una chiave sicura per capire la sconfitta: la formazione, i cambi non azzeccati, il fiato, il gioco scorretto degli avversari. Magari mancava pure l'amalgama… Quando si perde dopo aver conquistato dodici regioni su quattordici. Quando si perde mentre nelle segreterie del centrosinistra già si chiosava sui nomi dei futuri sottosegretari e presidenti di commissione, la sconfitta sa perfino di beffa.
E viene voglia di andarseli a guardare uno ad uno, i falli dell'avversario: Berlusconi che cala a Catania come Creso distribuendo contributi pubblici e privati, il sindaco Scapagnini che inaugura per la quarta volta la medesima rotonda in ferro e cemento, il consueto porta a porta per procacciarsi qualche migliaio di voti sul mercato nero in cambio di telefonini e abbonamenti al satellite (altro che il comandante Lauro, prima del voto la scarpa destra, dopo quella sinistra…). Insomma, il giorno dopo siamo tutti allenatori frustrati, incarogniti e ciarlieri.
Eppure bisogna cominciare a ragionare su questo voto. Anche perché siamo stufi di questa vecchia parodia sulla città sfacciata e strafottente, metà Brancati e metà Sgalambro, sempre un filo sopra le righe nelle urne come nelle risate. A raccontarla così, sembra davvero che Catania viva d'una sua extraterritorialità letteraria, algida e irraggiungibile qualunque cosa accada in terra, come la prima pagina del Times che quando scoppiò la seconda guerra mondiale aprì con i saldi da Harrod's.
Occorre ragionare. Anzitutto su noi stessi. Ovvero sul centrosinistra, che quaggiù invecchia male. Abbiamo aperto e chiuso questa campagna elettorale con gli stessi riti sciamanici che osserviamo da quindici anni: concerto di Franco Battiato in overture, concerto di Carmen Consoli in chiusura. Rigorosamente gratis. Bella musica, canzoni preziose, artisti generosi, piazze piene. E con ciò? Dov'è scritto che chi viene ad ascoltare Battiato si senta poi impegnato a votare per Enzo Bianco e per il centrosinistra? Non accadeva nemmeno ai tempi di Pinochet e degli Inti Illimani: la gente andava ad sentire el pueblo unido e poi magari votava La Malfa.
Siamo invecchiati. Tutti: anche chi scrive. Continuiamo a proporre un'immagine un po' appannata del nostro ottimismo. Ancora una volta abbiamo rispolverato il buon dottor Pistorio, patròn della StMicroeletronics (l'Etna Valley, per capirci…), il nostro rassicurante ambasciatore presso i mitici ceti produttivi. Solo che Pistorio è appena andato in pensione e la St sta smobilitando il suo polo di Catania. Lunedì, mentre le urne certificavano la nostra sconfitta, un'agenzia annunciava il prossimo taglio di tremila posti di lavoro. Prevedibili. Anzi: previsti. Si chiedeva bene ieri Francesco Merlo: dov'è finito il voto operaio dell'unica città siciliana che abbia ancora un residuo di cintura industriale? Bisognerebbe cominciare a chiederlo ai tremila esuberi nell'azienda di Pistorio.
Siamo invecchiati, nel senso che siamo rimasti tra noi, come un circolo dei civili che ad ogni campagna rispolvera i vice, gli ex, i reduci. Una compagnia di gente perbene di cui i giornalisti forestieri continuano a storpiare perfino i cognomi. Da quella parte il vicesindaco in pectore si chiamava Nello Musumeci, dieci anni da presidente della Provincia, 150 mila preferenze alle ultime Europee e lo conoscono pure le pietre. Quanti dei nostri lettori conoscono il nome del vicesindaco proposto dal centrosinistra? Siamo invecchiati sapendo di essere i migliori, i più onesti, i più garbati: gente perbene, appunto. Poi, però, a Librino e nelle altre isole della mesta periferia catanese prendiamo un terzo dei voti del Polo.
Che ha fatto la sua parte, resuscitando le seduzioni e i sorrisi da lupo da vecchia diccì. La deriva autonomista di Lombardo? La terza via? Cosine carine da raccontare agli inviati del nord, quelli in cerca della Baviera siciliana. Lombardo ha semplicemente messo in campo centottanta candidati nel più pittoresco e rabbioso concorso pubblico che si ricordi: a chi passava il turno, tremila euro esentasse garantiti per cinque anni. Credetemi, nessuno dei candidati di Lombardo ha cercato voti parlando di Strauss e della Baviera. Spiegavano tutti, con onesto candore: noi siamo la diccì. Punto.
Che si fa quando gli altri cercano di rimettere in campo la democrazia cristiana? Tiri fuori l'argenteria di famiglia? Aspetti la conversione di Rafè Lombardo? Reciti a memoria i peccati dell'avversario? Enzo Bianco era il miglior candidato, il più stimato, il più popolare: ma non è bastato. Se alla fine ha vinto l'iperbolico e improbabile Scapagnini, non possiamo prendercela solo con i catanesi. Come si dice: occorre rimboccarsi le maniche. Senza far volare gli stracci ma senza neppure consolarsi pensando che, tanto, si sa, Catania è sempre una gran puttana…

19.05.05 11:10 - sezione premio Calderoli
il 19 Maggio 2005 (quando OMB accettava i commenti)
nicola ha scritto:

domanda ingenua:
perché non far volare gli stracci?

il 19 Maggio 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Salvo ha scritto:

Dopo Casson la "nomenklatura" ci ha riprovato imponendo Bianco. Spero abbiano capito la lezione.Qualche errore è comprensibile, vuoi per i condizionamenti della coalizione(unione?), vuoi per insipienza, ma una serie di errori portano allo sfascio. Perchè i catanesi doveno votare per uno ampiamente sputtanato, che ha usato la città come uno strumento per far carriera, e che carriera, roba da macchietta.

il 19 Maggio 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Antonio ha scritto:

Da quel che sono riuscito a capire io Casson è stata la cosa più vicina a un candidato della base che Venezia abbia visto da un pezzo; mentre quella inscenata da Cacciari è stata la cosa più simile a una lotta di potere che sia accaduta recentemente. Ma non torniamo su argomenti chiusi.

Bianco responsabile della sconfitta? Io ci capisco poco di Sicilia e credo che gli stessi isolani abbiano qualche difficoltà a decifrare i sommovimenti di cui è protagonista a ogni tornata elettorale.
Però i numeri li ho letti e mi sembrano incontrovertibili.
Bianco ha preso 45% contro il 40% della coalizione: con una certa dose di approssimazione mi sembra più facile sostenere che abbia portato voti, piuttosto che toglierne.
Ma comunque, c'è un'altro dato su cui totalmente si sorvola: si dice quà e nell'articolo di aprile che questo candidato avrebbe deluso lo zoccolo operaio, la sinistra proletaria. Bene, non fosse per questo piccolo particolare che ds, rifondazione, pcdi hanno preso a Catania sommati insieme appena il 9% dei suffragi. Il 9%, una debacle totale. Roba da stare muti sugli altri (Bianco e margherita che dal loro punto di vista sono andati discretamente) e interrogarsi in cosa si è cannato completamente.

Claudio Fava ci prova a suo modo. Altre spiegazioni viste da dentro di cosa è accaduto sarebbero utili.

ciao

Altrove: A - rivista anarchica | Accordo | Anticatechismo | Chan Hon Chung | Ciclistica | Il Deposito | Don Zauker
Gruhn Guitars | Giordano Bruno | Libertaria | Movimentofisso | Brian Setzer | Shel Shapiro | UAAR | Il Vernacoliere