qui giace OneMoreBlog2.31
«A politician, you know the ethics those guys have. It's like a notch underneath child molester» (Woody Allen)
Peppino Caldarola
Premio Calderoli A proposito degli schiaffoni di Caselli: «Indubbiamente ci sono lettori che soffrono di bulimia da manette. Sia chiaro che non chiedo la testa di Travaglio e l'Unità può tenerselo stretto, tanto io il giornale manco lo sfoglio, semmai lo faccio leggere ai miei avvocati». Peppino Caldarola (quello che l'Unità la accompagnò per mano nella fossa) è talmente incazzato del successo di un giornale che non dà dare voce solo alla "banda D'Alema" come invece farebbe lui da perdere il controllo e scadere nel padanismo più genuino. Si becca quindi il Prestigioso Premio Padano nella speciale Edizione Riformarola, con l'aggiunta di una Prestigiosa Pernacchia da questa Autorevole Giuria per aver pronunciato, con la frase sugli avvocati, la "berlusconata dell'anno". Ma va là...

dal Corriere del 4 ottobre 2005

Caldarola attacca Caselli
Su Travaglio ha sbagliato, la nostra amicizia finisce qui
L' esponente ds: lui e Marco una coppia stucchevole di Livia Michilli

Parla con voce bassa e pacata ma Peppino Caldarola è arrabbiato. Molto arrabbiato. Precisamente è «incazzato come una iena». Ce l'ha con Gian Carlo Caselli che ieri, su l'Unità, lo ha attaccato per le critiche a Marco Travaglio: «Caro Caldarola, hai torto» scriveva il Procuratore generale di Torino cui non è affatto piaciuto che il deputato diessino sul Corsera abbia definito Travaglio «una specie di pm che usa il randello al posto della penna». Caldarola in verità vorrebbe metter fine al battibecco, se non altro «per non fare ulteriore pubblicità a Travaglio - spiega - che si inventa questi casi solo per stare sui giornali». E però i buoni propositi vanno a farsi benedire non appena lo sguardo gli ricade sullo scritto di Caselli: «Un intervento patetico e inaccettabile. Altro che caro Caldarola, la nostra amicizia finisce qui».

Caselli dice che i suoi giudizi su Travaglio sono ingiusti e sbagliati.
«Questa affettuosissima tirata difensiva è patetica e di cattivo gusto. La coppia di fatto Travaglio-Caselli è diventata stucchevole: se critichi uno, l' altro ti rovescia addosso una caterva di insulti. Ho criticato Travaglio perché si comporta come un pubblico ministero e l'assunto è diventato che se critichi Travaglio critichi i pm».

Si riferisce all' accusa che Caselli le muove di aver accennato ai pm in maniera spregiativa?
«Nel suo articolo tira in ballo i pm ammazzati dal crimine organizzato e questa è una scorrettezza morale senza precedenti. Io ho sempre difeso Falcone e Borsellino, anche quando alcuni magistrati non lo facevano, e come editorialista de l' Unità ho scritto molto sui temi di mafia».

Dunque nessun intento denigratorio?
«Ma figuriamoci! Caselli vuole imporre un modello comportamentale in base al quale o aderisci a qualunque posizione prendano i pm, o sei uno che vuole abolire la categoria e non è davvero il mio caso. Tra l' altro ho ottimi rapporti con molti di loro: insieme a Nichi Vendola ho sostenuto contro tutti la candidatura di Michele Emiliano a sindaco di Bari e conosco molto bene Pietro Grasso, il miglior Procuratore capo che c' è».

E col procuratore di Torino in che rapporti è, o forse dovrei dire era?
«Tra noi ci sono sempre state stima e amicizia. Quando dirigevo l' Unità l' ho aiutato molto, l' ho strenuamente difeso in tutta la sua difficilissima vicenda palermitana. E ora tutto va a pallino perché mi sono "permesso" di difendere Giovanni Floris dagli insulti di Travaglio!».

Un' amicizia finita ieri a pagina 28...
«L' articolo di Caselli è inaccettabile, mi ritengo offeso. Il nostro rapporto si chiude qui».

Lei ha detto che se fosse ancora alla guida del quotidiano ds non farebbe scrivere Travaglio. Un ragionamento «alla Tafazzi» secondo Caselli visto il successo che riscuotono i libri e gli articoli del giornalista.
«Indubbiamente ci sono lettori che soffrono di bulimia da manette. Sia chiaro che non chiedo la testa di Travaglio e l' Unità può tenerselo stretto, tanto io il giornale manco lo sfoglio, semmai lo faccio leggere ai miei avvocati. Però non accetto che mentre lui ha libertà di insulto, nessuno invece può muovere una critica a lui».

Ha anche detto che Travaglio usa la penna come un randello e l' equazione a Caselli non è piaciuta. Conferma?
«Certo che sì, basti pensare a come ha massacrato non solo Floris, ma anche Ritanna Armeni. Quello di Travaglio è un giornalismo embedded, al seguito di una parte della magistratura. Io preferisco i cronisti indipendenti».

Il presidente della Rai Claudio Petruccioli si è rifiutato di partecipare al convegno di MicroMega cui prendeva parte Travaglio, spiegando che si trattava di «un processo sommario». Condivide?
«Ha fatto bene. Non capisco perché una persona debba sottoporre la propria professionalità all' esame di un plotone d' esecuzione».

06.10.05 10:06 - sezione premio Calderoli
il 06 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Q ha scritto:

Un servo.

il 06 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Davide ha scritto:

"Quello di Travaglio è un giornalismo embedded, al seguito di una parte della magistratura. Io preferisco i cronisti indipendenti"

Solo per questa affermazione, squallido esempio di "rovesciamento della realtà", il premio è più che meritato. A maggior ragione perchè la perla non ci è regalata da uno dei soliti noti in cravatta verde.

Caldarola (si notino le inquietanti assonanze con Colui a cui il Premio è intitolato) è uno di quei piccoli uomini che non concepisce che si possano prendere le difese di una persona per questioni di principio, e non solo per interessi di parte...

il 06 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
tonii ha scritto:

ma quanto tempo ci vuole ai diesse per cacciare dal partito i servizievoli sgherri del berlusca?

il 06 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
jello ha scritto:

"per cacciare dal partito i servizievoli sgherri del berlusca"
caldarola tanto è abituato ad essere cacciato:
dice peppino in un' intervista di C.S.Fioretti:
"Questa esperienza l’ho vissuta. Da ragazzo fui cacciato da un gruppo trotzkista che avevo fondato io. Mi cacciò mia sorella. Venne con degli amici a casa mia e mi comunicò l’espulsione. Poi disse: “È tardi. Si cena?”».
E tu?
«Li cacciai tutti quanti da casa! Altro che cena»."

il 06 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Maria Josè ha scritto:

Leggere Caldarola, Velardi, e tutta quella cricchetta mi provoca quasi più disgusto del leggere le novene di Ferrara.

Maria José

il 06 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
danjar ha scritto:

Bravo Davide!!
"Quello di Travaglio è un giornalismo embedded, al seguito di una parte della magistratura. Io preferisco i cronisti indipendenti" è un'autentico rovesciamento orwelliano della realtà.
Il comportamento di Caldarola fa schifo, e non lo dico come insulto... Lo schifo lo sento davvero!

il 06 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
darth wanax ha scritto:

Ma quanto è stronzo Caldarola????

Altrove: A - rivista anarchica | Accordo | Anticatechismo | Chan Hon Chung | Ciclistica | Il Deposito | Don Zauker
Gruhn Guitars | Giordano Bruno | Libertaria | Movimentofisso | Brian Setzer | Shel Shapiro | UAAR | Il Vernacoliere