qui giace OneMoreBlog2.31
«I'm a picker, I'm a grinner, I'm a lover and I'm a sinner, play my music in the sun» (Steve Miller)
Maurizio Baruffi
Premio Calderoli Omnimilano: «Organizzare una "protezione civile" contro le catastrofi informatiche, così come già esiste per quelle naturali. Dopo l'attacco del virus 'Kamasutra' subito dal sistema informatico del Comune, e' l'invito rivolto all'amministrazione comunale dal consigliere comunale dei Verdi, Maurizio Baruffi». L'Autorevole Giuria non può passare sotto silenzio la straordinaria castroneria di Maurizio Baruffi e pertanto decide di assegnargli l'Ambita Onorificenza Verde con la seguente motivazione: «è incredibile come sotto elezioni, pur di avere uno straccio di visibilità, i candidati si lancino a commentare qualunque cosa, sparando a capocchia ipotesi surreali come questa». Insomma, nonostante le successive considerazioni sulla necessità di scegliere il software libero evitare gli sperperi colossali a cui la giunta di Albertini sottopone la collettività, la farloccata sulla protezione civile merita un premio. E non uno qualunque.
10.02.06 00:01 - sezione premio Calderoli
il 10 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
MG55 ha scritto:

E pensare che questo bel tomo sta nello stesso partito di Fiorello Cortiana... o forse e` Cortiana l'elemento anomalo... purtroppo.

il 11 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Antonio ha scritto:

Giovedì Maurizio, Paolo Attivissimo e altre associazioni i cui componenti conosco abbastanza bene hanno organizzato un'azzeccata conferenza stampa sul crash della rete comunale. Azzeccata perché a volte ci vuole l'opportunismo per infilarsi nel momento di difficoltà degli avversari e mettere il dito dove duole, sfruttando l'occasione anche per promuovere temi di peso come il software libero. In ogni caso al di là della diatriba politica, un blocco di un'infrastruttura pubblica dovuto a cattiva gestione ed appalti di assistenza stipulati con ditte compiacenti, è una cosa che penso riguardi tutti, è un danno per la collettività.

Tu non c'eri. Corritore che ho votato non c'era. Volti noti della blogosfera militante non ne ho visti. Per carità mica c'era l'obbligo.

Però non avendo speso una riga sulla vicenda trovi il tempo di sbeffeggiare il lavoro altrui. Visto che ieri ho avuto modo di elogiare su persone@softwarelibero.org un'iniziativa per noi importante mi tocca tornare anche là sull'argomento.

ciao

il 11 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Antonio ha scritto:

BTW, non sono un maniaco del link a tutti i costi, ma almeno un rimando al comunicato stampa completo ci voleva, no? Sarebbe stato insufficiente per tutti gli altri motivi sopra esposti, ma almeno per correttezza.

il 11 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
alberto ha scritto:

Antonio, io l'avrei fatto volentieri, ma giuro su questo PC che non ne sapevo mezza. OK, non leggo tutto, il mio aggregatore è enorme e lo leggo a blocchi e a campione, ma una mail si poteva anche mandarla no?

il 11 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
Antonio ha scritto:

GRUNF! Certo che si poteva, io sono stato solo spettatore e non ho gestito la comunicazione, quindi non saprei. Però che diamine 30 anni che conosco Milano e 30 che vedo farsi iniziative indipendenti una dall'altra (esaspero per rafforzare il concetto). Parlarsi un po' di più tutti e fare meno guerra tra i clan?
Se veramente OMB si è sostituita di fatto al Progetto in comune forse bisognerebbe prestare un po' più di attenzione anche a questo, anche se non so esattamente chi dovrebbe farlo.

ciao

il 11 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
alberto ha scritto:

Io lo so: chi organizza l'evento. Come sempre, si saranno spalmati per avere tre giornalisti praticanti della carta e se ne saranno fottuti di migliaia di contatti in Rete. Siamo mica in America...

il 11 Febbraio 2006 (quando OMB accettava i commenti)
lele ha scritto:

ho in qualche modo preso parte all'organizzazione, mi dispaice che tu non ne abbia saputo mezza, mi dispiace che non avendone saputo mezza abbia pensato bene di parlarne male, estrapolando una frase ad effetto che fa un po' ridere infilata cosi' ma che probabilmente ha il senso di considerare la necessita' di fare uscire l'informatica dalla stanza dei sistemisti.
ti faccio notare che la notizia era su qualche blog ed e' girata su parecchie ml, ha ragione, forse l'ufficio stampa del baruffi non ha il tuo indirizzo, dovresti mandarglielo.
il baruffi, insieme a saponaro consigliere regionale dello stesso partito) si sono avvicinati da poco a queste questioni ma da persone concrete hanno colto il portato innovativo che c'e' in questo mondo e le cose importanti che si possono fare. al di la di tutto abbiamo scomodato microsoft che ha dovuto venire a mettere l'ennesima pezza, facendo a tratti la figura di chi si deve difendere, e non mi sembra cosa da poco. il corriere della sera ha riportatom in modo importante che oltre al software *solito* ci sono anche altre possibilita'
non butterei il bambino con l'acqua sporca, oltre che ingeneroso e pure un po' masochista.

ciao

Altrove: A - rivista anarchica | Accordo | Anticatechismo | Chan Hon Chung | Ciclistica | Il Deposito | Don Zauker
Gruhn Guitars | Giordano Bruno | Libertaria | Movimentofisso | Brian Setzer | Shel Shapiro | UAAR | Il Vernacoliere