qui giace OneMoreBlog2.31
«A politician, you know the ethics those guys have. It's like a notch underneath child molester» (Woody Allen)
Vittorio Feltri
Premio Calderoli «Non saremo politicamente corretti, ma a noi i metalmeccanici stanno sul gozzo. Devono smetterla, subito, di rendere difficile la vita ai cittadini che con la vertenza non c'entrano un tubo. Le tute blu, e scusate la terminologia da anni Settanta, se la prendano pure con i "padroni delle ferriere", scioperino, vadano in piazza con il tradizionale corredino di bandiere rosse e striscioni recanti slogan ammuffiti; massì, gli concediamo anche qualche sit-in sui prati della periferia». Da Libero del 17 gennaio 2005. Questa Autorevole Giuria riunita in Seduta Plenaria ha dovuto riflettere a lungo per decidere se assegnare a questo fetido individuo il Prestigioso Premio Verde o se limitarsi a relegarlo in una delle "sezioni infami" (la faccia come il culo, libero si fa per dire, eccetera). Finalmente, dopo ore di travaglio e abbondanti libagioni, la Giuria ha deciso di assegnare il Premio Calderoli con la seguente motivazione: per aver ricordato alle persone perbene che per quanto siano cialtroni dalla nostra parte, quelli dell'altra parte lo sono sempre e comunque molto di più.
18.01.06 19:41 - sezione premio Calderoli
il 18 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Claudio ha scritto:

Feltri crumiro di merda

il 19 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
etabeta ha scritto:

Poverino, magari se lo toccano gli sporcano la giacchettina.
Credo che Feltri rappresenti il peggio del giornalismo italiano, e non lo credo da oggi.
Come li chiamavano una volta, pennivendoli?

il 19 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
darth wanax ha scritto:

Sembra che stia parodiando "Contessa"...

il 19 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Adimant ha scritto:

La libertà di parola è una conquista troppo grande per lasciarla in mano a merde come Feltri.

il 19 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
danjar ha scritto:

Sono d'accordo con Feltri contro le proteste che danneggiano gli altri cittadini. Bloccare strade o ferrovie trasforma una vertenza sindacale in un problema di ordine pubblico e penalizza soprattutto chi non c'entra nulla. Noi lavoratori dovremmo accettare l'idea che, come in passato, se vogliamo qualcosa dobbiamo unirci e lottare duramente per ottenerlo. Il "ricatto" dell'interruzione dei servizi ai cittadini, ammesso poi che funzioni veramente, consiste di fatto nel costringere altri innocenti a pagare il prezzo di quello che si ottiene.
Detto questo aggiungo che il resto delle affermazioni di Feltri è abominevole. Il prendersela pure con i "padroni delle ferriere" non è certo una gentile concessione (di Feltri, poi!) ma un diritto. Il tradizionale corredino, gli slogan ammuffiti e (di nuovo) la concessione dei sit-in sono espressioni volgari e presuntuose: le lotte sindacali degli scorsi decenni hanno contribuito a distribuire la ricchezza prodotta nel paese, migliorando la vita dei cittadini, anche se "capisco" che qualche malinteso "imprenditore" possa aver tanto sofferto per non aver potuto invece far scrivere numeretti più grandi nei suoi conti alle Bahamas; "capisco" anche che il pennivendolo Feltri, in quanto agente prezzolato dei "padroni[1]", faccia la sua becera propaganda, tuttavia potrebbe almeno tentare di farlo con più stile e intelligenza!
[1] Notare che padroni è qui utilizzato per quegli individui che si sentono superiori e (appunto) padroni dei lavoratori che impiegano nelle aziende di loro proprietà; questa gente non ha nulla a che vedere con la nobile categoria degli industriali, specie mitica che si dice esiste o sia esistita all'estero...

il 19 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Adimant ha scritto:

Nel momento in cui proteste civili con metodi classici si sono susseguite per mesi senza alcun risultato (periodicamente durante tutto l'anno di contrattazione sul contratto dei metalmeccanici - perchè il contratto era scaduto nel 2004 - gli stessi hanno scioperato astenendosi dal lavoro, solo che a nessuno gliene è fregato niente perchè non andavano a blocare le strade), i metalmeccanici hanno giustamente alzato il tiro per portare il problema all'attenzione del pubblico e fare pressione sulla controparte: non è ricatto,è semplicemente strategia di lotta per i propri diritti. Se poi si dimenticano così facilmente le lotte sindacali degli anni '50 e '60 che ci hanno portato al livello di benessere attuale, non so cosa dire...
Ben vengano quindi disagi ai cittadini e blocchi della circolazione se servono per garantire ai lavoratori il sacrosanto rispetto dei propri diritti.

il 19 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
danjar ha scritto:

I metalmeccanici provassero ad esempio, tutti uniti, a fare dei sacrosanti scioperi a scacchiera, anche per settimane di fila (impatto sulle retribuzioni ridotto, impatto sulla produzione massimizzato).
Oppure facciano qualcos'altro, ci vuole solo fantasia: in ogni caso le industrie senza di loro non funzionano...
Se tutti i metalmeccanici d'Italia facessero lotta dura la Federmeccanica si precipiterebbe a firmare il contratto, altro che rompere i maroni per non dare cinque euro e cinquanta in più a gente che lavora...

il 21 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Claudio ha scritto:

Da Il Manifesto di ieri

La metà del valore
PAOLO ANDRUCCIOLI
La classe operaia non c'è più. Sono tanti anni che lo dicono e i discorsi sulla centralità sono archiviati nei libri di archeologia industriale e di storia del pensiero politico. E' indubbio che il post è (sarà) la società dei servizi. Ed è indubbio il peso - sarebbe meglio dire la leggerezza - dell'immateriale. Eppure fa impressione scorrere i dati sull'industria metalmeccanica e quindi sui protagonisti di una vittoria che ha costretto a un ripensamento un gruppo di industriali molto risoluti. L'industria metalmeccanica realizza più del 40 per cento del valore aggiunto di tutta l'industria manifatturiera italiana. Gli addetti al settore rappresentano quasi il 42 per cento dell'occupazione nei settori della produzione. I metalmeccanici producono ogni giorno nelle diverse aziende (grandi, piccole, medie, multinazionali o perfino cooperative, se non artigiane) il 50,3 per cento di tutte le esportazioni nazionali. Chi conosce il sistema italiano sa bene, dunque, cosa c'è dietro quegli strani personaggi che hanno bloccato strade e stazioni ferroviarie e contro i quali commentatori scandalizzati (meno del solito a dire il vero) hanno inveito in questi giorni.

il 22 Gennaio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
SatFab ha scritto:

Non mi meraviglierei più di tanto di affermazioni del genere. Spero una cosa sola, che le persone che ascoltano questo tipo di cose valutino fino in fondo tutte le varie problematiche sociali con la propria testa, e non superficialmente.

il 27 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
King of nothing ha scritto:

Un vero uomo non inFELTRIsce mai!

il 02 Marzo 2006 (quando OMB accettava i commenti)
alessio ha scritto:

siete tutti arrabbiati perche feltri dice la verita...la verita fa male.leggere le parole di feltri mi fanno venire in mente pasolino e valle giulia.nn rimaniamo ciechi,cerchiamo di capire tutte e due le parti.metalmeccanici ok,le vostre richieste sono sacrosante.ma se foste voi gli imprenditori che hanno a che fare con loro.nn tutti hanno il conto alle bahamas.la maggior parte suda e lavora molto piu degli stessi suoi dipendenti.provate a ragionare su questo

il 18 Aprile 2006 (quando OMB accettava i commenti)
luigia ha scritto:

si insulta feltri,lo si chiama pennivendolo,perchè ha scritto quello che pensava,senza indorare nulla,io trovo piu becere,meschine e volgari,le persone che girano tanto intorno a qualcosa e poi,ma smettiamola,ha ragione,gli scioperi fatti in maniera seria nn sno mai stati contestati da nessuno,ma quando lo sciopero penalizza altre persone,quando per ottenere qualcosa si viola il diritto altrui è una cosa vergognosa è uno sporco ricatto..ma tant'è, quelli che probabilmente hanno scritto tutta questa bella roba,sno personaggi 'devoti'alla lotta..continua..alla falce e martello,al togliere ai ricchi per dividere equamente..ma cosa?quello che uno si è costruito?ma andate a spazzare il mare..compagni!e qui ci vuole come il pane..di merda!

il 13 Maggio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Sauro Burnelli ha scritto:

Cari tutti coloro che leggono con locchio sinistro meno male che abbiamo un Feltri altrimenti la democrazia e il gusto della lettura andrebbe a pallino ve lo immaginate un giornale di Fassino ha ha ha allora si che sarebbe divertito dopo le passate elezioni qui all estero sarebbe dura senza una opinione sana e confortante come quella,checche se ne dica,di un grande Feltri(complimenti davvero).

il 29 Ottobre 2006 (quando OMB accettava i commenti)
roberto ha scritto:

GENTILE DR. FELTRI. SONO UN EX CAPOSTAZIONE DELLA METROPOLITANA DI MILANO ORA IN PENSIONE.SONO DELLA CLASSE 1950 E VORREI TANTO CONOSCERLA PERCHE' LEI E' RIMASTO L'UNICO UOMO ONESTO E SINCERO.NON SI PREOCCUPI DI CHI LA INSULTA DANDOLE DELLA " merda " SI SA CHE QUEI POVERI CIALTRONI DELLA SINISTRA, DA QUANDO SONO AL POTERE NON SI E' VISTA PIU' NESSUNA MANIFESTAZIONE CON SCONTRI DI PIAZZA.E NON CI SONO NEMMENO PIU' QUEI DELINQUENTI DEI CENTRI SOCIALI IN GIRO AL SABATO A FAR LE LORO SCORRIBANDE. CI SAREBBERO TANTE LOTTE DA FARE :CONTRO LA SINISTRA,I MUSULMANI,I CLANDESTINI, E QUESTA SINISTRA VERAMENTE DI MERDA CHE LI ACCOGLIE A SPESE DEGLI ONESTI ITALIANI E CHE SARANNO IL LORO SERBATOIO DI VOTI.LE RINNOVO IL MIO AUGURIO DI PROSEGUIRE SULLA SUA STRADA CHE SIAMO IN TANTI A PENSARLA COME LEI. IO DA BUON CREMASCO GRADIREI INCONTRARLA PER POCHI MINUTI ANCHE PERCHE' VORREI REGALARLE DUE MIEI LIBRI DI POESIE SCRITTE IN ITALIANO E IN MILANESE. RISPECCHIANO LA MIA VITA PARTENDO DAL 1983 QUANDO HO PERSO IMPROVVISAMENTE MIA MOGLIE DI 31 ANNI PURA BERGAMASCA DI MARTINENGO. IN TUTTO SONO 300 POESIE. NON SONO IN VENDITA PERCHE' SONO MOLTO INTIME. CONFIDO MOLTO NELLA SUA SENSIBILITA' NELLO SCRIVERMI. SE NON MI VORRA' RICEVERE PER I SUOI GRAVOSI IMPEGNI, MI FACCIA SAPERE SE HA RICEVUTO QUESTA MIA E-MAIL. ARRIVEDERCI GRANDE MAESTRO DI VITA.

ROBERTO DI GORGONZOLA.

il 09 Gennaio 2007 (quando OMB accettava i commenti)
Fabio Negro ha scritto:

Ricordatevi bene che il razzismo di ieri è la discriminazione del pensiero di oggi. Feltri può dire tutto quello che vuole. Oltretutto dice delle cose vere, per cui vergognatevi. Assegnate questi "premi" fasulli ai vostri giornalisti di partito, che infagottano la gente ingenua di balle e travisano quotidianamente la realtà. Libero è un giornale tale.

il 10 Gennaio 2007 (quando OMB accettava i commenti)
geppo il castigatore ha scritto:

"Libero è un giornale tale."

Sarei tentato di speculare sull'oscuro senso di questa ermetica chiusa del suo pensiero, signor Negro, ma mi trattengo...

... Mi chiedo pero' cosa lei intenda quando parla di giornali che "infagottano la gente ingenua di balle e travisano quotidianamente la realtà", quando poi scagiona un giornale "tale" come Libero, sul quale scrive un "tale" Renato Farina...

... A meno di non supporre che le sia "inspiegabilmente" sfuggito il non proprio trascurabile clamore suscitato dal caso giudiziario che il suddetto ha coinvolto.

Per concludere in maniera meno astratta di lei, mi conceda di aggiungere che sì, probabilmente Feltri puo' dire quel che vuole...

... E, sicuramente, sulla base del medesimo diritto, io posso mandarlo a remengo perche' ritengo quel che dice un'interminabile ed estenuante teoria di idiozie. E, come me, qualunque altro lettore che ritenga di pensarla in maniera analoga.

Sarebbe razzismo (di ieri) o discriminazione (di oggi) questa? Mah, le diro', io ricordavo che in Italia questa si definisse ancora "liberta' di espressione".

il 17 Gennaio 2007 (quando OMB accettava i commenti)
Il Signor Tasso ha scritto:

Libero è un giornale di MERDA che trasuda egoismo sociale, ignoranza e demagogia.
Vittorio Feltri ne è il degno direttore...

il 12 Febbraio 2007 (quando OMB accettava i commenti)
eligio ha scritto:

ho sentito la dichiarazione rilasciata da Feltri dopol'annuncio dell'arresto dei nuovi brigatisti, nessuna polemica con questo o quel governo ha centrato perfettamente il tema ringraziando ed apprezzando la nostra POlizia. Tanto di cappello e al diavolo questi parlamentari di destra faziosi e cercagrane.

il 22 Febbraio 2007 (quando OMB accettava i commenti)
Nicolo' ha scritto:

Chissà che lo trovino davvero le br!! Così poi lo champagne lo apro io! Feltri carogna!

il 22 Febbraio 2007 (quando OMB accettava i commenti)
francesco ha scritto:

il tappo di berlusconi ficcatelo in culo pezzo di merda di fascista altro che libero .....

il 22 Febbraio 2007 (quando OMB accettava i commenti)
antonella_c ha scritto:

non lo possono radiare ?

il 28 Febbraio 2007 (quando OMB accettava i commenti)
giorgio catalano ha scritto:

per la giornata di oggi al Senato, propongo il seguente titolo:
"LA DISFIDA DI BURLETTA". Cordiali saluti, Giorgio Catalano.

il 07 Marzo 2007 (quando OMB accettava i commenti)
vladimiro tamborrino ha scritto:

egregio direttore
vorrei farle presente di un fatto successo 3 anni fa molto delicato della morte di un ragazzo di 24 anni.Vorrei mi contatasse per poterle mandare tutta la documentazione che è tra le mie mani.
distinti saluti
Aspetto sue notizie.
Vladimiro da Firenze

il 20 Marzo 2007 (quando OMB accettava i commenti)
M ha scritto:

Volevo sapere se coloro che inneggiano alle BR si ricordano o conoscono, anche per aver letto o almeno sentito dire, le numerosi stragi commesse dalle BR a danno di operai e civili innocenti e che nulla avevano a che fare con i movimenti politici; oppure a danno di politici come Aldo Moro e Marco Biagi, che non ebbero nemmeno la possibilità di difendersi. Le BR, per aver mostrato vigliaccheria e quanto di peggio poteva partorire mente criminale sono respinte da tutti i componenti dei partiti di sinistra. Non è comunista, ripeto, chi ne esalta le gesta criminali o li menziona con vanto, quasi fossero "eroi" da emulare. Le BR sono solo terroristi e devono essere trattati come tali. Sempre. Le lotte vanno fatte in Parlamento e rispettando gli avversari. Se non si e' in grado di vincere in Parlamento, allora è piu' dignitosa una resa e ammettere la sconfitta. Usare metodi violenti o istigare verbalmente i lettori, come alcuni hanno fatto in questo blog, significa riportare in Italia un clima anti-sociale, un tipo di lotta scorretta e vile qual'era quella degli anni 70 che molti di voi dei centri sociali non hanno vissuto. Ora, dato che questo tipo di tifoseria non è politica ed è più adatta ad un gruppo di hooligans e teppistelli privi di cervello, sarebbe giusto smetterla. Proprio per non confondersi con quelle bande armate a manganello che giravano l'Italia nel periodo precedente a quello della guerra. La massa comunista che ha creato la Repubblica e i fondamenti della Costituzione deve respingere ogni sorta di violenza col pacifismo e se a conoscenza di fatti che potrebbero minare l'ordine pubblico o che potrebbero essere collegati a illeciti di qualsigenere, deve informare assolutamente le autorità competenti. Le BR sono criminali. Compagni, a coloro che citano le BR come modelli dico solo una cosa: Vergogna. Anche voi, fate lo stesso. Allontanate chi non è comunista vero e usa l'illegalità per far valere dei presunti diritti. Il popolo segue gli onesti, e gli onesti ci governeranno un domani. Un comunista vecchio ma doc.

il 21 Marzo 2007 (quando OMB accettava i commenti)
giuseppe ha scritto:

egregio dott. Feltri, mi hanno inviato una email per una petizione a favore di una sostanziale riduzione degli stipendi & rimborsi spese & pensioni dei nostri parlamentari. La mozione di per sè è valida, ma c'è un però, la fonte è per me sconosciuta, sia da dove arriva sia di che posizione politica appartenga.
Alcuni dati; il giornale è online "comincialitalia.net "
direttrice: Donatella Papi, mai sentita, ha collaborato con Montanelli, così dice Lei.
Per cortesia mi può delucidare sul caso?
Grazie
giuseppe

il 22 Marzo 2007 (quando OMB accettava i commenti)
BRUNO BARBARO ha scritto:

Nell'ultima o penultima apparizione di Feltri a PORTA A PORTA il medesimo ha dichiarato che lui non invierà mai i suoi giornalisti in Irak o Afghanistan ecc.ecc. Sono d'accordo con lui in quanto sappiamo che tutti gli articoli del suo giornale sono dei riporti giornalistici e non vero giornalismo, inoltre non credo che Feltri possa permettersi il vero giornalismo in quanto non lo puo fare, anche in parte, visto la tiratura del suo giornale e poi.... lasciamo perdere.

il 27 Marzo 2007 (quando OMB accettava i commenti)
Michelangelo ha scritto:

Mi capita, seguendo gli ultimi fatti di attualità politica interna ed estera, di fare considerazioni o discorsi, in casa e fuori: ebbene, molto spesso mi ritrovo a parlare proprio come Lei (con i Suoi collaboratori) suggerisce.
D'altra parte i Vostri articoli sono così centrati, coerenti, logici, onesti e sinceri che non si potrebbe pensare altrimenti. Non capita con nessun altro giornale.
Da quando Vi ho scoperti Vi leggo sempre, anche quando non ne avrei il tempo.
Vi ringrazio e Vi auguro buon lavoro.
Michelangelo

il 04 Aprile 2007 (quando OMB accettava i commenti)
elisabetta ha scritto:

il vizio di epurare,zittire e screditare chi esprime opinioni differenti è proprio di una certa sinistra sin dal 1945.Partendo da questo presupposto è inevitabile che un libero pensatore come il direttore Feltri infastidisca , così come faceva accaponare la pelle la Signora della letteratura italiana Oriana Fallaci. Detto ciò vorrei aggiungere che la seconda arma della sinistra è ben più pericolosa e si chiama terrorismo. Sarà stato un caso che tra gli obbiettivi delle nuove br ci fosse proprio la sede del quotidiano Libero? Sarà stato un caso che non ci sia stato da parte del governo un chiaro segno di solidarietà a Vittorio Feltri ed ai suoi giornalisti,che,prima di essere di destra o di sinistra sono cittadini italiani? E' questo susseguirsi di "casi" sinistri che meriterebbe il "premio Calderoli" perchè denotano uno smisurato razzismo ideologico. Elisabetta

il 04 Aprile 2007 (quando OMB accettava i commenti)
prefe ha scritto:

elisabetta hai ragione ... forse non riusciamo a capire la grandezza di quell'uomo, forse una persona chiara e intelligente come lui ha bisogno di una persona fidata e di sani prinicipi come te.
Dovrebbe esserci ancora del posto sotto la sua scrivania, affrettati!

il 17 Aprile 2007 (quando OMB accettava i commenti)
cava tappi ha scritto:

feltri...grande uomo!

il 21 Aprile 2007 (quando OMB accettava i commenti)
geppo il castigatore ha scritto:

"feltri...grande uomo!"

Sì... Effettivamente, un glande uomo...

il 23 Aprile 2007 (quando OMB accettava i commenti)
Angela ha scritto:

Che bellezza sarebbe, se tutti potessero esprimersi correttamente, sforzarsi di utilizzare una terminologia più gradevole, dare esempio con l'educazione e la gentilezza... Dalla televisione alle riviste alla radio, ormai il vocabolario degli italiani si è ridotto ad una "merdaccia". Abituati a parlare come mangiamo, ormai siamo ridotti a ciò che i mass media e i politici hanno voluto farci diventare: degli poveretti. Ignoranti, rozzi, maleducati. Evviva l'Italia.

il 24 Aprile 2007 (quando OMB accettava i commenti)
ale ha scritto:

Libero non ha proprio un cazzo da insegnare a nessuno. Ricordate il ciccione che voleva fare lo spaghetti-007? Quel catto-americano di Renato "Betulla" Farina? Vicedirettore di Libero che è stato accusato e CONDANNATo per il caso Abu Omar. Bene, adesso non può fare nemmeno il giornalaio... Il prossimo ovviamente è Feltri...

il 25 Aprile 2007 (quando OMB accettava i commenti)
Francesca ha scritto:

Buongiorno. Mi sto chiedendo se sono impazzita io o è impazzito il sistema. Perchè una persona in fin di vita ha diritto al massimo a due bottigliette di acqua al giorno nel reparto trapianti in ospedale; perchè una persona affetta da patologie gravi ed invalidanti non ha aiuto alcuno dallo Stato; perchè una persona malata di tumore non ha soldi per curarsi; ma un trans può cambiare sesso gratuitamente e la dose di droga permessa è troppo poca? Insomma, questo Ministero della Sanità vuole tutelare solo gli spacciatori, i drogati e i trans o finalmente prendere in considerazione anche gli altri?
http://www.ministerosalute.it/servizio/urp.jsp
vi attende numerosi per dire la vostra.

il 29 Aprile 2007 (quando OMB accettava i commenti)
Alberto ha scritto:

Cari compagni.
Vergognatevi.
Siete alla frutta. Per fortuna del popolo italiano abbiamo persone degne di rispetto come il Dott. Feltri.
Sciacquatevi la bocca quando parlate di lui. Non meritate neanche il tempo che sto perdendo per scrivere questa eMail.
Il COMUNISMO non esiste più. Siete patetici. Andate in vacanza a CUBA (dalle cubane, non nelle prigioni di Castro) e cercate di tenervi ben saldi al governo per farVi i vostri comodi.Mettete al governo ex brigatisti assassini, transessuali e ladri ma amate il potere. Proprio come Lenin, Marx e il Migliore (Togliatti).
Vergognatevi. E' l'unica cosa che meritate. Siete sconfitti dalla storia e siete la peggior sciagura che il genere umano abbia incontrato nel 900.

Alberto da Como

il 29 Aprile 2007 (quando OMB accettava i commenti)
geppo il castigatore ha scritto:

Al di la' delle solite trite farneticazioni...

"Sciacquatevi la bocca quando parlate di lui"

... Perche', se non lo facciamo, che succede? Caro Alberto da Como, forse non l'hanno informata che, curiosamente, anche in Italia esiste il diritto ad avere un opinione ed a rappresentarla pubblicamente, quale che sia.

Pensi un po', e' proprio in virtu' di questo diritto che la "persona degna di rispetto" Feltri puo' permettersi di fare informazione faziosa, quando non direttamente contraffatta.

Veda lei, tra noi e lui, chi fa piu' danno, se noi con in nostri punti di vista, o lui con il caro Betulla.

il 30 Aprile 2007 (quando OMB accettava i commenti)
marco ha scritto:

La maggior parte dei commenti che ho letto rendono perfettamente l'idea di quale linciaggio verbale e mediatico sia capace la sinistra italiana (parolacce, insulti e null'altro).

Discutere e confrontarsi anche aspramente é impossibile quando si parla con i radical chic gauchisti da salotto borghese. Il DNA rimane sempre e comunque quello stalinista secondo il quale l'oppositore va prima etichettato e poi annientato.
Mi dispiace perché dimostra che gli italiani non sono e non saranno mai maturi per una discussione lucida ed obbiettiva.
In Italia se non si é schierati a sinistra, se non si slogheggia (dandosi pacchette sulle spalle ogni volta che si insulta uno che la pensa diversamente)non si ha diritto di parola.
Cuba tutto sommato non é poi cosi' lontana.

Bravi compagni, andate avanti cosi' sfruttando quella democrazia che i vostri cari progenitori hanno vanamente cercato di impredire!!

il 01 Maggio 2007 (quando OMB accettava i commenti)
geppo il castigatore ha scritto:

"linciaggio verbale e mediatico sia capace la sinistra italiana (parolacce, insulti e null'altro)"

Si vede che non sai leggere, caro Marco... Nel senso che non sei in grado di comprendere chi ha opinioni diverse dalle tue...

... Diciamo che, come sopra sottolineato, bisogna vedere se sono peggio le nostre "parolacce, insulti e null'altro", che pure nascono dal nostro reale e legittimo diritto a dire la nostra, oppure le simpatiche gogne mediatiche del Sor Feltri, come ad esempio le sue ormai leggendarie liste di proscrizione.

il 07 Maggio 2007 (quando OMB accettava i commenti)
Ubaldo Voli ha scritto:

Da “La Verità”
Ogni cosa è caratterizzata da una o più coppie di poli ………………………..

“La verità” non è una formula, non è una filosofia e non è una religione ma è al tempo stesso parte di ognuna di esse e l’insieme delle parti.
E’ una scoperta, fatta nel 1975 e depositata recentemente alla S.I.A.E. come opera inedita, che rivoluziona il comune e tradizionale modo di pensare e che aiuta a vedere ogni cosa con maggiore chiarezza come da una finestra posta al di sopra e al di fuori delle nostre convinzioni o della nostra costruzione psicologica.
Pertanto con l’aiuto di questa “finestra” affrontiamo un problema:

La Legge elettorale in Italia

E’ in Italia un grande e vecchio problema sul quale, finalmente, sia i nostri politici e da quello che rilevano alcuni sondaggi anche l’opinione pubblica, stanno ponendo sempre più la loro attenzione.
Finalmente dico perché, dalla seconda guerra mondiale ad oggi, siamo andati “avanti” con leggi elettorali che, anche se nate da ispirazione democratica, sono state però in pratica realizzate in maniera molto grossolana tanto da produrre uno sviluppo in molti casi squilibrato fino al punto che progredire sta diventando sempre più difficile o addirittura impossibile.
D’altra parte dobbiamo dire che la Legge elettorale costituisce la fondamenta indispensabile per poter costruire governi rappresentativi ed efficienti e che, quando questa è fatta male, come per la costruzione di un palazzo, diventa difficile o impossibile costruire non solo ma, se ci riusciamo, sarà comunque una costruzione poco affidabile e troppo costosa come appunto, chi più chi meno, sono stati i governi che abbiamo avuto in Italia dal dopo guerra ad oggi.
E’ con soddisfazione dunque che rilevo il crescente interesse di tante persone verso questo grande problema che, fra l’altro, si presenta come non più rinviabile.
Credo però fondata la mia preoccupazione in quanto esistono molte probabilità di trovarsi con una nuova legge elettorale fatta per tentativi come quando un medico, davanti ad un malato grave del quale nessuno ha capito la malattia, prova nuovi farmaci nella speranza che siano quelli giusti.
In ogni modo non voglio essere troppo pessimista anzi penso che anche mettendo in pratica qualcuna delle ipotesi che sono gia state fatte, i nostri politici potrebbero realizzare qualcosa che potrebbe essere migliore della Legge elettorale che abbiamo ora ma che però sarà comunque una nuova Legge che produrrà ancora problemi e che dovremo nuovamente discutere e cambiare fra un po’ di tempo.
E’ dunque importante affrontare questo problema riferendosi ad un metodo e non a dei tentativi o a convinzioni personali prive di un chiaro riscontro logico come è stato fatto fino ad oggi.
Pertanto ritengo giusto, e particolarmente necessario in questo momento, sottoporre all’attenzione di chiunque, come dovrebbe essere la Legge elettorale realizzata secondo le indicazioni date da “La Verità”.

Come costruire una Legge elettorale che produca
governi di maggioranza

Per continuare però:
Ritengo necessario sapere se l’argomento interessa e possibilmente portarlo in discussione.
Intendo anche mettere a conoscenza che oggi mi sono rivolto a Libero, del quale mi ritengo simpatizzante ma che però, data l’importanza dell’ argomento e soprattutto perché trattasi di regole istituzionali che dovrebbero interessare tutti gli Italiani; è mia intenzione mettere a conoscenza anche altri giornali e partiti con preferenza per quelli che io ritengo più importanti.

Con i miei più cordiali saluti Ubaldo Voli
Empoli 6 maggio 2007
Il mio indirizzo è sign2000@virgilio.it

il 12 Maggio 2007 (quando OMB accettava i commenti)
Il punitore ha scritto:

Caro "geppo il castigatore", riporti la frase: "Caro Alberto da Como, forse non l'hanno informata che, curiosamente, anche in Italia esiste il diritto ad avere un opinione ed a rappresentarla pubblicamente, quale che sia."
In quale fumetto l'hai letto? Ti ricordo che la diffamazione è reato, e ogni singola parola va pesata prima di essere espressa. Per quanto riguarda le libere opinioni, quindi, collegare sempre la bocca al cervello prima di parlare. Che poi, detto fra noi, qual'è la verità? Libertà da noi se ne vede poca. La faccenda delle foibe, lo scandalo togliatti, il brigatismo etc. sono eventi storici abilmente occultati dalla sinistra che non ha MAI permesso una propaganda contraria a quella che faceva per mantenere i partiti, permettendo le porcherie dei politici e dei governanti comunisti del tempo. Lo stesso Diliberto, tanti anni dopo quei fattacci ed altri fatti non dissimili, ammise che alcune cosette del comunismo non erano giuste. Come se gli italiani non se ne fossero mai accorti! Il comunismo è morto da un pezzo, e parlare di libertà riproponendo questa "filosofia scaduta" è pura follia. Basta andare a Cuba, in nord Corea, in Bielorussia e in quei pochi paesi dove ancora sfortunatamente vige, per rendersi conto dei danni causati, per notare la mancanza di parola e l'assenza di libertà, la povertà, o quant'altro può servire a distruggere l'animo umana. E chi dovrebbe rappresentare il Paese? Ministri che usano cocaina e si interessano solo di parlamentare sulle droghe "leggere" (e intanto è di qualche giorno fa la notizia che un autista spinellato ha causato in incidente la morte di alcuni bambini); transessuali che pensano ai privilegi della loro categoria; individui dei centri sociali (ma ci sono anche le persone per bene, precisiamo) che dopo aver distrutto Genova per il G8 entra in Parlamento e favorisce i suoi simili, o extracomunitari che vengono da noi a fare il bello e cattivo tempo? Ma smettiamola...

il 12 Maggio 2007 (quando OMB accettava i commenti)
geppo il castigatore ha scritto:

"In quale fumetto l'hai letto? Ti ricordo che la diffamazione è reato, e ogni singola parola va pesata prima di essere espressa."

Caro il "punitore", mi sa che di fumetti ne leggi un po' troppi tu... A quanto mi risulta, la diffamazione e', per definizione, la divulgazione di notizie false e tendenziose come fossero vere, e, aggiunta non trascurabile, certe, allo scopo di ledere la dignita' di qualcuno...

... Ricordavo invece, guarda un po' che strano, che qualunque affermazione che si configuri palesemente come un'opinione personale e', di fatto, non perseguibile perche' garantita da un diritto costituzionale, articolo 18 e/o 19, se non erro... E la Costituzione non mi pare che l'abbia sfornata Stan Lee...

... Ora puo' benissimo darsi che, da voi a Paperopoli, le cose vadano diversamente, pero' questo non mi pare un presupposto sufficiente a darmi del cazzaro. Poi, sentiti libero di fare come credi... Sono un tipo abbastanza democratico, a dispetto di quel che sembri credere tu.

Quanto a tutte quelle belle cosine che, secondo te, sono state "abilmente occultate dalla sinistra"... Beh! A me pare che, per essere cose di cui non si parla affatto, se ne parli davvero troppo, se paragonate ad eventi come il mancato golpe dei forestali, il terrorismo di destra, e via dicendo...

... Ma, anche lì, molto dipende da quello che arriva a voi, nel deposito di Zio Paperone...

... Che non deve essere molto, visti i deliri su pericolosi "transessuali che pensano ai privilegi della loro categoria".

E, comunque, ti invito a notare come tu sia libero di dire la tua, anche quando si tratta di corbellerie. Pensa se i transessuali ti citassero per diffamazione!

il 23 Maggio 2007 (quando OMB accettava i commenti)
Gaetano Grasso ha scritto:

Allora quella faccia di merda di Vittorio feltri come sta? Dice che Silvio si deve dare una calmata... Che brutto bastardo! Durante la campagna elettorale quando dopo l'incontro faccia faccia con Rutelli e Silvio era calmissimo gli ha dato del pirla, il Vittorio, il Gangster della penna vittorio, dava del Pirla al povero Silvio, il quale di fronte a Rutelli gentillissmo ma inflessibile elencava con fogli le cose fatte.
Il Bastardo d'un Feltri che dice: no no, così non va! Così perdi! Alla gente gli frega un cazzo dei tuoi foglietti: parla di comunisti e toghe rosse.
Vero?
Allora che cosa ne pensa il signor Feltri, il gangster della penna, mi spedirà una pallottola sotto forma di email?
Speriamo.
Così almeno dimostra di essere un uomo non unj pagliaccio!

il 24 Maggio 2007 (quando OMB accettava i commenti)
gianluca rivoli ha scritto:

Ballarò...martedi scorso....inizio trasmissione...tema e domanda generale fatta da Floris ai presenti...."...in tale situazione cosa pensate di fare per i nostri figli?..."....risposta (sogghignante)di fondo di quella magnifica persona a nome Diliberto..."ma io figli non ne ho...." ...qualcuno dovrebbe rovinarlo per una frase simile.........

il 24 Maggio 2007 (quando OMB accettava i commenti)
Roberto Corti ha scritto:

Egregio Direttore,ho assistito alla trasmissione matrix di ieri sera .Ho apprezzato il suo coraggio e la capacità di dire in modo chiaro le cose come sono.Penso sia arrivato il momento che la gente comune apra gli occhi e si decida a reagire.Mi auguro che piu giornalisti si occupino della questione ,che presto vi siano pubbliche denunce e che ai dibattiti siano invitati i politici in questione per rispondere publicamente delle loro incapacità.
Cordialità Roberto Corti

il 11 Giugno 2007 (quando OMB accettava i commenti)
Simone Vito ha scritto:

Egregio Dott. Feltri,
ero a Riccione in vacanza con la mia famiglia. Come ogni mattina compro Libero, e messo sotto
braccio il giornale, aspettavo il loro ritorno.
Due persone a fianco a me parlano di politica, uno di loro si accorge che tengo sotto braccio il suo giornale, mi appella che sente puzza di MERDA e dice al suo "compagno" di spostarsi.
Alché preso da una lungimiranza a dir poco originale, lo appello di essere un PEDOFILO e di lasciar stare mio figlio (con una voce altisonante)Ero in mezzo ad una folla di persone. Questo preso dallo sconforto, perché tutta la gente lo guardava, ha inforcato la sua bicicletta ed é sparito. Attenti compagni, é più pericolosa la lingua che la spada !
SIMONE Vito Fortunato di Lugano

il 11 Giugno 2007 (quando OMB accettava i commenti)
antonella_c ha scritto:

ma dai, non ci credo !!!
questo qui sopra è un cabarettista
ahahahah

il 12 Giugno 2007 (quando OMB accettava i commenti)
darth wanax ha scritto:

"Signor" Vito, le auguro di essere scambiato per un pedofilo e le auguro di venir sottoposto alla "cura" auspicata da Calderoli e dal suo idolo, il Littorio "Capopolo" Feltri. Le auguro inoltre di uscirne comunque pulito, con un'assoluzione in appello (e le palle restituite in un apposito cofanetto, con tante scuse da parte delle autorità).
PS, come fa ad andare al mare a Riccione, toponimo che vanta una certa assonanza...

Ah, invece di buttare soldi comprando un fogliaccio che si professa liberista ma che viene edito da una cooperativa (seppur nera), vada all'indirizzo http://hatingline.splinder.com/post/7835279/Il+generatore+di+articoli+di+Libero : avrà lo stesso "servizio" a gratis.

il 16 Giugno 2007 (quando OMB accettava i commenti)
Alessandro Zucconi ha scritto:

Caro Feltri, mi sei piaciuto stasera alla trasmisiione 'Confronti'. Ancora una volta complimenti ! C'è stato un solo neo: per favore, non fare confronti tra l'Italia e la Colombia, paesi distanti per latitudine e cultura. Chi ti scrive conosce bene i due paesi e ti posso assicurare che la Colombia non è quel 'brutto posto' del mondo come si crede. In parole povere, se devi confrontare, prima accertati di farlo con elementi omologhi (es. mele con mele, pere con pere, eccetera). Lascia in pace la Colombia, che sta crescendo in silenzio e merita rispetto. Non innescare la solita manfrina stantia della nostra cultura cattocomunista, che non ci permette di vedere lontano e giudicare con equità. Prima di giudicare o confrontare accertati di conoscere almeno un po' di storia e geografia sociale di una nazione tanto diversa dal nostro beneamato paese.

il 25 Giugno 2007 (quando OMB accettava i commenti)
Merlin Giacinta ha scritto:

Caro Dott.Feltri,mi rivolgo a lei che giudico uno dei pochi giornalisti liberi veramente perchè voglio portare la mia solidarietà ai colleghi infermieri "ammalati" del S.Filippo Neri di Roma:è importante far capire alla popolazione che se si sono comportati così è solo per la sicurezza dei cittadini perchè la stanchezza o il bourn aut possono causare distrazioni con conseguenze gravi perla salute della popolazione.Anch'io sono un'infermera che lavora in V.Aosta dove la situazione è meno grave,anche se cominciamo anche noi a sentire le ripercussione di questo modo di governare o,meglio,di non governare. La prego con la sua straordinaria comunicabilità faccia capire che noi infermieri se ci fermiamo è proprio perchè quando siamo al limite non riusciamoa a garantire la correttezza del nostro operato.

Cordiali saluti e grazie per il suo modo di fare giornalismo

Giacinta Merlin

3356642872

il 05 Settembre 2007 (quando OMB accettava i commenti)
pierpista ha scritto:

Ho letto il vs/ quotidiano di oggi rif.to COLOSSEO
Egr.Dott. Feltri veda che cosa ho trovato rif.to Corriere della sera:

LA CURIOSITA’- Colosseo il più sicuro

I monumenti romani potrebbero sbriciolarsi se la città fosse colpita da una scossa sismica. O comunque venire danneggiati da crepe, lesioni, smottamenti. Tutti tranne uno: solo il simbolo di Roma non corre alcun rischio.
Il Colosseo sottoposto alla prove di simulazione sismica ha tenuto bene, è risultato il monumento più sicuro. L’anfiteatro Flavio, voluto dall’imperatore Vespasiano, e inaugurato dall’imperatore Tito nell’80 d.C. continuerà a sfidare il passare dei secoli. L’accertamento arriva proprio dalla Soprintendenza Archeologica di Roma. Insomma non è in pericolo la sua imponente presenza tra i colli Celio e Palatino.

di Lilli Garrone
dal Corriere della sera del 08.07.03

il 05 Settembre 2007 (quando OMB accettava i commenti)
alberto biraghi ha scritto:

Diobonino, ma la volete capire che qui Vittorio feltri non c'entra, che lo stavamo prendendo per i fondelli? Ma che pazienza ci vuole...

il 07 Settembre 2007 (quando OMB accettava i commenti)
pierpista ha scritto:

Va bene prendiamo per i fondelli Feltri.
Ma allora prendiamo per i fond. anche le associazioni consumatori che ci propongono un giorno (13 Sett.)di sciopero simbolico della pasta, fanno ridere.
Ma da che parte stanno?
Io dico 4 / 6 Settimane di sciopero della pasta
va bene.
Mica si muore di fame?
Mangiamo ostriche e caviale, patate e minestrone.
Saluti
PIER

il 09 Settembre 2007 (quando OMB accettava i commenti)
ROBERTO IAZZETTA ha scritto:

Ill.mo Sig. Direttore,
essendo sempre un Suo lettore oltre che ammiratore, gradirei che eliminasse da OneMoreBlog, la mia lettera inviataLe e che, a quanto vedo, è diventata oggetto di scherno e derisione.
La saluto distintamente
Roberto Iazzetta

il 10 Settembre 2007 (quando OMB accettava i commenti)
qunati idioti ha scritto:

Che bello vedere che in italia ci sono ancora così tanti coglioni che scrivono pareri. C'è troppa democrazia , di fianco alla scheda elettorale ci vorrebbe un test di intelligenza o un questinario che chieda i nomi delle 5 più alte cariche dello stato , se non si sanno il voto è nullo , quanti cazzo di ignoranti che votano , parlano e non sanno nemmeno cosa dicono , oramai sono solo le 3 frasi fatte che conoscono , e delle quali si sono autoconvinti Ora porterò qulche esempio trovato in questa pagina :

"Sono d'accordo con Feltri contro le proteste che danneggiano gli altri cittadini" : si bravo così non ti caga nessuno .

"Cari tutti coloro che leggono con locchio sinistro meno male che abbiamo un Feltri altrimenti la democrazia e il gusto della lettura andrebbe a pallino ve lo immaginate un giornale di Fassino " ..... supposizioni , ma questo è un'idiota lasciamolo perdere , basta vedere il suo sito con il contatore che indica sempre 1 visita , se non lo sai fare non metterlo un contatore .

"DA QUANDO SONO AL POTERE NON SI E' VISTA PIU' NESSUNA MANIFESTAZIONE" .... FALSO !!!! decisamente falso , questo manco guarda il tg5

"Assegnate questi "premi" fasulli ai vostri giornalisti di partito" : AHAHHAHA questo è il meglio , secondo lui il premio Calderoli ,è davvero un'onoreficenza , oddio ma che idiota .

"NON SONO IN VENDITA PERCHE' SONO MOLTO INTIME. CONFIDO MOLTO NELLA SUA SENSIBILITA' NELLO SCRIVERMI. SE NON MI VORRA' RICEVERE PER I SUOI GRAVOSI IMPEGNI, MI FACCIA SAPERE SE HA RICEVUTO QUESTA MIA E-MAIL. ARRIVEDERCI GRANDE MAESTRO DI VITA." , Oddio le poesie del capostazione , magari
quelle sono un figata , ma non le mandi a Feltri , non ne capisce nulla .

"si insulta feltri,lo si chiama pennivendolo,perchè ha scritto quello che pensava,senza indorare nulla" : questa è tipica :"Poverino almeno è sincero" MA VAFFANCULO .

"Il popolo segue gli onesti, e gli onesti ci governeranno un domani. Un comunista vecchio ma doc." ........ Bella davvero ...però chi ci crede ?.

Mi fermo qui e nemmeno sono s metà pagina , fate voi .......

La mia su feltri è meglio che non la dica , cadrei sicuramente nel turpiloquio .

Altrove: A - rivista anarchica | Accordo | Anticatechismo | Chan Hon Chung | Ciclistica | Il Deposito | Don Zauker
Gruhn Guitars | Giordano Bruno | Libertaria | Movimentofisso | Brian Setzer | Shel Shapiro | UAAR | Il Vernacoliere