qui giace OneMoreBlog2.31
«I'm a picker, I'm a grinner, I'm a lover and I'm a sinner, play my music in the sun» (Steve Miller)
Carlo Monguzzi
Premio Calderoli «La sua è una scelta non opportuna» è la frase con cui Carlo Monguzzi (leader dei Verdi milanese) ha commentato candidatura di Michele Sacerdoti alle primarie del centrosinistra per l'elezione del sindaco. Alla faccia del verde, il capoccia dei Verdi ha deciso di sostenere Bruno Ferrante (un personaggio che il verde non ha idea di dove stia di casa, a differenza di Corritore, Fo e Milly). Ora che anche Michele Sacerdoti (persona squisita, colta, competente, perbene, ciclista) si candida, per dare il suo contributo alla "festa della democrazia" (parole loro, non nostre), anziché gioire, il Monguzzi stigmatizza. Senza spiegare. Lasciando spazio a tristi illazioni su motivi di bassa opportunità politica e di poltrona. Pertanto, dopo aver letto cotanta frasaccia, superata la legittima incazzatura, questa Autorevole Giuria decide di fare una risata sulla miseria della politica ed esorcizzarla assegnando al cosiddetto verde Carlo Monguzzi il Prestigioso Premio Calderoli (che è di un verde molto meno "sostenibile").
05.12.05 01:51 - sezione premio Calderoli
il 05 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
danjar ha scritto:

Oh mamma mia caro alberto...
La frase di Monguzzi è un'opinione personale (rispettabilissima) che tu riteni motivata da "bassa opportunità politica e di poltrona" per una tua personalissima opinione, altrettanto rispettabile ma niente affatto provata. Non mi sembra proprio che si tratti di una scemenza degna del prestigioso Premio Calderoli, soprattutto se consideriamo che la citazione completa della frase di Monguzzi, presa dallo stesso sito che tu segnali, è "scelta non opportuna, ma rispettiamo fino in fondo la sua decisione" (la parte che hai tolto non è a mio parere secondaria...) Possiamo anche ricordare quanto Monguzzi espresse già in passato (circa "l'unico modo per scegliere il candidato sindaco"): le Primarie "senza veti per nessuno"...
Per carità caro alberto, il blog è tuo e ci scrivi ciò che vuoi, tuttavia riportare le affermazioni di Monguzzi in modo parziale e accusarlo di averle fatte "senza spiegare", per poi astenersi dallo spiegare perché mai l'uscita di Monguzzi debba per forza giustificare le "illazioni" di cui parli... Be', tutto questo fa venire (perlomeno) qualche dubbio!

il 05 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
alberto ha scritto:

1) mi sembra che ci sia il link all'articolo. Dove sta la parzialità?
2) ritengo una scemenza (per non dire di peggio) la framentazione dei verdi, in cui un Monguzzi sostiene a spada tratta il candidato dei partiti, una Moratti si presenta candidata, un Sacerdoti pure. Assurdo.
3) le primarie hanno veti eccome. Non diretti e trasparenti (non è nei costumi dei politici itagliani), ma evidentissimi nei fatti (vedi firma unica per l'accesso alle primarie). A Michele Sacerdoti - che da non-elettore dei verdi ritengo una risorsa importante - di fatto l'accesso è precluso.

Infine: ci ho pensato e ripensato, ma non capisco quali possano essere i dubbi che questo Prestigioso Premio fa nascere. Boh?

il 05 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Carolina ha scritto:

boh. però devo dire che il titolare ha alcune abilità alquanto strane, tipo di suscitare, invece, uscite intelligenti da parte di Capezzone. :-) Quando se ne è uscito con l'ultima sua della serie della vergogna, :-) l'esponente radicale gli ha detto: "Ma bene, dia il buon esempio, cominci a sperimentare su se stesso". :-)))
Carolina

il 06 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
danjar ha scritto:

1) Ehi, non ho detto che ci fosse parzialità (e nemmeno "disonestà"): intendevo dire che la frase omessa sia importante per capire cosa Monguzzi intendesse dire con la frase "premiata".
2) La frammentazione dei Verdi (di cui, tra l'altro, non è che m'importi granchè) sarà pure una scemenza; non capisco però come questo abbia a che fare con la frase di Monguzzi, che magari intendeva esprimere (addirittura) lo stesso concetto ("è inopportuno che i Verdi si dividano"...)
3) Ammetto di non conoscere il meccanismo delle primarie, comunque anche i suoi eventuali difetti mi sembrano solo vagamente imputabili a Monguzzi e scarsissimamente collegabili alla frase premiata. Inoltre le tue argomentazioni, alberto, mi sembrano in contraddizione tra loro: ma come, i Verdi non devono frammentarsi ma guai se il loro "terzo" candidato è "di fatto" escluso? Che deve fare il povero Monguzzi, bidonare all'improvviso Ferrante e far rapire Milly Moratti, in modo da avere finalmente un solo candidato dei Verdi? Così, tanto per sollevare la politica dalla sua miseria??...
Il mio "dubbio" è semplicemente che il prestigioso Premio sia stato assegnato un po' frettolosamente e con motivazioni un po' deboli (vedi tutto quanto sopra). Se poi mi sbaglio (in effetti sono un po' un rompib- ehm, un criticone) se mi sbaglio pazienza... Non smetterete di mangiare perché a me vengono dei dubbi, no? ;-)
P.S.: a scanso di equivoci preciso di non essere un amico di Monguzzi (e non sono nemmeno Monguzzi...) Anzi, di lui so poco e mi importa ancora meno! È il prestigio del Premio che mi sta tanto a cuore...

il 06 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
dedalus ha scritto:

Questa sì, che è sinistra!

Credo che Milano debba considerare l'ambiente come una risorsa e non come un problema da risolvere di volta in volta. Temiamo sempre, a torto, che la cultura ambientalista possa essere un freno all'economia.
In Milly Moratti ho sempre visto intrecciarsi il rispetto per l'ambiente e la conoscenza delle nuove tecnologie, come mezzo per gestire veramente in modo ecologico ed economico le risorse.
Credo che la sua disponibilità attuale sia da valorizzare come un'espressione di quella parte della città che ha un grande desiderio di sviluppo e di progettualità.


Marco Tronchetti Provera

il 06 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Carolina ha scritto:

Dedalus, Milly in effetti personalmente non l'ho mai sopportata né considerata proprio di sinistra come intendo io. Comunque MTP è stronzo di suo, non ha certo bisogno di esternare su di lei o sull'ambiente.
Carolina

il 06 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Pierfrancesco Majorino ha scritto:

Massima solidarietà al compagno monguzzi vittima della censura autoritaria biraghiana.
Carlo : puoi fare di meglio io, di calderoli, ne ho due.
Sacerdoti : in bocca al lupo.

il 06 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
dedalus ha scritto:

Dedalus, Milly in effetti personalmente non l'ho mai sopportata né considerata proprio di sinistra come intendo io. Comunque MTP è stronzo di suo, non ha certo bisogno di esternare su di lei o sull'ambiente.

Guarda che la dichiarazione di MTP apre il sito elettorale della Milly..(prego controllare)

il 06 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
danjar ha scritto:

"la dichiarazione di MTP apre il sito elettorale della Milly" (prego controllare)
Controllato... L'è minga véra! (traduzione: "non è vero!")
Il "sito elettorale della Milly" è aperto da un'arancia (molto meglio di MTP, comunque) e, cliccando su un altro po' d'arance si arriva semmai sui contatti del "Comitato Milly Moratti".
La dichiarazione di MTP è semmai nella sezione "il mondo di Milly", peraltro assieme a quelle di Lella Costa, Beppe Grillo, Carmen Covito, Jovanotti, Gino Strada, Giogio Bocca e altri, e a collegamenti a "sostenitori" come WWF, Greenpeace, Emergency, Ligabue, Piero Pelù, l'Inter...
È vero che è una pagina orripilante, bisogna tuttavia ammettere che è sempre meglio de "le ricette di Milly" (nessuna "metafora", sono proprio ricette da cucina...)

il 06 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
dedalus ha scritto:

Sempre dall'ameno mondo di Milly (ha ragione danjar, non apre il sito ma una sezione del medesimo):

Chi pensasse a Milly Moratti come a una ricca signora da salotto milanese che si dedica per hobbi all'attività sociale, si sbaglierebbe di grosso.
Milly è una guerriera che riesce a essere il perno di una grande famiglia e che deborda da essa in un vasto ambito sociale con le sue idee, i suoi principi, la sua straordinaria capacità di impegno, senza fermarsi mai. I fini che Milly persegue senza la minima retorica sono quelli di una vita più umana, più equilibrata, meno volta al concetto del business fine a sé stesso, rispettosa dell'immenso patrimonio della natura che l'uomo deve condividere con tutte le creature viventi. Non sono utopie. Ma motivi di lotta. Senza illusioni: ma con la garanzia della buona fede e di una volontà inflessibile.

Candido Cannavò

Ambiente e olio nero, un mix esplosivo?

il 06 Dicembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Carolina ha scritto:

ok posso controllare. in ogni caso non la voto. però non intendo andare oltre i miei pareri personali. non la conosco così bene da poter mettermi a far campagna pro o contro e poi sarebbe incoerente visto che mi lamento sempre quando il centrosx fa le figure da cioccolataio per via delle sue divisioni.
per quello che il mio parere personale possa mai valere, a pelle non mi piace, non capisco una mazza di quello che dice o anche solo dell'importanza che abbia nell'universo cosmico (il car sharing e il car pooling, per esempio, mai capita la differenza per suo sommo sdegno, :-) e non mi pare di per sé un programma) e ho sentito un suo comizio che era un delirio unico.
Carolina

il 19 Aprile 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Nicolò87 ha scritto:

sono sconfortato..e la milly moratti dovrebbe rappresentarmi?sono andato a sentirla parlare e sono rimasto senza parole..io sarò anche maligno ma come si fa a pensare di distribuire a tutti i cittadini-ciclisti un paio di guanti(uno rosso e uno verde)per prendere la precedenza in strada(alzando il guanto rosso con scritto "STOP")e poi dopo aver preso la precedenza alzare il guanto verde con scritto "GRAZIE"?poi ha parlato di voler mettere internet sugli autobus e sui tram..a questo punto mi è venuto in mente un'ipotetico computer installato sulla 90 che prendo la mattina.é un progetto demenziale.Non si può installare un computer dentro un autobus affollato!o lo distruggono pezzo per pezzo o(nel caso piu plausibile)verranno rubati i suoi pezzi oppure nel caso piu positivo creerebbe solo gravi disagi ai viaggiatori.Una persona che dice cose del genere nn penso consoca davvero la città e sia in grado di gestirla adeguatamente,nn penso la conosca come la conosce qualsiasi altra persona della metropoli!ha proposto di riutilizzare le biciclette in deposito dell'AMSA come "risciò",quindi con funzioni da taxi,per battere il problema della disoccupazione.Dopo questa nn dico altro.Secondo me dobbiamo trovare gente piu giovane,con un pò di sale in zucca e che conosca oltre a via della spiga e via montenapoleone altre zone meno fortunate di quelle.cordiali saluti

Altrove: A - rivista anarchica | Accordo | Anticatechismo | Chan Hon Chung | Ciclistica | Il Deposito | Don Zauker
Gruhn Guitars | Giordano Bruno | Libertaria | Movimentofisso | Brian Setzer | Shel Shapiro | UAAR | Il Vernacoliere