qui giace OneMoreBlog2.31
«I'm a picker, I'm a grinner, I'm a lover and I'm a sinner, play my music in the sun» (Steve Miller)
Emanuele Macaluso
Premio Calderoli «E' legittimo e importante rileggere la storia politica di Bettino attraverso contributi di persone fuori dalla guerriglia che imperversava nella diaspora socialista. Non si tratta di un neutralismo passivo, ma di un impegno politico-culturale volto a far prevalere, nella complessa personalità di Craxi, l’uomo politico e lo statista che contribuì a riproporre il socialismo democratico e a dare al paese un governo che ha segnato positivi risultati». A quando un convegno per definire la "complessa personalità" di Al Capone, Totò Riina e altri banditi del calibro del ladrone socialista che anziché affrontare le sue gravi responsabilità preferì crepare da latitante (di lusso, coi quattrini nostri)? Per queste considerazioni squallide e opportuniste assegnamo a Emanuele Macaluso il Prestigioso Premio Verde del Primo Sabato settembrino.
03.09.05 08:52 - sezione premio Calderoli
il 08 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Nanerottolo ha scritto:

Roba da pazzi!
Risultati positivi...
Riprosto il socialismo democratico....
Personalità complessa...
E ne sembra convinto... Dare piena legittimità ad una prassi (incarnata da un uomo e da lui portata alla sua massima applicazione) che era la più pura degenerazione dei sistemi "democratici rappresentativi". Di cui noi italiani, ovviamente, siamo stati i maestri ed i più illustri precursori.
Purtroppo la detta prassi è ben lungi dall'essere un lontano ricordo, ma volerla legittimare "beatificando" il suo più tenace e scrupoloso araldo, E' TROPPO.
Ben venga il Calderolone per Macaluso (sarebbe meglio istituire un bel Calderone pieno d'acqua e odori e tenerlo sopra un bel fuoco... e via via metterci a lessare qualuno...)

il 12 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Eredith ha scritto:

Credo che il commento di Macaluso (uno degli uomini più lucidi della corrente amendoliana del vecchio PCI e adesso l'unico opinionista politico che non sparge banalità sui giornali italiani) sia pienamente condivisibile. Sarebbe il caso che la sinistra italiana,nel giudicare l'esperienza politica di Bettino Craxi, debba separare quelle che sono state le innovative intuizioni del leader socialista dalle vicende giudiziarie che l'hanno coinvolto. Come può una sinistra di governo dimenticare la dottrina dei "meriti e bisogni" della Conferenza programmatica del PSI a Rimini? Ricordare l'elaborazione politica craxiana significa rendere credibile l'idea che, finalmente, dopo anni di arrendevolezza all'avventurismo pseudorivoluzionario e al finto progressismo clericale, possa essere un nucleo liberalsocialista, riformista e laico a conquistare l'egemonia nella sinistra italiana.

il 12 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
antonella ha scritto:

lascia perdere il politichese e parla italiano ,se no l'alberto ti assegna il premio calderoli per la letteratura .
quanto alle "sue innovative intuizioni " le stiamo ancora pagando .

il 12 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
sensi ha scritto:

L A D R O !
grandi intuizioni politiche...
L A D R O !
grande carisma...
L A D R O !
la maddalena...
L A D R O !
meriti e bisogni...
L A D R O !
....

Altrove: A - rivista anarchica | Accordo | Anticatechismo | Chan Hon Chung | Ciclistica | Il Deposito | Don Zauker
Gruhn Guitars | Giordano Bruno | Libertaria | Movimentofisso | Brian Setzer | Shel Shapiro | UAAR | Il Vernacoliere